Cronaca

Coronavirus, da domenica l’Emilia-Romagna passa in «zona arancione»: ecco cosa cambia

Coronavirus, da domenica l’Emilia-Romagna passa in «zona arancione»: ecco cosa cambia

In serata il ministro della Salute Speranza, in base alla valutazione dei parametri di rischio epidemiologici, ha firmato una nuova ordinanza che, da domenica 15 e per due settimane, fa passare l’Emilia-Romagna dalla «zona gialla» alla «zona arancione» (rischio moderato). Così come per Marche e Friuli Venezia Giulia, mentre Toscana e Campania saranno «zone rosse». Domani, come noto, entrano invece in vigore anche i provvedimenti regionali adottati solo ieri dal presidente Bonaccini: tra quelli del Governo e quelli dell”ordinanza regionale, prevalgono sempre quelli più restrittivi. 

In pratica, spostamenti consentiti solo all’interno del proprio comune di residenza, mentre sono vietati quelli verso altri comuni e quelli in entrata e uscita dalla regione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di salute, studio o necessità. Con la raccomandazione di evitare gli spostamenti non necessari anche all’interno del proprio comune. Chiusi i ristoranti e le altre attività di ristorazione (bar, pub, gelaterie, pasticcerie): per loro resta consentita la sola vendita da asporto, dalle 5 alle 22, mentre le consegne a domicilio non hanno limiti d’orario. Vietato sempre circolare dalle 22 alle 5 del mattino (coprifuoco), salvo motivi di lavoro, necessità e salute. Sempre chiusi mostre e musei. Didattica a distanza al 100% per le scuole superiori e riduzione fino al 50% per il trasporto pubblico, ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastici. Sospensione di attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e nelle tabaccherie. Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema, mentre rimangono aperti i centri sportivi.

Sulla base dell’ordinanza regionale, inoltre, da domani bisognerà rispettare anche quelle regole non previste in «zona arancione», a partire dal fatto che nei giorni prefestivi e festivi le grandi e medie strutture di vendita, sia con un esercizio unico, sia con più esercizi, comunque collegati, compresi i complessi commerciali, sono chiuse al pubblico, salvo che per la vendita di generi alimentari, le farmacie, le parafarmacie, le tabaccherie e le edicole. Inoltre, nei giorni festivi si aggiunge il divieto di ogni tipo di vendita, anche in esercizi di vicinato, al chiuso o su area pubblica, sempre fatta eccezione per le farmacie, le parafarmacie, le tabaccherie, le edicole e la vendita di generi alimentari.

Lo stesso avverrà con le seguenti misure: uso obbligatorio della mascherina sempre, non appena fuori di casa; attività sportiva e motoria preferibilmente in parchi pubblici, aree verdi, rurali e periferiche, mentre non sarà possibile nelle strade e nelle piazze del centro storico delle città, né nelle aree solitamente affollate; l’ingresso di un solo componente per nucleo familiare negli esercizi di vendita di generi alimentari; lo stop ai mercati comunali in assenza di regole precise di sicurezza fissate dai Comunie la sospensione delle lezioni di ginnastica, canto e strumenti a fiato nelle scuole primarie e secondarie di primo grado.

Tutte le misure in vigore in Emilia-Romagna, le informazioni e le risposte alle domande più frequenti, in aggiornamento continuo, sul portale della Regione, nella sezione dedicata al Covid. (da.be.)

Nella foto (Isolapress); la chiusura del bar Centrale a Imola a marzo, una scena che  purtroppo si ripeterà anche da domenica 15 novembre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CAMPAGNA ABBONAMENTI 2020

Campagna Abbonamenti

ABBONATI AL SABATO SERA

Seguici su Facebook

Font Resize
Contrast