Economia

Pesche, albicocche e susine combattono il cambiamento climatico

Pesche, albicocche e susine combattono il cambiamento climatico

Pesche, nettarine, susine e albicocche sono la frutta dell’estate e possono aiutare anche a combattere il cambiamento climatico. È quanto affermano da Apo Conerpo (oltre 4 mila soci operano in Romagna, ter- ritorio d’elezione per questi frutti).

Fra i frutti più apprezzati dell’estate, le drupacee sono state oggetto di una ricerca approfondita: «Abbiamo messo a confronto diverse modalità di produzione – spiega Monica Guizzardi, responsabile dell’ufficio tecnico di Apo Conerpo -: una coltivazione, per così dire, tradizionale senza particolari attenzioni sul fronte ambientale e una realizzata secondo il modello della produzione integrata a cui sono state applicate anche una serie di buone pratiche agronomiche di cui pro- muoviamo la diffusione fra i nostri soci».

I risultati sono di assoluto rilievo: nella produzione tradizionale si registra una produzione di anidride car- bonica di 0,13 kg per ogni kg di pesche, nel caso della produzione integrata con buone pratiche questo valore scende a 0,05 kg, ben il 62% in meno. Lo stesso accade con il consumo di acqua che passa da 195 dm3 per kg di pesche ad appena 101 dm3, praticamente dimezzato, grazie a tecnologie sempre più precise come sensori nel terreno che rilevano l’esatta quantità d’acqua necessaria alle piante per uno sviluppo ideale del frutto. (r.e.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ABBONATI AL SABATO SERA

nidi

Seguici su Facebook