Cronaca

Emergenza smog: limitazioni al traffico e divieto di fuochi all’aperto fino al 31 ottobre nel comune di Imola (e non solo)

Emergenza smog: limitazioni al traffico e divieto di fuochi all’aperto fino al 31 ottobre nel comune di Imola (e non solo)

Il clima piacevole di questi giorni, sole e zero vento, ci fa rispamiare sulla bolletta del riscaldamento ma nasconde un nemico subdolo: l’inquinamento. Come hanno testimoniato gli sforamenti ripetuti della soglia di legge per il Pm10 in tutta o quasi l’Emilia Romagna. Tanto che ieri l’Arpae ha prorogato l’allerta smog per i comuni emiliani e ha esteso le misure emergenziali per la qualità dell’aria anche nei comuni delle province di Ferrara, Bologna, Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini.

Questo significa da oggi stop alla circolazione per i veicoli più inquinanti (fino a diesel euro 4) nei comuni oltre i 30 mila abitanti (più quelli dell’agglomerato di Bologna e volontari), e tutti gli altri provvedimenti contenuti nel Pair della Regione. I provvedimenti rimarranno in vigore fino alla sera di lunedì 31 ottobre, giorno in cui verrà fatto un ulteriore controllo e l’emissione del nuovo bollettino sugli inquinanti (Liberiamolaria).

Per quanto riguarda il territorio di Imola, lo stop alla circolazione vale dalle 8.30 alle 18.30 per tutti i veicoli alimentati a benzina pre Euro 2, per i diesel pre Euro 4, per quelli a Gpl pre Euro 1 e per i ciclomotori e motocicli pre Euro 1. Entra in vigore il divieto di tenere il motore acceso durante la sosta dei veicoli.

Per quanto concerne altri divieti, non prettamente legati all’utilizzo di veicoli, è impedito la combustione all’aperto di qualsiasi tipologia (residui vegetali, falò, barbecue, fuochi d´artificio, ecc.). Nei campi invece è vietato lo spandimento dei liquami zootecnici.

Questi divieti non riguardano solo Imola, ma tutti i comuni della pianura est e ovest di Bologna.

Infine ci sono le limitazioni riguardanti l’uso di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di un impianto alternativo) con classe di prestazione emissiva inferiore a “4 stelle” e l’abbassamento della temperatura in casa e neglle attività non entrano in vigore dove è attiva l’ordinanza comunale che impedisce di accendere i sistemi di riscaldamento (fino al 7 novembre). (r.cr.)

2 Comments

  • …ma chi controlla? Gli stessi che dovrebbero controllare lo spandimento di liquami e digestato ?…..per non parlare dell’incessante “musica e vapore acqueo” nell’autodromo di questi giorni: a proposito che tipo di attività extra-scolastica è in atto nelle scuole adiacenti l’autodromo?……forse lo dovremmo chiedere all’AUSL di Imola……, o al dirigente scolastico?……

  • Ma di cosa stiamo parlando, ognuno pensa al proprio interesse, basta fare un giro per la città e ti vedi auto e fuoristrada euro1 diesel basta guardare la targa e il modello. Allora chiedo dove sono gli addetti ai controlli, questi mezzi vanno tolti dalla circolazione ma chissà perchè si trovano sempre per le strade.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ABBONATI AL SABATO SERA

nidi

Seguici su Facebook