Cronaca

Per la sanità di Imola il futuro è tecnologico

Per la sanità di Imola il futuro è tecnologico

Investimenti puntando sulla chirurgia mini-invasiva e sulla robotica, approfittando dell’esperienza del nuovo primario Michele Masetti. Poi insistere sul modello delle reti con altri ospedali per disporre anche a Imola di professionisti qualificati.

Questo lo schema del direttore generale Andrea Rossi che ha 32 milioni del Pnrr da spendere in 4 anni. Intanto c’è il bilancio da -25 milioni da chiudere: «Il motivo sono Covid e rincaro bollette. La Regione ha già detto che coprirà i disavanzi, ma sarà l’ultima volta». (r.cr.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 10 novembre.

Foto d’archivio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ABBONATI AL SABATO SERA

nidi

Seguici su Facebook