Articoli dell'autore: SabatoSera Redazione

Cronaca 2 Agosto 2021

Sportello Hera in vallata del Santerno, in agosto aperto solo a Casalfiumanese

Modifica dello sportello Hera per il mese di agosto nella vallata del Santerno. Nel mese di agosto, infatti, le aperture previste a Fontanelice saranno trasferite a Casalfiumanese.

Tutti i cittadini che attiveranno nuove posizioni Tari a Casalfiumanese, Borgo Tossignano, Fontanelice e Castel del Rio si possono dunque rivolgere allo sportello di Casale nella sala dell’ex anagrafe (zona Martelluzza, via Primo Maggio 20) nelle giornate di sabato 7, 14, 21 e 28 agosto dalle ore 9 alle 12. (r.cr.)

Sportello Hera in vallata del Santerno, in agosto aperto solo a Casalfiumanese
Economia 2 Agosto 2021

Economia, centrali coop e sindacati uniti per i workers buy out, salvezza delle aziende in crisi

Il recupero d’impresa in forma cooperativa, con la partecipazione diretta dei lavoratori, è una modalità sempre più strategica per la salvaguardia delle attività produttive, in particolare per le imprese in crisi e per quelle con mancato ricambio generazionale, e dell’occupazione. Questo il punto centrale di un protocollo d’intesa firmato tra Alleanza delle cooperative di Bologna e di Imola (Legacooop, Confcooperative, Agci) e Cgil di Bologna, Cgil di Imola e Cisl e Uil del territorio della Città metropolitana.
Per i firmatari del protocollo, i Wbo (workers buyout) sono «esperienze con ricadute positive su tutti i soggetti coinvolti, nonché sulle comunità locali e sulle istituzioni. In primo luogo, sui lavoratori, che integrando la posizione di lavoratore dipendente con quella del socio imprenditore e tutelano la loro occupazione. Per le comunità locali e le istituzioni si tratta di un punto produttivo che riparte. Per lo Stato è un risparmio di contributi figurativi sui periodi di ammortizzatori sociali ed una ripresa di gettito fiscale».
I firmatari si sono impegnati a dar vita ad un osservatorio, composto da esponenti della cooperazione e del sindacato, che, oltre alle attività di monitoraggio e promozione, avrà il compito di definire una lista di condizioni utili per avviare un percorso di Wbo. L’osservatorio produrrà materiale divulgativo sul Wbo e promuoverà iniziative, seminari e percorsi formativi. Centrali cooperative e sindacati intendono individuare situazioni da esaminare per l’attivazione concreta di un percorso di Wbo, una fase che sarà approfondita dalle parti firmatarie e seguita dalle strutture di servizio delle centrali cooperative.
Il protocollo prevede anche la valorizzazione di idee condivise dalle parti, l’applicazione dei contratti nazionali di categoria sottoscritti dalle organizzazioni firmatarie e il mantenimento ai lavoratori in cooperativa delle coperture contributive che garantiscano gli ammortizzatori sociali conservativi.
Nell’ambito del percorso che ha portato alla firma del protocollo, l’Alleanza delle cooperative ha concordato con le organizzazioni sindacali di svolgere un percorso di formazione comune sui Workers buyout, relativo sia agli aspetti legali che agli strumenti finanziari del sistema cooperativo a supporto dei Wbo. L’obiettivo è quello di far crescere le competenze in materia e rilanciare l’iniziativa per lo sbocco cooperativo di situazioni di crisi d’impresa in cui è a rischio la continuità produttiva e l’occupazione.
Il protocollo è stato firmato oggi da: Agci Emilia-Romagna, Confcooperative Bologna, Legacoop Bologna, Legacoop Imola e Cgil Bologna, CGIL Imola e Cisl e Uil del territorio della Città metropolitana di Bologna.

I firmatari dell”accordo

Economia, centrali coop e sindacati uniti per i workers buy out, salvezza delle aziende in crisi
Cronaca 2 Agosto 2021

Capriolo cade in una vasca di raccolta delle acque, salvato dagli agenti della polizia metropolitana di Imola

Gli agenti della polizia locale della Città metropolitana di Bologna (ex provinciale), ufficio di Imola, questa mattina hanno recuperato un giovane capriolo caduto in una grande vasca piena d’acqua all’interno di un’azienda di legname nell”imolese.

A chiamare i soccorsi ed a individuare il cucciolo sono stati i dipendenti dell’azienda che, a inizio turno, sono stati attirati da forti lamenti provenienti dall’area in cui si trova la vasca di raccolta delle acque della profondità di due metri.

Gli agenti, dopo alcuni tentativi, con l’aiuto di scaletta, laccio di cattura e della strumentazione in dotazione, fornita dal servizio veterinario dell”Ausl di Imola, sono riusciti a trarre in salvo l’animale impaurito che annaspava nell’acqua. Appena recuperato, il capriolo presentava una lieve ipotermia ed è stato quindi asciugato e riscaldato con una coperta di lana e tenuto sotto osservazione. Dopo circa due ore, constatate le buone condizioni di salute, è stato liberato nella zona collinare vicino alla zona industriale. (r.cr.)

IL VIDEO

Capriolo cade in una vasca di raccolta delle acque, salvato dagli agenti della polizia metropolitana di Imola
Cronaca 2 Agosto 2021

2 Agosto 1980, le iniziative per ricordare le vittime della strage alla stazione di Bologna

Quest’anno il 2 agosto ci sarà anche il corteo, dopo l’edizione dell’anno scorso in cui si dovette soprassedere causa l’epidemia. L’incontro con le autorità avverrà nel cortile del Comune di Bologna dove è già annunciata la presenza della ministra della Giustizia, Marta Cartabia. Nel frattempo nei giorni scorsi è stato inaugurato un murales nella zona della stazione ferroviaria di Cesena per ricordare le vittime della strage di Bologna del 2 agosto 1980. Un percorso di arte pubblica sull’attentato che attraversa strade e piazze di tutte le province dell’Emilia Romagna con opere murali di giovani artisti.

Inoltre è partita a Bologna la posa degli 85 «sampietrini della memoria», tanti quanti le vittime, lungo il percorso da piazza Nettuno alla stazione. Permetteranno, a chi ci camminerà sopra, di chiedersi sempre chi erano quelle persone e per quale motivo hanno perso la vita. Tra le vittime c’erano anche Franca Dall’Olio, la cui famiglia risiede a Osteria Grande, ed Euridia Bergianti, la cui sorella abita a Medicina. Tra i 200 feriti non dimentichiamo l’imolese Rosa Rita Bertini e le cugine Sonia, Giovanna e Sandra Zanotti, originarie di Castel del Rio, che stavano andando in vacanza.

Anche Imola oggi ricorderà la strage alla stazione di Bologna, nel giorno del 41° anniversario. Il primo momento vedrà la partecipazione del sindaco Marco Panieri, unitamente al gonfalone, in rappresentanza della città, a Bologna a partire dalle ore 9 alla commemorazione. Il secondo momento si svolgerà alle ore 18, con la cerimonia organizzata dal Comune nel «Giardino Vittime della Strage del 2 Agosto 1980» (angolo via Villa Clelia, Don Cortini e Lolli), con la deposizione di una corona di alloro alla lapide a ricordo delle vittime. Interverranno il sindaco, Marco Panieri ed il vescovo monsignor Giovanni Mosciatti, unitamente ai rappresentanti delle forze dell’ordine e dell’arma. (r.cr.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 29 luglio. All’interno anche l’intervista al vicepresidente dell’ell’Associazione tra i famigliari delle vittime della strage alla stazione di Bologna, Paolo Lambertini ed il colpo di scena in tribunale durante il processo che vede sul banco degli imputati mandanti, finanziatori e organizzatori.

2 Agosto 1980, le iniziative per ricordare le vittime della strage alla stazione di Bologna
Cronaca 1 Agosto 2021

Coronavirus, 20 nuovi positivi per Imola. Un caso sul bus da Napoli a Bologna, l'Ausl invita passeggeri a fare tampone di controllo

Anche oggi 20 nuovi contagi nel circondario imolese, dopo i 19 di ieri, su quasi 600 tamponi refertati. Salgono così a 183 i casi attivi in base al bollettino odierno dell”Azienda sanitaria. Dei nuovi positivi di oggi solo 7 sono asintomatici; 3 hanno meno di 14 anni, 2 tra i 15 ed i 24 anni, 8 tra i 25 ed i 44 anni, 5 tra i 45 ed i 64 anni, 2 oltre 65 anni.

Inoltre l”Ausl di Imola segnala che nella notte tra venerdì e sabato una persona di ritorno dall”Ucraina è stata confermata positiva dal Pronto soccorso dove si era recata perchè presentava dei sintomi da Covid19. La persona è arrivata all”Autostazione di Bologna il 29 luglio alle ore 22 con l”autobus (dalle prime ricostruzioni con un Odri Bus proveniente da Napoli).

“Eventuali altri passeggeri dello stesso autobus – è l”appello dell”Azienda sanitaria imolese – sono invitati a rivolgersi alla loro Ausl per effettuare i tamponi di controllo e, se residenti sul territorio di Imola, possono contattare il Dipartimento di Sanità pubblica dell”Ausl di Imola al numero 0542604959 o recarsi direttamente all”ospedale vecchio Padiglione 12, dalle ore 8 alle 13 per effettuare un tampone molecolare di controllo”. (r.cr.)

Coronavirus, 20 nuovi positivi per Imola. Un caso sul bus da Napoli a Bologna, l'Ausl invita passeggeri a fare tampone di controllo
Cronaca 1 Agosto 2021

Visita dei carabinieri al centro estivo dell’Imola Rugby per promuovere la cultura della legalità

Lo scorso 28 luglio i carabinieri della Compagnia di Imola hanno fatto visita all’impianto dell’Imola Rugby «Zanelli Tassinari» per incontrare i bimbi del centro estivo e parlare loro di legalità.

Il capitano Andrea Oxilia ha presentato ai bambini ed a diversi giocatori e dirigenti della squadra il brigadiere Gianluca Carlomagno con il quale ha raccontato condiviso e promosso le attività dell’arma e della presenza sul territorio.  Emozionante la testimonianza del brigadiere rimasto vittima di un grave incidente durante un’operazione di contrasto alla criminalità ed ora ospite del centro riabilitativo di Montecatone.

I presenti hanno poi potuto conoscere tutti i segreti della gazzella della Radiomobile ed i bimbi hanno anche provato l”emozione di salire a bordo. (r.cr.)

Foto dalla pagina Facebook dell’Imola Rugby

Visita dei carabinieri al centro estivo dell’Imola Rugby per promuovere la cultura della legalità
Sport 1 Agosto 2021

Due ex pazienti di Montecatone in gara alle Paralimpiadi di Tokyo

Alle prossime Paralimpiadi di Tokyo, in programma dal 24 agosto al 5 settembre, ci saranno anche Stefano Travisani e Vincenza Petrilli, ex pazienti di Montecatone.

Definita in questi giorni, infatti la squadra italiana che concorrerà nella specialità tiro con l’arco. Entrambi gareggeranno nella categoria Olimpico Open. (r.s.)

Foto dalla pagina della Fondazione Montecatone Onlus

Due ex pazienti di Montecatone in gara alle Paralimpiadi di Tokyo
Cronaca 1 Agosto 2021

Ad Ozzano nuovo semaforo pedonale a chiamata sulla Sp 48 «Castelli Guelfi»

Da venerdì 30 luglio ed a tempo indeterminato, lungo la strada provinciale SP 48 «Castelli Guelfi», nel Comune di Ozzano, l’Area servizi territoriali metropolitani ha disposto l’attivazione di un attraversamento pedonale regolamentato da impianto semaforico a chiamata in corrispondenza del km 2+970.

L’installazione rientra nell’ambito del progetto di realizzazione di una pista ciclopedonale di collegamento tra il Servizio Ferroviario Metropolitano e l’abitato di Ponte Rizzoli. (r.cr.)

Ad Ozzano nuovo semaforo pedonale a chiamata sulla Sp 48 «Castelli Guelfi»
Cronaca 31 Luglio 2021

Visite ed esami specialistici, dall’1 agosto torna la sanzione per la mancata disdetta

Da domani, domenica 1 agosto, torna la sanzione per mancata o tardiva disdetta delle prenotazioni di visite ed esami specialistici. Introdotte dall’articolo 23 della legge regionale 2/2016, le sanzioni a carico dei cittadini che mancano all’appuntamento sanitario prenotato e non disdetto, o disdetto in ritardo, senza produrre giustificazione idonea, erano state sospese ad avvio del periodo pandemico, nel febbraio 2020.

Ma se ottenere una prestazione sanitaria nei tempi appropriati è un diritto del cittadino, presentarsi all”appuntamento o disdirlo lasciando il posto ad un”altra persona in attesa, è un dovere.  Questa la ratio della normativa regionale che riguarda tutti gli assistiti, anche chi ha diritto all”esenzione per reddito, patologia o invalidità. L’importo della multa è pari al ticket previsto per la fascia di reddito più bassa, fino al tetto di 36,15 euro, ad eccezione della chirurgia ambulatoriale per cui il tetto è di 46,15 euro,  a cui si sommano le spese postali. Il cittadino può giustificare la mancata o ritardata disdetta solo per motivi imprevedibili, oggettivi e documentabili (motivi di salute, incidente stradale, eventi meteorologici estremi, lutto recente di parente prossimo ecc.). 

La prenotazione va disdetta almeno 2 giorni lavorativi (domenica e festivi esclusi) prima della giornata dell’appuntamento: data ed ora massima per disdire senza incorrere nella multa sono esplicitate chiaramente nel foglio di prenotazione insieme a tutte le informazioni necessarie per evitare la sanzione.  Inoltre, per ricordare al cittadino la sua prenotazione e permettergli di disdirla in tempo utile e con grande semplicità, sarà riattivato per tutte le prestazioni il richiamo telefonico automatico che, nel rammentare con 7 giorni di anticipo l’appuntamento, permetterà all’assistito di non confermare la prenotazione ossia di disdirla. Cancellare o spostare un appuntamento prenotato è anche possibile chiamando il Cup telefonico al Numero Verde 800 040606 attivo 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, inserendo il codice prenotazione e la data di nascita del cittadino prenotato; agli sportelli CUP aziendali; in tutte le  farmacie e parafarmacie o attraverso il proprio fascicolo sanitario elettronico o il sito CupWeb o la App Er Salute. (r.cr.)

Visite ed esami specialistici, dall’1 agosto torna la sanzione per la mancata disdetta
Cronaca 31 Luglio 2021

Accoltellarono un 45enne a Castel San Pietro, denunciati due uomini

Un 30enne ed un 38enne sono stati denunciati dai carabinieri per lesioni personali aggravate, perché responsabili di aver accoltellato un uomo a Castel San Pietro.

I fatti risalgono al 17 luglio scorso quando, intorno alle 23.30, i militari furono allertati da una cittadina che aveva assistito ad una lite tra più persone in via Matteotti. Tre pattuglie dei carabinieri si recarono così sul posto dove trovarono un 45enne, residente a Castel San Pietro, accoltellato ad una mano da due sconosciuti. L’uomo, soccorso dai sanitari del 118 e trasportato al pronto soccorso di Imola, fu medicato e giudicato guaribile in 20 giorni.

Avviate le indagini, dalle testimonianze raccolte, i carabinieri sono riusciti a risalire all’identità dei due malviventi, il 30enne ed il 38enne appunto, entrambi residenti in zona che, la sera dei fatti, accoltellarono il 45enne per punirlo di uno sguardo di troppo che aveva lanciato loro transitando a piedi davanti ad un locale. (r.cr.)

Foto concessa dai carabinieri

Accoltellarono un 45enne a Castel San Pietro, denunciati due uomini

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast