Articoli dell'autore: SabatoSera Redazione

Elezioni 24 Maggio 2019

Speciale Comunali 2019: i candidati sindaco e le liste a Castel Guelfo, Dozza e Mordano

A Castel Guelfo si prepara una sfida a tre per la fascia di sindaco. Da una parte Claudio Franceschi di Insieme per Castel Guelfo, dall”altra Gianni Tonelli con la lista Tonelli Sindaco appoggiata da Lega e Fratelli d”Italia. Terzo incomodo Francesco Dalto con La tua Castel Guelfo. A Dozza, invece, sono solo due i candidati: il sindaco uscente Luca Albertazzi, infatti, ci riprova con la sua Progetto Dozza, mentre il nome nuovo è Leonardo Vanni che concorre con la lista Insieme per Dozza. Anche a Mordano, infine, sarà lotta a due tra Nicola Tassinari di MordanoBubano un Comune una Comunità e Fabio Minzoni di Patto Civico Gente in Comune. (d.b.)  

Tutti i candidati sindaci e le liste dei consiglieri sullo «speciale Comunali 2019» di sabato sera del 23 maggio.

Nella foto: dall”alto per Castel Guelfo Claudio Franceschi, Gianni Tonelli e Francesco Dalto. Per Dozza Luca Albertazzi e Leonardo Vanni. Per Mordano Nicola Tassinari e Fabio Minzoni

 

Speciale Comunali 2019: i candidati sindaco e le liste a Castel Guelfo, Dozza e Mordano
Elezioni 24 Maggio 2019

Speciale Comunali 2019, i candidati sindaco e le liste dei consiglieri in Vallata

Anche in Vallata ormai è tempo di elezioni. A Casalfiumanese, il primo cittadino uscente, Gisella Rivola, ha deciso di candidarsi per il secondo mandato con una lista civica Uniti per Casalfiumanese-San Martino-Sassoleone. In gara con lei Beatrice Poli, ex assessore nella Giunta Rivola candidata nella lista civica Insieme per Casalfiumanese. Passando al centrodestra troviamo Donatella Marchetti con Centrodestra unito per Casalfiumanese. L’unico uomo in lizza è il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle, ovvero Fabrizio Sarti, da quattro anni consigliere comunale della minoranza pentastellata.

A Borgo Tossignano, invece sarà lotta a tre. La Lista civica per Borgo Tossignano, appoggiata dal Partito democratico, ha come candidato sindaco Mauro Ghini. I 5Stelle hanno un’altro volto, quello di Sara Manzoni. La novità vera, infine, è rappresentata dal centrodestra, Patto civico per Borgo Tossignano, lista appoggiata da Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia, con la candidata sindaco  Brigida Miranda.

Chiude Fontanelice. Il centrodestra propone Fabio Morotti della lista Patto Civico-Voltiamo Pagina, ma dietro ci sono Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia. Tra gli avversari Vito Antonio Vecchio, con Lista civica per Fontanelice. Infine, c’è Gabriele Meluzzi, con la civica di centrosinistra Insieme per Fontanelice. (d.b.)

Tutti i candidati sindaci e le liste dei consiglieri sullo «speciale Comunali 2019» di sabato sera del 23 maggio.

Nella foto: dall”alto per Casalfiumanese Donatella Marchetti, Gisella Rivola, Fabrizio Sarti e Beatrice Poli. Per Borgo Tossignano Mauro Ghini, Sara Manzoni e Brigida Miranda. Per Fontanelice Fabio Morotti, Vito Antonio Vecchio e Gabriele Meluzzi

 

Speciale Comunali 2019, i candidati sindaco e le liste dei consiglieri in Vallata
Ozzano dell'Emilia 24 Maggio 2019

Speciale Comunali 2019, ad Ozzano tre candidati a sindaco e tre liste in lizza per il Consiglio comunale

Anche Ozzano, come gli altri comuni italiani e del territorio, si sta avvicinando a domenica 26, giorno delle elezioni.

Qui la corsa sarà a tre. Chi si ripresenta, infatti, è il primo cittadino uscente Luca Lelli, con la civica Passione in Comune – Luca Lelli Sindaco. «-. L’anno scorso abbiamo avviato un percorso di apertura e condivisione, – commenta – che è passato prima dal Partito democratico ozzanese poi si è aperto a chi condividesse con noi certi valori, andando oltre gli schemi precedenti». Dall”altra parte l”ex vicesindaco e assessore Aldo Gori di Progetto Ozzano «Lelli ha deciso di creare una civica insieme all’opposizione. Alcuni cittadini non vi si riconoscono, il nostro obiettivo è portare nel Comune la voce di chi si è sentito escluso» ammette. Terza sfidante è Monia Vason, candidata della lista Noi per Ozzano appoggiata da Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia e Udc. «Il primo progetto che intendo portare a termine – conferma – è la creazione dello Sportello amico per ascoltare e aiutare in maniera concreta le persone». (d.b.)

Tutti i candidati sindaci e le liste dei consiglieri sullo «speciale Comunali 2019» di sabato sera del 23 maggio.

Nella foto: da sinistra Luca Lelli, Aldo Gori e Monia Vason

 

Speciale Comunali 2019, ad Ozzano tre candidati a sindaco e tre liste in lizza per il Consiglio comunale
Sport 24 Maggio 2019

Autodromo, tanti appuntamenti da qui fino ad ottobre. Si parte questo fine settimana con il «Peroni Race Weekend»

Messo in archivio il Mondiale Superbike, evento di punta dell’«Enzo e Dino Ferrari», in questo week-end riparte il calendario motoristico dell’autodromo imolese.

Da oggi, venerdì 24 maggio, al 26 maggio sono infatti impegnate ad Imola le auto del «Peroni Race Weekend», appuntamento che quest’anno raddoppia gli eventi sul Santerno, con la gara di punta rappresentata dalla Coppa Italia Turismo. Fra gli appuntamenti in pista, ad ingresso gratuito sabato e domenica sia nel paddock che nella tribuna A, anche diverse gare con auto moderne e storiche: Clio Cup, Lotus Cup, Alfa Revival Cup, Campionato Italiano Auto Storiche, Novecentoundici Race Cup e Seven Race Series. Il Peroni Race Weekend tornerà poi a Imola per il gran finale di stagione dall’11 al 13 ottobre. Nel programma della seconda tappa anche la Ecc 2 ore, il Boss Gp e il Master Tricolore Prototipi.

Ancora spazio alle quattro ruote dal 21 al 23 giugno con l’Aci Racing Weekend, mentre le due ruote tornano invece a correre sul circuito del Santerno dal 28 al 30 giugno con la terza tappa del Civ, il Campionato Italiano Velocità. Dal 5 al 7 luglio è il turno della Porsche Cup Suisse. Dopo il successo dello scorso anno torna ad Imola dal 17 al 18 agosto il Gp Italia del Mondiale Mxgp. A questo punto è arrivato l’autunno, che si inaugurerà con due appuntamenti dedicati alla casa del cavallino rampante di Maranello, il «Ferrari Challenge» in pista dal 27 al 29 settembre e la due giorni dedicata ai clienti Ferrari F.1 in scena l’1 e il 2 ottobre. (mi.mo.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 23 maggio.

Nella foto

Autodromo, tanti appuntamenti da qui fino ad ottobre. Si parte questo fine settimana con il «Peroni Race Weekend»
Cultura e Spettacoli 24 Maggio 2019

«Gocce di Musica 2019», ultima serata di selezioni. Sul palco Whatever, Karamazov, Pocopop e MindCross

L”8 giugno, data della finale in piazza Gramsci, si avvicina e per scoprire chi salirà sul palco per contendersi il buono da 500 euro in materiali musicali manca solo un tassello: stasera, venerdì 24 maggio, Ca’ Vaina ospiterà così la terza selezione (dalle 21.30 con ingresso gratuito). In gara ci saranno Whatever, Karamazov, Pocopop e MindCross.

Whatever è un gruppo pop e rock composto da Fatima Zucchi alla voce, Gianluca Marion alla chitarra, Alessandro Bonzi alla batteria e Dario Biffi al basso. Propongono brani propri in inglese, ad eccezione di quello presentato appositamente per Gocce che si intitola Scopriti. Karamazov è lo pseudonimo del cantautore imolese Federico Bandini, che ha già all’attivo un ep, un album e i recenti singoli Gerry Scotti e Antoine. A Gocce porta il brano Rubino. I Pocopop sono Mauro (voce), Bruno (basso), Sampo (chitarra) e Danny (batteria). Si definiscono «molto poco pop, fuori moda, fuori luogo, misteriosamente disorientati». Il loro brano è Sedia a rotelle. MindCross è una band composta dal chitarrista Francesco Rodi, dalla batterista Lucrezia Serafino e dal cantante Stefano Vannacci. War è il brano che propongono per il contest.

Ricordiamo che ogni finalista riceverà un buono da 200 euro per materiali musicali, oltre a quello come detto di 500 euro per il vincitore finale. Inoltre sarà assegnato tra tutti i partecipanti il Premio Speciale «sabato sera» che premierà il testo ritenuto migliore, tra quelli a tema solidale appositamente proposti per il contest. (r.c.)

Nelle foto: dall”alto a sinistra Whatever. A seguire, in senso orario, Pocopop, Karamazov e MindCross

«Gocce di Musica 2019», ultima serata di selezioni. Sul palco Whatever, Karamazov, Pocopop e MindCross
Cultura e Spettacoli 24 Maggio 2019

«Gocce di Musica 2019», le band protagoniste della seconda serata di selezione. IL VIDEO

Un altro nome si aggiunge ai finalisti di Gocce di musica per la solidarietà, il concorso organizzato da Avis comunale Imola in collaborazione con sabato sera e con il Centro giovanile Ca’ Vaina: venerdì 17 maggio, la seconda serata di selezione del contest ha premiato Aster & the X Band al termine di una serie di belle e coinvolgenti esibizioni che hanno visto sfidarsi sul palco anche Sambuca, Lorenzo Montanari in arte Cacatua e Alter Ego. Leonardo Scarpetti (voce e chitarra), Luca Pasotti al basso, Matthew Cavina alla batteria e  Alessandro de Francesco alla chitarra elettrica hanno convinto con il loro rock blues energico e con una performance davvero coinvolgente. Molto valide anche le esibizioni degli altri tre concorrenti, che hanno spaziato dal mondo indie (Sambuca) al cantautorato (Cacatua) al rock italiano (Alter Ego). (r.c.)

Nelle foto (Isolapress): in alto a sinistra Aster & the X Band. Di seguito in senso orario Sambuca, Alter Ego e Cacatua

«Gocce di Musica 2019», le band protagoniste della seconda serata di selezione. IL VIDEO
Medicina 24 Maggio 2019

Speciale Comunali 2019, a Medicina quattro candidati a sindaco in lizza e sette liste per il Consiglio comunale

La campagna elettorale è agli sgoccioli: oggi è l”ultimo giorno per convincere gli ultimi indecisi prima del silenzio elettorale che scatterà a mezzanotte e che deve per legge essere rispettato il giorno della vigilia delle elezioni. A Medicina, uno dei due Comuni del circondario imolese nei quali è previsto il ballottaggio qualora nessun candidato dovesse ottenere al primo turno la maggioranza assoluta dei voti (l”altro è Castel San Pietro Terme, mentre a Imola le elezioni comunali si sono svolte nel 2018), troviamo quattro nomi in lizza per la carica di primo cittadino.

Seguendo l”ordine che comparirà nella scheda elettorale, di colore azzurro, il primo candidato a sindaco è Matteo Montanari, 36 anni, attuale vice della Giunta guidata da Onelio Rambaldi. Montanari è sostenuto da tre liste: Matteo Montanari sindaco, Centrosinistra e Sinistra uniti, Medicina democratica e solidale. 

La lista Sinistra medicinese presenta invece come candidato il 37enne Enrico Raspadori, insegnante di informatica e matematica in un istituto superiore professionale di Bologna, da sempre impegnato in progetti culturali su cinema, musica, teatro e letteratura con le associazioni medicinesi.

Cristian Cavina, 35 anni, è il candidato a sindaco del Movimento 5 Stelle, del quale è attualmente capogruppo. Cavina ha un negozio di prodotti in canapa e per il benessere della persona in centro storico a Medicina, è diplomato in elettronica e comunicazioni e operatore iscritto all’albo Asi Fitness & wellness.

Il quarto nome sulla scheda è quello di Salvatore Cuscini, 65 anni, imprenditore edile, sostenuto da due liste: Cuscini sindaco (che raggruppa i simboli di Forza Italia, Lega e Fratelli d”Italia) e Prima Medicina, in rappresentanza del Popolo della Famiglia. (r.cr.)

Nella foto i quattro candidati di Medicina: Cristian Cavina, Salvatore Cuscini, Matteo Montanari ed Enrico Raspadori


Speciale Comunali 2019, a Medicina quattro candidati a sindaco in lizza e sette liste per il Consiglio comunale

Speciale Comunali 2019, a Castel San Pietro tre candidati a sindaco, sei le liste in corsa per il consiglio comunale

Mancano due giorni alle elezioni comunali 2019. Nel circondario imolese il Comune più grande interessato dal rinnovo del consiglio comunale e del sindaco è Castel San Pietro Terme. Ricordiamo che, alla luce del sistema elettorale in vigore per i Comuni sopra i 15 mila abitanti, anche sulle rive del Sillaro uno dei candidati dovrà superare la soglia del 50% di voti per risultare eletto già al primo turno, altrimenti servirà il ballottaggio, che nel caso si svolgerà domenica 9 giugno.

Ma torniamo al 26 maggio e ai tre candidati che si contenderanno la fascia tricolore. Il primo, sindaco uscente, è Fausto Tinti, 54 anni, sposato, padre di sei figlie, docente di Zoologia e presidente del corso di laurea magistrale in Biologia marina dell’Università di Bologna, che abita nella frazione di Osteria Grande. Tinti si presenta con il sostegno di quattro liste: Uniti al centro per Castello, Castello in Comune, Città futura Ambiente solidarietà partecipazione e Partito Democratico.

A sfidarlo ci sarà anche una donna, Elisa Maurizzi, candidata per il Movimento 5 Stelle. Residente a Castel San Pietro nel capoluogo, ha 35 anni, fa l’avvocato, principalmente civilista, e ha collaborato come assistente con la cattedra di Diritto costituzionale di Bologna. E” mamma di un bambino di 4 anni e tra i fondatori dell’associazione culturale di servizi alle famiglie no profit Il «Castello dei pensieri».

Il terzo candidato è Claudio Franzoni, 64 anni, sposato, agronomo, titolare della Inedit, piccola casa editrice che pubblica libri di narrativa, psicologia, fantasy e soprattutto il giornale Terre e Cultura che riprende l’esperienza de ilCastellano.net. A sostegno di Franzoni la lista Prima Castello, formata da Forza Italia, Lega e Fratelli d”Italia (r.cr.)

Nella foto i tre candidati a sindaco di Castel San Pietro Terme: da sinistra Fausto Tinti, Elisa Maurizzi e Claudio Franzoni

Speciale Comunali 2019, a Castel San Pietro tre candidati a sindaco, sei le liste in corsa per il consiglio comunale
Cultura e Spettacoli 24 Maggio 2019

Con Manicomi-con arrivano al parco dell'Osservanza fumetti, cosplay, Lego e cartoni animati

«Il Manicomi-con è stato inserito negli eventi del Lego Ambassador Network, sito ufficiale mondiale della Lego e di questo siamo molto orgogliosi» – esordisce Claudio Mantellini che, insieme ad Andrea Tattini, Filippo Arcangeli e Francesco Luschi, forma la squadra degli «Sforza Animati», associazione di appassionati al mondo dei cartoni animati e fumetti. Sono loro gli ideatori dell’evento «Manicomi-con», manifestazione ad entrata gratuita che andrà in scena oggi, domani e domenica nel parco dell’Osservanza. Gare di cosplay, musica, truck food e spettacoli a tema fantasy sono solo alcuni degli eventi previsti per queste giornate.

Il sipario si aprirà oggi alle ore 15.30, orario in cui i visitatori potranno accedere ai cinque padiglioni igienizzati ed allestiti a seconda del tema a cui sono dedicati. Nel locale dell’ex lavanderia ad esempio verrà predisposta una zona con disegnatori e scultori provenienti da accademie e dalle case editrici locali e nazionali, ai quali si potranno anche commissionare opere. Il padiglione adiacente, invece, sarà coordinato dall’associazione Afol (Adult Fan Of Lego) e allestito con cento metri lineari di tavoli espositivi dei piccoli mattoncini colorati. Insieme ad Afol sarà presente il negozio Imolese «La Cicogna» che venderà appunto le scatole della Lego. Un terzo padiglione sarà gestito da «SO66», associazione dilettantistica sportiva a tema Star Wars che pratica scherma con repliche di spade laser. A pochi passi di distanza poi si potrà visitare il padiglione denominato «Expo Collezioni», i cui protagonisti sono modellini «vintage» ed action figure da collezione di cartoni animati quali «Goldrake», «Master of the universe» e «I cavalieri dello zodiaco».

«Un ultimo padiglione sarà gestito dall’associazione teatrale a tema horror “Zombie Inside”, la quale metterà in scena un percorso ricreando i momenti clou dei film e telefilm horror. Per questo motivo nella zona dedicata al mondo horror l’accesso ai minori di 14 anni è consentito solo se accompagnati da un adulto».

Non potrà mancare una zona ristorazione, nella quale sarà presente uno stand gestito dal comitato della sagra del garganello di Codrignano, oltre a tre bar e numerosi food truck con tante tipologie di cibo. «Infine abbiamo pensato ad una zona dedicata ai tornei di carte da gioco, come quelle dei Pokémon» aggiunge Mantellini.

La giornata di venerdì si concluderà a mezzanotte con il parco dell’Osservanza inondato dalla musica dei pezzi tratti dai film con Bud Spencer e Terence Hill suonata dal gruppo «Los hermanos».

Sabato 25 e domenica 26, invece, i cancelli apriranno alle ore 9.30 e chiuderanno a mezzanotte. La novità della giornata di sabato è rappresentata dall’associazione «Squadra dei falchi» di Gradara, che propone giochi di ruolo fantasy.  In serata invece saranno le band imolesi a far da padrone, suonando un po’ tutti i generi e portando sul palco anche cover di cartoni animati. «Per chiudere la serata si esibirà la band di genere heavy metal Sick’n Beautiful – racconta Mantellini -. Per l’ultima giornata, invece, abbiamo deciso di mettere in scena un contest di Cosplay, che sarà gestito dall’associazione dedicata Epicos, e prima della premiazione si esibiranno sul palco le HoneyHime». (s.z.)

Per informazioni sull’evento: www.manicomicon.it

L”articolo completo è sul «sabato sera» in edicola da giovedì 23 maggio

Nella foto un particolare della locandina di Manicomi-con

Con Manicomi-con arrivano al parco dell'Osservanza fumetti, cosplay, Lego e cartoni animati
Cronaca 24 Maggio 2019

«Rubrica salute», cos’è la menopausa? Imparare a conoscerla aiuta a non temerla

La menopausa consiste, dal punto di vista biologico, nella cessazione dell’attività dell’ovaio, cioè della mancata produzione degli estrogeni, gli ormoni che caratterizzano il genere femminile. «Termina dunque – precisa Maria Grazia Saccotelli, psicologa e responsabile del Consultorio familiare dell’Ausl di Imola – il periodo di fertilità femminile che si verifica con la progressiva scomparsa delle mestruazioni e questo avviene, in media, attorno ai 50-60 anni». Menopausa non è sinonimo di malattia ma semplicemente un cambiamento naturale dell’assetto ormonale che non porta necessariamente a problemi. «La menopausa – dice ancora la Saccotelli – è un evento naturale per ogni donna. Essere informate sulle caratteristiche dei cambiamenti ormonali, corporei e psicologici che caratterizzano questo periodo, permette alle donne di mettere da parte stereotipi e fantasie e di porre nella giusta dimensione questo normale momento della vita».

In Italia, secondo i dati diffusi dalla regione Emilia Romagna, le donne in menopausa sono oltre 13 milioni, 5 su 100 entrano in questa fase prima dei 40 anni (precoce), 15 su 100 prima dei 45. Nel circondario di Imola le donne nella fascia di età dai 50 ai 60 anni sono circa 11.600. Mentre l’età di ingresso nella menopausa si è mantenuta costante intorno ai 50 anni, l’aspettativa di vita nel corso dei secoli si è però progressivamente allungata fino a superare gli 80 anni, ampliando il tempo trascorso in questa fase, che può durare anche più di 30 anni. E’ importante, quindi, condividere questa stagione piena di tanti stimoli e significati, per viverla con una nuova sensibilità, maggiore serenità e un pizzico di ironia. «Fino agli anni Sessanta – spiega la Saccotelli – la menopausa era considerata una vera e propria malattia ed era frequente che la donna si sentisse malata di menopausa. Oggi invece questa fase del ciclo vitale femminile non è più sinonimo di declino, ma di momento ricco di cambiamenti e significati, come tanti altri normali passaggi che intervengono nel corso della nostra esistenza, che però provocano spesso una situazione di spaesamento e che necessitano di adattamento». Il passaggio alla menopausa potrebbe essere correlato a disturbi più o meno importanti. Esistono disturbi non correlati con certezza scientifica come, ad esempio, la variazione di tono dell’umore, irritabilità e depressione, i dolori osteoarticolari, l’aumento di peso, l’ipertensione, le cosiddette vampate. «E poi – aggiunge la Saccotelli – questo momento della vita coincide con quello in cui la confortante coincidenza tra la nostra persona e la nostra identità corporea si fa problematica ed incerta: ad un tratto ci si rende conto di non avere più un corpo giovane, viene a cadere uno dei pilastri fondamentali su cui si è costruita l’identità sessuale, la fertilità, e ci si interroga per la prima volta sul tempo che è passato. Inoltre, cambiano tante piccole e grandi cose nel nostro quotidiano: le relazioni coi figli, che spesso entrano nell’adolescenza, coi genitori che invecchiano, con il partner».

Se però da una parte questo periodo è temuto perché portatore di disturbi fisici, di isolamento, con angosce di perdita dei valori di una vita intera, appunto la gioventù, la fertilità, la femminilità, dall’altro invece se ne nega l’esistenza e la complessità. «L’angoscia dei 50 anni – aggiunge la Saccotelli – in una società che esaspera l’essere sempre giovane a qualunque prezzo e che rifugge ogni disagio psichico, è giustificata ed inevitabile come quella dell’adolescenza, della gravidanza, del parto, con l’aggravante che per ognuna di quelle età vi erano remunerazioni più precise, che nella menopausa sono forse meno evidenti e celebrate, ma non meno importanti e gratificanti. Il piacere del vivere bene con se stessi e del continuare, o spesso imparare, a vivere gioiosamente». Insomma, occorre riconoscere e trovare tutte le situazioni positive che questa fase della nostra vita ci può regalare continuando ad incuriosirsi e entusiasmarsi. «E’ per questo – conclude la Saccotelli – che anche quest’anno abbiamo pensato di aiutare le donne a cercare tutte le positività organizzando nel periodo invernale una serie di iniziative per farle incontrare con dei professionisti esperti, a cui le donne possono liberamente porre domande ed approfondire le tematiche più frequenti». Importante la conoscenza e se impariamo il piacere di vivere bene con noi stessi e, ancora meglio, se gioiosamente. (Alessandra Giovannini)

Nella foto: la psicologa Maria Grazia Saccotelli, responsabile del Consultorio familiare dell”Azienda Usl di Imola

«Rubrica salute», cos’è la menopausa? Imparare a conoscerla aiuta a non temerla

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast