Articoli dell'autore: SabatoSera Redazione

Cronaca 29 Settembre 2020

Chiude il bar della Bocciofila di Imola, mai successo in settant’anni di storia

La sera di giovedì 1 ottobre, le luci del bar della Bocciofila si spegneranno dopo settant’anni. Una tappa decisamente triste nella storia dell’associazione sportiva cittadina. È un fulmine a ciel sereno che ha suscitato grande stupore, tristezza e disappunto in non pochi imolesi. 

Da chi aveva eletto il centro sociale di viale Saffi a luogo di ritrovo con i propri amici (o anche solo a occasione per mettere il naso fuori da casa, ancora di più dopo i mesi di quarantena), agli appassionati di calcio che si riunivano per guardare e commentare in compagnia le partite di calcio in televisione, fino alle squadre e ai fan del biliardo, sono in molti a interrogarsi su quale sarà il futuro del bar e delle attività che ospitava. (lu.ba.)

Per saperne di più sfogliate «sabato sera» in edicola da giovedì 1 ottobre.

Nella foto (Isolapress): il bar della Bocciofila

Chiude il bar della Bocciofila di Imola, mai successo in settant’anni di storia
Cronaca 29 Settembre 2020

«È stata una bomba – 2 Agosto 1980. Vittime, rabbia, solidarietà e memoria», a Medicina una serata per ricordare la strage di Bologna

Il 2 agosto è ormai passato ma in questo 2020 particolare, continuano le iniziative per non dimenticare il 40° anniversario della strage alla stazione di Bologna. Per ricordare l’ordigno fatto esplodere dai neofascisti dei Nar che fece 85 morti e oltre 200 feriti. Un episodio che ha colpito tutta l’Italia e non solo una città. Domani, mercoledì 30 settembre, il Comune di Medicina insieme all’Anpi Sezione di Medicina e alla Cooperativa Bacchilega, organizzano l’evento «È stata una bomba – 2 Agosto 1980. Vittime, rabbia, solidarietà e memoria».

Nella Sala del Suffragio (via Libertà 60, Medicina), a partire dalle ore 20.30, verrà proiettato il documentario «Davanti a quel muro – La rabbia e la scelta» realizzato da Lara Alpi, Francesca Gianstefani e Michela Sartori (prodotto dalla Coop. Bacchilega) e presentato il libro «Storia di una bomba» di Cinzia Venturoli (ed. Castelvecchi). Interverranno la stessa Venturoli, storica e docente universitaria, Paolo Sacrati, dell’Associazione tra i familiari delle vittime della strage della stazione di Bologna, e l’imolese Agide Melloni, autista dell’autobus 37 che trasportò le salme dopo la strage. Modererà Lara Alpi, giornalista e vicepresidente della Coop. Bacchilega.

La serata è organizzata in collaborazione con l’Associazione tra i familiari delle vittime della strage della stazione di Bologna del 2 Agosto 1980. In ottemperanza alle misure della normativa anti-Covid (disposizioni su distanziamento e traccia- mento) l’ingresso è libero ma fino ad esaurimento posti ed è obbligatoria la prenotazione chiamando il cell. 338-2893111. All’ingresso potrà essere rilevata la temperatura corporea, e se superiore a 37.5 gradi sarà vietato l’accesso. (r.cr.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 24 settembre.

Nella foto: l’inizio del documentario

«È stata una bomba – 2 Agosto 1980. Vittime, rabbia, solidarietà e memoria», a Medicina una serata per ricordare la strage di Bologna
Cronaca 29 Settembre 2020

Smog, dal 1° ottobre tornano le domeniche ecologiche e le limitazioni alla circolazione

Da giovedì 1° ottobre tornano le misure per la tutela e il risanamento della qualità dell’aria. Le limitazioni alla circolazione, previste per combattere lo smog nella stagione invernale, quest’anno si applicheranno in due fasi: la prima dal 1° ottobre al 10 gennaio 2021 e la seconda dall’11 gennaio al 31 marzo 2021. Il blocco dei veicoli Euro 4 diesel è previsto nella seconda fase in seguito a una decisione condivisa fra le Regioni del bacino padano. Da subito, invece, si confermano i blocchi già in vigore nella scorsa stagione, riguardanti veicoli a benzina fino ad Euro 1, diesel fino ad Euro 3, motocicli e ciclomotori pre-euro.

Saranno, quindi, sette le domeniche ecologiche, rispetto alle quali Città metropolitana e Comune hanno proposto ai Comuni dell’agglomerato urbano  (tra i quali Ozzano Emilia) e a Imola, di indicare nelle rispettive ordinanze, che sono in corso di definizione. Nello specifico saranno prima e la terza di ogni mese: 4 ottobre, 18 ottobre, 1 novembre, 15 novembre, 6 dicembre e 20 dicembre e 10 gennaio 2021. Il complesso dei provvedimenti messi in campo dal Comune di Bologna contro l”inquinamento atmosferico rientrano nell’ambito del Pair (Piano Area Integrato Regionale 2020). Le limitazioni alla circolazione (dall’1° ottobre al 10 gennaio 2021) saranno in vigore dalle 8.30 alle 18.30, dal lunedì al venerdì e nelle domeniche ecologiche non potranno circolare veicoli a motore eccetto: quelli a benzina omologati euro 2 o successivi, quelli a diesel omologati euro 4 o successivi, ciclomotori e motocicli omologati Euro 1 o successivi. Il provvedimento non si attua nelle giornate festive dell’8 e 25 dicembre 2020 e del 1° e 6 gennaio 2021.

Possono sempre circolare, invece, gli autoveicoli con almeno tre persone a bordo (car-pooling) se omologate a quatto o più posti oppure con almeno 2 persone a bordo se omologati a 2/3 posti; i veicoli elettrici o ibridi dotati di motore elettrico; i veicoli a metano o Gpl; i veicoli a servizio del trasporto pubblico e tutti i veicoli di emergenza e soccorso e quelli indicati nell’ordinanza. Per garantire una corretta informazione ai cittadini, infine, la Città metropolitana ha un sito web dedicato contenente la mappa delle limitazioni e le informazioni per tutti i Comuni e un servizio gratuito di alert sms (o mail) che avverte quando sono le domeniche ecologiche e quando scattano le misure emergenziali. (da.be.)

PER SAPERNE DI PIU”

Foto d’archivio

Smog, dal 1° ottobre tornano le domeniche ecologiche e le limitazioni alla circolazione
Imola 29 Settembre 2020

#Imola2020, Carmen Cappello lascia il suo posto in Consiglio comunale a Dino Bufi

Ad una settimana dagli scrutini Carmen Cappello fa un passo di lato (e non indietro come ha fatto sapere) e lascia il seggio consiliare a Dino Bufi, 51enne funzionario Inps, che, con le sue 93 preferenze, aveva già sfiorato l”ingresso in Consiglio per poche decine di voti. «Insieme con Carmen, da due anni ho creduto in questo progetto civico che ha visto coinvolte tante altre persone. Ora dobbiamo continuare il percorso intrapreso, perché 2.698 voti, pari al 7,54 per cento dei consensi, sono un patrimonio da non disperdere. Abbiamo un bel gruppo di lavoro disposto a collaborare, al fine di fornire quel contributo di idee e progetti per la città di Imola. Saremo vigili sull”operato della giunta e faremo un”opposizione dura e senza sconti» ha commentato Bufi.

La Cappello ha poi spiegato i motivi di questa scelta. «Ho ritenuto opportuno fare questo passo e rinunciare al seggio, consentendo così a Bufi, primo dei non eletti, di entrare in Consiglio comunale. Credo sia giusto e corretto che anche altri cittadini facciano questa esperienza. Voglio dare spazio alla squadra che mi ha sostenuto e ha lavorato con me al progetto civico. Si fa politica per contribuire al bene della città, non per inchiodarsi a una poltrona. Quel posto in Consiglio è nostro, non mio».

Per la Cappello, però, non si tratta di un addio alla politica. «Resterò attiva e presente – ha proseguito -, tuttavia se vogliamo che lo spirito di partecipazione si diffonda, non può essere sempre la stessa persona a dar battaglia in Consiglio. Tutta la squadra vigilerà su come la maggioranza porterà avanti il programma elettorale. Saremo dei controllori severi». (da.be.)

Nella foto (Isolapress): Carmen Cappello e Dino Bufi  

#Imola2020, Carmen Cappello lascia il suo posto in Consiglio comunale a Dino Bufi
Cronaca 29 Settembre 2020

«Uno scontrino per la scuola», l’iniziativa dei commercianti di Medicina premia i plessi Simoni, Biagi, Vannini e Zanardi

Sabato 26 settembre l’associazione commercianti di Medicina «Botteghe di Medicina», in collaborazione con l’Amministrazione comunale, per il terzo anno ha donato i premi dell’iniziativa «Uno scontrino per la scuola» ai plessi che hanno raccolto più scontrini durante l’anno scolastico 2019/2020.

Al primo posto la scuola media Simoni, che ha ricevuto un premio di 1.200 euro e un  premio straordinario di 300 euro da parte di Confcommercio Ascom Bologna. I tre plessi delle scuole primarie (Biagi di Villa Fontana, Vannini e Zanardi di Medicina) hanno ottenuto un premio di 600 euro ciascuna. Tutti i premi sono destinati all’acquisto di materiale didattico. (gi.gi.)

Nella foto: la premiazione dell’iniziativa 

«Uno scontrino per la scuola», l’iniziativa dei commercianti di Medicina premia i plessi Simoni, Biagi, Vannini e Zanardi
Cronaca 29 Settembre 2020

Dopo il «colpo» riaperta al pubblico la filiale della Banca di Imola di Spazzate Sassatelli

A poco più di un mese dal colpo del 22 agosto scorso, quando ignoti poi individuati dai carabinieri fecero saltare lo sportello bancomat prima di fuggire con il denaro, la Banca di Imola ha riaperto al pubblico la filiale di Spazzate Sassatelli.

Promessa mantenuta, quindi, visto che lo stesso Istituto di credito si era impegnato ad effettuare i lavori con la massima celerità possibile, consapevole di fornire un servizio essenziale, ancor più perché è l’unico sportello bancario presente nella frazione. (da.be.)

Nella foto: la filiale della Banca di Imola di Spazzate Sassatelli

 

Dopo il «colpo» riaperta al pubblico la filiale della Banca di Imola di Spazzate Sassatelli
Cultura e Spettacoli 29 Settembre 2020

Imola e Dozza in tv nella nella prima puntata della serie «Una gita fuoriporta»

Saranno Imola e Dozza le protagoniste della prima puntata della seconda stagione di «Una gita fuoriporta», serie tv originale italiana che sarà visibile sia su Sky (Canale Italia 821), sia sul nuovo canale Bom Channel (n. 68 del digitale terrestre). La prima puntata andrà in onda oggi, martedì 29 settembre, alle 21.45 su Bom Channel e alle 21.30 su Sky Canale Italia, con replica domani, mercoledì 30 settembre.

Obiettivo della serie, condotta da David Romano, è quello di «esplorare città, borghi e mete imperdibili del nostro paese, compiendo un viaggio attraverso la storia, l’arte e la bellezza, per conoscere tradizioni, curiosità ed eccellenze di ciascun luogo – spiega la nota di Sky -. Un’occasione per invitare il pubblico a ritrovare il gusto di viaggiare senza allontanarsi troppo da casa, alla scoperta delle tante meraviglie disseminate ovunque in Italia e spesso poco note. Non solo attrazioni culturali, ma anche tradizioni culinarie, percorsi enogastronomici, rievocazioni storiche e attività all’aperto, all’insegna di un turismo lento e “green”».

La puntata dedicata a Imola e Dozza è stata girata a luglio e la troupe è stata ospitata e guidata dallo staff di If Imola Faenza Tourism Company. Tra i luoghi visitati l’autodromo Enzo e Dino Ferrari (dove il conduttore ha potuto com- piere un giro sulla pista della Formula 1 a bordo della safety car ufficiale), palazzo Tozzoni, il cen- tro storico di Imola e il borgo di Dozza con i suoi muri dipinti. Inoltre, ci sarà spazio per conoscere i sapori del territorio e l’ospitalità romagnola con soste in aziende del territorio. (r.c.)

Foto scattata in occasione delle riprese della puntata della serie tv

Imola e Dozza in tv nella nella prima puntata della serie  «Una gita fuoriporta»
Cronaca 29 Settembre 2020

In isolamento perché positivo al Covid-19, profugo afghano «evade» dall’albergo

Una settimana fa era stato trovato assiderato, insieme ad altri cinque connazionali, nel cassone frigorifero di un camion a Castel San Pietro. Il profugo di nazionalità afghana era l’unico risultato positivo al Covid-19 e per questo sottoposto a sorveglianza sanitaria con isolamento fiduciario in un albergo di Imola.

L’uomo, però, da oggi ha fatto perdere le sue tracce. Immediatamente scattate le ricerche da parte dei carabinieri. (da.be.)

Foto d’archivio

In isolamento perché positivo al Covid-19, profugo afghano «evade» dall’albergo
Cronaca 29 Settembre 2020

A Medicina inaugurato nella Casa della salute 
il nuovo centro per donare il sangue con Avis e Fidas-Advs

Sabato 26 settembre, alla presenza dell’assessore regionale alla Sanità Raffaele Donini, è stato inaugurato il nuovo centro di donazione sangue a Medicina, sempre all’interno della Casa della salute di via Saffi.

Quattro anni fa il centro rischiava di chiudere a causa dei nuovi standard di accreditamento delle strutture di raccolta sangue. Grazie alla collaborazione tra Comune, l’Ausl di Imola e di Bologna e le associazione locali di Avis e Fidas-Advs, Medicina ha un nuovo centro capace di accogliere anche i donatori dei comuni vicini. Per la sua realizzazione, l’Amministrazione ha stanziato 120 mila euro. (gi.gi.)

Nella foto: l’inaugurazione del nuovo centro di donazione sangue a Medicina

A Medicina inaugurato nella Casa della salute 
il nuovo centro per donare il sangue con Avis e Fidas-Advs
Cronaca 29 Settembre 2020

Ferito dalla falciatrice mentre taglia l’erba, grave 78enne

Ieri, intorno alle 18.30, un 78enne di Sesto Imolese è rimasto ferito da una falciatrice mentre stava tagliando l’erba nel suo terreno adiacente all’abitazione. 

Da una prima ricostruzione dei carabinieri, l’anziano, inizialmente soccorso da un vicino di casa, sarebbe stato colto da un malore mentre stava adoperando l’attrezzo agricolo che gli è poi caduto addosso, per fortuna spegnendosi immediatamente grazie a un dispositivo di sicurezza. Illeso dalle lame taglienti che si sono bloccate, il malcapitato, però, è rimasto gravemente ustionato dal motore a scoppio del macchinario che era rovente per via dell’intensa attività lavorativa.

Il 78enne è stato così soccorso dai sanitari del 118 e trasportato d’urgenza al Pronto Soccorso dell’ospedale di Imola. (da.be.)

Foto concessa dai carabinieri

Ferito dalla falciatrice mentre taglia l’erba, grave 78enne

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast