Posts by tag: bacchilega editore

Cultura e Spettacoli 25 Settembre 2020

«L’ultima notte del Carnevale estivo», lo scrittore Gianluca Morozzi presenta il suo romanzo noir edito da Bacchilega

In uno dei primi giorni d’autunno… l’estate continua. Quantomeno a Doria Marittima, immaginaria cittadina balneare in cui si svolgono le vicende dei protagonisti de L’ultima notte del Carnevale estivo, il romanzo di Gianluca Morozzi e Paolo Alberti che lo stesso Morozzi presenterà questa sera, venerdì 25 settembre, alle 21 nello spazio di Estro, in via Aldrovandi 12 a Imola.

Edito da Bacchilega editore nella sua collana Zero, L’ultima notte del Carnevale estivo è un noir che comincia nel 1989, quando cinque ragazzi si ritrovano come ogni anno in vacanza al mare, tra amicizie e primi amori. Ma è quando Leo, Ricky, Zorba, Alice e Stella decidono di architettare uno scherzo ai danni della compagnia rivale, i Duraniani, che tutto cambia: lo scherzo, costruito con un’anima horror, si trasforma in orrore vero e proprio equando un cadavere verrà trovato alle colonie di Doria Marittima, niente sarà più come prima. Trent’anni dopo, un matrimonio riunisce i vecchi amici nello stesso luogo, svelando successi, fallimenti, vecchi e nuovi amori. (r.c.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 24 settembre.

Nella foto: lo scrittore Gianluca Morozzi e il suo libro L’ultima notte del Carnevale estivo

«L’ultima notte del Carnevale estivo», lo scrittore Gianluca Morozzi presenta il suo romanzo noir edito da Bacchilega
Cultura e Spettacoli 28 Luglio 2020

Presentazione anche a Castel San Pietro per «Davanti a quel muro» sulla strage del 2 agosto 1980

Prima dell”appuntamento imolese al festival organizzato dal presidio di Libera e dalla cooperativa Officina immaginata, sarà la rassegna Atlantide in Giardino, organizzata dalla libreria Atlantide e dall”associazione Giardino degli angeli a Castel San Pietro, a ospitare la presentazione del libro Davanti a quel muro, di Beatrice Masella e Claudia Conti, rispettivamente autrice e illustratrice, pubblicato dalla casa editrice Bacchilega Junior.

A quarant”anni dalla strage della stazione di Bologna, Beatrice Masella ci riporta a quel periodo attraverso la voce di un ragazzo quindicenne dei giorni nostri che dovrà confrontarsi con quegli eventi e con altri momenti della giovinezza dei suoi genitori, ricavando da questa esperienza il senso dell”importanza della memoria storica.
Il libro vanta la collaborazione dell’Associazione tra i familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna. (r.cr.)

Presentazione anche a Castel San Pietro per «Davanti a quel muro» sulla strage del 2 agosto 1980
Cronaca 15 Luglio 2020

Alberto Forchielli e Bacchilega editore devolvono i diritti d'autore del libro sul lockdown all'Azienda usl di Imola

Alberto Forchielli devolve i diritti d’autore del libro Che figata la quarantena, ma adesso sono cavoli nostri, scritto con Lorena Mirandola e Christian Fossi, e pubblicato da Bacchilega editore, all’Azienda usl di Imola.

«Un sincero ringraziamento da parte di tutti gli operatori dell’azienda sanitaria – commenta Andrea Rossi, direttore generale dell’Ausl cittadina –. E’ un libro che leggerò con molta attenzione e curiosità. Siamo molto onorati dagli attestati di fiducia che riceviamo e abbiamo ricevuto dai cittadini in questo periodo. Ci hanno aiutato a reagire e a combattere questa emergenza. Le donazioni come queste ci dimostrano come la solidarietà sia parte integrante e caratterizzante di tutto il nostro territorio». (r.cr.)

Nella foto: Alberto Forchielli insieme al direttore generale dell’Ausl di Imola Andrea Rossi e i giornalisti Lorena Mirandola e Christian Fossi

Alberto Forchielli e Bacchilega editore devolvono i diritti d'autore del libro sul lockdown all'Azienda usl di Imola
Cultura e Spettacoli 8 Luglio 2020

Alberto Forchielli presenta il libro sul lockdown pubblicato da Bacchilega Editore

Gli scenari mutano velocemente, come il virus che ci ha colpito in questa prima metà di un anno bisesto, funesto come da tempo non si ricordava. E’ difficile fare un’analisi e provare a dare una lettura di prospettiva: l’incertezza e gli scenari cambiano a una velocità a cui neppure il mondo digitale e globalizzato era abituato.

Che figata la quarantena, ma adesso sono cavoli nostri, il libro scritto da Alberto Forchielli (in collaborazione con Lorena Mirandola e Christian Fossi) ed edito da Bacchilega Editore che verrà presentato questa sera al ristorante Gastarea di Castel San Pietro alla presenza del’autore, è stato dunque tutto una sfida, un work in progress, difficile da concludere visto che il rischio era quello di far la fine del quotidiano del giorno prima, buono solo per incartare il pesce.
Un punto, arbitrariamente, è stato messo alla vigilia degli Stati Generali; per fortuna la tecnologia aiuta e molto probabilmente la successiva versione ebook avrà degli aggiornamenti. Una sfida che solo Alberto Forchielli, imolese come la cooperativa Corso Bacchilega, che edita il volume, poteva accettare. (r.cr.)

Fotografia di Marco Isola/Isolapress – La copertina del libro

Alberto Forchielli presenta il libro sul lockdown pubblicato da Bacchilega Editore
Cultura e Spettacoli 18 Giugno 2020

Premio Città di Cento a Daniela Iride Murgia, illustratrice pubblicata anche da Bacchilega Junior

Cento, città in provincia di Ferrara, non è nota solo per l’antico Carnevale. Proprio a Cento è nato, infatti, il più grande riconoscimento italiano dedicato alla letteratura per ragazzi, almeno per età. Dal 1978, anno in cui la prima edizione è stata presieduta da Gianni Rodari, il Premio Letteratura Ragazzi è ininterrottamente organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cento. Dal 2004, parallelamente, si svolge il concorso riservato agli illustratori, che completa lo scopo dell’evento nella promozione non solo della lettura tra i giovani ma anche dell’arte dell’illustrazione, una delle forme visive della narrazione.

Ad aggiudicarsi il primo premio nella sezione degli illustratori è stata, quest’anno, Daniele Iride Murgia con il libro Tamo l’ippopotamo (Edizioni Corsare). Sarda di origini, Murgia vive fra l’Italia e la Danimarca, collaborando con diverse riviste ed editori nazionali e non. Nel corso della sua attività lavorativa ha vinto numerosi premi per i propri lavori realizzati con tecniche prevalentemente ma- nuali, fra chine, acquarelli, pastelli ma anche collage, cucitura e paper cutting. È anche insegnante di illustrazione alla Scuola Internazionale di Comics di Padova. Murgia ha anche illustrato per Bacchilega Junior il libro «Le mani di Anna» che racconta, con le precise parole di Sarah Zambello e con grande aiuto delle immagini di Murgia, la storia di una bambina indipendente che non parla, o meglio, parla attraverso i preparati di erbe che realizza con le proprie mani. (mi.mo.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 18 giugno.

Una illustrazione di Daniela Iride Murgia tratta da «Le mani di Anna» (Bacchilega Junior)

Premio Città di Cento a Daniela Iride Murgia, illustratrice pubblicata anche da Bacchilega Junior
Cultura e Spettacoli 23 Maggio 2020

Presentazione «social» per il libro «Prima e poi», la novità della primavera 2020 di Bacchilega Junior

Prima e poi, poi e prima, dentro il tempo il cuore sbrina. Si possono raccontare i momenti e gli incontri importanti della vita senza mai parlarne direttamente, ma solo dicendo il prima e il poi che li riguarda?

È questa la sfida del libro «Prima e poi», pubblicato da Bacchilega Junior fra le novità della primavera 2020. Un libro che è al tempo stesso un albo di illustrazioni e di poesie, due per ogni tema affrontato: la prima che racconta le aspettative di una relazione, o di un evento, la seconda che ne delinea le permanenze. Fra i temi trattati attraverso le parole mirate di Teresa Porcella e il tratto inconfondibile di Giorgia Atzeni vi sono la relazione fra fratelli e sorelle, il rapporto con le piante e gli animali da compagnia, il diventare grandi.

Domenica 24 maggio alle 18.30 l”autrice e l”illustratrice raccontano la genesi del libro “Prima e poi” intervistate dalla giornalista Donatella Trotta. Una presentazione dal vivo, pur a distanza, di un albo, come un album, che ha tanto da raccontare e che è stato raccontato, fra gli altri, su Internazionale e su Rai Radio Kids. L”evento è visibile in diretta sulla pagina Facebook di Bacchilega Junior (e anche qui sotto). (mi.mo.)

Nella foto: la copertina dell’evento

Presentazione «social» per il libro «Prima e poi», la novità della primavera 2020 di Bacchilega Junior
Cultura e Spettacoli 29 Aprile 2020

Il libro «Il sogno di Ditino» di Bacchilega Junior parla anche in cinese

È scritto, anche in cinese semplificato, il titolo del libro pubblicato dall’editore imolese Bacchilega Junior nel 2018, Il sogno di Ditino (per saperne di più), i cui diritti esteri sono da poco stati acquistati in Cina. Un segnale concreto di speranza, pur fatta di carta, per un futuro imminente più roseo del presente difficile che stiamo vivendo.

Ma anche un segnale culturalmente positivo che mostra come le storie e i libri viaggino in lungo e in largo per il mondo senza confini. A compiere questo viaggio, stavolta, è Ditino, protagonista del libro per piccolissimi lettori da 0 a 3 anni scritto in rima da Elisa Mazzoli e illustrato da Marianna Balducci con la particolare tecnica della foto-illustrazione che già nel precedente Il viaggio di Piedino aveva assicurato alla coppia e all’editore il prestigioso premio nazionale NatiPerLeggere.

Il ditino ritratto in fotografia appartiene allo stesso bambino di Piedino, Marco, un anno dopo. Anche i diritti di Piedino sono stati venduti all’estero. Il sogno di Ditino racconta le prime autonomie dei bambini a partire dall’anno e mezzo di età, quando il camminare si fa sicuro e la voglia di esplorare è ancora più grande. Quell’età in cui i bambini mettono i loro ditini proprio dappertutto: così, nel libro, Ditino vola, tocca, esplora, colora, segna, legge, fa il bagnetto, mangia. «È sempre emozionante che un proprio libro sia di interesse per persone di un Paese diverso da quello in cui la storia è nata – racconta l’autrice -. In un momento storico come questo che stiamo vivendo, poi, ricordarci di essere tutti cittadini del mondo, collegati gli uni agli altri come fossimo sulla stessa barca, è più che mai importante. La letteratura è da sempre un ponte fra le diversità, le storie viaggiano in tutte le direzioni, ed è bello sapere che bambini italiani e cinesi potranno avere in comune, fra tante cose simili e tante altre diverse, la storia di Ditino». (mi.mo.)

Nella foto: da sinistra, la copertina del libero in cinese ed in italiano

Il libro «Il sogno di Ditino» di Bacchilega Junior parla anche in cinese
Cronaca 16 Aprile 2020

«Buongiorno, Tigre!», il libro per bambini di Bacchilega Junior a sostegno della Protezione Civile dell’Emilia-Romagna

Possono le storie salvare il mondo? Questa potrebbe sembrare una domanda un po’ retorica e un po’ romantica, ma chi crede nel potere della letteratura sa bene che tutto è possibile. Nei momenti difficili e complicati, ad esempio, le storie possono dare una grossa mano: ci portano fuori quando fuori non possiamo andare, raccontano i più minuti segreti del mondo quando il mondo può essere visto solo da lontano e ci insegnano come stare vicini in una maniera diversa quando siamo costretti a prendere le distanze gli uni dagli altri.

Ma c’è di più, le storie possono dare anche un aiuto concreto. Ne è un chiaro esempio il nuovo progetto «Buongiorno, Tigre!», al tempo stesso un libro illustrato di prossima pubblicazione a cura dell’editore cooperativo imolese Bacchilega Junior, insieme all’associazione culturale Barbablù di Cesena e il giornale per bambini Lo Spunk (e dove un’anticipazione della storia in questione era già uscita sul numero 4/2019), al fine di raccogliere fondi in favore della Protezione Civile dell’Emilia Romagna per l’emergenza Covid-19. Così, tutti coloro che parteciperanno donando una somma attraverso la piattaforma DeRev riceveranno in cambio il libro che l’autrice Elisa Rocchi e l’illustratrice Maria Gabriella Gasparri, entrambe da anni nel mondo della letteratura junior, stanno realizzando a titolo gratuito. Insieme a loro, il grafico Niccolò Mingolini per il progetto editoriale.

«Buongiorno, Tigre!», pubblicato da Bacchilega Junior, sarà un libro illustrato che racconta le abitudini e la routine della tigre appena sveglia. Lavarsi i denti, pettinarsi, fare colazione ma soprattutto… allenare il buon umore! Consigliato a bambini (e non) che amano gli animali, le illustrazioni, le rime; che vogliono sorridere insieme a genitori, zii, nonni; che al mattino, appena svegli, sono pronti a qualunque impresa (o quasi). (r.c.)

Nella foto: l’anticipazione di «Buongiorno, Tigre!» all’interno de Lo Spunk

«Buongiorno, Tigre!», il libro per bambini di Bacchilega Junior a sostegno della Protezione Civile dell’Emilia-Romagna
Cronaca 25 Settembre 2019

Domani sera il giornalista Paolo Condò a Imola per presentare il suo nuovo libro. Presente anche Giancarlo Marocchi e l'Imolese

Gli amanti del grande calcio, e non solo loro, non vedono l’ora che arrivi domani sera, quando uno dei più grandi giornalisti sportivi italiani verrà a Imola a presentare il suo nuovo libro. Stiamo ovviamente parlando di Paolo Condò, 61enne triestino e grande tifoso degli alabardati (che hanno appena cambiato l’allenatore, esonerando mister Pavanel), per anni firma di punta della Gazzetta dello Sport prima di passare nel 2015 a Sky e unico membro italiano designato per la votazione del Pallone d’Oro.

Il famoso giornalista, che per Sky cura la rubrica «Mister Condò», nella quale racconta, sottoforma di intervista, storie ed aneddoti sui principali tecnici del panorama calcistico italiano (e non solo), sarà a Imola domani, giovedì 26 settembre, per la presentazione del libro «La storia del calcio in 50 ritratti» (editrice Centauria, 160 pagine, 19,90 euro il prezzo). Nel libro Condò parla dei 50 personaggi che, dalla nascita della Coppa dei Campioni nel 1955, hanno lasciato un segno nella storia del calcio. L’appuntamento è per le ore 21 nella Sala delle Stagioni, in via Emilia 25. Saranno presenti anche Giancarlo Marocchi e rappresentanti dell’Imolese Calcio. (an.cas.)

Nella foto: Paolo Condò e Giancarlo Marocchi

Domani sera il giornalista Paolo Condò a Imola per presentare il suo nuovo libro. Presente anche Giancarlo Marocchi e l'Imolese

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast