Posts by tag: banca di imola

Economia 30 Marzo 2021

Banca di Imola chiude il bilancio 2020 con un utile di oltre 1 milione di euro

Banca di Imola ha chiuso il bilancio d’esercizio 2020 con un utile netto di 1 milione 44 mila euro. L’assemblea ordinaria dei soci ha deliberato la distribuzione di un dividendo di 5 centesimi di euro, per ogni azione ordinaria, in contanti, e di destinare a riserva di 638 mila euro. «Nonostante la situazione economica generale rimanga complessa, pur con alcuni timidi segnali di ripresa – fa sapere l’istituto bancario del gruppo La Cassa di Ravenna – i dati di movimentazione delle varie attività e servizi alla clientela sono positivi e in crescita a dimostra-zione del grado di fiducia di cui gode la Banca di Imola». In forte crescita la raccolta diretta da clientela, pari a 1.474 milioni di euro (+14,8%), mentre gli impieghi verso imprese e famiglie ammontano a 882 milioni di euro (-0,29%). L’assemblea all’unanimità ha poi eletto il nuovo Consiglio di amministrazione per il prossimo triennio, confermando Giovanni Tamburini alla presidenza, Antonio Patuelli alla vicepresidenza e Alberto Domenicali nel ruolo di presidente onorario. (lo.mi.) 

Nella foto: da sinistra, il presidente di Banca di Imola, Giovanni Tamburini, e il direttore generale, Sergio Zavatti

Banca di Imola chiude il bilancio 2020 con un utile di oltre 1 milione di euro
Economia 16 Febbraio 2021

Banca di Imola, positivo il bilancio 2020 approvato dal Consiglio di Amministrazione

Il Consiglio di Amministrazione di Banca di Imola, presieduto da Giovanni Tamburini, su proposta del direttore generale Sergio Zavatti, ha approvato i risultati relativi all’esercizio chiuso al 31 dicembre 2020, a conclusione del primo anno della pandemia da Covid-19. La Banca di Imola, appartenente al Gruppo bancario privato ed indipendente La Cassa di Ravenna, ha chiuso l’esercizio 2020 positivamente, con un utile netto di 1 milione e 44 mila euro, dopo aver assolto ai contributi obbligatori e gli altri oneri riguardanti i salvataggi di banche concorrenti, disposti dalle competenti Autorità, per 1 milione 526 mila euro. Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato la proposta di distribuzione di un dividendo pari a 5 centesimi di euro per azione in contanti.

La raccolta diretta da clientela, in pronunciata crescita, si attesta a 1.474 milioni di euro (+14,8%) e la raccolta indiretta ammonta a 2.096 milioni di euro (-0,7%), di cui il risparmio gestito (comprensivo dei prodotti finanziario-assicurativi) ha raggiunto i 1.169 milioni di euro (+ 7,21%). La raccolta complessiva da sola clientela ammonta a 3.570 milioni di euro (+ 5,1%), mentre si conferma il sostegno alle attività economiche di imprese e famiglie con impieghi che ammontano a 882 milioni di euro (-0,29%). Sempre ingenti e prudenti le rettifiche sui crediti pari a 9 milioni 522 mila euro (-10,13%). Banca di Imola ed il suo Gruppo di appartenenza, La Cassa di Ravenna, continuano ad avere indicatori patrimoniali di eccellenza e di grande solidità.  In particolare, per Banca di Imola il CET 1 è salito al 22,04% (nel 2019 19,27%) ed il Total Capital Ratio  al 24,33% (nel 2019 23,29%), valori che sono abbondantemente superiori a quanto richiesto dalle normative vigenti.
Banca di Imola opera con 36 sportelli nelle Province di Bologna, Ravenna, Ferrara e Firenze. (r.e.)

Banca di Imola, positivo il bilancio 2020 approvato dal Consiglio di Amministrazione
Cronaca 29 Settembre 2020

Dopo il «colpo» riaperta al pubblico la filiale della Banca di Imola di Spazzate Sassatelli

A poco più di un mese dal colpo del 22 agosto scorso, quando ignoti poi individuati dai carabinieri fecero saltare lo sportello bancomat prima di fuggire con il denaro, la Banca di Imola ha riaperto al pubblico la filiale di Spazzate Sassatelli.

Promessa mantenuta, quindi, visto che lo stesso Istituto di credito si era impegnato ad effettuare i lavori con la massima celerità possibile, consapevole di fornire un servizio essenziale, ancor più perché è l’unico sportello bancario presente nella frazione. (da.be.)

Nella foto: la filiale della Banca di Imola di Spazzate Sassatelli

 

Dopo il «colpo» riaperta al pubblico la filiale della Banca di Imola di Spazzate Sassatelli
Cronaca 1 Settembre 2020

La Banca di Imola al più presto riaprirà la filiale di Spazzate Sassatelli danneggiata dopo l’esplosione

La Banca di Imola, dopo che il 22 agosto scorso alcuni malviventi fecero esplodere il bancomat della filiale di Spazzate Sassatelli che causò notevoli danni alla struttura e agli arredi, ha comunicato che i lavori per il ripristino della filiale sono già iniziati e  lo sportello bancario sarà riattivato al più presto. Riteniamo questa decisione doverosa nei confronti di una comunità che ha sempre riposto fiducia nella Banca, sia anche la ferma risposta ad un atto criminale dal quale non intende farsi condizionare. Consapevole di fornire un servizio essenziale per la comunità di Spazzate Sassatelli, a maggior ragione perché è l’unico sportello bancario presente, confermiamo che continueremo ad essere presente e ci auguriamo di consolidare ancora di più il rapporto con le famiglie e le imprese del territorio».

Banca di Imola, infine, ha ringraziato le forze dell’ordine, in particolare la Squadra Mobile della Questura di Bologna e i carabinieri della Compagnia di Bologna-Borgo Panigale, per la tempestiva operazione cha ha assicurato alla giustizia gli appartenenti alla cosiddetta «banda del bancomat». (da.be.)

Nella foto: la filiale della Banca di Imola a Spazzate Sassatelli

La Banca di Imola al più presto riaprirà la filiale di Spazzate Sassatelli danneggiata dopo l’esplosione
Cronaca 28 Luglio 2020

Ecobonus, Banca di Imola pronta a sostenere la liquidità di privati e imprese

La Banca di Imola è pronta per sostenere la liquidità delle imprese, dei condomini e dei privati a seguito dell”approvazione delle agevolazioni fiscali fino al 110% (cosiddetto ecobonus) sulle spese di riqualificazione energetiche e sismiche degli edifici sostenute fra il 1° luglio di quest”anno e il 31 dicembre del 2021.

L”istituto di credito e La Cassa di Ravenna Spa (il gruppo di cui la Banca di Imola fa parte, si dicono «pronte a prevedere innovative soluzioni – si legge in un comunicato stampa -, con l’acquisto dei crediti di imposta e consulenza per i clienti interessati, rivolte sia a privati e famiglie, ai condomini e sia a imprese impegnate nei lavori di riqualificazione e ai fornitori di impianti».
Il gruppo «porrà in essere ogni strumento utile e necessario per restituire al sistema economico quella liquidità fondamentale per il rilancio dell’economia territoriale – aggiunge la nota -, nell’ottica di un sostegno di qualità per la riqualificazione energetica degli edifici e per la valorizzazione del nostro patrimonio immobiliare». (r.cr.)

Ecobonus, Banca di Imola pronta a sostenere la liquidità di privati e imprese
Cronaca 15 Luglio 2020

Tommaso Vegetti nuovo vicedirettore generale della Banca di Imola

Il Consiglio di amministrazione di Banca di Imola, presieduto da Giovanni Tamburini, d’intesa con la capogruppo La cassa di Ravenna, presieduta da Antonio Patuelli, ha nominato Tommaso Vegetti vicedirettore generale di Banca di Imola.
Vegetti è entrato in Banca di Imola nel 1994 e ha fatto all’interno della Banca tutto il suo percorso professionale, fino a diventare Capo zona Circondario, con il coordinamento di 24 filiali. Ora andrà a rafforzare il gruppo dirigente della Banca, collaborando con il direttore generale Sergio Zavatti e l’altro vicedirettore generale e responsabile del Private banking Maurizio Bortolotti. (r.cr.)

Tommaso Vegetti nuovo vicedirettore generale della Banca di Imola
Cronaca 30 Giugno 2020

Banca di Imola aderisce al protocollo di intesa sul «bonus vacanze»

La Banca di Imola ha aderito al protocollo d’intesa sottoscritto dall’Abi e da Federalberghi per favorire la conoscenza delle misure contenute nel D.L. n. 34 (c.d. Decreto Rilancio) che promuove una nuova importante agevolazione per le famiglie, introducendo un credito d’imposta (c.d. Bonus vacanze) per il pagamento dei servizi offerti in ambito nazionale da imprese turistico-ricettive.

«Banca di Imola si è immediatamente attivata per concretizzare la cessione del credito d’imposta dai beneficiari ed assicurare supporto e consulenza alle aziende del settore – spiega l’istituto –, per l’importanza che il settore turistico alberghiero riveste nei territori di insediamento, per consistenza qualitativa, organizzativa, numero di imprese, addetti diretti occupati ed indotto generato dal settore». (r.cr.)

Fotografia di Marco Isola/Isolapress

Banca di Imola aderisce al protocollo di intesa sul «bonus vacanze»
Cronaca 9 Giugno 2020

L’assemblea dei soci della Banca di Imola approva il bilancio. Utili per 1 milione e 751mila euro

Il bilancio 2019 della Banca di Imola si chiude con un utile netto di 1 milione e 751 mila euro, che sarebbe stato di 2 milioni e 538 mila euro se non vi fossero stati i contributi obbligatori e gli altri oneri riguardanti i salvataggi di banche concorrenti disposti dalle Autorità competenti.
L’assemblea ha deliberato, in conformità alla raccomandazione della Banca d’Italia del 27 marzo, di non distribuire il dividendo durante il periodo di emergenza sanitaria ed epidemiologica da Covid19 e di destinarlo a riserva di utili.

«Nonostante una situazione economica generale che rimane complessa, pur con alcuni timidi segnali di ripresa, i dati di movimentazione delle varie attività e servizi alla clientela sono positivi ed in crescita – commenta l”istituto di credito -, a dimostrazione del grado di fiducia e della credibilità di cui gode Banca di Imola». (r.cr.)

Nella foto (Isolapress): filiale della Banca di Imola

L’assemblea dei soci della Banca di Imola approva il bilancio. Utili per 1 milione e 751mila euro
Cronaca 20 Maggio 2020

Banca di Imola in campo per garantire liquidità aggiuntiva a Comuni e Province

La Banca di Imola ha prontamente aderito alla convenzione sottoscritta tra l’ABI, l’Anci (Associazione nazionale comuni italiani) e l’Upi (Unione province d’Italia) per concedere la possibilità di sospensione per un periodo di 12 mesi del pagamento della quota capitale delle rate dei mutui, in scadenza nel 2020, dei finanziamenti in capo ai Comuni e alle Province.
«Con tale facilitazione i Comuni e le Province potranno disporre di liquidità aggiuntive per sostenere le maggiori spese causate dall’emergenza sanitaria conseguente alla diffusione da Covid-19», spiega il gruppo La cassa di Ravenna. (r.cr.)

Banca di Imola in campo per garantire liquidità aggiuntiva a Comuni e Province
Cronaca 29 Aprile 2020

Le banche alla prova del post-Covid. Banca di Imola: «Moltissime richieste per i finanziamenti alle imprese»

Il sistema bancario è un tassello fondamentale dell’economia e lo sarà anche per la ripartenza dopo l’emergenza Covid-19. Lunedì 20 sono partiti i famosi prestiti sotto i 25 mila euro da erogare «in giornata» o quasi. E ci sono le misure del «Cura Italia» e quelle del «decreto liquidità», il Fondo di garanzia delle Pmi e le richieste di anticipo sulla cassa integrazione. Per capire qual è la situazione nel circondario imolese ci siamo rivolti a tre istituti radicati nel territorio. Concludiamo con la Banca di Imola.

Dopo il «cura Italia» e il «decreto liquidità», attendiamo ulteriori misure economiche del Governo per sostenere la ripresa o meglio la «ripartenza». Ma quali sono state le richieste più frequenti che vi sono arrivate in queste settimane da famiglie e imprese e quali interventi avete messo in campo? Ad esempio, quante richieste di moratoria di finanziamenti avete accolto finora e per quale importo complessivo?
«La tipologia di clientela più rappresentata in Banca di Imola sono proprio le famiglie e le piccole e medie imprese – precisa Giovanni Tamburini, presidente della Banca di Imola Spa, che fa parte del Gruppo bancario La Cassa di Ravenna -, che fin dall’emanazione dei primi decreti si sono rivolte a noi per poter accedere quanto prima alle varie misure previste. Immediate e numerose le richieste di moratoria sui mutui, sia da parte delle famiglie, in particolare per i mutui prima casa, sia da parte delle imprese, così come quelle per l’anticipazione della cassa integrazione. Moltissime richieste anche per i finanziamenti alle imprese, sia per importi fino a 25.000 euro, che superiori a tale soglia». (r.cr.)

L”intervista completa nel numero del Sabato sera del 23 aprile

Le banche alla prova del post-Covid. Banca di Imola: «Moltissime richieste per i finanziamenti alle imprese»

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast