Posts by tag: biblioteca

Cronaca 14 Settembre 2020

Da domani a Imola riprendono gli orari invernali di apertura al pubblico delle biblioteche comunali

Da domani, martedì 15 settembre, e fino al 14 giugno, nelle biblioteche comunali di Imola tornano gli orari invernali di apertura al pubblico in vigore prima dell’inizio della pandemia. Restano però in vigore tutte le misure adottate per garantire la sicurezza dei lettori e del personale. Ovvero presenze contingentate negli spazi e nelle sale studio, obbligo di indossare la mascherina, mantenimento della distanza interpersonale e igienizzazione delle mani e dei locali.Per quanto riguarda la Bim di via Emilia, saranno complessivamente 66 (6 in più rispetto alla capienza massima di luglio) i posti studio. Riaprirà inoltre al pubblico l’emeroteca con 4 postazioni dedicate alla lettura di giornali e riviste.

Gli orari della Biblioteca comunale.  Lunedì e sabato 8.30-13.00, dal martedì al venerdì 8.30-18.45 (dalle 13 alle 14.15 solo servizio di prestito a piano terra perché le sale di studio non sono accessibili per igienizzazione spazi causa emergenza sanitaria), martedì 20.00-22.00. Ripristinate 2 postazioni pc di accesso al catalogo on line per i lettori. Sono previsti due turni giornalieri (8.30-13 e 14.15-18.45) con sanificazione dei tavoli, delle sedute e dei servizi igienici durante la pausa pranzo (13.00-14.15) e il martedì prima della riapertura serale.

La sala archivi e rari aprirà al pubblico con quattro posti disponibili dal martedì al sabato dalle 9 alle 13 e il martedì dalle 14.15 alle 18.30. Prenotazione obbligatoria di sedute e documenti alla mail prenotazioniarchivirari.bim@comune.imola.bo.it o chiamando lo 0542-602618.

Casa Piani. La sezione ragazzi della Bim attiverà tutti i servizi, ma non sarà possibile fermarsi per giocare nello Spazio 0-5 anni del primo piano. Nella ludoteca potranno essere accolti fino a un massimo di 10 bambini/adulti con mascherina.
Anche presso Casa Piani è prevista la sanificazione dei servizi igienici a metà giornata, durante la pausa di chiusura. 

Da domani a Imola riprendono gli orari invernali di apertura al pubblico delle biblioteche comunali
Cronaca 13 Settembre 2020

L’Antica biblioteca rinasce nell’ex convento dell’Osservanza

Antiche pitture che rivedono la luce. Spazi che prendono nuova vita diventando più ampi e funzionali. Continuano all’ex convento dell’Osservanza di Imola i lavori partiti nel 2017 per ristrutturare l’edificio risalente al XV secolo che è ora sede della parrocchia di San Cassiano e che racchiude, oltre all’ex convento vero e proprio, anche la chiesa di San Michele Arcangelo e il santuario della Beata Vergine delle Grazie.

Dopo la risistemazione del tetto, il restauro del primo chiostro e gli interventi nel santuario relativi in particolare a riscaldamento e illuminazione, tocca ora a due settori del primo piano e del piano terra. «È in corso il terzo stralcio di interventi, i quali riguardano due porzioni dell’edificio che si affacciano sui chiostri: una parte al piano terra e una al primo piano che guardano il primo chiostro, una parte al piano terra e una al primo piano che si affacciano sul secondo chiostro – spiega l’architetto Stefania Campomori di Alba Progetti, progettista e direttore dei lavori -, coinvolgendo circa 800 metri quadrati di superficie. Nel 2017 è stato presentato alla Soprintendenza il progetto relativo alla parte del secondo chiostro dove saranno rea- lizzate delle aule didattiche, comportando quindi anche la necessità di creare nuovi vani scala, di rendere gli spazi accessibili ai diversamente abili, di realizzare servizi igienici. La parrocchia, che è il committente dei lavori, ha ottenuto finanziamenti Cei per questo progetto, ed ha poi pensato anche di recuperare gli spazi utilizzati dagli scout al primo piano, che si affacciano sul primo chiostro, e la sala Gardi al piano terra, una seconda parte di lavori che nel 2019 ha ricevuto le autorizzazioni e una parte dei finanziamenti. La Diocesi ha così deciso di procedere ad un unico bando per l’assegnazione di questi lavori, per un importo da contratto di 523.000 euro. L’assegnazione c’è stata a febbraio 2020: la gara è stata vinta dall’associazione temporanea d’impresa costituita da Pmvc e Icea sulla base di un piccolo sconto e alcune migliorie sul progetto iniziale».

Negli spazi che verranno ristrutturati saranno così ricavati aule didattiche, aule per il catechismo, nuovi blocchi per i servizi igienici al primo piano e al piano terra, nuovi collegamenti verticali (un vano scala recuperato e restaurato e un vano scala nuovo, predisposto come uscita di sicurezza e per l’accessibilità alle persone con disabilità motoria). «I lavori, che avrebbero dovuto iniziare a marzo, sono stati fermati per l’emergenza sanitaria – continua l’architetto Campomori -. Sono quindi partiti il 6 maggio e si concluderanno a fine febbraio-inizio marzo 2020. Nell’area utilizzata dal gruppo Scout Imola 1, abbiamo trovato nascoste da un vecchio controsoffitto pitture che facevano capire come quelli fossero spazi ritenuti importanti all’epoca della costruzione. Abbiamo quindi effettuato delle ricerche arrivando alla conclusione che lì c’era l’Antica biblioteca del primo convento quindi, in accordo con la Soprintendenza, abbiamo deciso l’abbattimento delle partizioni interne per poter riportare alla luce un grande spazio che diventerà una sala conferenze di 75 metri quadrati. I dipinti cinquecenteschi che decoravano la fascia di coronamento dello spazio dell’antica biblioteca saranno visibili, e nell’importo a bando era già compresa una quota per i restauri che saranno eseguiti da Loredana Di Marzio che ha già lavorato nel convento. Mentre gli scout troveranno spazio in altre stanze che stiamo restaurando». (r.cr.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 10 settembre.

Nella foto: l’ingegner Daniele Mirri di Alba Progetti (che si è occupato del progetto per gli impianti elettrici e speciali), Manuele Serafini del gruppo scout Agesci Imola 1, don Antonello Caggiano Facchini, l’architetto Stefania Campomori e Maurizio Barelli

L’Antica biblioteca rinasce nell’ex convento dell’Osservanza
Cronaca 17 Agosto 2020

Domani riapre la biblioteca di Castel San Pietro, ancora chiusa quella di Osteria Grande

Dopo la settimana di ferie da domani, martedì 18 agosto, riapre la biblioteca comunale di Castel San Pietro. Prosegue invece per una seconda settimana, fino al 22 compreso, la pausa estiva della biblioteca di Osteria Grande.

Da domani si potrà quindi tornare nella biblioteca del capoluogo per scegliere le letture da gustare nel tempo libero di questa calda estate: libri per tutti, per sognare, rilassarsi e appassionarsi. Adulti e bambini possono scegliere autonomamente i libri tra gli scaffali, nel rispetto delle indispensabili misure di sicurezza: mascherina, igienizzazione delle mani e distanziamento, come previsto dal Protocollo di Sicurezza Anticontagio Emergenza Coronavirus adottato dalle biblioteche comunali di Castel San Pietro per salvaguardare la salute dei cittadini e dello staff. Inoltre si potrà tornare a usufruire di una parte delle postazioni per lo studio e la lettura collocate nel soppalco della sezione adulti. Per poter accedere alle postazioni, è necessario rivolgersi agli operatori all’ingresso della biblioteca che assegneranno i posti fino ad esaurimento e indicheranno le regole di sicurezza da rispettare.

Per tutte le informazioni, orari compresi, visitare il sito del Comune di Castel San Pietro, inviate una mail a biblioteca@cspietro.it oppure chiamate il numero 051-940064 (Castel San Pietro) o  051-945413 (Osteria Grande). (r.cr.)

Nella foto: la biblioteca di Castel San Pietro

Domani riapre la biblioteca di Castel San Pietro, ancora chiusa quella di Osteria Grande
Cronaca 30 Giugno 2020

Da domani ripartono sale studio e scaffale aperto della Bim

Dopo oltre un mese dalla riapertura dei servizi di prestito, le Biblioteche comunali ampliano progressivamente i loro servizi al pubblico. Da domani torna la possibilità per gli utenti di scegliere direttamente i libri da prendere a prestito a scaffale aperto e di tornare a studiare in biblioteca nelle sale studio.

La riapertura dei servizi bibliotecari e archivistici imolesi prosegue quindi con ulteriori riaperture che prevedono: la possibilità per gli utenti di accedere direttamente, per tempi limitati, allo scaffale aperto per la scelta dei libri da prendere in prestito, la possibilità per gli studenti di studiare in sede, presso postazioni appositamente dedicate e distanziate, in Bim, e la conduzione di attività culturali presso il cortile della Bim e di attività strutturate e laboratoriali per bambini presso gli spazi aperti di Casa Piani e delle altre biblioteche cittadine (r.cr.)

Da domani ripartono sale studio e scaffale aperto della Bim
Cronaca 7 Giugno 2020

Coronavirus, a Imola torna l’orario estivo nelle biblioteche e riapre la sala archivi

Dal 18 maggio 2020 le biblioteche comunali hanno riattivato alcuni servizi, con gradualità e con orari ridotti, al fine di rispettare le cautele necessarie per garantire la sicurezza sia degli operatori sia degli utenti. Da domani, 8 giugno, invece le biblioteche, la sezione ragazzi Casa Piani e le sale decentrate riprendono il consueto orario estivo, ad eccezione della apertura serale del martedì sera della Bim, che rimane sospesa. 

Durante l’apertura sono attivi il servizio di prestito dei libri e documenti multimediali. E’ consigliata la prenotazione, contattando via mail il servizio o telefonando durante gli orari di apertura al pubblico, al fine di ridurre le attese, in particolare per chi accede alla sezione ragazzi. Ricordiamo che è possibile vedere anche da casa quali titoli si possono prendere a prestito consultando il catalogo online. I bibliotecari, contattati via mail o via telefono, confermeranno se i documenti sono disponibili e quando è possibile venire a ritirarli.

L’accesso libero agli scaffali, ai pc di consultazione internet, alle sale di studio e agli spazi gioco ragazzi sono temporaneamente sospesi in via cautelativa, secondo quanto previsto dai protocolli di sicurezza per gli istituti culturali. Sospesi in questa fase anche il servizio di prestito interbibliotecario e intersistemico, che avviene tramite corriere o altri mezzi di trasporto. Riprende invece, ma solo su appuntamento e a orario ridotto dal martedì al venerdì, la consultazione delle collezioni storiche e imolesi e dei fondi archivistici e documentari presso la sala archivi e rari. Saranno ammesse due persone per volta che dovranno prenotare la documentazione da consultare, al fine di evitare attese, contattando anticipatamente il servizio.

Tutte le informazioni utili, orari di apertura e contatti. (da.be.)

Coronavirus, a Imola torna l’orario estivo nelle biblioteche e riapre la sala archivi
Cronaca 26 Maggio 2020

Coronavirus, dal 3 giugno riaprono biblioteca di Osteria Grande e archivio storico

Dopo la biblioteca di Castel San Pietro il 3 giugno riaprirà ufficialmente anche la biblioteca di Osteria Grande con sede nel centro civico di viale Broccoli 41. Anche qui saranno per il momento attivati i soli servizi di prestito (preferibilmente su prenotazione) e di restituzione dei libri o di altri documenti. In attesa di nuove indicazioni in merito della Regione Emilia-Romagna, non è quindi ancora permesso l”ingresso in biblioteca per la scelta di libri, lettura, studio, consultazioni e ricerche, ma solo per rendere i documenti e ritirare quelli prenotati.

Prosegue comunque il servizio di consegna a domicilio per le persone in difficoltà, che viene effettuato il venerdì mattina dai volontari del Centro Operativo Comunale (Coc) su tutto il territorio comunale, sempre su prenotazione. Inoltre a partire dal 3 giugno sia la biblioteca di Castello che quella di Osteria saranno aperte con l’orario estivo, che in via eccezionale verrà quindi anticipato rispetto all”inizio solito del 15 giugno. L’unica differenza di orario rispetto agli anni scorsi sarà a Osteria Grande, dove la struttura rimarrà chiusa anche nella giornata del venerdì, oltre a quella consueta del lunedì. L’orario estivo rimarrà in vigore, come sempre, fino al 15 settembre. Non è ancora possibile la consultazione in sede dei documenti presenti presso l’Archivio storico, le richieste possono essere inviate alla email biblioteca@cspietro.it. Sarà il personale delle biblioteche, ove possibile, a ricercare quanto richiesto.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni scrivere all’indirizzo biblioteca@cspietro.it o telefonare al numero 051-945413. (da.be.)

Nella foto (concessa dal Comune di Castel San Pietro): il centro civico di Osteria Grande

Coronavirus, dal 3 giugno riaprono biblioteca di Osteria Grande e archivio storico
Cronaca 17 Maggio 2020

Coronavirus, orari provvisori da domani alla biblioteca di Castello per prestiti e restituzioni

Ulteriore passo avanti per la normalità a Castel San Pietro, in questa fase 2 dell’emergenza Coronavirus. Da domani, lunedì 18 maggio, infatti, la biblioteca comunale aprirà con un orario provvisorio ridotto nelle mattine dal lunedì al venerdì (8,30-13) e nei pomeriggi di martedì e giovedì (14,30-17).

Va ricordato che i servizi consentiti sono quelli di prestito, già attivo (su prenotazione e appuntamento via posta elettronica all”indirizzo biblioteca@cspietro.it o telefonica al numero 051/940064) e, novità, anche di restituzione dei libri o di altri documenti. Prosegue inoltre il servizio di consegna a domicilio che viene effettuato il venerdì mattina dai volontari del Centro Operativo Comunale (Coc), sempre su prenotazione via e-mail o telefonica. Rimane vietato l”ingresso in biblioteca per la scelta di libri, lettura, studio, consultazioni e ricerche. L’archivio storico e la biblioteca di Osteria Grande, invece, rimarranno chiusi al pubblico fino al 23 maggio.

Per ulteriori informazioni cliccate qui. (da.be.)

Foto concessa dal Comune di Castel San Pietro

Coronavirus, orari provvisori da domani alla biblioteca di Castello per prestiti e restituzioni
Cronaca 5 Maggio 2020

La biblioteca di Medicina lancia prestito su prenotazione e consegna a domicilio per over 65

A Medicina, da giovedì, parte un servizio di prestito con prenotazione obbligatoria dei libri della biblioteca (l’accesso ai locali e la consultazione non sono permessi al momento), telefonando al numero 051/6979209 o scrivendo all’indirizzo e-mail serviziculturali@comune.medicina.bo.it.

Prima di effettuare la prenotazione si consiglia di consultare il catalogo on line Sebina You, catalogo delle biblioteche del polo bolognese, per verificare la disponibilità dei volumi. Una volta effettuata la prenotazione, l’utente riceverà indicazioni sul giorno, sull’orario e sulle modalità di ritiro.

«Oltre al servizio di prestito su prenotazione abbiamo attivato anche un servizio di consegna a domicilio rivolto agli over 65 o a chi presenta problemi di mobilità – spiega Enrico Caprara, presidente con delega alla Cultura –. Le consegne verranno fatte ogni mercoledì su prenotazione contattando il numero 051/6979209». (r.cr.)

La biblioteca di Medicina lancia prestito su prenotazione e consegna a domicilio per over 65
Cronaca 2 Maggio 2020

Coronavirus, il Comune di Imola aprirà le biblioteche e gli impianti sportivi non appena saranno predisposti i protocolli di sicurezza

Dopo l’ordinanza del presidente Bonaccini che entrerà in vigore il prossimo 4 maggio, il Comune di Imola, così come quello di Bologna, ha deciso che aprirà le biblioteche comunali e gli impianti sportivi comunali non appena saranno predisposti i protocolli di sicurezza che garantiranno l’utilizzo delle strutture in condizioni di sicurezza per i frequentatori ed il personale lavorativo.

Proprio su questi temi, infatti, il Comune di Imola è impegnato al «Tavolo metropolitano per la sicurezza sui luoghi di lavoro», in un confronto proficuo con le parti sociali e le istituzioni. (da.be.)

Nella foto: lo stadio Romeo Galli di Imola

Coronavirus, il Comune di Imola aprirà le biblioteche e gli impianti sportivi non appena saranno predisposti i protocolli di sicurezza
Cronaca 21 Aprile 2020

Coronavirus, a Castel Guelfo attivato il servizio di biblioteca a domicilio

In questo periodo di emergenza molti hanno riscoperto il piacere della lettura. Proprio per questo motivo la biblioteca di Castel Guelfo ha pensato di portare i libri… direttamente a casa.

Questo grazie alla preziosa collaborazione dei volontari della protezione civile chiunque può richiedere i libri tramite mail e gli saranno consegnati a casa il giovedì mattina a partire dal prossimo 23 aprile, giornata mondiale del libro. Con tutte le precauzioni possibili il volontario, munito di guanti e mascherina, suonerà il campanello e lascerà i volumi senza entrare in casa o nel palazzo. Se uno poi ha ancora prestiti scaduti potrà riconsegnarli alla riapertura della biblioteca, oppure in caso di richiesta di libri nuovi si potrà accordare per uno scambio il giorno della consegna.

Per tutte le informazioni: biblioteca@castelguelfo.bo.it oppure consultate il sito del Comune o la pagina Facebook ufficiale.

Nella foto: il volantino dell’iniziativa

Coronavirus, a Castel Guelfo attivato il servizio di biblioteca a domicilio

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast