Posts by tag: bretella

Cronaca 16 Settembre 2021

Pomeriggio nero sulla Bretella, due incidenti in poche ore e auto ribaltata

Due incidenti nel pomeriggio hanno interessato, a distanza di poche ore l’uno dall’altro, l’asse attrezzato. Il primo, secondo la ricostruzione della polizia locale, poco prima delle 14, quando una 58enne di Imola, mentre procedeva in direzione zona industriale, per cause da accertare, ha perso il controllo della sua Fiat Panda ribaltandosi su un fianco in mezzo alla carreggiata. Non sono rimaste coinvolte altre vetture. Sul posto vigili del fuoco e sanitari del 118 che hanno trasportato la donna all”ospedale di Imola. Per lei fortunatamente solo ferite lievi.

Il secondo, invece, è avvenuto intorno alle 16.50, sempre in via della Cooperazione. Una 71enne imolese viaggiava, anche lei su una Fiat Panda ed in direzione zona industriale quando, imboccando la rampa che porta al centro Leonardo, ha sbandato, finendo in testacoda. Anche in questo caso non sono rimaste coinvolte altre auto. Per la donna non è stato necessario il trasporto in ospedale. (da.be.)

Foto d”archivio

Pomeriggio nero sulla Bretella, due incidenti in poche ore e auto ribaltata
Cronaca 6 Agosto 2021

Bretella penultimo atto, nel 2022 tocca alle rotonde

L’attuale Amministrazione comunale di Imola l’ha ribadito più volte. L’intenzione è quella di completare la Bretella sulla scia del progetto originale a quattro corsie e in trincea, accantonando dunque definitivamente la «bretellina» ipotizzata dalla Giunta Sangiorgi.

Il primo passo formale in questo senso è l’approvazione da parte della Giunta del progetto esecutivo del secondo stralcio relativo al secondo tronco, ossia la realizzazione delle due rotonde in via Punta (dove da anni c’è una rotonda provvisoria con i new jersey bianchi e rossi) e in via Salvo D’Acquisto (dove termina l’attuale Bretella). Quest’ultima, rispetto all’attuale risulterà spostata di circa 100 metri verso la Montanara.

La realizzazione delle due rotatorie è un intervento fi- nanziato con 3 milioni di euro dal Fondo sviluppo e coesione 2014-2020 e inserito tra le opere strategiche per la mobi- lità metropolitana (cosiddetto Patto per Bologna). «Per non perdere il finanziamento di Città metropolitana, dobbiamo affidare i lavori entro la fine del 2021 e realizzare le due rotonde nei primi mesi del 2022» motiva l’assessore ai Lavori pubblici, Pierangelo Raffini. (gi.gi.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 5 agosto.

Nella foto: la Bretella dove si interrompe oggi all’altezza di via Salvo D’Acquisto

Bretella penultimo atto, nel 2022 tocca alle rotonde
Cronaca 15 Febbraio 2021

Bretella, in corso lavori di bonifica in via Salvo d'Acquisto a Imola

Lavori in corso in via Salvo d’Acquisto a Imola, dove l’8 febbraio è cominciata la bonifica bellica dell’area dove sorgerà la nuova rotonda al servizio de futuro prolungamento dell’asse attrezzato. L’intervento sarà realizzato con parte dei 3 milioni del Fondo sviluppo e coesione 2014-2020, stanziato per le opere strategiche per la mobilità metropolitana (cosiddetto Patto per Bologna). Fondi che devono essere impiegati entro il 2021 per evitare che siano dirottati dalla Regione su altre opere.

«Dopo il sondaggio effettuato dagli archeologi – spiegano da Area Blu – nei giorni scorsi è stata fatta la bonifica superficiale dell’area, mentre dalla prossima settimana sarà sondato il sottosuolo. Lì dove ora termina l’asse attrezzato sarà realizzato un nuovo sottopasso al di sopra del quale sarà collocata la nuova rotonda, che rispetto all’attuale risulterà spostata di circa 100 metri verso la Montanara». Entro fine marzo sarà consegnato il progetto, a seguire sarà effettuata la gara d’appalto dei lavori, che dovrebbero, il condizionale è d’obbligo, iniziare in autunno.

Il completamento invece del tratto della bretella tra via Salvo d’Acquisto e via Punta dipende dalla realizzazione della quarta corsia dell’A14 da parte di Autostrade Spa e dal conseguente stanziamento degli 11 milioni necessari alla conclusione dell’opera. (lo.mi.) 

Nella foto (Isolapress): il cantiere in via Salvo d’Acquisto a Imola

Bretella, in corso lavori di bonifica in via Salvo d'Acquisto a Imola
Cronaca 6 Novembre 2020

L’assessore Raffini e i lavori pubblici: «Entro il 2021 realizzare le due rotonde della Bretella»

«In tema di lavori pubblici stiamo decidendo ora le priorità. Sono per una politica chiara: prima di parlare, dobbiamo capire cosa c’è da fare e quali risorse abbiamo a disposizione». Non si sbilancia l’assessore Pierangelo Raffini riguardo alle scelte della Giunta in tema di investimenti. Per ora, il sindaco Panieri lo ha ribadito più di una volta, è assodata l’intenzione di andare avanti sul progetto originale della Bretella a quattro corsie e in trincea, accantonando definitivamente la «bretellina» in formato ridotto ipotizzata dalla Giunta Sangiorgi.

I tempi di realizzazione però, essendo l’opera finanziata (14 milioni di euro l’importo previsto) per la maggior parte (11 milioni di euro) da Autostrade Spa nell’ambito dell’accordo per la quarta corsia, sono più che mai incerti. Sicura, invece, è la necessità di realizzare entro il 2021 le due rotonde su via Salvo D’Acquisto (dove termina l’attuale Bretella) e su via Punta, intervento finanziato per 3 milioni di euro dal Fondo sviluppo e coesione 2014-2020 e inserito tra le opere strategiche per la mobilità metropolitana (cosiddetto Patto per Bologna). «C’è già lo studio di fattibi- lità – sottolinea Raffini – ed entro marzo occorre mettere mano al primo step, pena la perdita del finanziamento». «Fondamentale – aggiunge Raffini – è anche il capitolo manutenzioni. Se continuare a seguire o meno la strada degli accordi quadro con Area Blu, ad esempio per le asfaltature, lo valuteremo. Di certo serve una gestione più puntuale della manutenzione, dalle scuole al verde e alle ciclabili. Ne parleremo con tutti gli assessori coinvolti con l’obiettivo di fare un piano e poi mantenerlo». (mi.ta.)

Nella foto: il punto dove termina l’attuale Bretella

L’assessore Raffini e i lavori pubblici: «Entro il 2021 realizzare le due rotonde della Bretella»
Cronaca 3 Settembre 2020

L'assessore regionale Andrea Corsini “fiducioso' su iter e finanziamenti per Bretella e Trasversale di pianura

L”assessore regionale dell”Emilia Romagna Andrea Corsini è “fiducioso” che l”attesa sia finita per Bretella e Trasversale di pianura, due opere prioritarie non solo per i due comuni più interessati, Imola e Medicina, ma per tutto il circondario, la Città metropolitana e i collegamenti verso l”Interporto e il porto di Ravenna.

«Il tempo delle attese è finito» ha dichiarato Corsini, assessore alle Infrastrutture, Turismo, Trasporti e Commercio, giunto a Imola per l’incontro organizzato il 31 agosto scorso dal Pd con il candidato sindaco Marco Panieri al centro sociale La Tozzona. «Sono fiducioso che questa sarà la legislatura in cui realizzeremo le grandi opere infrastrutturali necessarie per la ripartenza economica della regione e la crescita dell’occupazione. Non le completeremo tutte, ma dobbiamo vedere i cantieri. Fra questi ci sono la bretella di Imola, che rappresenta una delle opere principali di adduzione alla quarta corsia dell’A14, e la Trasversale di pianura che rientra in quelle del Passante di Bologna».

«La quarta corsia – ha aggiunto – è stata inserita tra le opere strategiche per l’Emilia Romagna contenute nel piano “Italia Veloce” del Governo e sarà finanziata da Aspi (Autostrade per l’Italia)». (l.a.)

Altri particolari nell”intervista video e sul “sabato sera” del 3 settembre.

L'assessore regionale Andrea Corsini “fiducioso' su iter e finanziamenti per Bretella e Trasversale di pianura
Cronaca 17 Marzo 2020

Incidenti sulla Bretella, per Strade future «asfalto da sostituire e rampa di accesso da ridisegnare»

Sul tema della pericolosità di alcuni tratti dell’Asse attrezzato, in particolare quello finito nell’occhio del ciclone a causa degli incidenti dei giorni scorsi, è intervenuto anche il comitato Strade future, nato un paio di anni fa per sollecitare il completamento dell’intera Bretella.

«Il fatto che gli episodi siano avvenuti proprio in quel punto non è casuale – dice il portavoce del Comitato, Mirco Griguoli –. Secondo noi le criticità sono due: le caratteristiche dell’asfalto e la pericolosità della corsia della rampa, proveniente dal Centro Leonardo, che si immette sulla destra di chi viaggia sull’asse attrezzato».
Nel dettaglio «il manto stradale, ormai datato, andrebbe sostituito con uno più drenante, in quanto quando piove parecchio quello attuale diventa scivoloso, mentre durante le prime precipitazioni lascia sulla carreggiata una patina di sporco dannosa per l’aderenza delle gomme» ha spiegato Griguoli.
Per quanto riguarda la corsia, invece, il problema è «nella curvatura troppo accentuata, con le auto che si immettono, a volte bruscamente, ad una velocità molto più bassa rispetto a chi proviene dalla bretella. Questi ultimi, infatti, spesso sono costretti a frenare o sterzare all’improvviso, con tutti i rischi del caso» prosegue. (da.be.)

Incidenti sulla Bretella, per Strade future «asfalto da sostituire e rampa di accesso da ridisegnare»
Cronaca 17 Marzo 2020

Incidenti sulla Bretella, per Area Blu la causa è la velocità

L’Asse attrezzato di Imola, suo malgrado, è balzato nuovamente agli onori della cronaca la scorsa settimana a causa di due incidenti avvenuti nell’arco di poche ore di distanza l’uno dall’altro. Entrambi nello stesso punto, ovvero poco prima del ponte della ferrovia nella corsia in direzione della zona industriale, e curiosamente entrambi hanno visto coinvolti due residenti a Fontanelice.

(…) Dopo questi episodi, però, è subito montata la polemica sui social da parte di alcuni cittadini che hanno evidenziato la pericolosità del tratto, riferendosi «ad un esposto fatto al Comune di Imola ed alle autorità competenti per i troppi incidenti stradali occorsi nel punto in cui la rampa, per chi proviene dal Centro Leonardo, si immette nella bretella».
In aggiunta avrebbero chiesto «una perizia tecnica sul fondo stradale per capire se vi siano problemi alla sicurezza di chi la percorre col fondo bagnato a causa di problemi strutturali o altro».

Abbiamo chiesto lumi ad Armando Marchi, responsabile area Infrastrutture di Area Blu, la società in house che si occupa anche di manutenzioni stradali per il Comune di Imola. «È vero che si sono verificati due incidenti nel giro di otto ore – spiega –, ma, se ben ricordo, erano due anni che non capitavano. Martedì 3 marzo, insieme a due colleghi, mi sono recato personalmente sul posto per un’ispezione, e ho potuto constatare come la strada non presenti nessun tipo di carenza».
In molti, però, hanno puntato il dito contro l’asfalto non drenante che, appena piove, diventa viscido come una saponetta. «Un asfalto drenante in quel punto non è una necessità – risponde Marchi –. Nonostante anche quel martedì piovesse, non erano presenti pozzanghere che possano far pensare ad un fenomeno di aquaplaning». Per Marchi, infatti, le cause degli schianti vanno ricercate altrove. «Bisogna rispettare i limiti di velocità e prestare la massima attenzione soprattutto quando l’asfalto è bagnato e l’auto può perdere aderenza» aggiunge. (da.be.)

Fotografia di Marco Isola/Isolapress

Incidenti sulla Bretella, per Area Blu la causa è la velocità
Cronaca 20 Gennaio 2020

Perde il controllo dell’auto sull‘asse attrezzato e urta lo spartitraffico, ferito 52enne imolese

Incidente stradale ieri, pochi minuti dopo mezzogiorno, a Imola nei pressi di un sottopasso lungo l’asse attrezzato di via della Cooperazione.

Secondo la ricostruzione dei vigili del fuoco, giunti sul posto con una squadra, una Fiat Panda, per cause ancora da accertare, mentre procedeva in direzione Pedagna ha sbandato girandosi su se stessa e urtando lo spartitraffico. I pompieri hanno dovuto estrarre dalle lamiere il conducente, un 52enne residente a Imola, che è stato affidato alle cure del 118. Sul luogo dell’incidente anche la polizia che ha regolato il traffico durante le operazioni di soccorso. (da.be.)

Foto (Isolapress): l’incidente sull”asse attrezzato

Perde il controllo dell’auto sull‘asse attrezzato e urta lo spartitraffico, ferito 52enne imolese
Cronaca 9 Agosto 2019

Bretella: in arrivo corsie “strette' nel sottopasso ferroviario, lavori dal 26 agosto

Cantiere in vista il 26 agosto sull’asse attrezzato. Cominceranno i lavori per ridisegnare la segnaletica a terra e spostare le cordolature per concretizzare il progetto definito da Area Blu, su mandato dell’Amministrazione comunale, per cercare di ovviare al «collo di bottiglia» del sottopasso ferroviario (e di via Pambera).

I lavori comporteranno la realizzazione di due corsie di marcia in direzione della zona industriale e di una sola in direzione opposta in modo da utilizzare al meglio lo spazio disponibile in corrispondenza del sottopasso della ferrovia.
Lo spazio a disposizione non è molto quindi per chi viaggia verso la zona industriale le corsie saranno di 3 metri ciascuna mentre per chi viene dalla parte opposta la corsia sarà di 3 metri e mezzo.

La spesa prevista è di 57.000 euro, in un complessivo quadro economico di 70.000 con fondi dell’avanzo sbloccato in autunno per gli investimenti. (l.a. mi.ta.)

Ulteriori dettagli nell’articolo pubblicato sul “Sabato sera” dell”8 agosto

Fotografia di Marco Isola/Isolapress

Bretella: in arrivo corsie “strette' nel sottopasso ferroviario, lavori dal 26 agosto
Cronaca 14 Marzo 2019

Più di 3 mila firme a Imola e nella vallata del Santerno per completare la bretella

Obbiettivo raggiunto. Strade future, il comitato pro bretella costituitosi pochi mesi fa, ha raggiunto le 3 mila firme prefissate. Anzi, per essere precisi, ne ha raccolto 3.157. «Ci eravamo dati un obbiettivo ambizioso, che abbiamo addirittura superato – commenta Mirco Griguoli, portavoce del comitato -. Per questo voglio ringraziare per l’impegno tutti i volontari, tanti semplici cittadini, che nel corso di questi mesi hanno ascoltato e parlato con migliaia di altri cittadini». La raccolta delle firme è durata 4 mesi, durante i quali i volontari del comitato hanno organizzato 14 banchetti, dei quali 10 ad Imola e 4 nei comuni della vallata del Santerno. «I banchetti sono stati l’occasione per parlare con tantissime persone, che con noi hanno condiviso e rafforzato le motivazioni che ci hanno spinto ad impegnarci in prima persona – racconta Griguoli -. E siamo rimasti stupiti nel toccare con mano come il tema del traffico e del mancato completamento della “bretella” sia sentito non solo dagli imolesi ma anche da moltissimi residenti nella vallata, che non solo hanno firmato il nostro appello ma hanno dato il via ad una rete spontanea che ci ha permesso di raccogliere centinaia di firme, andando anche casa per casa, famiglia per famiglia. Una partecipazione – dice ancora Griguoli – che è sfociata anche in una affollata assemblea, tenutasi lo scorso 31 gennaio all’hotel Donatello. Questo ci rende orgogliosi perché conferma che l’impegno civile nel nostro territorio è ancora presente e per tematiche importanti, come quella della sicurezza stradale, i cittadini sono disposti a mobilitarsi in prima persona».

Come detto, il comitato chiede che l’asse di attraversamento nord-sud della città venga completato secondo il progetto originale, così come già realizzato in parte dalla precedente Amministrazione comunale. Opera viaria che, drenando il traffico di attraversamento, contribuirebbe a decongestionare il popoloso quartiere della Pedagna. E in questi mesi i volontari del comitato hanno anche testimoniato di persona la situazione difficile, a volte impossibile, del traffico che nelle ore mattutine blocca il quartiere Pedagna, in particolare le vie Puccini e Vivaldi, creando situazioni anche molto pericolose per i pedoni (questo inverno vi sono stati diversi incidenti, di cui uno mortale). Una rappresentanza del comitato, capitanata dallo stesso portavoce, martedì 5 marzo si è recata in municipio per consegnare alla sindaca Manuela Sangiorgi le firme allegate ad una lettera in cui si chiede il completamento dell’asse attrezzato di Imola e delle opere accessorie. Incontro che, però, non è avvenuto. «La segreteria ci ha prima avvisato che la sindaca era in ferie, rispondendoci che prima di prendere un appuntamento occorre sapere se la sindaca intenderà riceverci. Abbiamo così deciso di lasciare solo la copia della lettera indirizzata alla Sangiorgi – racconta Griguoli – mentre le firme, che rappresentano la voce di oltre 3 mila cittadini, le consegneremo alla sindaca quando ci riceverà». 

Il 12 marzo Griguoli ha chiesto di nuovo alla segreteria della sindaca la possibilità di fissare un appuntamento. «Siamo stati invitati invece – aggiunge il portavoce – alla commissione sulla bretella in programma il 3 aprile, occasione in cui, però, la prassi prevede che potremo soltanto ascoltare senza intervenire. Questa è la grande politica di trasparenza e confronto. Noi chiediamo alla sindaca un incontro in cui possiamo anche spiegare le nostre ragioni e ci rendiamo disponibili a farlo prima del 3 aprile». Nell’attesa, il comitato non se ne starà con le mani in mano. «Il nostro lavoro continuerà sino a quando l’Amministrazione comunale non avrà chiarito pubblicamente le ragioni per le quali non ha ancora dato seguito agli accordi presi dalla Giunta precedente. Chiediamo sin da ora a tutti i gruppi consiliari di organizzare un Consiglio comunale straordinario su questo argomento perché sarebbe assurdo che Imola perdesse i 21 milioni di euro scritti nero su bianco nel Protocollo infrastrutture sottoscritto a dicembre 2017 con Società Autostrade e Città metropolitana, che permetterebbero alla nostra città di realizzare un’opera così importante senza spendere un euro delle casse comunali. Attendere ancora sarebbe irresponsabile e mi auguro che, al di là delle rivalità politiche, si trovi il buon senso di non sprecare questa opportunità più unica che rara». (r.c.)

Nella foto: il primo tentativo (andato a vuoto) di consegnare le firme raccolte alla sindaca di Imola

Più di 3 mila firme a Imola e nella vallata del Santerno per completare la bretella

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast