Posts by tag: cà vaina

Cronaca 6 Maggio 2022

Comune di Imola, scuole e imprese insieme per nuovi laboratori a Ca’ Vaina

Il Comune di Imola e l’istituto Francesco Alberghetti, capofila del progetto «Laboratori territoriali per l’occupabilità», hanno attivato un partenariato per attivare laboratori per il sostegno di competenze professionali e specialistiche al centro giovanile Ca’ Vaina. Sono già arrivate le attrezzature tecniche che costituiranno il laboratorio Lto Storytelling, e nel mese di maggio il Comune effettuerà un intervento di rigenerazione dello studio di registrazione che vedrà coinvolta una startup innovativa che attraverso l’impiego di materiali ecosostenibili garantirà l’insonorizzazione delle pareti e darà una veste nuova e creativa allo spazio. L’intervento sarà finanziato dall’istituto Alberghetti per un importo di 5 mila euro.

«L’apertura alla comunità e la dislocazione dei laboratori all’esterno delle mura scolastiche è più significativa che in altri casi – commenta Gian Maria Ghetti, dirigente scolastico reggente dell’istituto Alberghetti –, in quanto connaturata all’ipotesi di partenza del progetto Lto, sia nella concezione nazionale alla base, sia nella declinazione territoriale che abbiamo scelto consapevolmente di seguire».
«I valori che avevamo immaginato nel progettare il nuovo centro (la prossimità, l’ibridazione, la co-progettazione) si stanno realizzando – aggiunge Giacomo Gambi, assessore alla Cultura e alle Politiche giovanili – per fare così di Ca’ Vaina un luogo di vita degli adolescenti e dei giovani di Imola: luogo di relazioni, libertà, cultura e creatività, dove si intrecciano politiche giovanili, territoriali, culturali e sociali, per ascoltare e dare spazio a idee e progetti orientati a sviluppare il protagonismo e l’autonomia dei più giovani». (lu.ba.)

Nella fotografia del Comune di Imola, attività a Ca” Vaina

Imola

Comune di Imola, scuole e imprese insieme per nuovi laboratori a Ca’ Vaina
Cronaca 18 Marzo 2022

Vittime di mafia, oggi la lettura dei nomi a Ca’ Vaina. Prorogato il contest fotografico «Scatti di memoria»

È in programma al centro giovanile Cà Vaina, questo pomeriggio, dalle 17 alle 19, la lettura dei più di 1.000 nomi di uomini, donne e bambini uccisi dalla mafia, una fra le iniziative che il presidio «Giudice Alberto Giacomelli» di Imola e del circondario dell’associazione Libera organizza in occasione del 21 marzo, Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie.

Ed è stata prorogata a domenica 20 marzo (con premiazione venerdì 1 aprile) la scadenza del contest fotografico Scatti di memoria, indirizzato ai giovani fra i 16 e i 33 anni è dedicato ai temi della legalità e dell’omertà o alle storie di alcune fra le vittime innocenti delle mafie.

Le fotografie devono essere inviate via e-mail all’indirizzo pres.circondarioimolese@libera.it e verranno pubblicate nelle stories del profilo Instagram del presidio circondariale di Libera, su cui il pubblico voterà gli scatti che preferisce. Tre i premi per il vincitore: la possibilità di realizzare gratuitamente un servizio fotografico in una sala posa di Bologna, una video-intervista sui canali social del presidio per far conoscere i propri lavori e un’intervista per la web radio della Regione Emilia-Romagna. (lu.ba.)

Immagine tratta dal profilo Facebook del presidio

Vittime di mafia, oggi la lettura dei nomi a Ca’ Vaina. Prorogato il contest fotografico «Scatti di memoria»
Cultura e Spettacoli 12 Febbraio 2022

Più ore di apertura e nuovi spazi, Cà Vaina amplia i servizi e punta alla… web radio

A sette mesi dalla riapertura, Cà Vaina amplia i servizi a disposizione degli utenti, mettendo in cantiere anche la futura web radio del Comune di Imola e del Circondario, punto di riferimento per tutti i giovani dai 15 ai 35 anni che vogliono produrre podcast e fare web radio e web tv. Orario di apertura ampliato (da 68 a 77 ore), nuovo studio di registrazione, nuovo spazio per il coworking con 12 postazioni, un nuovo studio Fablab, dove si potrà accedere al makerspace, usare la stampante 3D, il plotter da taglio, la fresa Cnc, partecipare ai corsi e workshop di fabbricazione digitale e far parte della community di maker del Circondario Imolese, ed un’aula studio aperta durante tutti gli orari del Centro Giovanile. 

«Con l’ampliamento degli orari di apertura e l’aggiunta del servizio di coworking si realizza il progetto di “Community Hub” che avevamo pensato per Cà Vaina. Un cantiere di idee, di autocostruzione e progetti, un luogo di ibridazione dove associazioni, giovani studenti e lavoratori si incontrano – sottolinea Giacomo Gambi, assessore alla Cultura, Politiche giovanili e Legalità del Comune di Imola -. Con i nuovi allestimenti interni in legno, per l’acquisto dei quali la Regione Emilia Romagna ha fornito un importante apporto economico, il Centro è stato reso più accogliente, vicino, stimolante, con una forte identità che rappresenta i giovani che lo frequenteranno».

In un’ottica inclusiva e con l’intenzione di promuovere e favorire il target giovanile, tutti i servizi sono pensati agevolando la fascia 15-35 e promuovendo il servizio già attivo nella nostra città e nella regione Emilia-Romagna Young-ER card (carta gratuita dedicata ai giovani dai 14 ai 29 anni che vivono, studiano e lavorano in Emilia Romagna).

Per informazioni: cavaina@comune.imola.bo.it

Foto concessa dal Comune di Imola

Più ore di apertura e nuovi spazi, Cà Vaina amplia i servizi e punta alla… web radio
Cronaca 8 Ottobre 2021

Aperitivo a Ca’ Vaina per conoscere il nuovo corso per tecnici informatici in partenza a Imola

C’è tempo fino al 13 ottobre per iscriversi al nuovo percorso post diploma per Tecnico superiore per la progettazione di infrastrutture e la gestione di architetture It, che da quest’anno si svolgerà a Imola, all’Istituto tecnico Alberghetti, all’interno del Laboratorio territoriale per l’occupabilità dedicato all’informatica.

Si tratta di un corso Its, gestito dalla Fondazione istituto tecnico superiore tecnologie industrie creative (Fitstic) e che prepara esperti in sistemi informatici e cyber security, molto richiesti da aziende software, agenzie web e di comunicazione, con probabilità di occupazione oltre l’80%. Il corso, della durata biennale, è rivolto a diplomati (giovani o adulti) e prevede anche esperienze in azienda.  

Questa nuova opportunità formativa sarà presentata domani, sabato 9 ottobre, alle ore 17, durante un aperitivo al Centro giovanile Ca’ Vaina, in via Saffi 50/b, a Imola. Una ulteriore occasione, questa volta online, ci sarà lunedì 11 ottobre alle ore 17, su piattaforma webex Cisco.

Per informazioni sul corso e iscrizioni: www.fitstic.it, email bentivogli@fitstic.it. 

Nella foto: Ca’ Vaina a Imola

Aperitivo a Ca’ Vaina per conoscere il nuovo corso per tecnici informatici in partenza a Imola
Cronaca 23 Settembre 2021

Giovani, al via a Ca’ Vaina la seconda edizione del progetto partecipativo Open Up

Al via a Imola la seconda edizione di Open Up, il progetto partecipativo dei giovani del circondario, finanziato dal Tavolo circondariale Politiche giovanili. L’evento di lancio di Open Up 2.0, aperto a tutta la cittadinanza, si terrà domani, 24 settembre, a Ca’ Vaina, in via Saffi 50/c, dalle ore 18. Oltre alla presentazione del progetto, ci sarà un primo laboratorio partecipativo targato Youz, il Forum giovani della Regione Emilia Romagna.  

Lo scorso anno il progetto ha invitato on line, vista la pandemia, i giovani del circondario dagli 11 ai 29 anni a esprimersi sulle tematiche di politiche giovanili e cittadinanza attiva per permettere agli amministratori di raccogliere informazioni idee e spunti di riflessioni per la progettazione e la realizzazione delle politiche giovanili sul proprio territorio. In questo modo sono stati raccolti oltre 1.500 questionari. La nuova edizione si rinnova, proponendo anche incontri in presenza con la partecipazione della Regione. Per informazioni: https://openupofficina.it. (lo.mi.) 

Nella foto: laboratori partecipativi a Ca’ Vaina

Giovani, al via a Ca’ Vaina la seconda edizione del progetto partecipativo Open Up
Cronaca 5 Luglio 2021

Domenica 29 agosto il taglio del nastro «ufficiale» del nuovo centro giovanile Ca’ Vaina

E’ fissato per domenica 29 agosto il taglio del nastro «ufficiale» del nuovo centro giovanile Ca’ Vaina gestito da Officina immaginata. L’attività, però, è già ripartita e durante l’estate sono in programma «tre aperitivi di coprogettazione delle attività future in programma martedì 20 luglio, 27 luglio e 24 agosto – annuncia Daniele Fabbri, presidente di Officina immaginata –. Il centro non sarà un progetto calato dall’alto, sarà uno spazio pubblico che vogliamo costruire con la collaborazione di tutte le realtà giovanili del territorio».

«Deve essere un luogo accogliente e stimolante – gli fa eco Anna Cavina, coordinatrice del centro –, e restituire l’identità dei giovani che lo frequenteranno».
«I lavori al centro giovanile Ca’ Vaina sono durati un mese. Non c’è stata la volontà politica di riaprirlo nel più breve tempo possibile – commenta Giacomo Gambi, assessore alla Cultura e alle Politiche giovanili, ricordando la chiusura decisa dall’Amministrazione Sangiorni nel novembre di due anni fa –. O magari non c’è stata neanche la predisposizione di un budget». (lu.ba.)

Approfondimenti su «sabato sera» dell’8 luglio.

Foto Isolapress

Domenica 29 agosto il taglio del nastro «ufficiale» del nuovo centro giovanile Ca’ Vaina
Cronaca 30 Aprile 2021

Il 1° luglio Ca’ Vaina riapre al pubblico. Da oggi online il bando per la gestione del centro giovanile

Dal prossimo 1 luglio il «Centro giovanile Ca’ Vaina» riaprirà al pubblico (era stato chiuso nel novembre 2019 per lavori). L’Amministrazione comunale ha infatti messo a punto il bando per la gestione in appalto del servizio, che sarà pubblicato da oggi, venerdì 30 aprile, per 20 giorni, sul sito internet del Comune di Imola e su quello del Nuovo Circondario Imolese, nelle sezioni bandi e gare dell’amministrazione trasparente. Oggetto del bando è, appunto, la gestione del centro a partire dall’1 luglio 2021 e fino al 30 giugno 2023, con possibilità di rinnovo per i successivi due anni. L’importo biennale a base di gara per la gestione dei servizi culturali presso il Centro Ca’ Vaina ammonta a 139.200,00 euro (Iva esclusa). Oltre ai requisiti generali e specifici del bando, ai partecipanti è richiesta un”esperienza negli ultimi tre anni nell”ambito dei servizi ricreativi, culturali e sportivi per un importo annuale medio non inferiore a 49 mila euro.

Tornando alla riapertura al pubblico dei locali e dell’attività nell’edifico principale e nell’ampio giardino esterno, questa si affianca all’attività delle sale prove, poste in locali staccati dall’edificio principale, ricominciata nelle scorse settimane. «Appena la normativa anti-Covid ha permesso la riapertura dei centri giovanili abbiamo deciso di riaprire Ca’ Vaina che, nel frattempo, è stata oggetto di opere manutentive e di riqualificazione interna importanti. Restituiamo così alla città un centro giovanile chiuso da troppo tempo. Riteniamo che in questo momento storico i servizi che il Centro può offrire rispondano più che mai ai bisogni dei giovani, una delle categorie rese più fragili dalla pandemia per la mancanza di occasioni di socialità» commenta Giacomo Gambi, assessore alla Cultura e Politiche giovanili. (r.cr.)

Nella foto: l’ingresso di Ca’ Vaina

Il 1° luglio Ca’ Vaina riapre al pubblico. Da oggi online il bando per la gestione del centro giovanile
Cultura e Spettacoli 2 Febbraio 2021

Biblioteca, musei civici, scuola di musica e Ca’ Vaina in zona «gialla»: cosa si può fare e vedere

Con il ritorno in zona «gialla», oltre al ritorno ad orari più ampi di apertura dei servizi bibliotecari al pubblico, ripartono gradualmente anche ulteriori servizi offerti dagli Istituti culturali. In particolare, come previsto dall’ultimo Dpcm del 14 gennaio 2021 si può ora accedere anche ai musei e alle mostre allestite nei vari luoghi della cultura. Da oggi tornano quindi ad essere visitabili anche le due mostre allestite nella Bim e nella Sezione ragazzi Casa Piani.

Finalmente dopo un lungo periodo di chiusura, anche i Musei Civici di Imola riaprono al pubblico le porte da giovedì 4 febbraio, con un orario diversificato e con un programma di appuntamenti rivolti agli adulti e ai bambini concentrati nella giornata del venerdì, con un orario di apertura che si prolunga fino alle 21 per chiudere la settimana ed anticipare il week end. 

Da lunedì 8 febbrio apertura delle 2 sale esterne di Ca” Vaina per due turni e ripresa in presenza dei corsi collettivi della Nuova scuola di musica Vassura-Baroncini.

Per informazioni

Nella foto: Casa Piani

Biblioteca, musei civici, scuola di musica e Ca’ Vaina in zona «gialla»: cosa si può fare e vedere
Cronaca 21 Ottobre 2020

A Ca’ Vaina si torna a provare, l’assessore alla Cultura Gambi: «I giovani sono il nostro presente»

Dopo quasi un anno dalla chiusura, la giunta comunale ha infatti deliberato di riavviare il servizio di sale prova musicali del Centro Giovanile Ca’ Vaina (Viale Saffi 50/b), a partire da lunedì 2 novembre, mettendo così a disposizione le 2 sale esterne al corpo centrale della struttura. 

Previsti turni di 1 ora e 45 minuti ciascuno, con un intervallo, fra un turno e l’altro, di 15 minuti per aerare il locale e sanificare gli strumenti musicali, nella fascia oraria dalle 18 alle 23,45, dal lunedì al sabato. La capienza massima è di 4 persone nella sala prove piccola e di 6 persone in quella grande. La dotazione base di ciascuna sala prevede amplificatori voce, chitarra e basso batteria e microfoni. «A nemmeno un mese dall’insediamento della Giunta, verificato il bisogno dei ragazzi imolesi e del circondario di avere un luogo dove fare musica a prezzi calmierati, abbiamo riaperto le uniche sale attualmente disponibili nel centro Ca’ Vaina – ha commentato soddisfatto l’assessore alla Cultura, Giacomo Gambi -. Ringrazio per il lavoro straordinario fatto in poche settimane dagli uffici. Il Commissario Izzo, andando incontro alla necessità del Cpia, ha affidato il corpo centrale di Ca’ Vaina alla scuola fino al termine dell’emergenza Covid e noi pertanto abbiamo potuto solamente aprire, in questo periodo, le sale prova. Ma sappiamo che la vocazione di Ca’ Vaina è quella di essere un centro giovanile. Per questo motivo verrà avviato un percorso con i giovani, le scuole e le associazioni ed i gruppi formali ed informali della città per decidere a quali bisogni debba rispondere la futura gestione del centro così da predisporre intanto il bando dopo un approfondito confronto. I giovani sono il nostro presente». (da.be.)

Nella foto: l’ingresso di Ca’Vaina

A Ca’ Vaina si torna a provare, l’assessore alla Cultura Gambi: «I giovani sono il nostro presente»
Cultura e Spettacoli 7 Luglio 2020

«Gocce», seconda tappa del viaggio insieme ai musicisti finalisti delle ultime tre edizioni

Sul numero del Sabato sera in edicola continua il viaggio insieme ai musicisti finalisti delle ultime tre edizioni di Gocce di musica per la solidarietà, il contest promosso e organizzato dall’Avis comunale Imola che nel 2019 è giunto alla dodicesima edizione e che, dal 2012 al 2019, ha visto il nostro settimanale affiancare l”Avis e il Centro giovanile Ca’ Vaina nell’organizzazione.

In questo numero, le interviste ai Colimbo, alle Degradé, ai Fake Jam e a Iven Cagnolati.

Nella fotografia di Marco Isola/Isolapress, le Degradé

«Gocce», seconda tappa del viaggio insieme ai musicisti finalisti delle ultime tre edizioni

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA