Posts by tag: centro storico

Cronaca 24 Novembre 2020

Un «salotto smart» per il cuore di Imola

Occhi puntati sul Centro cittadino di Imola, che a breve potrebbe diventare oggetto di un intervento di riqualificazione, finanziato in parte anche dalla Fondazione Cassa di risparmio di Imola. «Il Centro cittadino – spiega il presidente della Fondazione Crimola, Rodolfo Ortolani – è un condominio, al 70 per cento del Comune e per la restante parte di privati. Noi non figuriamo tra i proprietari. Siamo stati coinvolti qualche mese fa e abbiamo dato una disponibilità di massima a partecipare a questa iniziativa in maniera non totale, ma sussidiaria. L’attore principale, infatti, è il condominio stesso. Sarà una bella iniziativa che contribuirà a dare un po’ più di lustro alla nostra città. So che l’idea è da tempo sul tavolo; in precedenza c’è stato un “fermo macchine” per una Amministrazione comunale che non aveva questa tra le sue priorità. Credo che l’attuale amministrazione possa dare priorità anche a questo progetto».

Per i dettagli, però, occorrerà attendere il progetto definitivo. «Sarà una ristrutturazione molto “smart” – si limita a dire Ortolani – dal punto di vista dell’illuminazione, della fruibilità per i giovani, della possibilità di trasformare lo spazio in un luogo di aggregazione, idoneo ad avere funzioni diverse. Si stanno anche valutando le opportunità dei benefici fiscali che in questo momento sono stati messi a disposizione e stiamo aspettando che venga definito il progetto». (lo.mi. gi.gi.)

Ulteriori approfondimenti su «sabato sera» del 19 novembre.

Nella foto: il Centro cittadino di Imola 

Un «salotto smart» per il cuore di Imola
Cronaca 24 Novembre 2020

Nel centro storico di Imola montati nuovi dissuasori per tenere lontani i piccioni

Aumentare il decoro urbano eliminando i punti di appoggio dei piccioni e ridurre così il più possibile la presenza di guano. Sono questi gli obiettivi del Comune di Imola che, nella giornata di ieri, ha installato una serie di dissuasori nei voltoni su via Emilia e su via Mazzini e lungo il portico dell’ex bar Bacchilega.

Nello specifico, il progetto finanziato dalla Giunta Panieri, per un costo di circa 2.600 euro, ha visto il montaggio di circa 20 metri lineari di aghi posizionati in tutti gli anfratti, sporgenze, davanzali, finestre e capitelli nel portico ex bar Bacchilega e circa 60 metri di speciali cavetti di acciaio posti pochi centimetri sopra le «catene» dei voltoni lungo la via Emilia, la via Mazzini e il portico ex bar Bacchilega. Con questa soluzione, i piccioni non possano appoggiarsi né sulle catene, perché non c’è sufficiente spazio avendo pochi centimetri sopra i cavetti, né sui cavetti stessi, perché il peso dell’animale li fa oscillare, facendo perdere la presa, e quindi l’appoggio, del cavetto stesso.

«Quello del decoro urbano è uno dei temi che più sta a cuore all’Amministrazione comunale – si legge nel comunicato stampa del Comune di Imola -. Una città pulita e ben tenuta oltre ad essere più bella da vivere e da fruire, sia per i suoi abitanti che per i turisti, è anche un incentivo alla sicurezza urbana. Nel senso che sarà più frequentata e più amata dai cittadini, che la sentiranno come un proprio patrimonio, disincentivando atti di vandalismo e comportamenti scorretti e illegali. Pertanto, il Comune continuerà ad investire in centro storico, nei quartieri e nelle frazioni, anche attraverso piccoli interventi che, nel loro insieme, fanno la differenza». (da.be.)

Nella foto (Isolapress): il montaggio dei dissuasori in centro storico a Imola

Nel centro storico di Imola montati nuovi dissuasori per tenere lontani i piccioni
Cronaca 30 Giugno 2020

Deiezioni di cani e abbandono di rifiuti, l'appello al decoro della Polizia locale

Vicoli del centro storico di Imol maleodoranti, a causa in particolare le deiezioni liquide dei cani. Una situazione che, con l’arrivo della estate e delle alte temperature, rischia di diventare ancora più sgradevole.
Dalla Polizia locale arriva la raccomandazione e l’appello ad un pieno senso civico dei proprietari, nella consapevolezza che la stragrande maggioranza di essi adotta comportamenti corretti – spiega il Comune – e l’invito ad attrezzarsi in modo da ridurre il più possibile queste situazioni».

Contemporaneamente, la Polizia rinnova «la raccomandazione a tutti i cittadini a non abbandonare i rifiuti fuori dai cassonetti – aggiunge via Mazzini –, una pessima abitudine di pochi che finisce per creare un disagio collettivo, a discapito dei tantissimi che rispettano le regole».

Queste raccomandazioni vanno di pari passo ai controlli effettuati dalla Polizia Locale anche in collaborazione con il Corpo Gam, sia sul versante delle deiezioni animali che dell’abbandono dei rifiuti, che saranno ancora più stringenti, procedendo alle sanzioni applicabili nei casi di violazione, al fine di garantire quel decoro urbano che fa degli spazi pubblici di una città un luogo nel quale ciascun cittadino può sentirsi come nel salotto di casa propria. (r.cr.)

Deiezioni di cani e abbandono di rifiuti, l'appello al decoro della Polizia locale
Cronaca 29 Giugno 2020

Vandali in azione in centro storico. Vasi rotti, piante sradicate e danni agli arredi

Vandali in azione nella notte tra venerdì e sabato scorso a Imola. Ignoti, infatti, hanno rovesciato alcuni vasi di fiori, sradicato piante e imbrattato gli arredi che abbelliscono i dehor delle attività commerciali del centro storico. 

Ad accorgersene la mattina seguente gli stessi titolari. Tra gli esercizi presi di mira anche la pizzeria La Lanterna di via Mazzini, l’Antico Bar Fiat di viale Rivalta ed altre attività in via Appia. 

Non danni dal valore economico esagerato, ma gesti fastidiosi e senza logica nei confronti di chi, dopo mesi bui, sta cercando di ripartire in questo momento difficile post emergenza Coronavirus. (da.be.)

Nella foto (Isolapress): danni dei vandali davanti alla pizzeria La Lanterna

Vandali in azione in centro storico. Vasi rotti, piante sradicate e danni agli arredi
Cronaca 28 Marzo 2020

Sosta libera per i residenti di Castello con tesserino giallo negli stalli a pagamento fino al termine dell'emergenza Covid-19

Sosta consentita in tutti i parcheggi del centro storico di Castel San Pietro ai cittadini residenti fino alla fine dell”emergenza Covid-19. Lo ha deciso la Giunta comunale, autrice di un provvedimento che dà ai cittadini muniti di tesserino giallo la possibilità di parcheggiare l”auto liberamente non solo negli stalli gialli, ad essi riservati, ma anche in quelli blu, destinati alla sosta a pagamento su strada, oltre che di sostare senza limitazione temporale nel parcheggio di via Oberdan. 

In vigore da giovedì 26 marzo, il provvedimento prevede anche la sospensione delle relative multe. La ragione della sua emissione è così spiegata dal vicesindaco Andrea Bondi: «Per venire incontro alle esigenze dei cittadini e per favorire la rapidità degli spostamenti consentiti all”interno del comune, abbiamo deciso di autorizzare, fino alla fine dell”emergenza Covid-19, la sosta dei residenti, dotati di tesserino giallo, oltre che sui posti riservati anche su qualunque altro stallo presente in centro storico all”interno del piano sosta». (r.cr.)

Nella foto il parcheggio di via Oberdan

Sosta libera per i residenti di Castello con tesserino giallo negli stalli a pagamento fino al termine dell'emergenza Covid-19
Cronaca 14 Gennaio 2020

Centro storico, il parere di Confesercenti: “Le soluzioni si trovano partendo dal passato'

L’iniziativa del 16 gennaio, in cui si parlerà dei problemi connessi ai centri storici delle medie città, sarà seguita con molta attenzione anche dai vertici di Confesercenti Imola, come ci ha anticipato il direttore, Enzo Scardovi.

La vostra ultima campagna pubblicitaria dice «più parcheggi e meno supermercati». Sono queste le vostre priorità per il centro storico di Imola?
«E’ quello che diciamo da sempre. Nei nostri manifesti ci sono i temi più evidenti, che rispecchiano una situazione venutasi a creare nelle condizioni urbanistiche del passato, ma anche la necessità di azioni specifiche per creare delle opportunità per il centro storico: intervenire su viabilità, parcheggi, accessibilità, qualità dell’abitare, affitti, negozi. Sono temi storici. A differenza di quanto sostiene l’ex assessore Pierangelo Raffini nell’articolo pubblicato sul sabato sera del 19 dicembre, non crediamo sia possibile affrontare l’argomento senza ripercorrere il passato, perché le soluzioni si possono ottenere solo partendo dall’esistente, che è dovuto al passato. Dovremo capire da dove partiamo per intervenire su quella parte di passato che non è più così coerente con gli obiettivi del futuro. Ci aspettiamo quindi anche delle critiche sulle politiche urbanistiche e di insediamento dei centri commerciali avvenute in passato, perché è con queste scelte che dobbiamo affrontare l’oggi e il domani. Quelle scelte sono ancora valide?». (lo. mi.)

L’intervista completa nel numero del Sabato sera del 9 gennaio

Fotografia di Marco Isola/Isolapress

Centro storico, il parere di Confesercenti: “Le soluzioni si trovano partendo dal passato'
Cronaca 14 Gennaio 2020

Centro storico, la proposta di Ascom: “Auto elettriche e ibride in piazza Gramsci'

Per le associazioni di categoria il centro storico imolese è da anni uno dei principali tasti dolenti dell’economia locale. Abbiamo chiesto a Luca Alpi, presidente di Confcommercio Ascom Imola, di tornare sull’argomento.

Su cosa intervenire in via prioritaria per lo sviluppo del centro storico?
«Dobbiamo rivedere completamente la viabilità, perché negli ultimi trent’anni è stata impostata in modo che nessuna strada portasse in piazza. Se dobbiamo rianimare il centro e se per arrivare in centro la strada più vicina è oltre la circonvallazione, c’è qualcosa che non va. Dobbiamo mettere a posto la pista ciclabile in entrata dall’ospedale vecchio, un pezzo di strada micidiale. Chi è in macchina e deve parcheggiare o partire, regolarmente non vede le biciclette, che rischiano sempre di sbattere contro gli sportelli, come purtroppo ho visto succedere diverse volte. C’è da aumentare il numero delle telecamere, che devono funzionare e non essere lì solo per bellezza. Poi, siccome siamo nel mondo dell’elettrico e dell’ibrido, bisogna cominciare a far entrare le auto in centro storico senza problemi: non possono più dirci che inquinano. Il pomeriggio piazza delle Erbe (Gramsci) è un deserto, cosa aspettiamo a parcheggiare lì le auto elettriche o ibride tutto il pomeriggio fino all’una di notte? Mettere lì 50 o 60 auto creerebbe un movimento non indifferente. Perché non fare un parcheggio gratuito nella zona lungofiume e ogni venti minuti far passare di lì una navetta che porti le persone in piazza? Noi abbiamo bisogno di questo». (lo. mi.)

L’intervista completa nel numero del Sabato sera del 9 gennaio

Fotografia di Marco Isola/Isolapress

Centro storico, la proposta di Ascom: “Auto elettriche e ibride in piazza Gramsci'
Cronaca 31 Dicembre 2019

Nuovo porfido in centro e poi bancarelle in piazza a Castel San Pietro

Nuovi cubetti in porfido in via Matteotti e in via Cavour, riasfaltatura del parcheggio di via Oberdan e, in prospettiva, spostamento di parte delle bancarelle del mercato in piazza XX Settembre e introduzione della sbarra per accedere al parcheggio a pagamento alle spalle del municipio. C’è tanta carne al fuoco per il centro storico di Castel San Pietro.

Di recente, infatti, è arrivata la conferma che il Comune ha ottenuto un cofinanziamento regionale (200 mila su un totale di 289 mila euro) per un progetto di valorizzazione e riqualificazione delle aree commerciali e mercatali. Si tratta di fondi che vengono erogati in tre annualità, ossia 2019, 2020 e 2021 e corrispondono a una serie di interventi che l’ente locale ha già definito.
«In realtà, in parte copriranno i costi di opere già realizzate quest’anno, come la riqualificazione delle piazze Martiri Partigiani e Galvani e dell’area verde di via Oberdan – dice il sindaco, Fausto Tinti –. Per il resto, serviranno per il rifacimento della pavimentazione in porfido di via Matteotti (tratto da piazza XX Settembre a piazzale Vittorio Veneto) e di via Cavour, ma anche per asfaltare il parcheggio di via Oberdan».
Il tema, come sottolinea Tinti, è «la pianificazione dei cantieri tra il 2020 e il 2021, che andrà condivisa con la Consulta del Capoluogo e la cabina di regia di associazioni di categoria e operatori». In effetti, in particolare la sostituzione dei cubetti in porfido, comporterà necessariamente delle chiusure al traffico di tratti di strada. «Cercheremo di creare meno disagio possibile per i cittadini e i commercianti – afferma il sindaco – . Inoltre, l’intervento non potrà coincidere con la Carrera, che si corre proprio in quelle strade, né con alcune feste che si svolgono in quelle aree». (gi.gi.)

Ulteriori particolari nel numero del Sabato sera del 19 dicembre

Fotografia di Marco Isola/Isolapress

Nuovo porfido in centro e poi bancarelle in piazza a Castel San Pietro
Cronaca 7 Dicembre 2019

Medicina e Casalfiumanese si preparano al Natale, tanti appuntamenti per trascorrere insieme le festività

Anche Medicina si prepara al Natale con un ricchissimo programma di appuntamenti messo a punto dal Comune e dalla Proloco. Il via ufficiale sarà dato domani, domenica 8 dicembre, a partire dalle 12 con un momento mangereccio a base di affettati, crescentine, vin brulè, caldarroste e cioccolata calda. Alle 13.30 arriverà invece Babbo Natale insieme ai suoi fidi elfi, pronti ad allietare grandi e piccoli con animazioni, golosità, il mago Gigi e la musica del dj Mauro. Quando comincerà a farsi buio, poi, il momento solenne dell”accensione dell”albero di Natale e delle luminarie. L”agenda fatta di concerti, animazione per bambini, presepi, mostre, proiezioni cinematografiche, mercatini, laboratori e tanto altro ancora proseguirà per tutto il periodo di festività e accompagnerà i medicinesi a Natale, a Capodanno e per l”Epifania.

Intanto anche il Comune di Casalfiumanese è pronto per il Natale con tante iniziative nel capoluogo e nelle frazioni. A Casale si parte oggi, sabato 7 dicembre alle 16.30 alla biblioteca comunale con l”illustratore Manuel Baglieri che presenta il libro “24 bambini a Natale”, poi via libera al mini laboratorio per bimbi dai 4 ai 7 anni. A Sassoleone nel fine settimana mercatini di Natale con spettacoli oggi alle 16 con il duo musicale “Doppio filo duo” e domani, domenica 8, con mister Meraviglia, zampognaro itinerante e, dalle 16, Babbi Natale a cavallo. A San Martino in Pedriolo, invece, il sabato ci sarà la festa di Natale. Completa il programma del weekend la mostra mercato di Natale organizzata dal Comitato Valsellustra. 

Tante altre iniziative allieteranno le feste fino al 6 gennaio, in un calendario  dal titolo “Bon Nadèl” preparato dal Comune in collaborazione con associazioni, parrocchie e imprese (r.cr.)

La foto è tratta dal sito www.amedicina.it della Proloco di Medicina

Medicina e Casalfiumanese si preparano al Natale, tanti appuntamenti per trascorrere insieme le festività
Cultura e Spettacoli 28 Novembre 2019

Castel San Pietro diventa la Città del Natale con tantissime iniziative a partire dal 1° dicembre

Dal Castèlanadèl alla «Città di Natale». Quest’anno, sul Sillaro, l’animazione natalizia dura tutto il tempo dell’attesa della più amata festività del nostro calendario. Così, dall’1 al 24 dicembre, Castel San Pietro Terme diventa una vera città del Natale con il centro storico allestito e animato per l’occorrenza. Quattro sono gli ingredienti principali di questo Natale castellano, la cui inaugurazione è prevista per domenica 1 dicembre con l’accensione delle luminarie e la grande parata di Natale: il giardino d’inverno, i concerti, i presepi e le mostre.

Cuore della manifestazione è il giardino allestito in piazza XX Settembre: un vero e proprio giardino invernale pensato per trascorrere il tempo all’aperto nel centro commerciale naturale castellano, arredato con l’immancabile albero di Natale ma anche arbusti sempreverdi, alberi e cespugli che poi saranno ripiantati nei parchi cittadini. Una scelta all’insegna dell’attenzione per l’ambiente, tema che caratterizzerà il Natale castellano anche nella ricca programmazione di animazione culturale per bambini protagonista nei fine settimana fino a Natale: nelle due casette in legno della piazza troveranno infatti spazio una «libreria fantastica» ricca di proposte per tutti i gusti e con letture per grandi e piccini, e il «laboratorio di Babbo Natale», che ricreando l’ambiente magico del noto personaggio ospiterà un calendario di attività pratiche all’insegna del riciclo e del riuso creativi, con laboratori per creare pupazzetti di Natale, biglietti di auguri, fumetti, fanzine indipendenti e tanto altro.

Sempre all’interno del giardino invernale ci sarà anche un maxigioco dedicato ai monumenti castellani e alla storia della citt àcon cui sarà possibile giocare liberamente come pedine umane. Questi gli orari di animazione delle casette di Natale: domeniche 1, 8, 15, 22, sabati 7, 14, 21, lunedì 23 dicembre dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19; venerdì 6, 13, 20 dalle 16 alle 19; martedì 24 dicembre dalle 9 alle 12. Tipici della tradizione, castellana e non, saranno poi gli appuntamenti con la rappresentazione natalizia per antonomasia: i presepi. Accanto a quelli tradizionali nelle chiese di Santa Maria Maggiore, del convento dei Frati Cappuccini e del santuario del Santissimo Crocifisso, saranno allestiti presepi artistici e creativi in piazza Acquaderni, nella ex Stazione delle Corriere di piazza Martiri Partigiani, nella zona Ex Bios di via San Pietro, nel cortile accanto al santuario del Santissimo Crocifisso, al Giardino degli Angeli e presso il laghetto Mariver di Osteria Grande. (mi.mo.)

Il programma completo è su «sabato sera» del 28 novembre

Castel San Pietro diventa la Città del Natale con tantissime iniziative a partire dal 1° dicembre

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast