Posts by tag: Ciclismo

Sport 5 Giugno 2022

Un lunedì con Moreno Argentin, la Ionica passa da Imola. Le modifiche alla viabilità

Domani, lunedì 6 giugno, la terza tappa dell’Adriatica Ionica Race, corsa a tappe di 5 giorni per professionisti organizzata dall’ex prof Moreno Argentin, transiterà da Imola.

Da Ferrara (il via ore 12) a Brisighella, 141 km pianeggianti che entreranno nel nostro territorio dopo Argenta, percorrendo via Cardinala (ore 12.50 circa), via Merlo, via Stradone, via Coronella, via del Signore, via Ladello, via San Vitale, via Correcchio, via Lasie (ore 13.30 circa), via Selice, via della Resistenza e via Pisacane, via Santerno – via Rivazza, via Bergullo e via Lola (ore 13.45 circa) per poi  lasciare le strade del Comune di Imola e affrontare il Mazzolano e un finale insidioso con tre passaggi sul traguardo di Brisighella. 

«Le vie e gli attraversamenti viari collegati saranno chiusi alla circolazione per il tempo limitato al passaggio della corsa» fanno sapere dal Comune di Imola.

CRONOTABELLA DELLA TAPPA. (r.s.)

Foto Isolapress

Un lunedì con Moreno Argentin, la Ionica passa da Imola. Le modifiche alla viabilità
Sport 18 Maggio 2022

Un mercoledì di festa con Giro d’Italia e Giro-E. IL VIDEO

Giornata di ciclismo oggi a Imola e nel circondario con il passaggio della tappa del Giro d’Italia che lungo la via Emilia ha portato la carovana rosa da Santarcangelo a Reggio Emilia, con l’omaggio a Tonino Berti nel traguardo volante di Toscanella. Sempre oggi, a Castel San Pietro, è partita la tappa del Giro-E con due ciclisti d’eccezione: il sindaco Fausto Tinti e la consigliera regionale Francesca Marchetti. (r.s.)

Foto dal Comune di Castel San Pietro e Isolapress

Un mercoledì di festa con Giro d’Italia e Giro-E. IL VIDEO
Cronaca 17 Maggio 2022

Tutte le strade chiuse al traffico (e gli orari) per il passaggio del Giro d’Italia

Riguardo al Giro d’Italia, domani, ci saranno ovviamente modifiche alla viabilità. A partire dalle ore 11 fino alle 14.30 circa, sarà chiuso al traffico il percorso che sarà effettuato in città dai corridori che, provenienti da Castel Bolognese, transiteranno su via Emilia ponente, via Pisacane, ponte Santerno, via Resistenza, via Galvani, via Marconi, viale Amendola e via Emilia Ponente, fino al confine con il Comune di Dozza.

Nel territorio del Comune di Imola interessato al passaggio della corsa, sono previste 52 postazioni di controllo di incroci e rotonde, che saranno presidiati oltre che dagli agenti della Polizia locale, anche da quelli della Polizia di Stato, dai Carabinieri, dalla Guardia di Finanza e dai volontari della Protezione civile, del Corpo delle Guardie ambientali metropolitane e assistenti civici, coordinati dal Servizio di protezione civile del Comune. In totale saranno impiegati un’ottantina di addetti, tra forze dell’ordine e volontari.

Nella foto: uno scatto del passaggio dello scorso anno, che era in senso opposto

Tutte le strade chiuse al traffico (e gli orari) per il passaggio del Giro d’Italia
Sport 6 Maggio 2022

«Tour de France 2024»: più di una suggestione, siamo già pronti a colorarci di giallo

Nel giorno della partenza del Giro d’Italia e in attesa del 18 maggio, data della tappa Santarcangelo-Reggio Emilia con passaggio sulla via Emilia anche da Imola, Dozza, Castel San Pietro e Ozzano, la possibilità di vedere la partenza del Tour de France dal nostro Paese, e dall’Emilia Romagna, nel 2024 non è più solo un discorso da bar.

A interessare il nostro territorio potrebbe essere la seconda tappa che renderebbe onore a Marco Pantani con partenza da Cesenatico, nel ventennale dalla sua scomparsa, concludendosi a Bologna; in questo caso, sarebbe davvero difficile immaginare una tappa che possa completamente «scavalcare» le nostre strade, non solo con una «toccata e fuga» sulla via Emilia, ma anche con un omaggio ai Campionati del Mondo disputati a Imola. (ma.ma.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 5 maggio.

Nella foto (Isolapress): i Mondiali 2020

«Tour de France 2024»: più di una suggestione, siamo già pronti a colorarci di giallo
Cronaca 9 Marzo 2022

Torte, ciclismo e Dozza, le passioni e il ricordo dell’imprenditore Tonino Berti

Questa mattina Toscanella ha dato l’ultimo saluto a Antonio Berti, morto lo scorso 4 marzo. Il volto sorridente di Tonino, come lo chiamavano tutti, le colazioni, le torte, il pane e pian piano sempre più vetrine a Toscanella lungo la via Emilia, sono da sempre un riferimento. La sua vicenda imprenditoriale ha incrociato tanti momenti dell’economia locale, dalla Mercatone Uno a Monte del Re. «Un grande imprenditore ma soprattutto un uomo pieno di energia, passione ed entusiasmo che ha saputo lasciare un segno indelebile nella nostra comunità». ha detto Luca Albertazzi, sindaco di Dozza.

La pasticceria Berti è stata un riferimento, un motivo d’incontro straordinario per tanti dove nascevano a volte anche buone intuizioni. Lo sottolinea il senatore Daniele Manca che lo conosce da sempre e che, da giovane sindaco di Dozza, lo ricorda bene. «La pasticceria era un luogo d’incontro vero – racconta -. Quando ero sindaco alla mattina lì avvenivano incontri importanti con i cittadini ed imprenditori».

Legare il nome di Berti allo sport e al ciclismo è naturale. Si ricorda la sua grande amicizia con Luciano Pezzi, figura leggendaria del ciclismo italiano che pedalò con Coppi, condusse Gimondi da direttore sportivo e creò la Mercatone di Pantani. Grazie a Pezzi la torta di riso di Berti divenne un alimento per una generazione di ciclisti. «Davanti alla sua pasticceria – ricorda sempre Daniele Manca – si è fermato il Giro d’Italia. È venuto a mancare un amico ed un uomo che sapeva donare tanto per la comunità nella quale viveva e lavorava». (p.b.)

Su «sabato sera» anche un piccolo album fotografico che testimonia la passione di Tonino Berti (ricambiata) per il ciclismo.

Nella foto: Tonino Berti e Nino Ceroni a Toscanella durante il passaggio del Giro nel 2012

Torte, ciclismo e Dozza, le passioni e il ricordo dell’imprenditore Tonino Berti
Sport 26 Novembre 2021

Nino Ceroni è un «Leone» a 94 anni, Cassani vuole qui il Tour de France

La consegna della massima onorificenza del Lions Club (Melvin Jones) a Nino Ceroni, organizzatore dei Mon- diali di ciclismo del 1968, ha emozionato i presenti all’hotel Molino Rosso lo scorso martedì 16 novembre. «Sono orgoglioso di questa onorificenza – ha detto Nino Ceroni – e anche a questa età, dopo aver spento 94 candeline, mi sento ancora motivato a continuare a dare il meglio di me stesso».

Ospiti della serata erano Davide Cassani, presidente Apt Emilia-Romagna ed ex Ct della Nazionale di ciclismo, e Marco Selleri, direttore del Comitato organizzativo dei Campionati del mondo «Imola 2020». Cassani, rispondendo alle domande dei presenti, ha raccontato i sogni nel cassetto (una squadra World Tour italiana, un’academy per i giovani) e non ha smentito le operazioni in corso anticipate dalla stampa per cercare di portare, in futuro, il Tour de France in Emilia Romagna (ma.ma.).

Nella foto (Isolapress): da sinistra Nino Ceroni, Marco Violi, Davide Cassani, Marco Selleri e il sindaco di Imola Marco Panieri

Nino Ceroni è un «Leone» a 94 anni, Cassani vuole qui il Tour de France
Sport 11 Novembre 2021

Ciclismo, nel 2022 il Giro d’Italia tornerà a «pedalare» sulla via Emilia

Mercoledì 18 maggio 2022 il Giro d”Italia toccherà anche Imola, Castel San Pietro e Ozzano.  L”annuncio arriva oggi, al termine della presentazione “a puntate” delle tappe della Corsa rosa, uno dei più importanti eventi sportivi in Italia e nel mondo, in programma dal 6 al 29 maggio 2022.

Dopo aver superato Faenza e Castel Bolognese, il gruppo entrerà nel circondario imolese dopo circa 65 km di una frazione interamente pianeggiante, che prenderà il via da Santarcangelo di Romagna per concludersi a Reggio Emilia dopo 201 km. Al transito sul nostro territorio è previsto anche un traguardo volante. 

Sarà una tappa adatta ai velocisti, proprio come nel 2021, quando anche la tappa Modena-Cattolica ha percorso la via Emilia, ma in senso opposto (vinse l”australiano Caleb Ewan).  L”ultima volta, invece, che una tappa del Giro si è conclusa nel Circondario è stata nel 2018: all”Autodromo di Imola vinse l”irlandese Sam Bennett in volata. (ma.ma.)

Nella foto: il passaggio a Toscanella del Giro nel 2012

Ciclismo, nel 2022 il Giro d’Italia tornerà a «pedalare» sulla via Emilia
Sport 11 Ottobre 2021

A Imola inaugurato il «Zolino Bike Park» per pedalare in sicurezza

Un percorso per mountain bike, in un’area comunale in via Massimo Villa a Imola, dove bambine e bambini possono pedalare al riparo dal traffico stradale confrontandosi con piccoli salti, curve e cunette medio-alte.

Si tratta di «Zolino Bike Park», il nuovo impianto inaugurato sabato 9 ottobre con la presenza del sindaco di Imola Marco Panieri, dell’Ufficio Sport e di una rappresentanza della Ciclistica Santerno Fabbi Imola, società giovanile del territorio che a titolo completamente volontario si è occupata dell’avvio e della manutenzione del bike park (realizzato dal Comune), oltre ad utilizzarlo un paio di volte a settimana per gli allenamenti dei propri Giovanissimi (6-12 anni). «Imola è una città fortemente declinata allo sport, con questo impianto prosegue nel valorizzare aree esterne – ha detto il sindaco Panieri -, per vivere la pratica sportiva non solo in sicurezza ma anche garantendo il pieno appeal della disciplina ciclistica».

Già operativo da tempo, Zolino Bike Park è accessibile a tutta la cittadinanza negli orari di apertura (indicativamente ore 9-12 e 15.30-22). Per informazioni cliccare qui. (ma.ma.)

Il Zolino Bike Park, inaugurato sabato scorso

A Imola inaugurato il «Zolino Bike Park» per pedalare in sicurezza
Sport 24 Settembre 2021

Ciclismo, non più Coppa, ma Gp: è pur sempre Varignana

Il grande ciclismo Elite e Under 23 torna a Castel San Pietro. Domani, sabato 25 settembre, la prima edizione del Gp Varignana, nuova gara ciclistica nazionale con l’organizzazione di un inedito comitato composto da tre società: Asd Sergio Dalfiume 1952, la nuova società cicloturistica aperta a inizio 2021 e presieduta da Giancarlo Merighi; Biotraining Cycling, team presieduto da Matteo Pesci e animato dall’impegno del direttore sportivo Claudio Strazzari; Polisportiva Villafontana, presieduta da Giampaolo Scalorbi.

La gara si chiamerà «Gran Premio» e non più «Coppa» e sarà intitolato anche Trofeo Cablotech, Trofeo Asd Sergio Dalfiume 1952 e Trofeo Castel San Pietro Terme. (ma.ma.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 23 settembre.

Nella foto: i protagonisti della conferenza stampa. Da sinistra: Cecilia Bortolotti (Palazzo di Varignana), Franco Chini (vicepresidente Comitato Regionale Fci), Fausto Tinti (sindaco Cspt), Matteo Pesci (presidente Biotraining Cycling Team), Giancarlo Merighi (presidente Asd Sergio Dalfiume 1952), Silvano Antonelli (direttore di corsa Gp Varignana) e Giampaolo Scalorbi (presidente Polisportiva Villafontana)

Ciclismo, non più Coppa, ma Gp: è pur sempre Varignana
Sport 7 Agosto 2021

Gp Fabbi prestigioso, così si diventa «grandi» – Le immagini più belle dell’edizione 2021

Anche nel 2021 il Gp Fabbi Imola si è confermato una delle principali manifesta- zioni in Italia dedicate al ciclismo giovanile, con oltre 800 iscritti tra i 6 e i 16 anni. All’autodromo Enzo e Dino Ferrari, struttura ideale per gare ciclistiche in sicurezza lontano dal traffico, i partecipanti hanno rappresentato 89 società sportive da 12 regioni, generando così un consistente indotto economico immediato per le strutture ricettive del territorio.

Ottimi riscontri dal punto di vista organizzativo per la Ciclistica Santerno Fabbi Imola, fondata nel 1995 da Ilario Rossi e presieduta da Luca Martelli, che ha riproposto questa «due giorni» dopo lo stop forzato di luglio 2020, quando l’attività agonistica giovanile era ancora sospesa causa Covid. (ma.ma.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 5 agosto.

Nella foto (Isolapress): l’edizione 2021 del Gp Fabbi

Gp Fabbi prestigioso, così si diventa «grandi» – Le immagini più belle dell’edizione 2021

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA