Posts by tag: comune

Sport 9 Agosto 2019

Le imprese degli atleti Romualdi e Chiarini, autentiche eccellenze medicinesi

La scorsa settimana il sindaco Matteo Montanari ha invitato in Comune i protagonisti di due imprese sportive di tutto rispetto: Stefano Romualdi e Gastone Chiarini, per complimentarsi con loro. Stefano Romualdi ha da poco concluso il «Tour Divide», la gara più lunga del mondo in mountain bike, piazzandosi al 7° posto. Unico italiano ad aver affrontato questa massacrante gara per due anni consecutivi (nel 2018 arrivò 10°) e ad essere entrato nella top-ten. «Potevo fare meglio se non fossi rimasto bloccato da un tormenta di neve» ha raccontato al sindaco l’atleta medicinese, che ha pedalato in solitaria per 4.400 km dal Canada al New Mexico. «Non parteciperò più a quella sfida, i miei prossimi obiettivi saranno le gare che vengono organizzate in Scozia, oppure in Vietnam, chissà…». Dopo le ferie su sabato sera pubblicheremo una sua ampia intervista.

Il secondo protagonista è stato Gastone Chiarini, classe 1940, noto a Medicina per essere stato l’insegnante di ginnastica di molte generazioni, che ha vinto il titolo di campione italiano Fidal nel salto con l’asta, nella categoria «Master M75», superando la notevole misura di 2,25. «Mi piacerebbe battere un record – ha raccontato Chiarini -, magari anche fare delle trasferte a lungo raggio. Il mio vero sogno nel cassetto però è quello di partecipare ai campionati mondiali». (r.s.)

Nelle foto: da sinistra Stefano Romualdi con Matteo Montanari (sindaco di Medicina) e Gastone Chiarini, sempre assieme al primo cittadino

Le imprese degli atleti Romualdi e Chiarini, autentiche eccellenze medicinesi
Cronaca 24 Luglio 2019

Duro botta e risposta tra l'Accademia pianistica e la sindaca Sangiorgi sul progetto della nuova sede all'Osservanza

L”Accademia pianistica chiede la realizzazione del progetto all”Osservanza. La sindaca Manuela Sangiorgi ipotizza altre soluzioni perché costa troppo, ma l”Accademia rilancia sul rispetto degli impegni presi. Sintesi di un deciso e irrituale botta e risposta cominciato lunedì con la conferenza indetta dalla Fondazione Accademia internazionale «Incontri col maestro» di Imola. L”obiettivo, in verità, era annunciare l”approvazione da parte della Commissione cultura, scuola, formazione, lavoro, sport e legalità dell’Assemblea legislativa dell’Emilia Romagna, del progetto di legge sugli interventi straordinari per l’alta formazione musicale e le attività culturali che prevede un contributo straordinario di 200mila euro all’anno per tre anni (2019-2020-2021) per l”Accademia imolese.

Il fondatore e direttore Franco Scala, però, nel fare il punto sui successi di trent”anni di attività, in primis l’ottenimento dell’equipollenza alle lauree universitarie, riconosciuta a marzo ha detto: «Siamo ad un punto in cui abbiamo un numero di allievi tale da poter essere davvero un’università… ma ci manca lo spazio per poterli ospitare. Qualche giorno fa ci è venuta a trovare qui in Rocca (sede dell’Accademia) la sindaca e la cosa mi ha fatto molto piacere. Le abbiamo consegnato un plico con tutto il progetto redatto alcuni anni fa relativo all’Osservanza, che è sempre il nostro obiettivo, perché abbiamo bisogno che l’Amministrazione ci sostenga. La sensazione è che si faccia fatica a riconoscere l’Accademia per l’eccellenza che è. Imola sembra una barca in mezzo al mare senza capitano…» ha concluso.

Il progetto di cui parla Scala è la ristrutturazione del padiglione 1 dell”ex manicomio, messo nero su bianco due anni fa dal ConAmi a guida Stefano Manara, che prevedeva la ristrutturazione da parte del ConAmi dell”immobile a fronte di un successivo affitto da parte dell”Accademia di 130 mila euro per trent”anni (che vi avrebbe poi traslocato con sede, sale studio e aule, stanze per gli studenti e mensa).

Forse la virata della conferenza stampa non è piaciuta alla sindaca Manuela Sangiorgi che ieri mattina ha replicato piccata via Facebook con un video pubblicato sulla sua pagina «Manuela Sangiorgi sindaca M5S», nel quale si dice consapevole che l”Accademia imolese ha bisogno di spazi ma la cifra prevista per il recupero padiglione 1 («circa 4 milioni di euro») è «troppo esorbitante per venti stanze insonorizzate. Penso che si possano trovare altre soluzioni. Penso che con quasi quattro milioni, ad esempio, l’Osservanza possa essere adibita in un padiglione a una Rsa per anziani». Sempre sulla pagina Fb la sindaca ha tenuto a ricordare che “l”Accademia gode di un comodato gratuito per la sede dentro la Rocca Sforzesca e di agevolazioni nei locali della scuola Vassura Baroncini e presso il teatro dell”Osservanza per lo svolgimento dell”Imola Summer Piano Academy & Festival”.

Poche ore e nel tardo pomeriggio, sempre di ieri, è arrivata la replica via comunicato dal Consiglio di amministrazione della Fondazione Accademia che prima sottolinea il dispiacere per «la decisione annunciata dall’Amministrazione comunale di ridurre il contributo annuale da 53.000 euro a 30.000 proprio in un anno di oneri crescenti. Tra l’altro siamo ancora in attesa di ricevere ufficialmente la Convenzione per l’anno 2019». E poi ha richiamato l”Amministrazione imolese al rispetto degli impegni: «Una scrittura privata è stata siglata nel 2017 riguardante l’Osservanza. A fronte di un canone di affitto di 130.000 euro all’anno per trent’anni, il ConAmi si è impegnato a consegnare entro marzo 2020 il Padiglione numero 1. Ci aspettiamo il rispetto degli impegni». (r.c.)

Altri particolari e commenti sul “sabato sera” del 25 luglio.

Nella foto d”archivio Franco Scala con la sindaca Manuela Sangiorgi

Duro botta e risposta tra l'Accademia pianistica e la sindaca Sangiorgi sul progetto della nuova sede all'Osservanza
Cronaca 11 Luglio 2019

Bretellina archiviata e studio di fattibilità per il ponte, le novità dell'assessore Minorchio. Soddisfatto Strade Future

Stop alla bretellina. L’assessore al l’Urbanistica Massimiliano Minorchio ha ammesso che l’ipotesi di completamento dell’asse attrezzato con un “intervento light” rispetto al progetto originario è stata accantonata. La notizia è emersa durante la commissione consigliare dedicata all’aggiornamento del Documento unico di programmazione contenente anche il piano dei lavori pubblici per il triennio 2019-2021, che è stato poi l”argomento all’ordine del giorno del Consiglio comunale di martedì. Inoltre è stato anticipato al 2019 l’importodi 100 mila euro previsti per lostudio di fattibilità del ponte sul Santerno, previsto in un primo tempo nel 2020 «per accelerare il percorso e l’eventuale finanziamento dell’opera». Scelta che fa seguito alla disponibilità manifestata dalla Regione di impegnarsi per finanziare l”opera quando e se si sbloccherà e diventerà realtà il pacchetto dell”ampliamento dell”A14 a livello ministeriale e di Autostrade Spa.

Nel corso della commissione è stato il consigliere comunale Pd Fabrizio Castellari a porre all’assessore una domanda ben precisa: «Visto che nel 2020 rimaneva agli atti l’iscrizione del completamento dell’asse attrezzato – riassume – ho chiesto di chiarire una volta per tutte se, dopo la presa di posizione dell’assessore regionale Donini (durante l’incontro dello scorso 8 maggio organizzato dal Comitato Strade Future, Ndr) e dopo gli scambi con la Regione, c’era ancora in campo l’idea, secondo noi sbagliata, di aprire una nuova fase progettuale per passare a una bretella in forma più ridotta. L”assessore Minorchio ha risposto che quella proposta non è più incampo e che si è valutato conveniente, in termini di tempo e di risorse, rimanere sul progettoereditato dalla precedente amministrazione comunale». Via dunque l’ipotesi della mezza trincea, resta il progetto così come pensato in origine, ovvero il completamento dell’asse attrezzato con le stesse caratteristiche del tratto esistente. Nella parte più vicina a via Punta sarà realizzata una corsia per senso di marcia, ma con la predisposizione per la doppia corsia.

Marcia indietro, quindi, non senza un po” di mal di pancia nelle fila della maggioranza 5Stelle, e grande soddisfazione per il Comitato Strade Future che ha raccolto in pochi mesi oltre tremila firme di cittadini per chiedere alla Giunta Sangiorgi di soprassedere all”idea della “bretellina”, caldeggiata per risparmiare e investire in altre opere di viabilità ritenute prioritarie. «Abbiamo appreso con soddisfazione – si legge nel comunicato stampa – che la voce di oltre tremila cittadini è stata ascoltata dall’Amministrazione comunale di Imola e che l’assessore Minorchio ha confermato di aver raggiunto una intesa con la Regione Emilia Romagna per portare a termine la bretella e avviare lo studio perla realizzazione del nuovo ponte sul Santerno. E’ un risultato importante perché può garantire alla nostra città due opere strategiche per la mobilità e i trasporti. Siamo contenti perché il nostro è un comitato pro e non contro: l’obiettivo non è maistato fare la guerra a qualcuno, ma contribuire a migliorare la città».

Altri particolari sul “sabato sera” dell”11 luglio.

Nelle foto l”assessore Massimiliano Minorchio e il consigliere dem Fabrizio Castellari

Bretellina archiviata e studio di fattibilità per il ponte, le novità dell'assessore Minorchio. Soddisfatto Strade Future
Cronaca 9 Luglio 2019

In preparazione il nuovo bando per canile e gattile che introdurrà la gestione associata a partire dal 2020

Cosa ne pensano gli attuali gestori di canile e gattile del nuovo regolamento per cani e gatti e, soprattutto, della gestione unificata delle due strutture comunali a partire da gennaio 2020? In teoria, il bando che sta per pubblicare il Comune non permetterebbe ai due gestori attuali, la coop. Coala che gestisce il canile dal 2010 e la coop. Gatto Nero il gattile dal 2012, di concorrere alla riassegnazione se non attraverso un’ati, un’associazione temporanea di imprese, dato che non possiedono, individualmente, le caratteristiche richieste.

Serena Mirri di Coala non si sbilancia troppo: «Attenderemo il bando per decidere, è ancora tutto da valutare». Gatto Nero, nelle parole dell’operatrice Cristina Ferri, sembra più decisa verso la fine di un’esperienza: «Aspettiamo di vedere il bando, ma non credo che saremo interessate a partecipare perché ad oggi il conto economico è sfavorevole, sono anni che diciamo che la quota di gestione del gattile non copre le spese».

Nel frattempo, le due coop. si dicono, invece, soddisfatte del testo del nuovo regolamento approvato all’unanimità nel Consiglio comunale del 18 giugno, anche perché hanno potuto leggerlo e fare osservazioni prima dell’approvazione. (mi.mo.)

Nella foto operatrici della cooperativa Coala che gestisce il canile di Imola

In preparazione il nuovo bando per canile e gattile che introdurrà la gestione associata a partire dal 2020
Cronaca 9 Luglio 2019

Modifiche al regolamento per gli animali a Imola, tra le novità l'adozione a distanza anche per i gatti

Lo scorso 18 giugno è stato approvato dal Consiglio comunale il nuovo regolamento per la gestione del canile, del gattile e delle colonie feline. Il nuovo testo, su cui hanno lavorato per alcuni mesi l’assessore all’Ambiente, Andrea Longhi, la Commissione ambiente e il servizio veterinario dell’Ausl, riassume e modifica i regolamenti esistenti, contenuti in due documenti distinti. «Erano datati, avevano almeno 15 anni – motiva Longhi -. Non rispettavano gli animali a partire dalla terminologia utilizzata, ad esempio parlavano di “carico” e “scarico” come fossero merci (parole sostituite con “accettazione” ed “uscita”, ndr). Erano da aggiornare, condividendo le modalità con gli addetti ai lavori, sia il servizio veterinario dell’Ausl che gli attuali gestori delle strutture».

Le novità non sono solo nella terminologia o negli adeguamenti normativi, ma di sostanza, soprattutto per quanto riguarda il gattile, a partire dell’obbligo del microchip anche per tutti i gatti che vengono presi in carico dalla struttura. Per entrambe le strutture, di proprietà comunale, l’acquisto dei microchip sarà a carico del Comune stesso. Inoltre è stata introdotta la possibilità dell’adozione a distanza anche dei felini, opportunità di cui, finora, potevano usufruire solo gli amanti dei cani. «Abbiamo voluto condividere il nuovo testo con chi si occupa delle strutture oggetto del regolamento per fare il miglior lavoro possibile – continua Longhi -. Abbiamo raccolto le osservazioni dei due gestori (la coop. Coala del canile e la coop. Gatto Nero per il gattile, ndr) e per lo più le abbiamo accettate. Per altre abbiamo mediato, come per la richiesta da parte del gattile di considerare colonie feline già i raggruppamenti di due o più gatti, mentre inizialmente prevedevamo i cinque o più, alla fine abbiamo considerato i gruppi di tre o più gatti. Sono molto orgoglioso del lavoro fatto – conclude – e prevedo che questo nuovo regolamento avrò lunga vita». (mi.mo.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 4 luglio

Nella foto l”assessore all”Ambiente del Comune di Imola Andrea Longhi

Modifiche al regolamento per gli animali a Imola, tra le novità l'adozione a distanza anche per i gatti
Economia 2 Luglio 2019

Il sindaco Luca Lelli e l'assessore Claudio Garagnani in visita alle aziende, la Best Tool e l'impegno con l'Ozzanese calcio

Il sindaco Luca Lelli, fresco di conferma elettorale, ha ripreso le visite alle aziende presenti nel territorio ozzanese, ora accompagnato dal neo-assessore alle Attività produttive, Claudio Garagnani. «E’ un impegno al quale ho sempre tenuto in maniera particolare fin dall’inizio del mio primo mandato – motiva Lelli -. Sono incontri molto utili, sia per noi, sia per gli imprenditori, che così hanno la possibilità di conoscere programmi e progetti nei quali è impegnata l’Amministrazione comunale. Le aziende – continua il sindaco – sono importanti per un territorio, perché creano lavoro e contribuiscono all’innalzamento della qualità della vita e devo dire che molte volte, visitandole, mi sono trovato di fronte a delle vere e proprie eccellenze in vari settori».

Così, nei giorni scorsi sindaco e assessore hanno incontrato Piero Tinnirello e Matteo Capitani, presidente e vicepresidente della Best Tool, azienda informatica relativamente giovane, presente a Ozzano dal 2011, oggi nei nuovi locali di via Nobel Alfred Bernhard. «La Best Tool è una bellissima realtà – racconta Lelli – che si è perfettamente integrata nel tessuto sociale, tanto che il presidente ha scelto di viverci con la propria famiglia e si impegna per aiutare le associazioni, vedi la sponsorizzazione dell’Ozzanese Calcio. Parlando con loro siamo venuti a conoscenza dei tanti progetti che stanno cercando di portare avanti a Ozzano. E come Amministrazione cercheremo, per quanto sarà di nostra competenza, di essere al loro fianco». (r.cr.)

Nella foto, da sinistra Matteo Capitani, l”assessore Garagnani, Piero Tinnirello e il sindaco Lelli

Il sindaco Luca Lelli e l'assessore Claudio Garagnani in visita alle aziende, la Best Tool e l'impegno con l'Ozzanese calcio
Cronaca 22 Giugno 2019

Ha riaperto a Fontanelice e funzionerà fino al 31 agosto la piscina Conca Verde, gestita dalla società De Akker

Dopo tre anni di inattività ha riaperto i battenti il 15 giugno la piscina Conca Verde. Un evento molto atteso non solo dai cittadini del paese e della vallata ma anche dei dintorni. Il nuovo gestore, la bolognese De Akker, che ha vinto il bando indetto all’inizio dell’anno dalla precedente Amministrazione Ponti, aveva annunciato che sarebbe riuscita ad aprire in tempo per la stagione estiva e così è stato. Fino al 31 agosto la piscina sarà a disposizione del pubblico.

Chi la frequentava prima della chiusura non troverà sorprese, il complesso è invariato con la sua invidiabile posizione immersa nel verde. Il neoeletto sindaco di Fontanelice, Gabriele Meluzzi, si dice molto soddisfatto anche perché «non sempre i bandi vengono vinti da persone con esperienza. Invece la società De Akker si occupa di altre piscine, quindi speriamo che la loro competenza sia un vero valore aggiunto». In effetti, la società sportiva dilettantistica bolognese, oltre ad avere propri atleti e una squadra di pallanuoto, è anche capofila nel consorzio che gestisce la piscina comunale «Carmen Longo» di Bologna, a fianco dello stadio Dall’Ara; la presidente è Natala Spanti.

Alberto Vecchi, che cura la parte organizzativa di De Akker, spiega: «Nasciamo come società di nuoto di alto livello, proprio quest’anno la nostra squadra di pallanuoto si è qualificata in serie B. Volevamo acquisire nuove gestioni e quando il nostro vicepresidente, Simone Carapia, ci ha segnalato questa occasione, l’abbiamo colta». La De Akker ha avuto appena un mesetto per pulire la Conca Verde e renderla riutilizzabile.

La Conca Verde è disponibile per un bagno rinfrescante dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle 19, nel fine settimana dalle ore 9. Il costo per l’ingresso è di 7 euro nei giorni lavorativi (5 euro il ridotto per over 65, under 14 e altre categorie), durante il week-end si sale a 9 euro (7 euro il ridotto). E’ prevista la possibilità di un abbonamento trimestrale oppure una tessera a scalare. (re.co.)

L”articolo completo con altri approfondimenti è su «sabato sera» del 20 giugno

Nella foto Simone Carapia, Natala Spanti e il sindaco Gabriele Meluzzi

Ha riaperto a Fontanelice e funzionerà fino al 31 agosto la piscina Conca Verde, gestita dalla società De Akker
Cultura e Spettacoli 20 Giugno 2019

Domenica 14 luglio concerto gratuito di Mario Biondi nel paddock dell'autodromo “Enzo e Dino Ferrari'

Ora è ufficiale: domenica 14 luglio Mario Biondi sarà il protagonista del concerto che si terrà nel paddock dell”autodromo “Enzo e Dino Ferrari”. Una nota congiunta dell”Amministrazione comunale e di Formula Imola ha dunque confermato le indiscrezioni che circolavano da qualche giorno. L”evento, che inizierà alle 21 (con apertura dei cancelli alle 20) è gratuito, promosso dal Comune di Imola insieme al gruppo Hera e organizzato da Formula Imola con la collaborazione di Studio”s srl e il sostegno di Cefla e Allianz Agenzia di piazza Matteotti.

Mario Biondi, 48 anni, incastrerà la tappa imolese tra due festival internazionali ai quali prenderà parte in Spagna e in Lettonia. L”artista catanese è infatti impegnato in un fitto calendario di concerti sia in Italia che all”estero, dove la sua attività live è particolarmente apprezzata. Il concerto in autodromo, inoltre, arriva a poco più di un mese dall”inattesa uscita del suo nuovo singolo “Sunny Days”, in duetto con l”astro nascente del jazz Cleveland P. Jones. «Gli occhi, che sono lo specchio dell”anima, si incontrano e raccontano con voci diverse la stessa storia – dichiara Biondi a proposito del nuovo brano -. C”è chi grida e chi parla sotto voce ma il dolore è la stessa croce». 

«Desideravamo fortemente regalare ad Imola e agli imolesi un altro emozionante momento di grande musica dopo il successo della 24° edizione della kermesse “Imola in Musica” – sottolinea la sindaca di Imola, Manuela Sangiorgi -. Mario Biondi è un artista straordinario, completo, apprezzato sia in campo nazionale che in quello internazionale dove è uno degli indiscussi ambasciatori della nostra musica». «Con l”Amministrazione comunale – aggiunge il direttore dell”autodromo Roberto Marazzi – ci siamo impegnati per riuscire a portare quest”anno un concerto all”autodromo e alla fine la nostra perseveranza e determinazione, con la imprescindibile collaborazione di Studio”s, è stata premiata». Per Hera parla, infine, il direttore centrale delle Relazioni esterne, Giuseppe Gagliano: «Siamo contenti di contribuire ad offrire alla città di Imola un concerto importante che vede la presenza di un artista internazionale. Un evento gratuito – conclude – favorisce la più ampia partecipazione, consentendo a tutti l”accesso a una offerta turisitca di livello».

Infine, qualche dettaglio di logistica: all”area concerto si accede entrando in autodromo dall”ingresso su viale Dante-piazza Ayrton Senna e si prosegue poi lungo il paddock. Sotto il palco ci sarà un”area con posti a sedere destinati in gran parte al pubblico, con priorità per anziani e donne in gravidanza, fino ad esaurimento posti. Un”area disabili sarà inoltre allestita a fianco di quella con i posti a sedere. (r.c.)

La foto è tratta dalla locandina ufficiale del concerto

Domenica 14 luglio concerto gratuito di Mario Biondi nel paddock dell'autodromo “Enzo e Dino Ferrari'
Cronaca 13 Giugno 2019

Raccolta rifiuti in centro storico, informatori ambientali casa per casa a fornire istruzioni e distribuire i kit

In questi giorni otto informatori ambientali hanno cominciato a suonare alle porte del centro storico. Devono spiegare a residenti e attività commerciali le nuove modalità di raccolta differenziata dei rifiuti che diventeranno operative dall’8 luglio. Come già accaduto negli anni scorsi per le altre zone, gli informatori sono l’ultimo tassello della campagna capillare organizzata da Hera e Comune. Ben sette le assemblee pubbliche svolte alle quali hanno partecipato circa 800 persone sulle circa 5.300 utenze coinvolte.

In alcuni casi sono state sollevate diverse perplessità, in particolare in merito alla modalità porta-a-porta che interesserà la sola zona centrale delimitata dai viali Saffi, Zappi, de Amicis, Carducci e Amendola. A destare dubbi è il fatto che non riguarda solo carta e plastica-lattine (con i sacchi), ma anche l’indifferenziato, che ogni famiglia dovrà mettere in un apposito bidone da 40 litri. L’umido e il vetro, invece, dovranno essere conferiti nei bidoni stradali con l’apertura mediante tessera (attivata definitivamente dall’1 agosto) come nel resto della città. Chi abita all’esterno dei viali non avrà il porta-a-porta, ma dovrà portare i propri rifiuti nelle isole ecologiche di base, cioè nei cassonetti stradali con le stesse modalità in uso negli altri quartieri cittadini quindi anch’essi con l’apertura mediante tessera.

Il lavoro degli informatori ambientali proseguirà per tutto il mese di giugno. Oltre a spiegare le nuove modalità distribuiranno i kit con il materiale necessario al nuovo sistema di raccolta. Saranno riconoscibili per la pettorina gialla con la scritta «Informatore ambientale» e per il cartellino nominativo. Come sempre, non possono accettare denaro e non è necessario farli entrare in casa, la consegna dei kit può avvenire sulla soglia. E’ possibile chiedere conferma del nominativo dell’informatore telefonando al servizio clienti di Hera al numero verde gratuito 800/999500 (dal lunedì al venerdì, ore 8-22 e il sabato, ore 8-18).

L”articolo completo è su «sabato sera» del 13 giugno.

Nelle foto i volti degli otto informatori ambientali

Raccolta rifiuti in centro storico, informatori ambientali casa per casa a fornire istruzioni e distribuire i kit
Cronaca 12 Giugno 2019

Matteo Montanari ha completato la sua Giunta con molte novità e la confermata Dilva Fava “promossa' vicesindaco

Il nuovo sindaco di Medicina, Matteo Montanari, ha nominato ufficialmente la sua Giunta e si prepara ad affrontare le priorità del mandato amministrativo 2018-2023. Dopo la “promozione” a vicesindaco della riconfermata Dilva Fava e la nomina del nuovo entrato Massimo Bonetti che si occuperà di Ambiente, Agricoltura e Urbanistica, Montanari ha completato la squadra di assessori con le seguenti nomine: Donatella Gherardi sarà assessore al Bilancio, Partecipate e Patrimonio, Attività produttive e Personale; Marco Brini, già presidente del Consiglio comunale nello scorso mandato, sarà delegato alla Polizia Municipale e Sicurezza, Protezione Civile, Sviluppo digitale, Partecipazione e Verifica del programma; Lorenzo Monti si occuperà di Volontariato, Turismo, Giovani, Legalità, Pro Loco e Gemellaggio.

Per sè il sindaco ha tenuto le deleghe alla Sanità, Lavori Pubblici, Piano Strategico Locale e Rigenerazione, Mobilità, Sport e Comunicazione, mentre alla sua vice ha assegnato Scuola, Politiche Sociali, Politiche Abitative e del Lavoro, Pari opportunità, come nel precedente mandato. Si tratta dunque di una Giunta in massima parte rinnovata nei suoi componenti, tutti attivamente impegnati in questi mesi di campagna elettorale nelle tre liste a sostegno della candidatura di Montanari e soprattutto tutti da sempre impegnati nella comunità medicinese nei loro ambiti di competenza.

Il nuovo sindaco ha rilasciato un”intervista al nostro settimanale in edicola da domani giovedì 13 giugno, nella quale anticipa i temi e le priorità del nuovo mandato amministrativo. Tra i progetti in corso e che saranno completati a breve c”è la riqualificazione dell”ex stazione ferroviaria di via Licurgo Fava. «La ciclabile è ormai completata – aggiorna Montanari -, manca l’asfaltatura. Parte dei lavori sull’edificio sono stati realizzati, in particolare la sistemazione del tetto. A breve si partirà con gli impianti e infine i lavori nel piazzale. L’obiettivo è completare il tutto entro settembre». (r.cr.)

L”intervista completa come anticipato è su «sabato sera» del 13 giugno

Nella foto da sinistra a destra: Bonetti, Monti, Fava, Montanari, Gherardi e Brini

Matteo Montanari ha completato la sua Giunta con molte novità e la confermata Dilva Fava “promossa' vicesindaco

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast