Posts by tag: comune

Cronaca 12 Settembre 2020

Rientro a scuola, grazie al Comune di Imola già risolto il problema banchi a Sasso Morelli

Dopo le esternazioni del candidato sindaco Marco Panieri sul problema banchi alla scuola primaria di Sasso Morelli, il Comune di Imola ha annunciato come l’Amministrazione, dopo le sedie, abbia già reperito anche i 98 banchi per la scuola primaria di Sasso Morelli che «dovevano arrivare dal Ministero dell’Istruzione, ma che purtroppo non sono ancora arrivati – si legge nel comunicato -. Un impegno, quello del Comune, finalizzato a garantire a tutti gli studenti parità di condizioni per esercitare appieno il proprio diritto all’istruzione». 

Una situazione quella di Sasso Morelli che è stata affrontata ieri al Tavolo Istituzionale del Comune al quale hanno partecipato dirigenti comunali e scolastici e che ha permesso all’Amministrazione di attivarsi nel recuperare i 98 banchi usati.

Nella foto: il Comune di Imola

Rientro a scuola, grazie al Comune di Imola già risolto il problema banchi a Sasso Morelli
Cronaca 10 Agosto 2020

Coronavirus, per l’avvio dell’anno scolastico in sicurezza quasi 500 mila euro dal Comune di Imola

Il 14 settembre riaprono lo scuole ed il Comune di Imola ha così deciso di stanziare quasi 500 mila euro di lavori di manutenzione straordinaria e ordinaria per garantire l’ottimizzazione degli spazi destinati alla didattica, in base ai protocolli anti Covid-19. Tutto questo grazie anche al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola ed all’utilizzo dei fondi Pon (Programma Operativo Nazionale) del Miur. A questi vanno aggiunti altri 1,77 milioni di euro di interventi in corso di realizzazione, sempre negli edifici scolastici, che il Comune ha programmato e finanziato in precedenza, e che riguardano nella stragrande maggioranza dei casi lavori alle strutture, che non coinvolgono l’attività didattica. Ammonta così a 2,25 milioni di euro il totale complessivo degli interventi che il Comune ha finanziato nelle scuole e nelle palestre scolastiche e ad uso scolastico per la messa in sicurezza dell’avvio dell’anno scolastico.

Il via libera ai quasi 500 mila euro di lavori è stato dato dal Commissario straordinario Izzo, al termine del sopralluogo al patrimonio edilizio destinato all’attività scolastica, svoltosi giovedì scorso, alla presenza del Commissario stesso, dei vertici del Servizio scuola e di quello Lavori pubblici del Comune, oltre ai tecnici di Area Blu, per definire gli ultimi dettagli dei lavori. In questo contesto, dalle scorse settimane personale delle varie scuole, dell’Ausl di Imola, del Comune (sia per la componente tecnica che per quella educativa) e di Area Blu ha effettuato sopralluoghi in tutti i plessi delle scuole primarie e delle secondarie di 1° grado e in alcune scuole dell’infanzia, per le quali i dirigenti scolastici avevano segnalato la presenza di criticità. Alla luce delle esigenze emerse durante quei sopralluoghi, sono stati definiti gli interventi da realizzare. «Stiamo facendo ogni sforzo per favorire l’apertura delle scuole al meglio – ha commentato il Commissario Izzo -. Da parte nostra, si è ritenuto preferibile intervenire in particolare con lavori sulle strutture, che rappresentano un investimento duraturo per il miglioramento degli edifici scolastici esistenti, piuttosto che ricorrere ad altre soluzioni temporanee, come il noleggio e la predisposizione di tensostrutture esterne, che potrebbero inoltre rivelarsi non adeguate nel periodo invernale».

Nello specifico hanno preso il via in questi giorni una serie di interventi strutturali per un totale di 289.050 euro. I finanziamenti riguardano lavori alle scuole primaria Ponticelli, primaria Cappuccini e primaria Campanella, scuola secondaria primo grado Valsalva e primaria Sante Zennaro, scuole primarie Rubri e Pulicari e nella scuola secondaria di primo grado A. Costa, scuola di infanzia San Prospero e plesso di Sesto Imolese. Inoltre hanno preso il via ulteriori interventi di piccola manutenzione nei seguenti 16 Istituti Scolastici (115 mila euro a cui si aggiunge la decisione di utilizzare alcuni spazi di Ca’ Vaina per ospitare 3 classi del Cpia): Primaria Sante Zennaro, Secondaria I° Sante Zennaro, Secondaria Primo Grado Valsalva, Primaria Cappuccini, Secondaria Primo Grado Andrea Costa, Campanella, Pelloni Tabanelli, Primaria Sesto Imolese, Secondaria I° Grado Sesto Imolese, Sasso Morelli, Chiusura, Marconi, Rodari, Ponticelli, Primaria Carducci e  Secondaria I° Carducci. Altri 80 mila euro complessivi, invece, sono stati destinati ad interventi in 7 palestre scolastiche (30.950 euro per “Brusa” (scuole del plesso Sante Zennaro), “Veterani dello Sport” (scuole Fontanelle), “Rubri” (scuole Zolino), “Penazzi” (scuole Pedagna), “Pulicari” (scuole Campanella), “Magistrali” (scuole Carducci) e “Cappuccini” (scuole Cappuccini) e 3 palestre ad uso scolastico e sportivo (49.050 euro per “Cavina”, “Ravaglia” e “Luca Testa” di Sesto Imolese. (r.cr.)

Nella foto (Isolapress): i lavori nella scuola secondaria di primo grado «Valsalva»

Coronavirus, per l’avvio dell’anno scolastico in sicurezza quasi 500 mila euro dal Comune di Imola
Cronaca 6 Agosto 2020

Impianti sportivi comunali di Imola, fino a sabato 8 agosto aperti i termini per le richieste di utilizzo

Fino alle 12 di sabato 8 agosto 2020 sono aperti i termini per la presentazione delle richieste di utilizzo degli impianti sportivi comunali di Imola (palestre, campi all”aperto e piscina coperta) nella stagione 2020/2021. Le domande, da presentare dietro compilazione dei moduli disponibili all”Ufficio sport del Comune (via Mazzini 4, primo piano), all”Urp (Sala Miceti) o scaricabili dal sito internet  del Comune, devono essere presentate all”Urp, all”Ufficio protocollo oppure inviate tramite posta certificata all”indirizzo comune.imola@cert.provincia.bo.it. Ogni altra modalità di invio non sarà ritenuta valida.

Le domande, come precisato, sono valide per la stagione sportiva 2020/2021, che coincide con la durata dell”anno scolastico, quindi dal 14 settembre 2020 al giugno 2021, comprese le vacanze di Natale e Pasqua ed escludendo i giorni festivi. L”Amministrazione precisa inoltre che «per i periodi di vacanza l’utilizzo deve essere confermato così da programmare le aperture degli impianti solo per quando necessario» e che «per i giorni dei mesi di settembre 2020 e giugno 2021, non compresi nel periodo in convenzione, eventuali richieste di spazi vanno inoltrate all’ufficio Sport almeno 15 giorni prima della data richiesta, per consentirne la necessaria istruttoria». (r.cr.)

Nella foto la piscina Ruggi

Impianti sportivi comunali di Imola, fino a sabato 8 agosto aperti i termini per le richieste di utilizzo
Cronaca 3 Agosto 2020

Da domani a Imola l’Urp (Ufficio relazioni con il pubblico) riceve anche senza appuntamento

A Imola, da domani, l’Urp (Ufficio Relazioni con il Pubblico), presente all’interno dei Servizi per il cittadino (Sala Miceti, secondo piano mercato coperto “Il Borghetto” – piazzale Ragazzi del ’99) sarà aperto al pubblico anche senza appuntamento, nei giorni di lunedì: ore 9.00-12.00; martedì: ore 9.00- 12.00 e 14.00 17.30, mercoledì: ore 9.00-12.00; giovedì: ore 9.00-12.00 e 14.00-17.30; venerdì: ore 9.00-12.00. 

L’apertura è stata disposta dal commissario Izzo «al fine di poter garantire la massima informazione possibile all’utenza in ordine alle funzioni dei vari servizi comunali in questa fase di rilancio delle attività produttive nonché per le informazioni relative agli adempimenti elettorali» si legge nel comunicato del Comune. Per qualsiasi altra materia che non siano i sopra citati adempimenti elettorali ed attività  produttive resta l’obbligo dell’appuntamento (telefono 0542/602215 – Fax 0542/602310 – Email urp@comune.imola.bo.it).

Inoltre, con lo stesso atto, è stata disposta, a partire da mercoledì 5 agosto, sino alla conclusione delle consultazioni elettorali, l’apertura dell’Ufficio Elettorale, oltre che negli orari detti precedentemente, anche nella giornata di mercoledì dalle 14.30 alle 17,30 senza appuntamento per il rilascio delle tessere elettorali. La disposizione prevede, infine, che «l’accesso deve avvenire nel rispetto delle misure e dei protocolli di sicurezza, a tutela della salute di utenti e operatori, limitatamente ad una persona alla volta: i cittadini saranno tenuti ad indossare mascherina, a provvedere all”igienizzazione delle mani con prodotto fornito all”entrata dell”ufficio pubblico nonché a mantenere la distanza di almeno un metro dalle persone». (r.cr.)

Nella foto: l’edificio dei Servizi per il cittadino

Da domani a Imola l’Urp (Ufficio relazioni con il pubblico) riceve anche senza appuntamento
Cronaca 31 Luglio 2020

Il Comune di Imola vieta temporaneamente l'utilizzo dell’acqua del canale Gambellara

Nei giorni scorsi il Comune di Imola, con un’apposita ordinanza a tutela della salute pubblica firmata dal commissario Izzo, ha fatto scattare il divieto di attingimento a scopo irriguo delle acque dal canale di scolo Gambellara, nel tratto compreso tra il depuratore di via Molino Rosso e il confine amministrativo con il Comune di Massa Lombarda. Provvedimento disposto alla luce della comunicazione di Arpae con la quale informava che nelle acque in uscita dal depuratore Gambellara è stato accertato il superamento dei valori limite per il parametro microbiologico «Escherichia Coli» e che sono in corso le verifiche dei valori relativi a salmonella spp.

Preso atto di tale comunicazione dell’Arpae, il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Asl di Imola ha proposto al Comune di emettere un’ordinanza con il divieto di attingimento fino all’individuazione delle cause, e alla normalizzazione delle analisi sullo scarico idrico e su tutta l”asta del canale stesso.Il divieto è temporaneo, ovvero rimane in vigore fino alla revoca della presente ordinanza, che avverrà a seguito dell’esito degli accertamenti in corso da parte di Asl e di Arpae che attestino la soluzione delle problematiche di inquinamento e la conseguente cessazione del potenziale pericolo per la salute pubblica. (da.be.)

Nella foto (da Google Maps): il canale Gambellara

Il Comune di Imola vieta temporaneamente l'utilizzo dell’acqua del canale Gambellara
Cronaca 1 Giugno 2020

Coronavirus, l’invito del Comune di Imola per un aperitivo intelligente e responsabile

Con la riapertura a tempo pieno dei bar, nei giorni scorsi sono tornati «di moda» anche gli aperitivi, abitudine conviviale purtroppo quasi dimenticata durante le settimane di lockdown. Per questo motivo il Comune di Imola ha invitato la cittadinanza ad un aperitivo intelligente e responsabile.

L’appello, rivolto in particolare ai più giovani, ha come obiettivo quello di incentivare il pieno rispetto delle misure previste nella Fase 2 dell’emergenza per contrastare la diffusione del Coronavirus. Quindi ok alla movida, ma rispetto della distanza, utilizzo dei dispositivi ed il divieto agli assembramenti. In quest’ottica, inoltre, il Comune ha dato mandato alla polizia locale di continuare l’attenta attività di vigilanza. Nel frattempo in Emilia-Romagna è stato presentato un documento condiviso da Anci, Upi e Regione: un vademecum per i Comuni, deciso insieme dopo l’incontro nei giorni scorsi fra il presidente della Regione, sindaci dei Comuni capoluogo e presidenti delle Province, nei quali è evidenziato il rispetto dei protocolli regionali, il personale a cui ricorrere per comunicazione, informazione, presidio e vigilanza, le ordinanze dei sindaci per ulteriori misure di contenimento (limitazione orari, delimitazione aree, estensione obbligo mascherine, agevolazioni occupazioni spazi prossimi all’esercizio) con l’unico obiettivo di somministrare e far consumare sul posto senza assembramenti bevande e alimenti.

Sull’argomento ne parliamo anche nel prossimo numero di «sabato sera», in edicola dal 4 giugno, nel quale abbiamo contattato alcuni gestori dei bar di Imola e del circondario per capire meglio com’è la situazione. (da.be.)

Foto Isolapress

Coronavirus, l’invito del Comune di Imola per un aperitivo intelligente e responsabile
Cronaca 29 Maggio 2020

Cambi in corsa nel Consiglio comunale di Medicina, già trovati i sostituti dei consiglieri dimissionari

Cambi in corsa nel Consiglio comunale di Medicina. Sono due, infatti, i consiglieri dimissionari, ovvero Ettore Peli (capogruppo di Medicina Democratica e Solidale) e di Silvia Degli Esposti (Movimento 5Stelle). Al loro posto Ercole Garelli di Medicina Democratica e Solidale, una delle liste che ha sostenuto il Sindaco Matteo Montanari alle elezioni 2019 e Gaetano Bellobuono del Movimento 5Stelle. «Benvenuti ai nuovi consiglieri e grazie a chi chiude questo percorso in Consiglio comunale per il lavoro svolto fino a qui- dichiara il sindaco Matteo Montanari -. In particolare voglio ringraziare il consigliere Ettore Peli che negli ultimi 6 anni ha svolto anche la delega per la promozione del Centro storico. Siamo sicuri che continuerà a dare una mano a Medicina con le tante altre attività che lo riguardano». (da.be.)

Nella foto (scattata prima del Covid-19): da sinistra Ettore Peli, Samuele Tronconi ed Ercole Garelli

Cambi in corsa nel Consiglio comunale di Medicina, già trovati i sostituti dei consiglieri dimissionari
Cronaca 21 Maggio 2020

Il Comune di Imola obbliga i cittadini a tagliare la vegetazione incolta per prevenire incendi e motivi di igiene pubblica

Il Comune di Imola, nei giorni scorsi, ha emanato un’ordinanza che dispone il taglio delle vegetazione incolta per prevenire il rischio di incendi. A firmarla è stato il Commissario straordinario Izzo ed è rivolta «ai proprietari e conduttori a qualsiasi titolo frontisti di terreni, strade, aree o spazi pubblici e comunque a tutti i proprietari di terreni incolti in genere».

Spetta loro, infatti, provvedere entro e non oltre il prossimo 30 giugno ai seguenti interventi, che andranno ripetuti successivamente, ogni qualvolta necessario. Nello specifico, si tratta del «taglio della vegetazione incolta; taglio degli arbusti, rovi, sterpaglie, materiale secco di qualsiasi natura, dalle aree, ivi compreso quelle di cantiere, limitrofe a strade pubbliche, o prospicienti spazi e aree pubbliche; pulizia dei terreni incolti mediante rimozione di ogni elemento o condizione che possa rappresentare pericolo per l’incolumità e l’igiene pubblica o che possa essere veicolo o accrescere il pericolo di incendio».

Come ogni anno, l’ordinanza viene emanata in questo periodo in quanto «la stagione estiva a causa delle temperature particolarmente elevate che possono verificarsi, comporta un elevato pericolo di incendi nei terreni infestati da sterpi, arbusti, vegetazione secca, che, oltre a causare danni all’ambiente ed al territorio, può comportare un grave pregiudizio per la salute pubblica». Ma non solo. Come sottolinea la stessa ordinanza «la presenza di terreni incolti ed aree ricoperti da vegetazione spontanea, può inoltre provocare problemi di igiene in quanto favorisce la proliferazione di ratti, insetti, parassiti e animali nocivi di ogni genere e specie» (da.be.)

Nella foto: il Municipio di Imola

Il Comune di Imola obbliga i cittadini a tagliare la vegetazione incolta per prevenire incendi e motivi di igiene pubblica
Cronaca 18 Maggio 2020

Gli uffici del Comune di Imola riaprono al pomeriggio

Torna la riapertura pomeridiana di tutti gli uffici del Comune di Imola, e in generale gli orari in vigore prima del lockdown. Rimangono, però, alcune disposizioni legate alla sicurezza degli impiegati comunali e dei cittadini.

«Al fine di evitare file o assembramenti, l’accesso del pubblico avviene unicamente previo appuntamento – si legge nella delibera del Commissario straordinario Nicola Izzo –, da prenotare ai numeri telefonici o agli indirizzi e-mail dei singoli uffici presenti sul sito internet del Comune».
Unica eccezione, «l’ufficio Protocollo – aggiunge il documento – al quale si accederà senza appuntamento ma con l’entrata di una persona alla volta».

In qualsiasi caso, «i cittadini sono invitati, in via prioritaria, ad avvalersi per la fruizione dei servizi di modalità di comunicazione telematica – sollecita il Commissario – e, per quanto già attivato, dei vari servizi offerti dal Comune on-line sul sito istituzionale». (r.cr.)

Gli uffici del Comune di Imola riaprono al pomeriggio
Cronaca 17 Maggio 2020

A Imola sosta gratis per chi fa acquisti in centro

Da domani, lunedì 18 maggio, a Imola scadono l’esenzione del pagamento per la sosta negli stalli blu e la sosta illimitata nei parcheggi a disco orario. Per agevolare residenti e atività produttive, il Comune ha deciso così di prorogare di un mese la scadenza di tutti gli abbonamenti per la sosta e di emettere  5 mila biglietti, validi fino al 30 settembre, per parcheggiare due ore gratis nei parcheggi a sbarre. Questi biglietti saranno messi a disposizione di negozi e pubblici esercizi del centro storico, che li de- stineranno ai propri clienti. (r.cr.)

Nella foto: una veduta aerea del parcheggio Ragazzi del ’99, tratta dal sito di Area Blu

A Imola sosta gratis per chi fa acquisti in centro

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast