Posts by tag: comune

Cronaca 7 Maggio 2022

Consegnata la nuova ambulanza e inaugurata la sala operativa della Croce Rossa di Imola

Questa mattina, in piazza Caduti per la libertà, ha avuto luogo la consegna ufficiale della nuova ambulanza donata al comitato di Imola della Cri dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Imola. Il presidente Rodolfo Ortolani ha consegnato alla presenza del vescovo Giovanni Mosciatti, che poi ha benedetto il mezzo, le chiavi alla presidente Fabrizia Fiumi.

Nel pomeriggio nella sede Cri di via Meloni, invece, è stata presentata la nuova «sala operativa locale», completa di servizi radio e internet, che servirà a gestire le emergenze territoriali, regionali e nazionali, senza intralciare né sovrapporsi al lavoro ordinario del comitato, ottimizzando il coordinamento del flusso di informazioni e l’operatività dei volontari. Ad inaugurarla, il sindaco di Imola Marco Panieri. 

Foto di Maria Villani, volontaria Cri

Consegnata la nuova ambulanza e inaugurata la sala operativa della Croce Rossa di Imola
Cronaca 3 Maggio 2022

Liberazione: Comune, Anpi, e studenti re-inaugurano il monumento agli sminatori

Si è svolta oggi la cerimonia alla statua-monumento agli sminatori, nell’ambito delle iniziative promosse dal Comune di Imola, insieme all’Anpi e al Cidra, per ricordare il 77° anniversario della Liberazione e rendere onore alla Medaglia d’Oro al valor militare per attività partigiana di cui Imola si fregia.

La cerimonia è stata aperta dalle classi 4A, 3F, 4N, 2A dell’Istituto Paolini, con le professoresse Chiara Billi e Monica Tassoni, nell’ambito del progetto «Quando un posto diventa un luogo», ideato da Annalisa Cattani con il contributo del Comune di Imola e Anpi Imola, in collaborazione con i Musei Civici e il Cidra.

La performance per la re-inaugurazione si è articolata in tre momenti: alcuni studenti hanno dibattuto in merito alla produzione e commercializzazione delle armi, in particolare quelle a basso costo, come le mine, che hanno come obiettivo principale, colpire la popolazione civile. Altri sono intervenuti sulla guerra in corso. Un gruppo ha rappresentato la realtà di un territorio in cui gli esseri umani non possono muoversi liberamente, pena la morte.

Sono poi intervenuti Marco Panieri, sindaco di Imola e Gabrio Salieri, presidente Anpi Imola. (r.cr.)

Foto della cerimonia

Liberazione: Comune, Anpi, e studenti re-inaugurano il monumento agli sminatori
Cronaca 8 Marzo 2022

Sei incontri pubblici per l’isola ecologica, sul tavolo paesaggio, rifiuti e traffico

Comune da una parte, cittadini dall’altra. In mezzo la nuova isola ecologica di via Montericco. Prosegue il percorso di dialogo e approfondimento della Giunta Panieri sul progetto che tanto sta facendo discutere in città, con la programmazione di 6 incontri pubblici, così come anticipato nel corso dell’assemblea pubblica del 24 febbraio scorso.

Gli incontri si svolgeranno nella sala al primo piano del Centro Sociale La Tozzona, dalle ore 20.30 alle ore 22.30,e saranno dedicati all’approfondimento delle tre principali tematiche emerse dal percorso di ascolto. Ovvero, inserimento paesaggistico e rapporto dell”isola ecologica con il quartiere (lunedì 14 marzo e venerdì 18 marzo), gestione isola ecologica e tipologia di rifiuti conferibili (lunedì 21 marzo e venerdì 25 marzo) e viabilità e impatti sul traffico (lunedì 28 marzo e venerdì 1 aprile).

La sala ha la capienza di 60 persone e sarà necessario presentare il green pass per accedere e indossare la mascherina FFP2.  «La scelta di dedicare due incontri ad ogni tema permetterà di lavorare a gruppi più piccoli, condizione necessaria per fare approfondimenti e lasciare ampio spazio alla discussione. Agli incontri saranno presenti i tecnici che permetteranno l’approfondimento delle singole tematiche» fa sapere Elisa Spada, assessora all’Ambiente e Mobilità sostenibile. (r.cr.)

Nella foto (Isolapress): l’assemblea pubblica del 24 febbraio scorso

Sei incontri pubblici per l’isola ecologica, sul tavolo paesaggio, rifiuti e traffico
Cronaca 4 Marzo 2022

Al via al Mercato ortofrutticolo di Imola la campagna «Riporta la sporta»

È partita a Imola la campagna «Riporta la sporta-Più natura, meno plastica» che coinvolgerà i consumatori del Mercato ortofrutticolo con i suoi oltre 60 produttori del territorio. L’invito è quello di portare la propria sporta da casa per evitare il monouso e riportare per il loro riutilizzo i contenitori in plastica per uova, cestini e cassette fino al loro completo deterioramento.

«Abbiamo scelto di realizzare questo progetto al Mercato ortofrutticolo perché è di per sé luogo che veicola la sostenibilità, attraverso la promozione di prodotti a km0 e produttori del territorio che ogni giorno si prendono cura della propria terra – commenta Elisa Spada, assessore all’Ambiente e Mobilità sostenibile –. Il luogo in cui è possibile trovare dal frutto di prima scelta a quello magari più piccolo ma dal profumo e dal sapore straordinari che in altri contesti diventerebbero scarto e invece qui vengono valorizzati. L’altra scelta è stata quella di adottare una comunicazione positiva che metta in luce la bellezza della natura che nasce dal suo rispetto».

«L’agricoltura oggi vive di una grande attenzione e sensibilità da parte delle persone verso l’ambiente e la terra, gli imprenditori ne sono consapevoli – osserva Pierangelo Raffini, Assessore allo Sviluppo economico e all’Agricoltura – e attraverso le Associazioni di categoria che li rappresentano hanno accolto l’iniziativa con grande responsabilità e la consapevolezza del messaggio importante che sta dietro a questa prima iniziativa». (lu.ba.)

Nella fotografia del Comune, uno dei pannelli informativi della campagna

Al via al Mercato ortofrutticolo di Imola la campagna «Riporta la sporta»
Cronaca 7 Febbraio 2022

A Castello un’opera per ricordare Tommaso Battini, morto due anni fa in un incidente aereo

A due anni esatti dalla morte avvenuta in un tragico incidente aereo a soli 23 anni, venerdì 11 febbraio, il Comune di Castel San Pietro ricorderà Tommaso Battini con lo scoprimento di un”opera celebrativa.

L’appuntamento è alle ore 15.30 in Municipio, nella sala del Consiglio Comunale, dove interverranno il sindaco Fausto Tinti e Giampiero Fabbri, direttore di Air Club & Fun, e si terrà la consegna di un attestato di ringraziamento a Roberto Argazzi, primo soccorritore sul luogo dell”incidente. Seguirà, come detto, alla stessa ora dell”incidente, lo scoprimento dell’opera dedicata a Tommy in viale Carducci accanto al semaforo. (r.cr.)

Nella foto: Tommaso Battini

A Castello un’opera per ricordare Tommaso Battini, morto due anni fa in un incidente aereo
Cronaca 31 Ottobre 2021

La città di Imola in tre brand: lavori, nuove imprese, albicocche e fragoloni

Promuovere l’attività dell’Amministrazione e di Imola attraverso tre brand che «raccontino» e valorizzino investimenti pubblici, potenzialità della zona industriale e ricchezza della produzione agroalimentare del territorio. É l’idea alla base della campagna di comunicazione da 2.800 euro che il Comune ha affidato all’agenzia romana Ora Comunica (che nel suo portfolio vanta anche la senatrice di Forza Italia Anna Maria Bernini) per «trovare un metodo più efficiente ed efficace per rispondere alle esigenze dei cittadini – spiega il sindaco Marco Panieri –, e aumentare la visibilità della città».

Il primo logo, composto da caschetto da cantiere, scritta «Lavori in corso» e semaforo, è quello dedicato ai lavori pubblici. Il secondo brand, Blec, punta a valorizzare la zona industriale, compresa tra via Bicocca a nord, via Lughese ad est, via Emilia a sud e via Correcchio ad ovest (da cui l’acronimo). Il terzo logo, un E289 (l’identificativo di Imola nel codice fiscale) racchiuso fra un’albicocca reale e un fragolone, è dedicato ai prodotti a chilometro zero. (lu.ba.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 28 ottobre.

Nella foto: il logo dei lavori pubblici a Palazzo nuovo

La città di Imola in tre brand: lavori, nuove imprese, albicocche e fragoloni
Cronaca 2 Ottobre 2021

Nuovo assetto per la Giunta di Casalfiumanese, Meri Mirandola al posto dell’assessora Anna Ortolani

«Quando si decide di aderire ad una lista politica si è consapevoli di stare per intraprendere un cammino impegnativo, se lo si fa a poco più di un mese dalla nascita della propria secondogenita si ipotizza una strada tortuosa, ma alle volte ci si ritrova in salita, sotto la pioggia e senza ombrello». È con questa metafora che l’assessora Anna Ortolani, a cui la Sindaca Beatrice Poli aveva affidato le deleghe alle politiche abitative, scuola, frazioni, cultura, Europa e turismo, ha annunciato la propria decisione di rassegnare le proprie dimissioni per sopraggiunti problemi familiari.

A fronte di tale situazione, a seguito delle dimissioni consensuali, la sindaca Beatrice Poli ha deciso di nominare Meri Mirandola come nuova assessora con deleghe a Politiche dell’infanzia, Pari Opportunità, Gestione e Programmazione delle Risorse Umane, Politiche del Lavoro ed Inclusione Sociale e sostegno alle fragilità. «Sarà il senso di cittadinanza e di rispetto verso la comunità di Casalfiumanese a orientare le mie future azioni, occupandomi di tematiche a me particolarmente care – ha commentato Mirandola -. L’ottica resta sempre quella del miglioramento continuo, partendo da quanto è già stato fatto». (r.cr.)

Nella foto: da sinistra, Meri Mirandola, la sindaca Beatrice Poli e Anna Ortolani

Nuovo assetto per la Giunta di Casalfiumanese, Meri Mirandola al posto dell’assessora Anna Ortolani
Cronaca 13 Settembre 2021

Il Comune di Dozza stanzia 182mila euro di contributi per il rilancio dell'economia locale

L’Amministrazione comunale di Dozza ha pubblicato tre bandi per l’erogazione di contributi a fondo perduto a favore dell’economia locale, in particolare di alcune categorie di imprese appartenenti ai settori maggiormente colpiti dalla crisi in atto e sostegno dell’avviamento di nuove attività di impresa nel territorio comunale.

La prima misura, per la quale sono stati stanziati 160mila euro, trova come destinatari le microimprese di commercio al dettaglio di generi non alimentari, di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, piccolo artigianato di servizio, palestre e strutture ricettive; quindi soggetti che hanno subito sospensioni o limitazioni nello svolgimento dell’attività a seguito delle disposizioni emanate per fronteggiare il diffondersi della pandemia. Il contributo per la singola impresa andrà da un minimo di 500 euro ad un massimo di 2.500 euro in base alla durata del periodo di sospensione subito. La seconda misura, invece, è legata alla tariffa corrispettiva puntuale versata nel 2020 ed è prevista a favore delle attività che hanno subito periodi di sospensione o riduzione dell’attività successivamente a maggio dell’anno scorso, in quanto per il periodo precedente erano già state applicate riduzioni alle tariffe. Il fondo stanziato ammonta ad 16 mila euro e consiste nel rimborso del 40% della tariffa versata per l’anno 2020 con un massimo di 500 euro per beneficiario. Per entrambe occorre presentare domanda entro il 10 ottobre 2021.

Il terzo bando pubblicato, infine, prevede il rimborso di spese per l’avvio di microimprese nel territorio comunale nel periodo compreso tra l’1 gennaio 2021 ed il 31 ottobre 2021, in particolare in ambito commerciale, artigianale, strutture ricettive, sanitarie e di somministrazione alimenti e bevande. Il fondo stanziato ammonta a 6mila euro ed il contributo per singolo richiedente è di mille euro (1.200 euro in caso imprese a prevalente partecipazione femminile e/o giovanile). In questo caso la domanda deve essere presentata entro il prossimo 9 novembre. 

Per eventuali dubbi, informazioni e chiarimenti relativamente ai tre bandi può essere inoltrata richiesta all’indirizzo e-mail: suap@comune.dozza.bo.it. (r.cr.)

Foto aerea del borgo di Dozza

Il Comune di Dozza stanzia 182mila euro di contributi per il rilancio dell'economia locale
Cronaca 12 Settembre 2021

Citybus, prima fermata per collegare Ozzano

L’avvio è slittato di un anno a causa dell’emergenza sanitaria, ma da domani, lunedì 13 settembre, entreranno in servizio i due citybus (navette) pensati per collegare la stazione ferroviaria con il centro abitato di Ozzano Emilia, gli stabilimenti Ima, la facoltà di Veterinaria, le zone industriali Primo Maggio, Quaderna e Ponte Rizzoli e la frazione di Ponte Rizzoli.

«Il servizio è cadenzato in base agli orari dei treni e sarà attivo dal lunedì al venerdì dalle 6.13 alle 19.35 – dettaglia la vicesin- daco e assessore alla Mobilità, Mariangela Corrado -. Si tratta di un servizio strutturato per incentivare l’uso del treno negli spostamenti quotidiani. Non solo, per l’abitato di Ponte Rizzoli, dal lunedì al venerdì il collegamento sarà servito da 13 coppie di corse al giorno e solo il sabato permarrà l’attuale servizio con solo 3 coppie di corse». (gi.gi.)

Approfondimenti e mappe dei percorsi dei citybus su «sabato sera» del 9 settembre.

Citybus, prima fermata per collegare Ozzano
Cronaca 10 Settembre 2021

Il Comune di Imola vuole intitolare uno spazio pubblico alle vittime del Covid e agli eroi della sanità

Nella seduta di ieri, giovedì 9 settembre, il Consiglio comunale di Imola ha approvato all’unanimità la mozione proposta a firma del presidente del Consiglio comunale, del vicepresidente e di tutti i Capigruppo, con cui si impegna l”Amministrazione ad intitolare uno spazio pubblico «alle vittime del Covid-19 e agli eroi della Sanità». Ad oggi sono 189 le vittime del Covid-19 nella nostra città e 342 nell’intero territorio dell’Ausl di Imola, che comprende i dieci Comuni del circondario.

Il presidente Roberto Visani, il vicepresidente Nicola Vacchi, che è anche capogruppo di Fratelli d”Italia, ed i capigruppo Francesca Degli Esposti (Pd), Daniele Marchetti (Lega), Alan Manara (Imola Corre), Filippo Samachini (Imola Coraggiosa), Marinella Vella (Civica Cappello), Ezio Roi (M5S) hanno firmato la mozione dove lasciano emergere in modo corale che «è un dovere civile, dinanzi ai lutti causati dalla pandemia e alla generosità dimostrata da chi ha assistito le persone malate, individuare uno spazio pubblico in cui la memoria sia condivisa e tramandata alle generazioni future, riteniamo questo il momento storico giusto per dimostrare la nostra vicinanza alle famiglie e all’intera comunità attraverso il ricordo e la commemorazione». (r.cr.)

Nella foto: il Comune di Imola

Il Comune di Imola vuole intitolare uno spazio pubblico alle vittime del Covid e agli eroi della sanità

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA