Posts by tag: consiglio comunale

Cronaca 30 Maggio 2021

Apicoltura, ok del consiglio comunale di Castello all’odg di Francesca Marchetti: «Pista delle api ed educazione nelle scuole»

In occasione della giornata mondiale delle api del 20 maggio scorso, la capogruppo del Partito Democratico Francesca Marchetti ha presentato un ordine del giorno al consiglio comunale di Castel San Pietro poi approvato all”unanimità. «L’amministrazione si è da sempre contraddistinta per l’attenzione che nel tempo ha riservato all’importanza delle api e come Città del Miele vanta una tradizione apistica consolidata sia sul piano produttivo che della promozione del prodotto – spiega lMarchetti –. In città ha inoltre sede l’Osservatorio Nazionale del Miele, un organismo nazionale unico nel suo genere. Recentemente poi l”amministrazione ha aderito all” iniziativa “CittaslowBee – sentinelle della biodiversità” con una edizione speciale 2021 di Very Slow, un’iniziativa patrocinata dal Ministero della Transizione Ecologica. Per questo riteniamo importante che il consiglio comunale così come l’amministrazione si impegnino a proseguire e potenziare l”attenzione per il settore dell’apicoltura e tutto ciò che vi ruota attorno, per sensibilizzare la cittadinanza oltre a valorizzare l’ambiente e il patrimonio naturalistico del territorio».

Le richieste contenute nell”ordine del giorno prevedono: incentivare azioni per creare piccioli habitat per le api nel contesto urbano e agrario; coinvolgere le scuole in programmi didattici di “educazione delle api”; potenziare la manutenzione del verde pubblico e realizzare la “pista delle api”, che prevede la piantumazione di piante di interesse apistico nel parco lungo fiume accanto alla pista ciclabile in corso di progettazione. (r.cr.)

Nella foto: Francesca Marchetti

Apicoltura, ok del consiglio comunale di Castello all’odg di Francesca Marchetti: «Pista delle api ed educazione nelle scuole»
Cronaca 9 Maggio 2021

Consulta per persone con disabilità, sport per le donne e sostegni ad associazioni e società, ok a due mozioni presentate dal Pd

Giornata di approvazioni, lo scorso 6 maggio, in Consiglio comunale a Imola. Ok, infatti, alla mozione della consigliera del Pd Anna Pia De Veredicis a favore delle società ed associazioni sportive imolesi. La richiesta fatta all”Amministrazione è quella di trovare contributi concreti per questi enti, di fornire supporto per la ripresa degli eventi sportivi quali «Sport al Centro» e «Festa dello Sport», di concedere e attrezzare aree verdi gratuitamente per praticare le lezioni e gli allenamenti all”aperto ed, infine, di aderire come Comune alla «Carta dei Diritti delle Donne nello Sport». «Chiedo che ci si impegni a trovare le risorse per fare un’ulteriore tranche di distribuzione di risorse economiche o risorse materiali per poter supportare tutto l’impegno messo dalle società ed associazioni sportive durante la prima metà del 2021. Inoltre, ho emendato la mia mozione per supportare ulteriormente chi ha ripreso la propria attività fisica e motoria, chiedendo all’amministrazione di concedere l’uso in forma gratuita alle società ed associazioni sportive delle aree verdi attrezzate, per poter permettere lo svolgimento delle attività in piena conformità alle norme anti Covid-19. Infine, l’ultimo passaggio riguarda la “Carta dei Diritti delle Donne nello Sport”, promossa dalla Uisp e che ha come obiettivo principale quello di promuovere e incentivare azioni a favore delle pari opportunità tra uomini e donne nello sport. Di fatto ho chiesto di superare tutte quelle barriere e quegli stereotipi che limitano la diffusione della pratica sportiva femminile, riconoscendo il diritto a tutte le donne di praticare qualsiasi disciplina, superando linguaggi e comportamenti sessisti che da molti decenni denigrano la figura femminile negli eventi sportivi di tutto il mondo. Ho chiesto al Comune di impegnarsi a diffonderne i contenuti tramite l’organizzazione di eventi dedicati a questo scopo e di allargarne la conoscenza alle scuole di ogni ordine e grado».

Semaforo verde anche per la mozione della consigliera Maria Lorena Trotta del Partito Democratico che chiedeva di istituire una Consulta comunale per i diritti delle persone con disabilità fisica, psichica e sensoriale. L’atto è stato approvato in Consiglio comunale con 16 voti favorevoli. «Le persone con disabilità hanno diritto ad una vita sociale e all’inclusione della stessa in tutti i rapporti interindividuali come strumento di effettiva salvaguardia dell’equilibrio fisico e psichico. – spiega Trotta –. L’obiettivo è far sì che Imola sia sempre più una città più inclusiva, che tenga conto delle esigenze di tutti migliorando l’accessibilità degli spazi comuni e prescindendo dalle condizioni fisiche e mentali delle persone e con uno sguardo alla necessità di favorire il mantenimento, l’inserimento ed il reinserimento delle stesse nell’ambiente familiare, scolastico, sociale-lavorativo e lavorativo. Per questo ho chiesto all’amministrazione di avviare un percorso partecipato con le associazioni ed organizzazioni sorte a tutela dei disabili e dei genitori dei disabili, nell’ottica di una futura collaborazione e promozione di iniziative pubbliche per la progettazione in materia di trasporti, cultura e turismo, sanità e servizi sociali, inserimento scolastico, formazione professionale e lavoro, urbanistica ed edilizia sociale, attività ricreative e tempo libero volte a favorire la piena inclusione delle persone con disabilità. Credo sia doveroso istituire la Consulta in quanto può veramente rappresentare uno strumento che elabori e fornisca raccomandazioni, proposte, osservazioni relative ai temi, alle azioni, ai servizi del Comune, ai servizi resi dalle istituzioni e di consentire di partecipare e intervenire su invito alla Commissione consiliare in materia di Sanità e Politiche Sociali». (r.cr.)

Nella foto: il Comune di Imola

 

Consulta per persone con disabilità, sport per le donne e sostegni ad associazioni e società, ok a due mozioni presentate dal Pd
Cronaca 28 Aprile 2021

Minacce ed ingiurie alla consigliera Merli, la solidarietà di Fratelli d’Italia. La maggioranza: «Vacchi prenda le distanze o si dimetta da vice presidente»

Dopo la bufera che ha investito la consigliera di Fratelli d’Italia Maria Teresa Merli che durante il consiglio comunale dello scorso 22 aprile ha affermato come «a Sant’Anna di Stazzema i partigiani rossi provocarono coscientemente la rappresaglia tedesca, lasciando che le Ss massacrassero centinaia di civili e tornarono a strage ultimata per rapinare i cadaveri delle vittime», il capogruppo imolese di Fratelli d”Italia Nicolas Vacchi esprime la piena solidarietà del gruppo alla consigliera Maria Teresa Merli «per gli attacchi subiti in Consiglio Comunale, ed in seguito sulla pagina Facebook del Comune di Imola, ed infine anche per le successive affermazioni e le gravi minacce subite in questi giorni fra i vari commenti sui social, per le quali ella  si riserverà di difendersi nelle sedi che ritiene.Condanniamo le accuse personali e professionali rivolte a una donna, oltre che gli insulti e le minacce di certi commenti apparsi sui social. Ci aspettiamo che tali episodi vengano fermamente condannati da tutti. Tutto ciò è del tutto inaccettabile. Condanniamo quindi ogni attacco personale, perpetrato da chiunque e a qualunque scopo, altrimenti non ci si differenzia da chi si dice di voler combattere politicamente. Poi, ciò che è accaduto sulla pagina Facebook del Comune di Imola pare avere del surreale: viene attaccata la Prof.ssa Merli, non solo politicamente, ma bensì personalmente e professionalmente, mettendone in discussione il suo operato come donna, cittadina e insegnante. Pertanto ribadiamo la nostra ferma condanna per l”uso che sembrerebbe essere stato improprio della pagina istituzionale del Comune di Imola, ugualmente condanniamo l’ondata di odio generatasi sui social nei confronti della Prof.ssa Merli come persona, come donna, come insegnante, oltre che come consigliera comunale».

Dall’altra parte questa mattina, i partiti della maggioranza (Pd, Imola Coraggiosa e Imola Corre) hanno fatto sapere, tramite mezzo stampa con un documento firmato dai capigruppo Francesca Degli Esposti, Filippo Samachini ed Alan Manara, come «giovedì 22 aprile abbiamo assistito ad uno spettacolo inaccettabile per la città di Imola, Città medaglia d”oro al valor militare per l”attività partigiana. Le parole della consigliera Merli di Fratelli d’Italia in merito all’eccidio di Sant”Anna di Stazzema sono strumentali e negano volutamente la verità storica. Dopo dichiarazioni simili ci saremmo aspettati una presa di posizione forte da parte del Capogruppo di Fdi Nicolas Vacchi che ricopre un importante ruolo istituzionale nella nostra città, la Vicepresidenza del Consiglio Comunale. Troviamo invece dichiarazioni che vogliono spostare l”attenzione esprimendo solidarietà alla consigliera Merli per i commenti ricevuti sui social. La violenza tutta, noi la condanniamo ma non ci sfugge come tardivamente il vicepresidente ritorni sulla questione. È inaccettabile che non ci sia stata una presa di distanze chiara e netta nei confronti della consigliera del suo gruppo. È evidente che su molti temi abbiamo opinioni diverse, se non contrarie, ma pensiamo che la difesa della nostra storia e la difesa dei valori dell”antifascismo e della Costituzione debbano essere patrimonio di tutti e tutte. Una carica istituzionale così rilevante per la città e per il Consiglio Comunale a nostro parere non può essere ricoperta da chi non ha il coraggio di prendere una posizione chiara contro chi revisiona la storia e pronuncia frasi come quelle della consigliera Merli nell”aula del Consiglio Comunale. Il Vicepresidente Vacchi, che spesso ci rimprovera in quanto “garante dell’aula”, prenda le distanze in modo chiaro o si dimetta dalla carica di vicepresidente del Consiglio Comunale di Imola. La nostra città, medaglia d”oro alla resistenza, non si merita di essere teatro di prese di posizione come quelle della consigliera Merli». (r.cr.)

Sul «sabato sera» in edicola da domani è possibile trovare un approfondimento sulla vicenda delle affermazioni revisioniste della consigliera di Fd’I con la ricostruzione dei fatti storicamente certi di quanto accaduto a Sant’Anna di Stazzema.

Nella foto (tratta dalla pagina Facebook della consigliera Maria Teresa Merli): la consigliera di Fratelli d’Italia insieme al suo capogruppo in Consiglio comunale Nicolas Vacchi 

Minacce ed ingiurie alla consigliera Merli, la solidarietà di Fratelli d’Italia. La maggioranza: «Vacchi prenda le distanze o si dimetta da vice presidente»
Cronaca 6 Marzo 2021

Cambio in consiglio comunale a Medicina, Simona Quartieri prende il posto di Jacopo Callegari nel gruppo «Centrosinistra e Sinistra Uniti»

A Medicina il consigliere comunale Jacopo Callegari del gruppo «Centrosinistra e Sinistra Uniti» si è dimesso per motivi personali. Al suo posto ha accettato l’incarico Simona Quartieri che ha già preso parte al consiglio comunale del 25 febbraio scorso. «Ringrazio il consigliere uscente Jacopo Callegari per l’impegno svolto nei due di anni di mandato in particolare sulle politiche giovanili – dichiara il sindaco Matteo Montanari-. Auguro a Simona un buon lavoro. Data la sua preparazione specifica ho intenzione di chiederle di supportare la Giunta nella promozione delle politiche europee in vista della nuova programmazione dei fondi Ue 2021-2027».

Simona Quartieri è di Villa Fontana, ha 28 anni, è laureata in Scienza politiche e lavora nel settore dei servizi alla persona nel territorio bolognese. «Mi impegnerò per avvicinare la nostra Comunità medicinese ai temi europei di cui sono appassionata» commenta. (da.be.)

Nella foto: il sindaco di Medicina Matteo Montanari con la consigliera Simona Quartieri ed il consigliere uscente Jacopo Callegari 

Cambio in consiglio comunale a Medicina, Simona Quartieri prende il posto di Jacopo Callegari nel gruppo «Centrosinistra e Sinistra Uniti»
Cronaca 26 Febbraio 2021

Coronavirus, la consigliera Pd di Imola Sonia Manaresi: «Opposizioni astenute sulla richiesta di velocizzare i vaccini al personale scolastico»

Ieri, a Imola, in Consiglio comunale è stato discusso l’ordine del giorno presentato a nome del Partito democratico dalla consigliera Sonia Manaresi, che impegna l’amministrazione comunale a velocizzare la vaccinazione di tutto il personale scolastico, insegnanti, educatori, personale amministrativo, tecnico e collaboratori scolastici, allo scopo di tutelarne la salute e permettere al più presto la ripresa della didattica in presenza che, come noto nella zona «arancione scuro» è sospesa fino al prossimo 11 marzo. Nel documento è stato inoltre chiesto all’Ausl di Imola di effettuare uno screening di massa sulla popolazione scolastica e di attivare al più presto modalità di vaccinazione che tengano conto della disponibilità dei medici di medicina generale e di eventuali spazi opportunamente attrezzati.

«Si tratta, come ha detto il Sindaco Marco Panieri, di un provvedimento preso non certo a cuor leggero, ma che tiene conto della salute dei cittadini come principale priorità in questo momento di pandemia, a cui si aggiunge un’intensificazione dei controlli – si legge nel comunicato firmato dalla stessa consigliera Sonia Manaresi -. Eppure in queste condizioni di emergenza sanitaria, che non può e non deve diventare emergenza educativa, tutti i gruppi all’opposizione, dalla Lega a Fratelli d’Italia, alla Lista Cappello ai 5 Stelle si sono astenuti sulla richiesta di velocizzare la vaccinazione del personale scolastico, semplicemente perché “è già in programma”. Il Partito Democratico invece non ha dubbi: per garantire la didattica in presenza occorre porre particolare attenzione al mondo della scuola e trovare soluzioni concrete per sostenere i genitori che sono costretti a restare a casa con i figli durante i periodi di didattica a distanza». (r.cr.)

Coronavirus, la consigliera Pd di Imola Sonia Manaresi: «Opposizioni astenute sulla richiesta di velocizzare i vaccini al personale scolastico»
Cronaca 31 Dicembre 2020

Il Consiglio comunale di Imola approva il Dup, il commento della capogruppo del Pd Francesca Degli Esposti

«Il documento unico di programmazione (Dup) approvato dal consiglio comunale di Imola crediamo rappresenti un’ottima base per il lavoro e l’indirizzo politico dei prossimi anni. In quanto fissa quei pilastri che che disegnano una città a misura dei nostri cittadini, dove al centro vi sono diritto alla salute, sviluppo economico, relazioni con gli enti sovraordinati». A dirlo è la capogruppo Pd Francesca Degli Esposti dopo l’approvazione del Dup del Comune di Imola presentato ieri.

«Abbiamo letto, analizzato e studiato tutti gli emendamenti proposti e dato il giusto valore a tutte le proposte che sono state fatte, perchè crediamo molto nel valore del consiglio comunale e non ci permetteremmo mai di sminuire quello che il lavoro dei nostri colleghi, per quanto di opposizione. — ha spiegato Degli Esposti —  Non possiamo però sostenere proposte che vanno completamente contro a quello che sosteniamo convintamente. C’è chi ci chiede di togliere le iniziative nelle scuole per la promozione della cultura di genere, di togliere la realizzazione di progetti dedicati all’accoglienza e al coinvolgimento attivo dei migranti. C’è chi propone di togliere il punto riguardante l’istituzione della casa della salute, punto su cui noi invece crediamo molto. Abbiamo poi emendamenti che di fatto vanno a dettagliare, riscrivere con altre parole, ricopiare cose che di fatto sono già presenti nelle linee programmatiche o nelle 100 azioni, dall’inserimento di nuovi corsi di laurea, al potenziamento della scuola Vassura Baroncini, dalla promozione di eventi musicali, alla creazione di luoghi per i giovani e la riqualificazione del parco dell’osservanza, l’illuminazione led nelle strade. Abbiamo letto emendamenti sul garantire l’autonomia della nostra azienda sanitaria, cosa che nuovamente ribadisco non essere in discussione, tant’è che non necessita di una ulteriore specifica perchè per noi è un punto fondante. Su questo gruppo di emendamenti, ringraziamo i consiglieri che li hanno proposti, siamo felici che condividano con noi molti punti sulla città, ma non siamo disponibili ad approvare cose che di fatto già sono presenti nel documento e sono state copiate senza apportare alcun valore aggiunto».

Tra gli emendamenti condivisi invece Degli Esposti aggiunge: «Condividiamo la valorizzazione della società di promozione turistica IF, una migliore fruizione dello IAT, l’educazione civica nelle scuole per il rispetto tra donne e uomini e alla legalità, la realizzazione dell’area camper, l’ampliamento della rete della protezione civile. Siamo d’accordo sull’incentivare lo sviluppo sul territorio di nuove discipline sportive per soggetti diversamente abili, sulla sensibilizzazione dei cittadini a raccogliere denunce e istanze, sulla riattivazione dell’osservatorio dei dati sul mondo del lavoro e infine, sull’introduzione dei nuovi corsi formativi come corsi di qualifica meccanica». (da.be.)

Nella foto: la capogruppo del Pd Francesca Degli Esposti

Il Consiglio comunale di Imola approva il Dup, il commento della capogruppo del Pd Francesca Degli Esposti
Imola 13 Ottobre 2020

#Imola2020, Roberto Visani eletto presidente del Consiglio comunale. Definite anche tutte le commissioni

Ieri prima seduta del Consiglio comunale di Imola, senza la presenza del pubblico. Presidente è stato eletto Roberto Visani (Partito democratico), con vicepresidente Nicolas Vacchi (Fratelli d’Italia). Capigruppo, invece, Francesca degli Esposti (Pd), Alan Manara (Imola Corre), Filippo Samachini (Imola Coraggiosa), Daniele Marchetti (Lega), lo stesso Nicolas Vacchi, Dino Bufi (Cappello sindaca) ed Ezio Roi (M5S).

Definite anche tutte le commissioni, di cui elencheremo solo il nome dei presidenti (i componenti di ognuna invece li trovate su «sabato sera» del 15 ottobre). Commissione 1 (Bilancio): Rebecca Chiarini (Lega); Commissione 2 (Scuola): Chiara Sorbello (Pd); Commissione 3 (Urbanistica): Cecilia Ricci (Pd); Commissione 4 (Sanità): Sonia Manaresi (Pd); Commissione 5 (Affari istituzionali): Serena Bugani (Lega); Commissione 6 (Autodromo): Juri Mambelli (Pd).

La prossima seduta del Consiglio comunale è in programma per giovedì 22 ottobre. (r.cr.)

Nella foto (Isolapress): il nuovo presidente del Consiglio comunale di Imola, Roberto Visani

#Imola2020, Roberto Visani eletto presidente del Consiglio comunale. Definite anche tutte le commissioni
Imola 29 Settembre 2020

#Imola2020, Carmen Cappello lascia il suo posto in Consiglio comunale a Dino Bufi

Ad una settimana dagli scrutini Carmen Cappello fa un passo di lato (e non indietro come ha fatto sapere) e lascia il seggio consiliare a Dino Bufi, 51enne funzionario Inps, che, con le sue 93 preferenze, aveva già sfiorato l”ingresso in Consiglio per poche decine di voti. «Insieme con Carmen, da due anni ho creduto in questo progetto civico che ha visto coinvolte tante altre persone. Ora dobbiamo continuare il percorso intrapreso, perché 2.698 voti, pari al 7,54 per cento dei consensi, sono un patrimonio da non disperdere. Abbiamo un bel gruppo di lavoro disposto a collaborare, al fine di fornire quel contributo di idee e progetti per la città di Imola. Saremo vigili sull”operato della giunta e faremo un”opposizione dura e senza sconti» ha commentato Bufi.

La Cappello ha poi spiegato i motivi di questa scelta. «Ho ritenuto opportuno fare questo passo e rinunciare al seggio, consentendo così a Bufi, primo dei non eletti, di entrare in Consiglio comunale. Credo sia giusto e corretto che anche altri cittadini facciano questa esperienza. Voglio dare spazio alla squadra che mi ha sostenuto e ha lavorato con me al progetto civico. Si fa politica per contribuire al bene della città, non per inchiodarsi a una poltrona. Quel posto in Consiglio è nostro, non mio».

Per la Cappello, però, non si tratta di un addio alla politica. «Resterò attiva e presente – ha proseguito -, tuttavia se vogliamo che lo spirito di partecipazione si diffonda, non può essere sempre la stessa persona a dar battaglia in Consiglio. Tutta la squadra vigilerà su come la maggioranza porterà avanti il programma elettorale. Saremo dei controllori severi». (da.be.)

Nella foto (Isolapress): Carmen Cappello e Dino Bufi  

#Imola2020, Carmen Cappello lascia il suo posto in Consiglio comunale a Dino Bufi
Imola 25 Settembre 2020

#Imola2020, proclamati ufficialmente i 24 consiglieri comunali

Ieri sera l’Ufficio centrale per le elezioni comunali ha proceduto a proclamare gli eletti alla carica di consigliere comunale (tutti i nomi qui)

Su 24 consiglieri, la maggioranza ne conta 15, oltre al sindaco Marco Panieri. Rappresentate le liste Partito Democratico Panieri Sindaco, Imola Corre Panieri Sindaco ed Imola Coraggiosa Ecologista Progressista. Nove consiglieri, invece, per la minoranza. Il gruppo di liste Lega Salvini Premier, Giorgia Meloni Fratelli d’Italia e Forza Italia collegate con Daniele Marchetti (candidato sindaco non eletto) avrà 7 seggi. A questi, infine, si aggiungono i due candidati sindaco non eletti Carmen Cappello ed Ezio Roi. (da.be.)

Nella foto: la sala del Consiglio comunale a Imola

#Imola2020, proclamati ufficialmente i 24 consiglieri comunali
Imola 23 Settembre 2020

#Imola2020, in Consiglio comunale elette 8 donne su 12 del Pd. Francesca Marchetti: «Grande risultato»

Dopo l’ufficialità sulla composizione del nuovo Consiglio comunale, la consigliera regionale del Pd Francesca Marchetti ha analizzato un dato: su 12 donne elette, ben 8 sono del Partito Democratico. «Oggi Imola si è svegliata con un nuovo sindaco, Marco Panieri e con un Partito Democratico, che sfiorando il 40% non può che essere orgoglioso per il risultato ottenuto. Oltre a questa importante vittoria, che ha confermato come il Pd e il centro sinistra abbiano saputo battere la destra per il bene di una città e dei suoi cittadini, siamo di fronte ad un’ulteriore conquista. In consiglio comunale a Imola sono state elette 8 donne su 12 nelle fila del Partito Democratico. Un segnale che mi rende ancor più orgogliosa, lo avevo ribadito all’inizio della campagna elettorale presentando una lista rappresentata da un 55% di quote rosa, e oggi ne sono ancor più convinta che questa rappresentanza femminile, sia un’opportunità per valorizzare l’impegno di noi donne in politica e le nostre competenze. Con il Pd che ritorna ad avere un ruolo chiave nel centrosinistra oltre che a Imola e con la presenza di tante donne in consiglio comunale ritengo sia ancor più forte l’impegno che ci siamo dati nel programma elettorale ovvero, di valorizzare il protagonismo femminile promuovendo un Women New Deal come obiettivo di crescita per l’intera società, per creare condizioni culturali, formative, sociali ed economiche affinché sempre più le donne siano autonome nella vita e nel lavoro. Imola è una città amica delle donne, oltre che essere vicina alle persone e questa riflessione credo sia il punto di partenza per un impegno straordinario ed innovativo per le pari opportunità». (da.be.)

Nella foto: le otto donne del Pd elette in Consiglio comunale 

#Imola2020, in Consiglio comunale elette 8 donne su 12 del Pd. Francesca Marchetti: «Grande risultato»

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast