Posts by tag: cultura

Cronaca 20 Giugno 2020

Il piano di Gian Marco Verdone all’alba celebra la Giornata Europea della Musica

Un concerto per dare il benvenuto all’estate con la Scuola comunale di musica Vassura Baroncini di Imola che ha pensato così di festeggiare il solstizio d’estate: l’appuntamento è per domani, domenica 21 giugno, all’alba nel Verziere delle Monache, in via Caterina Sforza a Imola (ingresso di fronte all’entrata del Cup).

L’iniziativa, che vuole anche celebrare la Giornata Europea della Musica, vedrà protagonista il pianista Gian Marco Verdone, che presenterà pagine di autori che spaziano da Beethoven (del quale ricorrono quest’anno i 250 anni della nascita) a Morricone, Einaudi e Sakamoto. Nel rispetto del piano di sicurezza redatto per questo evento, l’accesso allo spazio sarà limitato a 150 persone, ad ingresso gratuito, senza prenotazione. L’accesso all’area sarà consentito dalle ore 5. Il personale presente in loco fornirà tutte le indicazioni per un posizionamento in sicurezza. È obbligatorio l’uso della mascherina fino al raggiungimento della posizione assegnata. Non è consentito il consumo di cibi e bevande.

Informazioni: 0542/602600. (r.c.)

Nella foto (dalla sua pagina Facebook personale): Gian Marco Verdone

Il piano di Gian Marco Verdone all’alba celebra la Giornata Europea della Musica
Cultura e Spettacoli 18 Giugno 2020

Premio Città di Cento a Daniela Iride Murgia, illustratrice pubblicata anche da Bacchilega Junior

Cento, città in provincia di Ferrara, non è nota solo per l’antico Carnevale. Proprio a Cento è nato, infatti, il più grande riconoscimento italiano dedicato alla letteratura per ragazzi, almeno per età. Dal 1978, anno in cui la prima edizione è stata presieduta da Gianni Rodari, il Premio Letteratura Ragazzi è ininterrottamente organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cento. Dal 2004, parallelamente, si svolge il concorso riservato agli illustratori, che completa lo scopo dell’evento nella promozione non solo della lettura tra i giovani ma anche dell’arte dell’illustrazione, una delle forme visive della narrazione.

Ad aggiudicarsi il primo premio nella sezione degli illustratori è stata, quest’anno, Daniele Iride Murgia con il libro Tamo l’ippopotamo (Edizioni Corsare). Sarda di origini, Murgia vive fra l’Italia e la Danimarca, collaborando con diverse riviste ed editori nazionali e non. Nel corso della sua attività lavorativa ha vinto numerosi premi per i propri lavori realizzati con tecniche prevalentemente ma- nuali, fra chine, acquarelli, pastelli ma anche collage, cucitura e paper cutting. È anche insegnante di illustrazione alla Scuola Internazionale di Comics di Padova. Murgia ha anche illustrato per Bacchilega Junior il libro «Le mani di Anna» che racconta, con le precise parole di Sarah Zambello e con grande aiuto delle immagini di Murgia, la storia di una bambina indipendente che non parla, o meglio, parla attraverso i preparati di erbe che realizza con le proprie mani. (mi.mo.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 18 giugno.

Una illustrazione di Daniela Iride Murgia tratta da «Le mani di Anna» (Bacchilega Junior)

Premio Città di Cento a Daniela Iride Murgia, illustratrice pubblicata anche da Bacchilega Junior
Cultura e Spettacoli 18 Giugno 2020

Il «Solstizio d’estate» con la Filarmonica Imolese in piazza Matteotti

Musica e solidarietà. Sabato 20 giugno, alle ore 18.30 in piazza Matteotti a Imola, la Filarmonica Imolese diretta da Gian Paolo Luppi terrà un concerto con la parteci- pazione del tenore Gregory Bonfatti, dal titolo «Solstizio d’estate». Insieme all’inno europeo e nazionale in apertura e chiusura del concerto, saranno eseguite musiche di Verdi, Caccini, Puccini, De Haan, Reed e Morricone.

L’iniziativa è organizzata dal Comune di Imola, in collaborazione con la Banda Musicale Città di Imola, in occasione della Giornata Europea della Musica (21 giugno). Durante la manifestazione il Commissario straordinario al Comune di Imola, Nicola Izzo, consegnerà alle associazioni di volontariato e alle realtà che hanno collaborato con il Comune nella gestione dell’emergenza Covid 19 una pergamena e il calco che riproduce, in proporzioni ridotte (15,5 x 11 cm), lo stemma araldico della città il cui originale, riconducibile alla metà del Cinquecento, è conservato nel Museo di San Domenico.

Il pubblico potrà seguire il concerto prenotando i posti a sedere allestiti all’interno
di un’area appositamente delimitata. I posti saranno distanziati fra loro come previsto dai protocolli di sicurezza. Agli spettatori che accedono all’area delimita- ta verrà misurata la temperatura; inoltre il pubblico avrà l’obbligo di indossare la mascherina anche una volta seduto, durante tutta la manifestazione. Proprio per ga- rantire il necessario distanziamento dei posti a sedere, l’accesso potrà avvenire solo tramite prenotazione telefonica allo 0542-602207 oppure al 331-2589190. Le prenotazioni, già partite, possono essere fatte dalle ore 9 alle 13 e dalle 15 alle 18, fino ad esaurimento della disponibilità.

Nella foto (Isolapress): la Filarmonica Imolese in concerto nel cortile di palazzo Monsignani, nell”agosto 2019, nell”ambito della Festa di San Cassiano

Il «Solstizio d’estate» con la Filarmonica Imolese in piazza Matteotti
Cultura e Spettacoli 18 Giugno 2020

A Medicina l’attore Dario Criserà in scena con un «Teatro d’istanti»

Dopo la dura esperienza come zona rossa, Medicina riparte anche dal teatro. La rassegna che il direttore artistico della Sala del Suffragio, Dario Criserà dell’associazione Eclissidilana, ha pensato per Medicina si chiama «Teatro d’istanti». Come gli istanti che compongono le rappresentazioni teatrali, ma anche come la distanza da osservare per motivi di sicurezza.

Palcoscenico dell’estate teatrale medicinese, dal 18 giugno al 20 agosto, è il giardino della biblioteca comunale, uno spazio aperto con accesso da via Cuscini in grado di accogliere tra i cinquanta e i sessanta spettatori per serata. Anche il tipo di spettacoli proposti subisce le limitazioni di un’estate che sarà per forza diversa. «Mi sono messo in gioco in prima persona in una sorta di viaggio fra i miei spettacoli che amichevolmente ho chiamato Crisereide, da Imparando a sognare a I prolissi sposi a Troy story.» commenta Criserà. E la risposta del pubblico non si è fatta attendere, con le prime date sold out fin dai primi giorni.

La rassegna «Teatro d’istanti» prevede tre spettacoli interpretati appunto da Dario Criserà e diretti da Cristiano Falaschi. Iingresso ad offerta libera. I prolissi sposi, è in programma il 18 giugno, 25 giugno e 2 luglio alle ore 21.30. Imparando a sognare è lo spettacolo previsto per il 9, 16 e 23 luglio, mentre Troy Story andrà in scena il 30 luglio, il 6, 13 e 20 agosto. (mi.mo.)

Articolo completo e tutte le informazioni utili su «sabato sera» del 18 giugno.

Nella foto: Dario Criserà nello spettacolo «I prolissi sposi»(mi.mo.)

A Medicina l’attore Dario Criserà in scena con un «Teatro d’istanti»
Cronaca 15 Giugno 2020

Medicina non rinuncia alla stagione culturale estiva: da giovedì ad agosto oltre 35 eventi

Dal 18 giugno prende il via E…state a Medicina, la stagione culturale estiva con oltre trentacinque eventi dal vivo: spettacoli teatrali, concerti, presentazione di libri, appuntamenti musicali e proiezioni cinematografiche nel giardino della Biblioteca del capoluogo e in alcune frazioni del territorio, ad ingresso gratuito o ad offerta libera ma con prenotazione obbligatoria.

Si inizia con Teatro d’istanti, una rassegna teatrale di tre spettacoli (I prolissi sposiImparando a sognare e Troy Story) con repliche tutti i giovedì fino al 20 agosto, per la direzione artistica di Dario Criserà.

«Dopo il terribile periodo d’emergenza, crediamo sia importante ripartire con le attività dal vivo – commenta Enrico Caprara, presidente del Consiglio comunale con delega alla Cultura –. Siamo fieri di avviare la nostra stagione estiva già dal 18 giugno con una ricca programmazione rivolta non solo agli adulti ma anche ai bambini. La scelta di organizzare la maggior parte del cartellone nel giardino della Biblioteca è stata dettata dalla volontà di promuovere eventi nella massima sicurezza, in uno spazio delimitato e protetto, mal tempo stesso gradevole e ricco di fascino».
A causa delle prescrizioni stabilite dai protocolli di sicurezza «Dovremo rinunciare certamente ai grandi numeri e alle platee piene, ma sarà bello ripartire insieme – aggiunge Caprara –, fisicamente distanti ma uniti dallo stesso amore per la cultura e per la nostra città». (r.cr.)

Medicina non rinuncia alla stagione culturale estiva: da giovedì ad agosto oltre 35 eventi
Cultura e Spettacoli 13 Giugno 2020

Emozioni tra storia, realtà e immaginazione: piccola guida per scoprire alcune mostre allestite a Bologna e in Romagna

Arte, cultura, storia, realtà e immaginazione, emozioni. Dopo che i luoghi d’arte hanno dovuto chiudere le loro porte per alcuni mesi a causa dell’emergenza Coronavirus, è ora possibile tornare ad ammirare una mostra dal vivo. In questa e nelle pagine che seguono ne segnaliamo alcune.

A palazzo Pallavicini a Bologna, fino al 21 luglio, è allestita l’esposizione a cura dell’Atelier Robert Doisneau (Montrouge, Francia) che, attraverso le immagini di Ro- bert Doisneau, narra la storia autobiografica del fotografo e artista che ha raccontato l’uomo e la vita. Sempre a Bologna, il Museo Civico d’Arte Industriale e Galleria Davia Bargellini ospita, fino al 6 settembre, il progetto espositivo Il Ca- mino dei Fenicotteri. I disegni dei Casanova dall’Æmilia Ars alla Rocchetta Mattei, con diciassette disegni realizzati dai fratelli Achille e Giulio Casanova e da Giuseppe De Col e undici ferri battuti pro- dotti dalle officine di Pietro Maccaferri e Sante Mingazzi, appartenenti alla collezione permanente del Museo Davia Bargellini.

Ancora nella città felsinea, il Museo Civico Archeologico dedica un grande evento agli Etruschi, con mille- quattrocento oggetti su una superficie espositiva di oltre mille metri quadrati: un affascinante viaggio nelle terre e nella cultura dei Rasna inaugurato a fine 2019 (la mostra è poi stata chiusa durante il lockdown, quindi riaperta e prolungata di diversi mesi). Ci spostiamo poi in Romagna, per andare a Forlì e a Bagnacavallo. Nella prima città, ai Musei di San Domenico si possono ripercorrere e indagare il viaggio di Ulisse e il suo mito grazie a una grande esposizione che, inaugurata a metà febbraio, e poi ovviamente chiusa per alcuni mesi, ha riaperto dal 19 maggio e posticipato la chiusura dal 21 giugno al 31 ottobre per ampliare la possibilità di godere di oltre duecento opere dall’antichità al Novecento.

Al Museo Civico delle Cappuccine di Bagnacavallo è invece allestita fino al 12 luglio un’esposizione che ha al centro la collezione, recentemente acquisita dal museo, di opere grafiche dell’urbinate Renato Bruscaglia, esponente del paesaggio del secondo Novecento.Senza dimenticare che di occasioni per fare un tuffo nell’arte ce ne sono ovvia- mente tantissime altre, vicine e lontane, e anche i musei attorno a noi hanno riaperto e offrono interessanti occasioni di visita. (r.c.)

Nella foto: Le baiser de l’hôtel de ville, Paris 1950. Scatto dell’artista e fotografo francese Robert Doisneau presente nella mostra a lui dedicata a  Bologna, all’interno di palazzo Pallavicini

Emozioni tra storia, realtà e immaginazione: piccola guida per scoprire alcune mostre allestite a Bologna e in Romagna
Cultura e Spettacoli 11 Giugno 2020

«Che montagna ragazzi!», il concorso del Cai premia l'intervista semivirtuale a Scarabelli della classe 5^ A Campanella

Il concorso Che montagna ragazzi!, indetto dalla sezione imolese del Cai e rivolto alle ultime tre classi della scuola primaria, è arrivato al momento della premiazione, che ha avuto luogo, in modo virtuale, lo scorso 29 maggio, quando il presidente Paolo Mainetti e l’organizzatrice e vicepresidente, Maria Teresa Castaldi, hanno «bussato» alla lezione in videocall della classe vincitrice, la 5a A della scuola Campanella, per dare il gradito annuncio.

Quest’anno si è trattato senza alcun dubbio di un’edizione particolare, in cui l’emergenza Coronavirus ha impedito il normale svolgi- mento del concorso, che alla fine ha coinvolto soltanto le classi quinte (che il prossimo anno non avrebbero potuto partecipare) e soprattutto della premiazione che comunque «contiamo di fare a dicembre o marzo del prossimo anno scolastico – afferma Maria Teresa Castaldi – invitando queste classi vincitrici anche se i bimbi saranno alle medie».

Il tema di quest’anno era In viaggio con Scarabelli che prevedeva un’intervista al famoso geologo e studioso imolese. Dall’esame degli elaborati è emersa la netta vittoria dei primi classificati, i bambini della 5a A Campanella, che hanno ottenuto il punteggio massimo da 12 giurati su 15, vincendo il primo premio per il secondo anno consecutivo, visto che l’anno scorso avevano vinto con un racconto sul pipistrello.

Tutti i racconti, completi dei riferimenti agli autori sono stati pubblicati sul sito del Cai Imola.

Nella foto: la 4a A Campanella dello scorso anno, in occasione della premiazione

«Che montagna ragazzi!», il concorso del Cai premia l'intervista semivirtuale a Scarabelli della classe 5^ A Campanella
Politica 9 Giugno 2020

La cantante imolese Lisa Manara su Rai 1 con Gianni Morandi per la serata di solidarietà ad Assisi

C’è anche la cantante imolese Lisa Manara sul palco di Assisi con Gianni Morandi per la serata di solidarietà “Con il Cuore, nel nome di Francesco”. In diretta su Rai 1 in questo momento, dalla piazza della Basilica superiore di San Francesco d’Assisi, Carlo Conti sta conducendo la trasmissione che vede il cantante protagonista con i suoi più grandi successi.

Giunto alla XVIII edizione, l’evento di solidarietà è promosso dai Frati del Sacro Convento di Assisi. Quest’anno l’obiettivo dell’evento di raccolta fondi (si può, ad esempio, inviare un sms del costo di 2 euro al 45515) è sostenere le mense francescane che aiutano le famiglie in difficoltà.

Lisa, che ha già preso parte al Gianni Morandi Tour 2018, è una bravissima cantante jazz e soul che, recentemente, ha anche dato vita ad un suo progetto, «L’urlo dell’africanità». Su Rai 1 ha duettato poco fa con Morandi in «In amore». (r.c.)

Nella foto (Isolapress): Lisa Manara ospite a Gocce di musica 2019 a Imola

La cantante imolese Lisa Manara su Rai 1 con Gianni Morandi per la serata di solidarietà ad Assisi
Cronaca 9 Giugno 2020

Confartigianato Bologna contro il rinvio di Imola in Musica, il segretario Amilcare Renzi: «Così si penalizza il centro storico»

Dopo la notizia arrivata ieri del rinvio al 2021 anche di «Imola in Musica» questa mattina sull’argomento è tornata anche Confartigianato Bologna Metropolitana nelle parole del segretario Amilcare Renzi: «In un momento come questo, in cui artigiani, commercianti e locali pubblici imolesi avrebbero bisogno di supporto viene a mancare uno stimolo agli acquisti nei negozi e nelle piccole attività di vicinato, che sono diffusori di speranza per una nuova rinascita – commenta -. Imola prenda esempio da Ferrara, dove hanno confermato lo storico Busker”s Festival studiando apposite limitazioni e utilizzando le tecnologie per consentire a tutti di godere degli spettacoli. Certamente occorrerà valutare una formula diversa dal solito ed eventualmente posticipare di qualche settimana ma, limitando il numero di spettacoli alle aree più aperte, ai cortili con accesso controllato e utilizzando maxischermi, la manifestazione si potrebbe svolgere offrendo così un po” di respiro agli imprenditori del centro storico». (da.be.)

Nella foto (dalla sua pagina Facebook personale): Amilcare Renzi

Confartigianato Bologna contro il rinvio di Imola in Musica, il segretario Amilcare Renzi: «Così si penalizza il centro storico»
Cronaca 5 Giugno 2020

Coronavirus, dopo la Rocca domani a Imola riaprono anche Museo di San Domenico e Palazzo Tozzoni

Dopo la prima riapertura sperimentale della Rocca Sforzesca, che nell’ultimo weekend ha visto un’affluenza di oltre 160 visitatori, da domani (sabato 6 giugno) riaprono al pubblico anche il Museo di San Domenico e Palazzo Tozzoni, con accessi ovviamente regolamentati affinché vengano rispettate le misure di sicurezza previste per l’emergenza sanitaria.

Da domani, quindi, tutti i sabati e le domeniche si potranno visitare le tre sedi dei Musei Civici di Imola, ovvero Rocca Sforzesca, Museo di San Domenico e Palazzo Tozzoni, nei consueti orari di apertura (sabato ore 15 -19, domenica ore 10 -13 e 15 –19). Per poter garantire la miglior tutela dei visitatori, la modalità di accesso è stata organizzata con nuove regole, che permetteranno di visitare gli spazi in sicurezza. L’accesso dei visitatori sarà di 10 persone ogni ora: sabato pomeriggio alle ore 15, 16, 17 e 18; domenica mattina alle ore 10, 11, 12; domenica pomeriggio alle ore 15, 16, 17 e 18. Non è prevista la prenotazione. Sarà obbligatorio indossare la mascherina, mantenere la distanza di sicurezza di almeno 1 metro e seguire il percorso di visita.

Inoltre, sempre da domani, nel Museo di San Domenico sarà possibile visitare la mostra fotografica Ristorante San Domenico di Imola 1970-2020. Un percorso lungo 50 anni, in occasione del 50° anniversario di attività del ristorante stellato.

Per informazioni: Musei civici di Imola (Via Sacchi 4, 0542/602609-602670), musei@comune.imola.bo.it oppure visitate il sito web. (da.be.)

Foto concessa dal Comune di Imola

Coronavirus, dopo la Rocca domani a Imola riaprono anche Museo di San Domenico e Palazzo Tozzoni

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast