Posts by tag: memoria

Cronaca 6 Settembre 2022

Imola, Fontanelice e Castel del Rio presenti alla cerimonia per ricordare i caduti di Monte Battaglia

Come ogni anno, i comuni di Imola, Fontanelice e Castel del Rio domenica scorsa erano presenti in maniera ufficiale a Monte Battaglia, luogo di storia e di pace, per ricordare le vicende ed i caduti dell’autunno del 1944, in uno dei luoghi simbolo nei quali, attraverso la Resistenza e la lotta di Liberazione, si è costruita la faticosa riconquista della libertà e della democrazia anche in questo territorio.

A rappresentare l’Amministrazione comunale imolese c’era il vicesindaco, Fabrizio Castellari, insieme al gonfalone della Città. Presenti anche il sindaco di Fontanelice, Gabriele Meluzzi e quello di Castel del Rio, Alberto Baldazzi. (r.cr.)

Foto dal Comune di Imola

Imola, Fontanelice e Castel del Rio presenti alla cerimonia per ricordare i caduti di Monte Battaglia
Cronaca 21 Luglio 2022

Luoghi della Memoria, Imola capofila in Europa, si allarga il progetto di arte pubblica

Si allarga all”Europa “Quando un posto diventa un luogo”, il progetto che da anni coinvolge centinaia di studenti per sviluppare una maggiore consapevolezza dei valori condivisi e della propria identità attraverso la “riappropriazione” di luoghi della memoria come monumenti e targhe dedicati alla Resistenza.

La partecipazione attiva dei cittadini al fine di preservare e valorizzare i diritti fondamentali dell”Ue attraverso progetti di arte pubblica è infatti al centro di un progetto europeo che vedrà il Comune di Imola capofila e protagonista per i prossimi due anni di una serie di iniziative, confronti e scambi culturali che coinvolgeranno anche altri partner europei.

Il progetto ha raccolto l”adesione delle città di Kassel (Germania), Grad Buzet (Ungheria), Amadora (Portogallo), Daugavpils (Lettonia), Linkoping (Svezia) oltre che dell”organizzazione non profit Ekokumpanit Oy (Finlandia), di The Rural Hub Company Limited By Guarantee (Irlanda) e del Sern. (r.cr.)

Nella fotografia del Comune di Imola, un momento del progetto Quanto un posto diventa un luogo

Luoghi della Memoria, Imola capofila in Europa, si allarga il progetto di arte pubblica
Cronaca 4 Maggio 2022

Liberazione, grande partecipazione degli studenti alle celebrazioni a Montecalderaro e Montecerere

Grande partecipazione degli alunni delle classi quinte delle scuole primarie Sassatelli e Don Milani, nella mattinata di ieri, alle celebrazioni per la Liberazione a Montecalderaro e Montecerere, luoghi della Linea Gotica.  All”incontro, erano presenti gli assessori Barbara Mezzetti e Giuliano Giordani e altri rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni. Al termine della manifestazione, merenda per tutti i ragazzi.

Il programma delle iniziative per il 77° anniversario della Liberazione proseguirà domenica 8 maggio con la Commemorazione dei Fatti di Case Grizzano, dei Caduti del Gruppo di Combattimento Folgore. Il ritrovo è alle ore 9 alla Rotonda Paracadutisti Nembo (incrocio via Moro-via Tanari) per la commemorazione dei Caduti del Gruppo di Combattimento Folgore; quindi trasferimento a Case Grizzano per la commemorazione dei fatti del 19 aprile 1945 e dei Caduti della Folgore (via Ca” Masino). Infine dal 13 al 15 maggio una delegazione di Castel San Pietro Terme parteciperà all”incontro Internazionale al lager nazista di Mauthausen e alla manifestazione commemorativa nell”ambito dei Viaggi d”Istruzione a cura di Aned. (r.cr.)

Foto dal Comune di Castel San Pietro

Liberazione, grande partecipazione degli studenti alle celebrazioni a Montecalderaro e Montecerere
Cronaca 30 Aprile 2022

Liberazione, a Imola la celebrazione al monumento a ricordo dei lavoratori della Cogne

Sono proseguite questa mattina le iniziative promosse dal Comune di Imola, insieme all’Anpi e al Cidra, per ricordare il 77° anniversario della Liberazione e rendere onore alla Medaglia d’Oro al valor militare per attività partigiana di cui Imola si fregia.

Sì è infatti svolta la cerimonia al «Monumento a ricordo dei lavoratori della Cogne caduti per antifascismo e Resistenza, caduti in guerra, vittime civili e del lavoro», posto all’incrocio fra via Cogne e via Serraglio, nella zona industriale. Sono intervenuti, fra gli altri, Pierangelo Raffini, assessore alle Attività produttive del Comune di Imola, Gabrio Salieri, presidente Anpi Imola e rappresentanti sindacali, che hanno deposto una corona al monumento. In precedenza, Nicholas Stefani e ?Simone Gardella, studenti della classe 5ATA dell’Istituto Superiore Alberghetti, coordinati dal prof. Andrea Pagani, hanno reinaugurato il monumento, nell’ambito del progetto “Quando un posto diventa un luogo”.  (r.cr.)

Foto concessa dal Comune

Liberazione, a Imola la celebrazione al monumento a ricordo dei lavoratori della Cogne
Cronaca 23 Aprile 2022

Liberazione, visita della console generale di Polonia a Imola e Castel San Pietro

Visita a Imola, giovedì 21 aprile, della console generale di Polonia in Milano Anna Golec-Mastroianni, per rendere omaggio l II Corpo d’Armata polacco a cui è dedicato il monumento nell”area vedere intitolata al generale Wladislaw Anders, comandante del II Corpo d”armata polacco che ha liberato Imola il 14 aprile del 1945. «Grazie per il bel giardino che avete creato, che è molto significativo, perché in questo modo la memoria viene vissuta tutti i giorni – ha commentato –. Sono contenta dell’accordo di collaborazione tra la Città di Imola e la Città di Pila e continueranno le iniziative congiunte fra Imola e la Polonia, con nuovi progetti, come quello di esporre ad Imola la mostra dedicata alla storia dell’inno della Polonia». «Una cerimonia semplice ma molto sentita, in nome di quel legame stretto che unisce Imola al popolo polacco – aggiunge Marco Panieri, primo cittadino –, anche attraverso l’associazione Eredità e memoria».

Nello stesso giorno la console si è recata anche a Castel San Pietro. Ad accoglierla il sindaco Fausto Tinti. «Sono trascorsi ormai 77 anni da quando il Secondo Corpo d”Armata Polacco liberò la città ed è da allora che siamo uniti da una profonda amicizia con i rappresentanti del popolo polacco» ha sottolineato il sindaco Tinti rivolgendosi alla console Anna Golec-Mastroianni. (r.cr.)

Nella foto: la cerimonia a Imola e a Castel San Pietro

Liberazione, visita della console generale di Polonia a Imola e Castel San Pietro
Cronaca 16 Aprile 2022

Medicina celebra il 77° anniversario della Liberazione della città

La città di Medicina, Medaglia d’Argento al Merito Civile, ha celebrato oggi, sabato 16 aprile, il 77° Anniversario della sua Liberazione rendendo omaggio ai caduti, civili e militari, che persero la vita in nome della Libertà.

Il 16 aprile 1945 Medicina venne liberata dalle truppe alleate del 14°/20° King’s Hussars e del 2°/6° Fucilieri Gurkha (reggimenti inquadrati nella 43° Brigata Autotrasportata Gurkha). Alle 19.45 di quel giorno i carri armati entrarono in paese e trovarono fin da subito una fitta resistenza nemica, il 1° Corpo tedesco paracadutisti. Gli scontri durarono fino alla mezzanotte, raggiungendo anche il combattimento corpo a corpo. Le truppe tedesche subirono ingenti perdite: 159 fra morti e feriti e 80 prigionieri. I combattimenti si spostarono poi nei pressi del Torrente Gaiana dove i tedeschi avevano costituito l’ultima linea di difesa. Dopo tre giorni di sanguinosi scontri il nemico fu battuto. (r.cr.)

Foto concessa dal Comune di Medicina

Medicina celebra il 77° anniversario della Liberazione della città
Cronaca 19 Marzo 2022

Spazzate Sassatelli omaggia i tre caduti per la libertà

Il sindaco di Imola, Marco Panieri, ed il presidente dell’Anpi, Gabrio Salieri, domani, domenica 20 marzo, alle ore 10.30, deporranno una corona di alloro alla base della lapide che nell’area delle ex scuole comunali della frazione imolese di Spazzate Sassatelli ricorda il sacrificio di tre partigiani caduti durante la lotta di Liberazione dal nazifascismo: Amedeo Marchi (1914-1944), Leonida Passerini (1921-1945) e Giuseppe Tinarelli (1898-1945). I tre partigiani Caduti per la Libertà di cui si celebrerà il ricordo facevano parte del battaglione Pianura della brigata Sap Imola. (r.cr.)

La storia su «sabato sera» del 17 marzo in edicola.

Nella foto: la commemorazione dello scorso anno a Spazzate Sassatelli 

Spazzate Sassatelli omaggia i tre caduti per la libertà
Cronaca 19 Gennaio 2022

Giorno della Memoria, in municipio una mostra sugli imolesi a Mauthausen

In vista della Giornata della Memoria del 27 gennaio il Comune di Imola, come altri Comuni del circondario, ha organizzato e promosso una serie di appuntamenti. Ad aprire il programma, da domani al 3 febbraio, una mostra installata nell’androne del palazzo comunale dal titolo «La libertà negata. Imolesi a Mauthausen».

La mostra è promossa e realizzata dall’Aned (Associazione nazionale ex deportati politici) in collaborazione con l’Anpi ed i soci della Coop Alleanza 3.0. I pannelli, curati da Marco Orazi (Cidra) per la parte contenutistica e da Massimiliano Renzi per quella grafica, accompagneranno i presenti nel doloroso percorso di un’esperienza così estrema. (r.cr.)

Su «sabato sera» del 20 gennaio gli appuntamenti sul Giorno della Memoria nel circondario 

Giorno della Memoria, in municipio una mostra sugli imolesi a Mauthausen
Cronaca 27 Novembre 2021

Un docufilm per raccontare Imola e la lotta per la Liberazione

Sono iniziate le riprese del docufilm «Per un’idea di libertà. Imola Medaglia d’oro». Il progetto, promosso dal Comune di Imola, prevede la realizzazione di un video che racconta il ruolo svolto dalla città e dai cittadini nella lotta per la Liberazione, i sacrifici delle sue popolazioni e la partecipazione partigiana durante la seconda guerra mondiale che hanno portato la città ad ottenere la Medaglia d’Oro al valor militare per attività partigiana (onorificenza conferita con decreto del Presidente della Repubblica Sandro Pertini il 12 giugno 1984 e consegnata al Comune il 12 aprile 1986 dal suo successore Francesco Cossiga).

Il progetto viene seguito dal Servizio Biblioteche e archivi del Comune di Imola, che conserva anche buona parte della documentazione libraria e archivistica che verrà utilizzata per la realizzazione del film documentario, e che coordina anche le attività didattiche con le scuole in collaborazione con il Cidra (Centro imolese documentazione resistenza antifascista e storia contemporanea), rivolte in modo particolare alle classi terze delle scuole secondarie di primo grado. L’iniziativa prevede una fase preliminare e di ricerca con il coinvolgimento degli studenti, che come giovani storici indagano le storie accadute dai loro bisnonni durante la seconda guerra mondiale e testimoniano la memoria familiare con interviste, oggetti, documenti e fotografie.

La cittadinanza potrà inoltre seguire il set del docufilm e il diario delle riprese in diverse location della città (il Palazzo comunale, la Biblioteca comunale di Imola con i documenti e manifesti conservati nell”Archivio storico e il rifugio antiaereo nei suoi sotterranei in grado di ospitare sino a 750 persone, la Rocca Sforzesca, carcere sino agli anni ’50 del Novecento, il Cidra con il Museo le sue fonti) e consultando la pagina Facebook del Cidra e della Biblioteca comunale di Imola. Il Comune ha partecipato con questa iniziativa al bando della Regione Emilia-Romagna, «Avviso per il sostegno ad iniziative di valorizzazione della storia e della memoria del Novecento in Emilia-Romagna», ottenendo un contributo di 10 mila euro per la sua realizzazione. Il progetto si avvale inoltre di contributi della sezione di Imola dell’Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia) e della sezione di Imola dell’Aned (Associazione nazionale ex deportati politici nei campi nazisti), e delle sponsorizzazioni di Alleanza Cooperative Italiane di Imola e di Asscooper Cons. Coop. di Imola. (r.cr.)

Nella foto: l”assessore alla Cultura Giacomo Gambi ed Alfredo Taracchini Antonaros, che all”epoca ha collaborato con il Comitato organizzatore per le celebrazioni per la Medaglia d”oro al Comune

Un docufilm per raccontare Imola e la lotta per la Liberazione
Cronaca 24 Settembre 2021

Inaugurata a Imola la statua dedicata al generale Anders

È stata inaugurata ieri mattina la statua bronzea dedicata al generale Anders del 2° Corpo d’Armata polacco, che durante la Seconda guerra mondiale contribuì a liberare anche Imola dal nazifascismo.

Alla cerimonia, oltre al sindaco Marco Panieri ed all’ambasciatrice polacca, senatrice Anna Maria Anders, anche i rappresentanti dell’associazione imolese Eredità e Memoria che ha curato l’iniziativa.

La scultura, nel Giardino Anders in via della Resistenza a Imola, è stata realizzata da Luigi Enzo Mattei, autore delle tre opere artistiche presenti nel giardino e dedicate al generale, ai suoi soldati e alla mascotte, l’orso Wojtek. Inoltre, sotto il portico del Vescovado è allestita la mostra «L’Armata di Anders: il cammino della speranza», visitabile gratuitamente giovedì 23 e sabato 25 settembre, dalle ore 10 alle 12. (r.cr.)

Nella foto (Isolapress): l’inaugurazione della statua dedicata al generale Anders

Inaugurata a Imola la statua dedicata al generale Anders

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA