Posts by tag: rifiuti

Cronaca 5 Febbraio 2023

A Dozza raccolta differenziata oltre il 90%, il Comune riduce il numero di conferimenti e le bollette vanno giù

Buone notizie per il Comune di Dozza, sempre attento ai temi ambientali. La nuova raccolta dei rifiuti, riorganizzata tra il 2018 e il 2021 con l’installazione delle isole ecologiche di base, la calotta da 30 litri per l’indifferenziato, la Carta Smeraldo per aprire i contenitori e l’introduzione, tra i primi, della tariffa puntuale (si calcola l’ammontare di rifiuto indifferenziato prodotto, quindi organico, carta, plastica, vetro e potature possono essere conferiti illimitatamente, senza aggravi economici) ha fatto passare la quota di differenziata dal 56% ad oltre il 90%, come testimoniano dai vari premi raggiunti dall’Amministrazione. In parallelo, poi, è drasticamente calato il quantitativo pro-capite di rifiuti indifferenziati.

La tariffa di ciascun utente comprende un numero prestabilito di conferimenti di rifiuto indifferenziato (espressi in litri minimi annui) che varia a seconda del numero di componenti del nucleo famigliare. La stragrande maggioranza delle famiglie dozzesi, secondo i dati, conferisce un quantitativo di rifiuti più ridotto dei corrispondenti litri minimi stabiliti nel 2019. Una condizione che, dall’avvio di quest’anno come successo a Mordano, ha consentito al Comune di ridurre il numero di conferimenti previsti in tariffa per le utenze domestiche. Una decisione che consentirà di premiare i tanti cittadini virtuosi che vedranno una diminuzione dei costi delle bollette. Il nuovo schema prevede che, per il nucleo composto soltanto da un individuo, i conferimenti da riscuotere passano da 28 a 20. Da 35 a 28 quelli di una famiglia di due persone e da 43 a 32 nel caso di tre unità. Taglio da 48 a 37 aperture, invece, da quattro persone in su. L’informazione sarà inserita anche nella prima bolletta utile del 2023 e si ricorda che, per eventuali necessità, è disponibile il numero dedicato di Hera 800862328 (dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 22 e il sabato dalle 8 alle 18). (r.cr.)

Foto d’archivio

A Dozza raccolta differenziata oltre il 90%, il Comune riduce il numero di conferimenti e le bollette vanno giù
Cronaca 4 Febbraio 2023

A Mordano differenziata al 94,7%, il Comune abbassa le soglie di conferimento e «alleggerisce» le bollette

A Mordano la raccolta differenziata si sa funziona e a confermare la tesi ci sono i numeri che hanno raggiunto il 94,7%. Un dato incredibile basti pensare che nel 2019, anno di avvio della tariffa puntuale, si attestava al 62.7%. Cittadini virtuosi e che, come analizzato dall’Amministrazione, nella stragrande maggioranza dei casi, conferiscono al di sotto delle soglie stabilite nel 2019, non utilizzando quindi pienamente i plafond di conferimenti prestabiliti e quindi pagati.

Al fine quindi di ridurre il costo delle bollette e premiare tutti questi cittadini virtuosi, il Comune ha deciso, a partire dal 1° gennaio scorso, per le utenze domestiche, di allineare il numero di conferimenti fissi pre- visti da pagare in tariffa al reale fabbisogno registrato negli ultimi anni, operando perciò una ulteriore diminuzione dei costi sostenuti dagli utenti. Ad esempio, se prima un nucleo familiare composto da tre persone aveva 43 conferimenti minimi annui, adesso sono 32 per una differenza in litri di rifiuti indifferenziati passata da 1.290 a 960. (r.cr.)

Foto d’archivio

A Mordano differenziata al 94,7%, il Comune abbassa le soglie di conferimento e «alleggerisce» le bollette
Cronaca 28 Gennaio 2023

Nuovi cassonetti e tariffa puntuale, novità a Castello sulla raccolta rifiuti

Sarà un anno di cambiamenti per Castel San Pietro sulla raccolta rifiuti. Nei prossimi mesi verranno sostituiti tutti i cassonetti rotti, in previsione del passaggio alla tariffa puntuale prevista per il 2024. Novità illustrate dall’assessore all’Ambiente Andrea Bondi. (r.cr.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 26 gennaio.

Nella foto: i cassonetti installati oggi a Castel San Pietro

Nuovi cassonetti e tariffa puntuale, novità a Castello sulla raccolta rifiuti
Cronaca 17 Gennaio 2023

Nuova raccolta differenziata in Vallata, da domani inizia la distribuzione dei kit per i cittadini

Dopo le dieci assemblee pubbliche partirà domani nei comuni della Vallata la distribuzione del kit per la nuova raccolta differenziata in arrivo dal 20 febbraio: Carta Smeraldo (che sostituisce la precedente tessera), il bidoncino e i sacchetti per l’organico, dove è prevista questa raccolta, e un opuscolo sui nuovi servizi. Il contenitore per gli scarti verdi invece si potrà richiedere durante la consegna di questo materiale e anche successivamente.

In caso di ritiro da parte di una persona non intestataria dell’utenza, saranno necessarie una delega, copia del documento del delegante e un documento del delegato. In caso non ci fosse nessuno in casa al momento del passaggio, verrà lasciato un tagliando con le indicazioni per il ritiro dei materiali negli sportelli Hera, aperti dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 il 10 e 17 febbraio al mercato di Fontanelice, l’11 febbraio nella Sala Civica a Sassoleone, il 13 febbraionella Sala Civica a San Martino in Pedriolo, il 16 febbraio al Teatro di Casalfiumanese, il 18 e 25 febbraio in piazza Unità d’Italia a Borgo Tossignano e il 20 febbraio nella Sala Magnus di Palazzo Alidosi a Castel del Rio. Dal 4 marzo il materiale si potrà ritirare gli Ecosportelli Hera di Fontanelice (piazza del tricolore, 2 – aperto il 2° e il 4° sabato di ogni mese dalle 9 alle 12) e Casalfiumanese (via Primo Maggio, 20 – aperto il 1°, 3°, 5° sabato di ogni mese dalle 9 alle 12).

I nuovi contenitori per la raccolta dei rifiuti, come detto, saranno posizionati a partire dal 20 febbraio e per le prime settimane non sarà necessario utilizzare le tessere nominative per aprirli, ma basterà premere il bottone d’apertura. (r.cr.)

Foto d’archivio

Nuova raccolta differenziata in Vallata, da domani inizia la distribuzione dei kit per i cittadini
Cronaca 8 Gennaio 2023

In Vallata cambia la raccolta differenziata, al via dieci assemblee per spiegare le modifiche ai cittadini

Migliorare quantità e qualità della raccolta differenziata per recuperare e riciclare quanta più materia possibile a salvaguardia dell’ambiente. È questo l’obiettivo delle modifiche ai servizi di raccolta rifiuti previsti, a partire dal 20 febbraio, nei quattro comuni della Vallata del Santerno.

In tal senso e per illustrare nel dettaglio i cambiamenti sono in programma dieci assemblee pubbliche alle quali tutti i cittadini sono invitati a partecipare (possono anche essere seguite online collegandosi al link urly.it/3rma7). Si parte domani, lunedì 9 gennaio (ore 20.30), al teatro comunale di Casalfiumanese; il 10 gennaio (ore 20.30) nella sala civica a San Martino in Pedriolo; 11 gennaio (ore 17.30 e ore 20.30) doppio appuntamento a Fontanelice nella Sala Archivio Mengoni; 12 gennaio (ore 20.30) nella sala civica a Sassoleone; 13 gennaio (ore 20.30) in Valsellustra nella saletta della Chiesa; 16 gennaio (ore 17.30 e ore 20.30) doppio appuntamento a Castel del Rio in Sala Magnus; 17 gennaio (ore 17.30 e ore 20.30) doppio appuntamento alla Sala Polivalente di Borgo Tossignano.

Oltre alle assemblee, saranno organizzati nello stesso periodo anche dei punti informativi dalle ore 9 alle 13 che si terranno l’11 gennaio in piazza Repubblica a Castel del Rio, 13 gennaio al mercato di Fontanelice, in via VIII Dicembre, 14 gennaio in piazza Unità d’Italia a Borgo Tossignano e 16 gennaio in piazza Cavalli a Casalfiumanese.  A partire dal 18 gennaio, poi, informatori ambientali appositamente formati da Hera visiteranno tutte le abitazioni e attività per consegnare i materiali per svolgere al meglio la raccolta differenziata. (r.cr.)

Nella foto di Hera, i nuovi cassonetti che saranno installati nella Vallata del Santerno

In Vallata cambia la raccolta differenziata, al via dieci assemblee per spiegare le modifiche ai cittadini
Cronaca 10 Dicembre 2022

Rifiuti, in vallata cambia la raccolta, in arrivo i cassonetti con il cassetto e l’apertura a pedale

Cambia il sistema di raccolta dei rifiuti nei quattro comuni della vallata del Santerno. E’ infatti previsto un adeguamento dei servizi con l’obiettivo di migliorare quantità e qualità della raccolta differenziata

Le modifiche al servizio di raccolta coinvolgeranno contemporaneamente Castel del Rio, Fontanelice, Borgo Tossignano e Casalfiumanese a partire dal 20 febbraio. Complessivamente sono interessate dal progetto oltre 5.650 utenze, di cui circa 430 non domestiche. Stratta di uno sviluppo del sistema già presente ma che apporta alcune rivoluzioni nel conferimento come il nuovo cassonetto dell’indifferenziato dotato di un cassetto con azionamento a pedale e l’introduzione della raccolta dell’organico con cassonetti stradali dedicati nei quattro capoluoghi (centri urbani) e nelle principali frazioni di Borgo Tossignano e Casalfiumanese.

«Dopo sei anni dall’introduzione in Vallata del sistema di raccolta dei rifiuti con tessera, siamo chiamati ad introdurre alcune modifiche al servizio per recuperare e riciclare sempre meglio, risparmiando materie prime – commentano i sindaci dei quattro Comuni -. In questi ultimi anni abbiamo raggiunto risultati positivi, la percentuale di raccolta differenziata è aumentata. Con questo progetto si vuole incrementare significativamente la raccolta differenziata in Vallata che nel 2021 ha raggiunto questi risultati: 64,6% a Casalfiumanese, 52,6% a Borgo Tossignano, 49,5% a Fontanelice e 56,4% a Castel del Rio, ma insieme alla cittadinanza si possono raggiungere obiettivi sempre più importanti».

Le novità

La principale novità riguarda la sostituzione degli attuali cassonetti dell’indifferenziato con nuovi contenitori dotati di un cassetto da 30 litri per il conferimento del rifiuto. Il cassetto si aprirà automaticamente avvicinando la nuova tessera al lettore ottico e, una volta inserito il sacchetto, basterà schiacciare il pedale per richiuderlo. Grazie alla tessera che apre e al pedale che chiude non sarà necessario toccare mai il cassonetto con le mani. Saranno rinnovati anche gli altri contenitori per carta e cartone e plastica e lattine, sempre dotati del sistema di riconoscimento con tessera, e quelli per il vetro che rimarranno ad accesso libero. Il cassonetto si potrà aprire non solo con la tessera ma anche con lo smartphone (Android) utilizzando l’app gratuita Il Rifiutologo.

Un’altra novità è l’introduzione della raccolta dell’organico, attualmente non presente: i rifiuti di questo tipo si potranno conferire negli appositi contenitori stradali e sarà attivata nei centri abitati dei quattro comuni e nelle frazioni di Tossignano, Codrignano, Sassoleone e San Martino in Pedriolo.

Per gli abitanti della Vallata la nuova tessera potrà essere utilizzata indifferentemente in ognuno dei contenitori dei quattro comuni e in ciascuna delle stazioni ecologiche, indipendentemente dal comune di residenza. Tutti i contenitori continueranno a essere organizzati con le Isole Ecologiche di Base, dove, in ognuna di esse, i cittadini avranno a disposizione i cassonetti per la raccolta differenziata oltre quello per l’indifferenziato.

Nei Comuni di Casalfiumanese, Fontanelice e Castel del Rio il servizio di raccolta delle potature su appuntamento sarà sostituito da un servizio di raccolta porta a porta per il quale saranno consegnati un contenitore da 240 litri e il calendario di raccolta. Il servizio di ritiro su appuntamento sarà invece mantenuto a Borgo Tossignano.

Informazione alla cittadinanza

Parallelamente sarà capillare la campagna di comunicazione. Dall’invio della lettera a tutte le famiglie e attività produttive/commerciali dei quattro comuni, agli incontri pubblici, passando per la consegna a domicilio dei materiali e l’organizzazione dei punti.

A partire da metà dicembre inizierà la distribuzione delle lettere, invitando a partecipare agli incontri pubblici in programma dal 9 al 17 gennaio 2023 per illustrare i servizi

9 gennaio ore 20.30 Casalfiumanese al Teatro Comunale; 10 gennaio ore 20.30 San Martino in Pedriolo nella Sala civica; 11 gennaio ore 17.30 e ore 20.30 doppio appuntamento a Fontanelice nella Sala Archivio Mengoni; 12 gennaio ore 20.30 nella sala civica a Sassoleone; 13 gennaio ore 20.30 in Valsellustra nella Saletta della Chiesa; 16 gennaio ore 17.30 e ore 20.30 doppio appuntamento a Castel del Rio nella Sala Magnus; 17 gennaio ore 17.30 e ore 20.30 doppio appuntamento alla Sala Polivalente di Borgo Tossignano.

Oltre alle assemblee, saranno organizzati anche dei punti informativi dalle 9 alle 13 che si terranno l’11 gennaio in piazza Repubblica a Castel del Rio, 13 gennaio al mercato di Fontanelice, in via VIII Dicembre, il 14 gennaio in piazza unità d’Italia a Borgo Tossignano e il 16 gennaio in piazza Cavalli a Casalfiumanese.

Consegna kit

Dal 18 gennaio gli informatori ambientali visiteranno tutte le abitazioni e attività per consegnare la nuova Carta Smeraldo, il bidoncino e i sacchetti per l’organico e un opuscolo illustrativo sui nuovi servizi. In caso di ritiro da parte di una persona non intestataria dell’utenza, saranno necessarie una delega

Se non ci fosse nessuno in casa al momento del passaggio, verrà lasciato nella cassetta postale un tagliando con le indicazioni per il ritiro che potrà essere effettuato recandosi ai Punti Smeraldo, aperti dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 il 10 e 17 febbraio al mercato di Fontanelice, via VIII Dicembre l’11 febbraio nella Sala Civica a Sassoleone, 13 febbraio nella Sala Civica a San Martino in Pedriolo, il 16 febbraio al Teatro di Casalfiumanese, 18 e 25 febbraio in piazza Unità d’Italia a Borgo Tossignano eil 20 febbraio nella Sala Magnus di Palazzo Alidosi a Castel del Rio.

Successivamente, a partire dal 4 marzo, coloro che non hanno potuto ritirare in precedenza la nuova Carta Smeraldo e il materiale, lo potranno fare recandosi agli Ecosportelli Hera di Fontanelice (piazza del tricolore, 2 – aperto il 2° e il 4° sabato di ogni mese dalle 09:00 alle 12:00) e Casalfiumanese (via Primo Maggio, 20 – aperto il 1°, 3°, 5° sabato di ogni mese dalle 9 alle 12).

I nuovi contenitori saranno posizionati a partire dal 20 febbraio e per le prime settimane rimarranno comunque aperti: non sarà quindi necessario utilizzare le nuove tessere nominative per aprirli ma basterà solo premere l’apposito bottone per sbloccarne l’apertura. (r. cr.)

Nella foto di Hera, i nuovi cassonetti che saranno installati nella Vallata del Santerno

Rifiuti, in vallata cambia la raccolta, in arrivo i cassonetti con il cassetto e l’apertura a pedale
Cronaca 18 Novembre 2022

Manutenzione straordinaria per le isole ecologiche interrate di Imola e Dozza

Interventi di ripristino e manutenzione straordinaria sono in prevvisione, dal 21 novembre al 22 dicembre, per tutte e sei le isole ecologiche interrate per la raccolta differenziata di plastica e lattine presenti a Imola e Dozza, dove esiste lo stesso servizio ma per carta e cartone. Alla luce di un’età non indifferente per queste strutture, la più vecchia ha infatti 15 anni mentre le altre tutte almeno arrivano a 10, c’è il bisogno di una manutenzione straordinaria.

Nell’arco di un mese ognuna sarà sottoposta, secondo un calendario predefinito, a una serie di interventi straordinari riguardanti principalmente adeguamenti normativi per la sicurezza (che coinvolgono le elettrovalvole, le tubazioni oleodinamiche e l’impiantistica di corredo) e il ripristino della carpenteria (pianale di scarramento dell’elettrocompattatore, fermi di sicurezza del pianale, fermi compattatore, guide laterali compattatore).

L’intervento di manutenzione straordinaria è interamente finanziato dal Con.Ami per un importo totale di circa 80 mila euro.

Ogni isola ecologica, senza sovrapposizioni, rimarrà chiusa temporaneamente per alcune giornate, come indicato negli appositi cartelli informativi che saranno posizionati per l’occasione. In quelle giornate, a Imola i cittadini potranno conferire alle altre isole interrate presenti, usufruire del servizio di raccolta porta a porta attivo nel centro storico oppure scegliere di utilizzare i cassonetti delle isole ecologiche di base presenti sui viali e nel resto della città, mentre a Dozza si potranno utilizzare i contenitori sul territorio.

Le isole ecologiche interrate sono di proprietà del Con.Ami, realizzate a partire dal 2007 per la risoluzione della problematica dei cassonetti nei centri storici di Imola e Dozza e sono in gestione ad Hera.

I vantaggi dell’isola ecologica interrata sono molteplici: si recupera spazio in superficie migliorando l’impatto visivo e la maggiore capacità dei contenitori ne riduce la frequenza di svuotamento, con un conseguente minor passaggio di automezzi. (r,cr.)

Nella foto di Hera, una foto di un’isola ecologica interrata

Manutenzione straordinaria per le isole ecologiche interrate di Imola e Dozza
Cronaca 17 Novembre 2022

Raccolta differenziata, primo posto per Mordano tra i piccoli comuni dell’Emilia Romagna

Dopo l’ottimo exploit dell’anno scorso, in cui si era piazzato terzo, quest’anno il Comune di Mordano conquista la vetta della classifica, redatta da Legambiente, per la performance ottenuta nella raccolta differenziata nel 2021. Riguardo alle percentuali di raccolta differenziata infatti, Mordano si posiziona al primo posto, per quanto concerne i comuni emiliano-romagnoli con meno di 5 mila abitanti, con il 94,7% di raccolta superando con un leggero distacco i modenesi di San Possidonio e Camposanto che hanno rispettivamente il 93,9% e 93,3% di differenziata.

A Mordano si raggiunge una quota di indifferenziato pro capite pari a 45,2 kg/abitante all’anno. La raccolta è quella del sistema a calotta con tariffa puntuale gestita da Hera.

Sempre nella classifica di Legambiente, gli altri comuni del circondario ottengono i seguenti risultati: Dozza si attesta su una raccolta differenziata dell’89,2%, Imola 74,7%, Castel San Pietro 80,3%, Castel Guelfo 81,2%, Medicina 68,8%, Casalfiumanese 60,7%, Borgo Tossignano 50,5%, Fontanelice 48,2%, Castel Del Rio 52,7% e Ozzano 49,1%.

Ozzano, tra l’altro, è anche giunto secondo per la percentuale di incremento nella raccolta differenziata. r.cr.)

Nella foto di archivio cassonetti per la differenziata

Raccolta differenziata, primo posto per Mordano tra i piccoli comuni dell’Emilia Romagna
Cronaca 11 Novembre 2022

A Ozzano la raccolta differenziata piace, il Comune premiato a Ecomondo come seconda realtà in regione

Nell’ambito della fiera di Rimini Ecomondo il Comune di Ozzano è stato premiato per essere tra le realtà amministrative più virtuose nell’ambito della raccolta differenziata dei rifiuti. Si tratta di un’iniziativa promossa da Legambiente Emilia-Romagna che si tiene ormai da più di una decina d’anni.

Da sette anni a questa parte Legambiente si basa sui dati forniti da Arpae per stilare la classifica rapportati poi al numero di abitanti dei singoli Comuni. Le classifiche vengono poi realizzate tenendo conto di altri fattori quali la quantità di rifiuti differenziati prodotti, la percentuale di raccolta differenziata, l’evoluzione delle modalità di raccolta e la tariffazione puntuale applicata.

Il Comune di Ozzano  è risultato secondo, dopo il Comune di Scandiano, nella categoria dei Comuni che hanno avuto il maggior aumento di raccolta differenziata nel 2021. Il premio è stato ritirato dalla vice sindaca Mariangela Corrado che ha la delega all’ambiente e segue il servizio della raccolta differenziata.

«È la prima volta che il nostro Comune viene premiato da Legambiente – afferma la vice sindaca Corrado – e auspichiamo che sia la prima di una lunga serie in quanto vorrebbe dire che il nostro Comune ottiene sempre buoni risultati nell’ambito della raccolta differenziata. Da poco più di un anno siamo passati al progetto Smarty, vale a dire ai cassonetti a calotta con accesso tramite tessera consegnata alle famiglie. Questo passaggio ha contribuito in maniera preponderante a far aumentare la percentuale della raccolta differenziata».

Sempre per la vicesindaca «stiamo lavorando tanto bene visti i risultati. Un plauso deve andare oltre che ai cittadini anche al centro del riuso che si trova in via dello Sport gestito dai volontari Auser. Qui i cittadini possono portare le cose ancora in buono stato ma che non usano più. I volontari Auser sono anche in grado di aggiustare quelli non più funzionanti e chiunque può passare dal centro e portare a casa un oggetto che gli occorre a fronte di un’offerta volontaria. Un ottimo esempio di economia circolare che si è riusciti ad attivare solo in cinque Comuni della provincia di Bologna e Ozzano è uno di quelli. La vera sfida ora – conclude la vicecsindaca – è quella di continuare nella sensibilizzazione dei cittadini affinché riusciamo ad aumentare ancora la nostra percentuale di raccolta differenziata». (r.cr.)

Nella foto del Comune di Ozzano la vicesindaca Mariangela Corrado con il presidente di Legambiente Emilia-Romagna Davide Ferraresi alla premiazione

A Ozzano la raccolta differenziata piace, il Comune premiato a Ecomondo come seconda realtà in regione

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA