Cronaca

«Rubrica salute», tanti buoni motivi per camminare un po’ tutti i giorni

«Rubrica salute», tanti buoni motivi per camminare un po’ tutti i giorni

E’ un’attività alla portata di tutti, non vi è persona sana che non possa praticarla, gratifica, aiuta a rimanere in forma, non costa niente e non richiede troppo tempo. «Camminare – dice Andrea Pizzoli, responsabile della Medicina dello sport dell’Ausl di Imola – è indispensabile per un corretto stile di vita perché la sedentarietà è un fattore di rischio che non va trascurato». Possiamo considerarlo uno strumento di prevenzione. «Praticare questa attività vuol dire rendere più efficiente l’apparato cardiocircolatorio, migliorare la respirazione e il metabolismo dei grassi e degli zuccheri, prevenire l’obesità, l’ipertensione arteriosa, rinforzare l’apparato osteomuscolare combattendo l’osteoporosi». Camminare, poi, allevia l’ansietà, la tensione e contribuisce a curare la depressione. Un beneficio che si ottiene perché l’attività fisica stimola il rilascio di endorfine, delle sostanze chimiche presenti nel cervello che riducono il dolore e ci fanno rilassare generando una sorta di benessere.

Ma quanto dovremmo camminare per avere dei risultati? E’ l’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità, a fornirci alcune indicazioni. Per rimanere in buona salute dovremmo fare un’attività fisica aerobica, che richiede quindi uno sforzo moderato per un periodo di tempo prolungato: per esempio, la marcia, la corsa di resistenza, il nuoto, andare in bicicletta, per almeno 30 minuti per 5 volte alla settimana o per 20-25 minuti 3 volte alla settimana se effettuata con intensità vigorosa. «La persona pigra, o meglio non attiva, dovrebbe fissarsi un obiettivo minimo di 150 minuti settimanali di attività moderata iniziando, magari, con 10 minuti continuativi al giorno. Tempi ai quali, dunque, possiamo arrivare per gradi personalizzando il nostro ritmo». Iniziare lentamente per poi aumentare l’andatura, la distanza, il tempo, l’intensità. «Sfruttiamo tutte le occasioni in cui possiamo fare del movimento. E’ importante capire che l’attività fisica non è sinonimo di sport ma comprende anche tutte quelle comuni azioni della vita quotidiana che comportano un dispendio energetico», tiene sottolineare Pizzoli.

Insomma, muoversi, camminare fa bene a tutti. «Non servono particolari controlli medici ma possiamo chiedere un consiglio o un parere al nostro medico di fiducia se soffriamo di qualche malattia particolare. Teniamo presente, infatti, che l’attività fisica costituisce una vera e propria terapia per molte patologie e può essere prescritta in questi casi come un farmaco».E comunque un’attenzione la dobbiamo avere anche se non abbiamo problemi. «Impariamo ad ascoltare il nostro corpo – esorta Pizzoli – e agiamo di conseguenza. Possiamo anche fare quello che viene definito il test della conversazione: cioè, se riusciamo a conversare agevolmente o con poca difficoltà quando il respiro comincia a farsi sentire». Camminare è un’attività fisica che fa bene pure ai bambini. «Anche così si può combattere l’obesità infantile e si impara fin da piccoli ad usare le scale invece dell’ascensore o a fare due passi, quando si può, invece di raggiungere la scuola in automobile».

Tante oggi le opportunità per camminare, anche in gruppo. Sono diverse, infatti, le associazioni e gli enti che promuovono e organizzano camminate, anche in città. «Certo sarebbe bene studiare percorsi in ambienti naturali e lontano dal traffico per evitare possibili incidenti e inquinamento». Importanti altri accorgimenti. «Vestirsi in modo adeguato e consono alla stagione, usare calzature adatte e quindi comode e magari sportive, non iniziare una camminata subito dopo un pasto abbondante, portarsi una bottiglietta d’acqua e fare qualche piccolo esercizio di allungamento muscolare e riscaldamento prima di iniziare il percorso». Molti fanno uso di bastoni, appositamente studiati, simili a quelli utilizzati nello sci di fondo. «La camminata nordica, il nordic walking, è un’attività che può dare ulteriori benefici di rafforzamento degli arti superiori, scarico della colonna vertebrale e coordinazione, ma per essere efficace deve essere utilizzata con la tecnica corretta». (Alessandra Giovannini)

Nella foto: Andrea Pizzoli, responsabile della Medicina dello Sport dell”Azienda Usl di Imola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast