Cronaca

Coronavirus, le vaccinazioni a Imola corrono e l'Ausl deve chiedere dosi “in prestito” a Bologna e Romagna

Coronavirus, le vaccinazioni a Imola corrono e l'Ausl deve chiedere dosi “in prestito” a Bologna e Romagna

Superata quota 81.000 vaccinazioni eseguite da inizio campagna nei siti vaccinali dell’Ausl di Imola: per la precisione 81.123, di cui 55.161 prime dosi e 25.962 seconde dosi.

In questi giorni però un ulteriore cospicuo numero di vaccinazioni vengono eseguite anche dall”hub Medical Centre Autodromo Sacmi-Cefla, con circa 300 vaccinazioni al giorno da lunedì, e dai medici di medicina generale sui 50-54enni lunedì che hanno già vaccinato ben 2075 assistiti, circa la metà del target prenotato presso di loro.  

Domani si aprono le prenotazioni presso i consueti canali (Cup, Fse e farmacie) per la classe di età 30-34 anni, oltre 6700 le persone potenzialmente interessate, di cui 1039 hanno già avviato il loro ciclo vaccinale. Per quanto riguarda la fascia 35-39 anni che si è aperta ieri l’altro, sono 1930 i cittadini che si sono già prenotati su un target di 7455 (di cui circa 1300 hanno già ricevuto almeno la prima dose perché inseriti in altre categorie per patologia o professione).

Inoltre sempre ieri hanno sono cominciate le prenotazioni per gli operatori dei centri estivi, per i quali la Regione ha chiesto di anticipare, l’Ausl di Imola ha previsto delle sedute dedicate presso la Tozzona con il siero Johnson&Johnson «in modo da garantire immediata copertura totale». Sono 120 quelli già prenotati; la vaccinazione vale per coloro che lavorano per almeno 15 giorni, che devono mostrare la dichiarazione del datore di lavoro su carta intestata o timbrata.

Il problema è che la programmazione, come si temeva, inizia a risentire della mancanza di dosi. Nonostante la spinta ad accelerare, poi occorre fare i conti con quanto arriva dalle case farmaceutiche. «Di volta in volta che si aprono nuove fasce di età si allungano i tempi di attesa» avverte il direttore dell’Ausl di Imola Andrea Rossi. Per garantire «quanti hanno già prenotato abbiamo dovuto richiedere un prestito di 500 dosi all’Ausl di Bologna e 500 dosi all’Ausl della Romagna» ammette il direttore generale.

Quindi per i ventenni e i trentenni l’attesa si prospetta lunga, a meno che non approfittino delle «finestre» che si aprono ogniqualvolta qualcuno rinuncia o sposta il proprio appuntamento. Tener d’occhio giornalmente il Fascicolo elettronico è una buona idea per approfittarne e ottenere una vaccinazione al volo. 

Nel frattempo la situazione epidemiologica prosegue sull’onda di numeri da zona bianca. Su 387 test molecolari e 276 antigenici, si registrano oggi solo 2 nuovi positivi per il circondario imolese: 1 nella fascia d’età 45-64 e 1 sopra i 65 anni; entrambi con sintomatici. Sono 3 i guariti, quindi i casi attivi scendono a 92. In terapia intensiva a Bologna rimane un solo ricoverato. (l.a.)

ALTRI DETTAGLI E INFORMAZIONI SUL “SABATO SERA” IN EDICOLA DA OGGI 10 GIUGNO

Nella foto l”ingresso dell”hub vaccinale delle aziende presso il Centro medico dell”autodromo di Imola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ABBONATI AL SABATO SERA

Seguici su Facebook

Font Resize
Contrast