Cronaca

Un fine settimana «con il naso per aria» tra giganti mitologici, mostre d’arte e… pattini. Le proposte di «sabato sera»

Un fine settimana «con il naso per aria» tra giganti mitologici, mostre d’arte e… pattini. Le proposte di «sabato sera»

Primo weekend dell’anno, e fine delle feste ma ancora voglia di festeggiare o quantomeno di divertirsi? Perché allora non vivere ancora un po’ di atmosfera giocosa pattinando sul ghiaccio? Due le occasioni sul territorio, a Imola con la pista nel cortile degli ex Circoli in via Orsini aperta fino al 13 gennaio (dalle 15 a mezzanotte, domenica anche dalle 10.30 alle 13) e a Medicina con quella in viale Oberdan (dalle 14 a mezzanotte, domenica dalle 10), entrambe con ingresso a pagamento.

Per chi ha voglia di una domenica «curiosa», palazzo Tozzoni a Imola è la meta ideale: «Con il naso per aria. Personaggi e racconti dei soffitti Tozzoni» è l’incontro con Oriana Orsi che racconterà di eroine bibliche, giganti mitologici, paesaggi esotici e animali fantastici che popolano i soffitti dei palazzi storici cittadini (alle 17, ingresso gratuito con prenotazione tramite l’App «Io Prenoto»). Il tutto condito da un assaggio di cioccolata calda.

Arte sotto la lente dell’interesse anche grazie alla mostra «Sguardi sul cinema», che ospita riproduzioni su grandi quadri dei volti di attori e attrici italiani: si tratta di opere realizzate con materiali di rifiuti dagli studenti delle Accademie di Belle Arti di Firenze, Bologna e Ravenna, nel corso di diversi workshop tenuti nei laboratori Scart, progetto del Gruppo Hera. L’esposizione è allestita al teatro Stignani, visitabile dalle 17 alle 21. Sempre a Imola, si può proseguire il percorso artistico con una vera e propria passeggiata: dal teatro al Museo di San Domenico, dove si trova la mostra «Tra incanto e nostalgia. Il mondo di Vittoriana Benini», a cura di Valter Galavotti, con un’ottantina di opere che raccontano la storia creativa dell’artista mordanese (nel quadriportico, ingresso gratuito, orari: sabato e domenica 10-13 e 15-19, venerdì 15-19).

Se poi si vuole continuare sull’onda dell’arte, non si può non citare il borgo di Dozza: vero e proprio museo a cielo aperto, coi suoi muri dipinti, ospita anche una mostra dedicata alla manifestazione che la caratterizza: «Echi della XXVIII Biennale del Muro Dipinto di Dozza», con opere di diversi artisti, è alla Rocca e visitabile con biglietto d’ingresso al museo (da lunedì a sabato ore 10-13 e 14-18, domenica e festivi 10-19.30). Sempre a Dozza, un’idea per i più piccoli: domenica 8 alle 16.30, alla Rocca, si tiene un laboratorio per bambini dai 5 anni per inventare insieme favole e racconti partendo dal personaggio raffigurato in una carta (7 euro, prenotazione a rocca@comune.dozza.bo.it). (s.f.)

Nella foto: palazzo Tozzoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SCARICA L’APP GRATUITA DI SABATO SERA

ABBONATI AL SABATO SERA

Seguici su Facebook