Sport

Sport 28 Aprile 2018

Basket C Gold, dopo due overtime la Vsv Imola stacca il «pass» per le semifinali play-off

Gara-2 play-off tra Vsv Imola e Montecchio si apre subito con un colpo di scena. A tre minuti dalla palla a due, infatti, un canestro del palazzo reggiano cede e la sfida viene “spostata” a 10 km di distanza circa sul parquet di Cavriago. La parola poi passa al basket giocato. Ai gialloneri servono ben due overtime per superare 99-92 i padroni di casa e, con il 2-0 nella serie, conquistare le semifinali dove affronteranno, nel prossimo weekend, Ozzano.

Nel primo quarto regna l”equilibrio, mentre è nel secondo parziale che i gialloneri allungano chiudendo avanti di 8 punti trascinati da Nucci. Nel secondo tempo iniziano i problemi di falli per la Vsv con Casadei, Sangiorgi e Dal Fiume già a quota 4. Montecchio ne approfitta e rientra con un terzo quarto, offensivamente parlando da «paura». Nell”ultimo parziale la gara va avanti punto a punto e alla sirena il punteggio dice parità a quota 71. Come in regular season al Ruggi servono i supplementari per decretare la fine dei giochi. Nel primo i padroni di casa allungano, Imola rimane in scia e passa avanti con i liberi di Ranocchi, ma Di Noia impatta a trenta secondi dalla fine e il match va al secondo overtime. La Vsv litiga con il canestro, Montecchio con i liberi, ma a decidere la contesa è prima Boero con sette punti consecutivi poi gli ultimi due punti di Nucci.

d.b.

Tabellino

Montecchio-Npc 92-99 d2ts (19-19, 31-39, 57-55, 71-71, 82-82)

Montecchio: Seclì 10, Di Noia 26, Basso 15, Vanni 15, Negri 9, Grisendi 3, Borghi ne, Guidi 9, Guardasoni 2, Corrias, Gruosso, Ghezzi, Giglioli 3. All. Cavalieri.

Vsv: Dal Fiume 2, Nucci 26, Casadei 12, Zhytaryuk 17, Dalpozzo 2, Boero 13, Creti ne, Murati ne, Ranocchi 21, Sassi ne, Sangiorgi 6. All. Tassinari.

Nella foto (dalla pagina facebook della Vsv Imola): Luigi Boero

Basket C Gold, dopo due overtime la Vsv Imola stacca il «pass» per le semifinali play-off
Sport 27 Aprile 2018

Calcio, ecco la nuova Dozzese targata Leonardo Vanni

Un passato nel futsal, prima da giocatore e poi da allenatore. Un presente da imprenditore e da uomo copertina di una realtà che vuole rilanciarsi alla grande. Leonardo Vanni è il nome nuovo della Dozzese Calcio, che nel 2018/2019 ripartirà con un nuovo progetto di cui farà parte, dopo due anni di stop, la prima squadra. «Per ben 19 anni ho allenato nel calcio a 5, vincendo alcuni campionati di serie D e C2 – commenta Vanni -. Poi mi sono collocato principalmente in C1 e ad Imola ho allenato alla Young Line, con Vanni Pedrini come vice. Lui è bravissimo e giustamente ha fatto carriera, mentre io dall’anno scorso ho dovuto mollare per una questione di tempi. Oggi faccio l’imprenditore a tempo pieno, la mia attività sta crescendo e non potevo più allenare».

Così si è lanciato in questo nuovo progetto a Dozza.

«Ho voluto fare qualcosa per il mio paese. Il calcio ha molto più appeal del futsal, soprattutto nei bambini. La Dozzese deve rappresentare la comunità e vorrei che tornasse a livelli importanti, soprattutto a livello giovanile, con un prodotto professionale da offrire. Sono molto contento di questi primi passi: la Dozzese è molto amata e tante persone si stanno proponendo di aiutarci».

Ha parlato di settore giovanile: quali saranno gli investimenti principali?

«La nostra idea è di fare investimenti importanti, con figure trasversali che si occuperanno dei ragazzi dal punto di vista tecnico e coordinativo. Inoltre vorrei inserire anche la figura dello psicologo nei giovani».

La grande novità però sarà rappresentata dalla prima squadra.

«Si inizierà con la Terza categoria, ma vogliamo essere ambiziosi e arrivare velocemente ai campionati regionali. Non faremo spese folli, la rosa sarà formata principalmente da ragazzi di Dozza che sentiranno il peso della maglia. Ci sarà un forte investimento sui campi, come l’impianto di illuminazione a Monte del Re».

an.cas.

L”articolo completo su «sabato sera» in edicola dal 25 aprile.

Nella foto: Leonardo Vanni, l”uomo nuovo della Dozzese

Calcio, ecco la nuova Dozzese targata Leonardo Vanni
Sport 27 Aprile 2018

Guida sportiva ai principali appuntamenti del fine settimana

Come ogni settimana torna la nostra guida sugli appuntamenti sportivi più importanti del weekend nel territorio.

Concluso il campionato di A2 per l”Andrea Costa gli occhi degli appassionati di basket sono tutti per i play-off di C Gold. I Flying Ozzano, già qualificati alle semifinali, guarderanno con interesse il match di stasera (ore 21) tra Montecchio e Vsv Imola. In caso di vittoria dei reggiani la serie andrà alla “bella” che si disputerà martedì 1 maggio al Ruggi (palla a due alle 19). Castel Guelfo, invece, dopo la beffa di gara-2 contro la Salus sarà chiamata al dentro o fuori domenica 29 in trasferta (ore 18).

Nel calcio l”Imolese (serie D) sarà impegnata sul campo del Villabiagio (ore 15). Tutte le altre categorie, invece, come sempre giocheranno alle 15.30. In Eccellenza, il Sanpaimola riceverà l”Argentana, mentre in Promozione sarà in programma il derby Medifossa-Sesto Imolese, con la Valsanterno che sfiderà a domicilio il Gualdo Voghiera. In Prima Categoria il calendario metterà di fronte OzzaneseBubano, San Benedetto-Fontanelice, Osteria GrandeLibertas Castello. In Seconda, nel girone L, spazio a Castel del Rio-Antal Pallavicini, Juvenilia-Rainbow Granarolo, Sporting GuelfoAmaranto Castel Guelfo e Murri-TozzonaNel girone M, invece, i Fly Sant”Antonio giocheranno sul campo dell”Alberonese, mentre, nel P, il Mordano ospiterà il Fossolo. In Terza Categoria sarà di scena Sporting ValsanternoOzzano Claterna, con la Stella Azzurra che attenderà il San Gabriele. Nel calcio femminile (serie B) l”Imolese salirà fino in Veneto per sfidare la Fortitudo Mozzecane (ore 15).

Sabato 28 (ore 21) nella pallavolo femminile (B2) la Clai Imola ospiterà la Stella Rimini, mentre nel rugby (serie C1) sono in programma Imola-San Benedetto e Castel San Pietro-Ravenna (fischio d”inizio alle 15.30).

d.b.

Guida sportiva ai principali appuntamenti del fine settimana
Sport 26 Aprile 2018

Basket C Gold, sirena play-off amara questa volta per Castel Guelfo. Decisiva gara-3

Chi di beffa ferisce….di beffa perisce. Se in gara-1 Castel Guelfo aveva vinto a pochi secondi dal termine con la tripla di Grillini, in gara-2 la Salus firma il successo per 77-75 al palaMarchetti sulla sirena grazie ai due punti di Amoni.

Bolognesi sempre avanti nel primo tempo con i guelfesi costretti a rincorrere già dal primo quarto. Grillini e Trombetti provano a rispondere agli scatenati Amoni e Percan, ma il distacco dei gialloblù si assesta attorno alla doppia cifra. E” nell”ultimo parziale che la squadra di Serio ricuce lo strappo e impatta sul 75-75 con i liberi di Casagrande e la tripla di Baccarini dopo un antisportivo fischiato agli ospiti. Lo stesso Baccarini, però, fallisce poi i liberi del sorpasso e il più esperto Amoni consegna ai suoi una vittoria che porta la serie sull”1-1.

Tutto si deciderà in gara-3 in programma domenica 29 (ore 18) in casa della Salus.

d.b.

Tabellino

Prosic-Salus 75-77 (17-24, 32-47, 51-64)

Castel Guelfo: Grillini 18, Musolesi 10, Pieri 3, Govi 4, Trombetti 15, Bernabini 8, Cacciari ne, Rebeggiani ne, Santini ne, Casagrande 9, Degli Esposti Castori, Baccarini 8. All. Serio.

Salus: Amoni 20, Tugnoli 11, Stojkov 13, Polverelli 6, Percan 16, Veronesi 3, Arletti ne, Trentin 8, Savio, Gebbia ne, Branzaglia ne. All. Fili.

Nella foto: coach Serio

Basket C Gold, sirena play-off amara questa volta per Castel Guelfo. Decisiva gara-3
Sport 25 Aprile 2018

Futsal serie A, sconfitta «dolce» per Imola-Castello nell'ultima giornata di campionato

Sconfitta indolore per l”Ic Futsal in casa del Kaos nell”ultima giornata di campionato. A Reggio Emilia, infatti, finisce 7-3 per i padroni di casa al termine di un match praticamente mai stato in discussione.

I bianconeroverdi, già matematicamente salvi e senza l”infortunato Liberti, vanno sotto già dopo quasi tre minuti e chiudono il primo tempo addirittura sul punteggio di 3-0. Nella ripresa il Kaos non molla la presa e colpisce altre due volte prima della reazione dell”Ic Futsal che accorcia con il giovane Lari e con il capitano Vignoli. I reggiani, però, siglano altre due reti che anticipano l”ultimo gol firmato dal brasiliano Misael che fissa il punteggio finale. 

La squadra di Pedrini finisce così la stagione al quart”ultimo posto al pari di Cisternino, ma se da un lato la salvezza è cosa certa da un pò, dall”altro nubi dense si stanno addensando attorno alla società in vista della prossima stagione. Non è, infatti, certa la riconferma del tecnico di Dozza e con lui quella della maggior parte della rosa.

d.b.

Tabellino

Kaos Reggio Emilia -Ic Futsal 7-3 (3-0) 

Kaos: Molitierno, Vinicius, Dian Luka, Felipe Mello, Fits, Isidoro, Fusari, Dudu Costa, Kaka, Zanotto Micheletto, Pulvirenti, Timm. All. Juanlu.

Ic Futsal: Juninho, Ferrugem, Salado, Castagna, Rodriguez, Marcio Borges, Vignoli, Silveira, Lari, Magliocca, Battaglia. All. Pedrini.

Marcatori: 2°56” p.t. Vinicius (K), 12°26”, Kakà (K), 18°39” Fusari (K), 00°28” s.t. Fits (K), 1°44” Fits (K), 6°25” Lari (I), 6°58” Vignoli (I), 8°55” Dian Luka (K), 11°22” Vinicius (K), 14°15” Misael (I).

Ammoniti: Kakà (K).

Nella foto (di Patrick Morini): il tecnico dell”Ic Futsal Vanni Pedrini

Futsal serie A, sconfitta «dolce» per Imola-Castello nell'ultima giornata di campionato
Sport 24 Aprile 2018

Basket C Gold, i Flying Ozzano vincono anche gara-2 e volano in semifinale play-off

Tutto facile per i Flying Ozzano che vincono anche gara-2 a Pontevecchio con il punteggio di 85-61 e si qualificano per le semifinali dove attenderanno una tra Castel Guelfo e Salus.

Sul parquet bolognese le «Palle Volanti» hanno lasciato solo le briciole ai padroni di casa andando subito avanti nel punteggio a fine primo quarto per poi non venire più ripresi. Nel secondo tempo, infatti, non c”è più stata partita e la squadra di coach Grandi ha meritato a pieno il passaggio del turno. L”unico neo tra le statistiche biancorosse riguarda la scarsa precisione ai liberi, mitigata alla grande dalle prestazioni del trio Agusto-Dordei-Corcelli.

d.b.

Tabellino

Pontevecchio-Laco 61-85 (17-24, 33-43, 48-72)

Pontevecchio: Gianninoni 4, De Gregori 18, Bonaiuti 3, Nanni, Di Rauso 6, Folli 4, Mantovani 2, Minerva 3, Buriani, Bergami 13, Berti 8, Vetere. All. Carretto.

Ozzano: Folli 5, Chiusolo 8, Corcelli 17, Dordei 14, Agusto 15, Masrè 4, Morara 8, Lalanne 2, Magagnoli 6, Agriesti 4, Martini 2. All. Grandi. 

Nella foto (dalla pagina facebook dei Flying Ozzano): Nunzio Corcelli

Basket C Gold, i Flying Ozzano vincono anche gara-2 e volano in semifinale play-off
Sport 24 Aprile 2018

Rimpatriata per i giocatori dell'Imolese che 19 anni fa centrarono la promozione in C2. IL VIDEO

Le cose belle non si dimenticano, neppure dopo una ventina d’anni. Ecco allora che venerdì scorso l’Imolese del 1998/99, quella che fu promossa in C2 dopo lo spareggio di Lugo contro il Forlì (2-0, gol di Maresi e Spezia), si è ritrovata alla Tavernetta, locale dell’allora capitano Maurizio Fusari. Ai suoi tavoli si sono seduti dirigenti (Morini, Pelliconi, Mambelli e altri), staff (il mister Nevio Valdifiori, il diesse Gianni Galli) e ovviamente i calciatori. In quella squadra c’erano i portieri Monterastelli e Ruffolo, poi Bonetti, Toschi, Erbuto, Antonelli, Bersanetti, Maresi, Fusari, Arfeo, Spezia, Actis Dato, Zotti, Paterna, Pari, Malavenda, Rossi, Ballacci, Caselli, Tombolini, D’Avino, Donattini, Polmonari, Cavina e Fraccaro.

r.s.

Nella foto: il gruppone dei partecipanti

Rimpatriata per i giocatori dell'Imolese che 19 anni fa centrarono la promozione in C2. IL VIDEO
Sport 24 Aprile 2018

Contratto rinnovato, la Sbk rimarrà a Imola fino al 2020. Quest'anno la madrina è Aida Yespica

Il round di Imola continuerà ad essere uno degli appuntamenti del Campionato Mondiale Fim Motul Superbike fino al 2020. L’annuncio del rinnovo triennale è stato dato ieri a Milano in occasione della conferenza stampa ufficiale di presentazione dell’ormai prossimo appuntamento dell’11-13 maggio a Imola.

Il rinnovo porterà a 18 le edizioni del Mondiale SBK nell’autodromo imolese. Un tracciato che ha visto imprese leggendarie come l’epico duello tra Edwards e Bayliss nel 2002 o la vittoria iridata di Biaggi con l’Aprilia nel 2010. E che continua ad offrire gare spettacolari ad ogni edizione, tanto da richiamare decine di migliaia di appassionati: nel 2017 furono oltre 75.000, secondo round più seguito di tutto il campionato.

Nel corso della conferenza stampa è stata presentata anche la madrina dell’edizione 2018, Aida Yespica, che prosegue la tradizione delle attrici e show girl che hanno prestato il loro volto all’evento, come Belen Rodriguez, Raffaella Fico e Cristina Buccino.

Non solo. E’ stata anticipata anche un’importante novità per l’appuntamento del prossimo anno, ovvero la concomitante gara di moto elettriche. Grazie alla collaborazione tra Formula Imola, la società che gestisce l”impianto imolese, e Impulse Modena Racing (Imr), gli appassionati potranno assistere ad una gara dimostrativa tra moto sviluppate da team universitari provenienti da tutto il mondo.

Stefano Pacchioli, direttore e amministratore delegato del WorldSBK, ha commentato: “La firma sull”estensione del contratto conferma l”importanza che WorldSBK attribuisce al mercato italiano e al territorio nello specifico”.

Uberto Selvatico Estense, presidente di Formula Imola, ha aggiunto: “WorldSBK è l”evento principale del calendario di Imola dal 2009. Siamo orgogliosi di essere considerati da Dorna uno dei partner migliori e affidabili e di continuare questa fantastica avventura. La nostra volontà è quella di aumentare la nostra identità nel cuore degli appassionati del motorsport per attirare ogni anno sempre più persone nella Motor Valley di Imola”. 

Nella foto Stefano Pacchioli, direttore e amministratore delegato WorldSBK, Aida Yespica e Uberto Selvatico Estense, presidente di Formula Imola

Contratto rinnovato, la Sbk rimarrà a Imola fino al 2020. Quest'anno la madrina è Aida Yespica
Sport 24 Aprile 2018

Grande successo e 20.000 presenze alla prima edizione del Motor Legend Festival. IL VIDEO

Il Motor Legend Festival ha fatto centro al primo colpo. Le 20.000 presenze nei tre giorni dichiarate dall’organizzazione hanno reso splendido il colpo d’occhio e confermato un successo che alla vigilia non era scontato, ma che, complice anche un inconsueto e invidiabile anticipo d’estate, è stato pieno e convincente. Ma a certificare la riuscita di una manifestazione così ricca di eventi dentro e fuori la pista, con gare, esibizioni, parate, incontri, tributi agli scomparsi Ayrton Senna, Jim Clark, Elio De Angelis, Ludovico Scarfiotti (con la sala conferenze sempre esaurita), presentazioni di volumi (un successone il libro dell’ingegner Mauro Forghieri sulla Ferrari e anche le pubblicazioni di Mario Donnini dedicate ad pluricampione del mondo Agostini), mostre e mercatini vari, è stata soprattutto la quantità di personaggi intervenuti, fra i quali molti ex piloti delle due e delle quattro ruote motorizzate, come Giacomo Agostini, Johnny Cecotto, Freddie Spencer, Phil Read, Carlos Lavado, Riccardo Patrese, René Arnoux, Jacky Ickx, Arturo Merzario, Emanuele Pirro, Paolo Barilla, Giancarlo Martini.

Per non parlare dell’imponente schieramento di F1 (col Ferrari Corse Clienti che l’ha fatta da protagonista), di prototipi Le Mans, di Gran Turismo, che si sono anche sfidati in pista in vere e proprie gare. E poi le leggendarie Mv Agusta 3 cilindri, le Benelli 250 e 500, la Suzuki Rg 500, le Honda 500 3 e 4 cilindri, Yamaha, Bsa, Ducati. Insomma, un grandioso schieramento di mezzi che, riempiendo interamente paddock 1 e 2 dell’Enzo e Dino Ferrari, hanno reso il Motor Legend Festival, messo in piedi magistralmente dagli organizzatori Andrea Gallignani e Vito Piarulli, simile ad un’immensa fiera del motore.

r.s.

Nella foto: Jackie Ickx alla guida della Ferrari 312B, sulla sinistra Rene” Arnoux, Guido Schittone e Paolo Barilla. Con il casco Riccardo Patrese

Grande successo e 20.000 presenze alla prima edizione del Motor Legend Festival. IL VIDEO
Sport 23 Aprile 2018

Calcio, intervista all'imolese Daniele Ferri dopo l'operazione al ginocchio. «Vorrei più giocatori di Imola in rossoblù»

C’è poco da fare, quando l’Imolese in campionato incrocia la Pianese, sono sempre e solo dolori. Lo scorso anno furono Mammetti e Golfo a fare male ai rossoblù, domenica 15 aprile, invece, è stato di nuovo Golfo a ripetere ciò che all’andata era riuscito a Daniele Ferri, ovvero battere Rossi e consegnare un risultato positivo ai bianconeri amiatini.

Stavolta però, contrariamente alla fine di novembre, Daniele Ferri non era in campo, anzi era nei primi giorni della convalescenza post operatoria dopo la rottura del collaterale rimediata contro la Colligiana. «Mi sono operato a Faenza il giovedì prima della gara con l’Imolese – dichiara il centravanti imolese, che ha fatto armi e bagagli da Piancastagnaio per restare ora a casa a Imola – ed è andato tutto bene: ora mi attendono 2-3 mesi di rieducazione con Marco Cola («mago» romagnolo per i giocatori che devono recuperare da lunghi infortuni, nda) poi fra 4-5 mesi potrò tornare in campo».

Questo infortunio davvero non ci voleva.

«Le cose stavano andando per il meglio, avevo segnato 10 gol ed ero riuscito a trovare lo spazio che cercavo per provare a tornare nei professionisti e c’era già qualche squadra che si era interessata alla mia situazione».

Un girone che ha visto il Rimini tagliare il traguardo a braccia alzate, lasciando all’Imolese la possibilità di chiudere «solo» al secondo posto.

«Non mi aspettavo questo finale: per me l’Imolese ha un organico superiore al Rimini e i biancorossi a livello di gioco non mi hanno assolutamente impressionato, anche se hanno fatto qualcosa di grande a livello di continuità di risultati».

Ai rossoblù quindi cosa può essere successo?

«Le sono girate male parecchie cose, basti pensare ai tanti infortuni che hanno avuto in attacco Ferretti e Titone e poi anche Belcastro nel girone di ritorno ha saltato 7 partite: ad Imola in questi anni si è alzata molto l’asticella ed anche il fatto che i gol segnati da Ferretti siano considerati qualcosa di normale o di sottotono rispetto al previsto, lo fa capire».

Si può mettere una… pezza?

«Adesso l’Imolese deve provare a vincere i play-off e può farcela, poi magari si penserà al ripescaggio e potrebbe risentirsi l’attaccamento della città alla propria squadra, anche passando dalla presenza di giocatori di Imola con la maglia rossoblù. Ho sempre in mente la partita di andata: quando segnai, ci fu più esultanza per il mio gol da parte dei miei amici che per il gol con il quale l’Imolese pareggiò quella partita…».

an.mir.

L”articolo completo su «sabato sera» del 19 aprile.

Nella foto (Isolapress): da sinistra, Daniele Ferri dopo l”intervento al ginocchio. A destra lo stesso Ferri al Galli in un contrasto con Torta

Calcio, intervista all'imolese Daniele Ferri dopo l'operazione al ginocchio. «Vorrei più giocatori di Imola in rossoblù»

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast