Cronaca

Coronavirus, contagi e difficoltà nelle strutture socio-sanitarie. Il sindaco Panieri: «Potenziare organici nelle cra»

Coronavirus, contagi e difficoltà nelle strutture socio-sanitarie. Il sindaco Panieri: «Potenziare organici nelle cra»

L’allarme lanciato la scorsa settimana dalle strutture residenziali per anziani e disabili del circondario imolese sulle pagine di sabato sera si sta rivelando più grave del previsto. La carenza di personale sanitario, in particolare infermieri, unito alla diffusione dei casi di positività, ha portato nei giorni scorsi sindaci, Ausl e mondo socio-sanitario ad un serrato confronto alla ricerca di soluzioni per evitare che la situazione possa sfuggire di mano.

Le difficoltà maggiori erano state segnalate dall’Asp, che gestisce le case residenze anziani (cra) pubbliche di Medicina e la Fiorella Baroncini (ex Rsa) e Cassiano Tozzoli (casa Alzhaimer) di Imola, 173 posti in tutto, e da Solco Prossimo, cooperativa alla quale fanno capo le cra accreditate di Tossignano e Fontanelice. Ma i casi di positività e quarantena sono a macchia di leopardo un po’ in tutte le 41 strutture pubbliche, private e accreditate del territorio, così come le carenze di personale.

Questo il quadro di una situazione che il sindaco di Imola, Marco Panieri, che rappresenta il circondario in sede di Conferenza socio-sanitaria metropolitana, ha racchiuso in una comunicazione in Consiglio comunale lo scorso 23 novembre. «Le criticità non sono legate alla gestione dei malati in struttura, ma alle positività subentranti riscontrate nel personale di assistenza che faticano a trovare sostituzioni. Questo indebolisce gli organici delle residenze, proprio nel momento in cui sono chiamate ad operare uno sforzo suppletivo». Ad oggi l’Ausl ha provveduto anche con le proprie risorse a sopperire, ma il gran numero di personale ospedaliero risultato positivo e quindi in quaran- tena, «non consente di poter disporre nell’immediato di numeri sufficienti» continua Panieri. Ecco perché si sta incrementando sempre più il reperimento delle figure necessarie. «È del tutto evidente che bisogna potenziare gli organici presso le residenze se si vuole reggere questa seconda ondata» ha concluso il sindaco. (l.a.)

Ulteriori approfondimenti sull’argomento Coronavirus su «sabato sera» del 26 novembre.

Nella foto: la cra Venturini  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ABBONATI AL SABATO SERA

Seguici su Facebook

Font Resize
Contrast