Sport

Sport 8 Settembre 2018

Carrera Autopodistica, domani tutti a caccia della Mora in centro e alle Terme. IL VIDEO DELLE PROVE UFFICIALI

Domani è il giorno della Carrera Autopodistica e partirà ufficialmente la caccia alla… Mora. Il team nero-viola infatti scatterà in pole position sia lungo viale delle Terme che in centro storico. Alle sue spalle Ov e Porz anche se in posizioni invertite al pomeriggio rispetto al mattino. Nella Carrera Rosa, invece, le Cavedane hanno conquistato la prima piazzola e dovranno guardarsi le spalle da La Venere e dalle Geckes.

Tutto pronto quindi con lo start che sarà dato domani, alle 12, sul rettilineo di viale Terme per la 61^ Coppa Terme – Trofeo Giuseppe Raggi. Nel pomeriggio, per le vie del centro, alle 17 ci sarà una gara esibizione dei team della Carrera dei Piccoli, alle 17.30 spazio alle donne con la gara valida per la 9^ Carrera Rosa. InFIne, alle 18, si concluderà con la 65^ Carrera Autopodistica – Trofeo Maurizio Ragazzi. In caso di maltempo, se non fosse possibile correre una o più gare, verranno posticipate alla domenica successiva, il 16 settembre, sempre agli stessi orari.

r.c.

Nella foto: la Mora in viale Terme

Carrera Autopodistica, domani tutti a caccia della Mora in centro e alle Terme. IL VIDEO DELLE PROVE UFFICIALI
Sport 8 Settembre 2018

Domenica a piedi o di corsa con la Campestre Clai e la camminata della Cgil

Domani, domenica 9 settembre, tanti appassionati si ritroveranno lungo le strade imolesi per correre o, più semplicemente, per passare qualche ora in compagnia facendo attività fisica.

Il primo evento in programma è la 1^ edizione della «Campestre Clai» che si svolgerà durante la Festa del Contadino a Sasso Morelli. La partenza è fissata alle 9.30 davanti allo stabilimento Clai della frazione imolese (ritrovo alle 7.30) e il programma prevede una gara competitiva di 12 km su strada e sterrato, oltre ad una passeggiata ecologica di 7 km. Il costo delle iscrizioni è di 5 euro per la competitiva.

Sempre a Imola la Cgil, durante la festa dal titolo «Il lavoro è», ha organizzato una camminata sui colli imolesi. L”evento, denominato «Insieme si cammina» vedrà la partenza fissata per le ore 9.30 dal Centro Sociale La Tozzona, con un percorso adatto a tutte le età che si snoderà per 7 km. A metà strada è previsto un ristoro.

r.c.

L”articolo completo su «sabato sera» del 6 settembre.

Nella foto (di proprietà dell”Atletica Imola): momento di una campestre

Domenica a piedi o di corsa con la Campestre Clai e la camminata della Cgil
Sport 7 Settembre 2018

Guida sportiva ai principali appuntamenti del fine settimana

Dopo la pausa estiva ritorna come ogni settimana torna la nostra guida sugli appuntamenti sportivi più importanti del weekend nel territorio.

Partiamo dal basket con Andrea Costa (A2), Sinermatic Ozzano (B), Vsv Imola e Castel Guelfo (C Gold) che hanno iniziato la preparazione da pochi giorni e in questo periodo stanno disputando amichevoli per migliorare la condizione fisica.

Nel calcio l”Imolese (serie C) è ancora in attesa del debutto in campionato (il 16 settembre). Nei campionati dilettantistici, invece, ancora tempo di Coppa, mentre sempre domenica in Eccellenza (ore 15.30) sfide casalinghe per il Sanpaimola contro il Diegaro, e per il Medifossa contro l”Argentana. In Promozione, invece, sempre match tra le mura amiche per Valsanterno e Sesto Imolese rispettivamente contro Lavezzola e Porretta. Ancora tutto fermo a livello di match ufficiali, nel calcio femminile (serie C) per l”Imolese e nel futsal (serie B) per la «nuova» Imolese Kaos. 

Ancora presto per vedere in campo nella pallavolo femminile (B2) la Clai Imola e nel rugby (serie C1) Imola e Castel San Pietro. Stesso destino per il Romagna nella pallamano (serie A).

d.b.

Guida sportiva ai principali appuntamenti del fine settimana
Sport 7 Settembre 2018

Calcio, Castello e Medicina si colorano d’azzurro con l'arrivo dell'Italia U19

La Nazionale maggiore a Bologna, l’Under 19 a Castel San Pietro e Medicina: l’Emilia si tinge d’azzurro, ad un anno di distanza dall’Europeo Under 21 che avrà la sua gara inaugurale proprio allo stadio Renato Dall’Ara.

Oggi, venerdì 7 settembre (ore 17), allo stadio Comunale di Castel San Pietro (differita Rai Sport), ci sarà un succoso antipasto con gli l”Under 19 del Ct Federico Guidi (ex tecnico della Fiorentina Primavera) contrapposta ai campioni d’Europa in carica del Portogallo, che poco più di un mese fa vinsero il titolo continentale battendo in finale proprio gli azzurrini (4-3 ai tempi supplementari).

Quella di Castel San Pietro sarà, comunque, solo la prima delle due amichevoli che i giovani talenti italiani disputeranno contro i lusitani: tra tre giorni, lunedì 10 settembre, altro test match, ancora Italia – Portogallo, questa volta allo stadio Enghel Bambi di Medicina (ore 17).

an.cas.

L”articolo completo e gli azzurri convocati su «sabato sera» del 6 settembre.

Nella foto: l”Italia U19  

Calcio, Castello e Medicina si colorano d’azzurro con l'arrivo dell'Italia U19
Sport 6 Settembre 2018

Atletica, nel week-end i Campionati italiani Assoluti: Imola scommette sul decatleta Michele Brini

Da domani, venerdì 7 fino a domenica 9 settembre, Pescara ospiterà i Campionati italiani Assoluti su pista, che rappresentano uno degli eventi  nazionali outdoor più importanti della stagione.

L’Atletica Imola Sacmi Avis si presenterà ai nastri di partenza dello stadio Adriatico con Michele Brini (decathlon), Alessio Costanzi (disco) e Alex Pagnini (400), oltre alle due staffette maschili 4×100 (Zinoni, Bilotti, Ghilardini, Cavini) e 4×400 (Pagnini, Bernabei, Ghilardini e Grandi). «Brini ha il terzo miglior risultato stagionale in Italia – ha commentato Massimo Cavini, il presidente dell’Atletica Imola -. Prima di lui c’è Simone Cairoli, decimo agli Europei, e ha solo pochi punti in meno del secondo in classifica. E’ lui quindi la nostra speranza per questa edizione».

Anche perché i «big» imolesi come Simone Bernardi, Marta Morara e Francesco Conti, per motivi diversi, saranno solo semplici spettatori. Ci sarebbe dovuto essere anche un altro imolese in pedana, cioè Francesco Lama. Ma il portacolori dell’Aeronautica Militare nel salto con l’asta non riuscirà a replicare l’exploit del bronzo agli ultimi campionati italiani indoor di Ancona a causa di un problema alla schiena.

d.b.

L”articolo completo su «sabato sera» del 6 settembre.

Nella foto: il decatleta Michele Brini

Atletica, nel week-end i Campionati italiani Assoluti: Imola scommette sul decatleta Michele Brini
Sport 5 Settembre 2018

L'ex allenatore dell'Imolese Francesco Baldini racconta il suo passaggio alla Primavera della Juventus

Come cambia la vita in due anni. Quelli nei quali passi dall’applaudire una discesa sulla fascia di Testoni o un pressing alto di Olivieri in un’amichevole allo stadio dei Pini di Cervia, al vederti filare vicino alla panchina Cristiano Ronaldo nella prima amichevole di CR7 in Italia con la Juventus a Villar Perosa, cominciata scambiando due battute a bordo campo con Marotta e Paratici. La vita cambiata è quella di Francesco Baldini, allenatore della Juventus Primavera, che ha tenuto a battesimo la prima in Italia del «Fenomeno» e che è così passato in due anni dalla panchina dell’Imolese, che lascia strada al Ravenna nella corsa promozione in C (vincendo poi lo scudetto con gli Allievi della Roma proprio in casa dei giallorossi) alla panchina della Primavera della squadra più titolata d’Italia.

Un punto di partenza che è anche chiudere un cerchio, visto che Baldini aveva giocato in bianconero agli inizi della carriera da giocatore, per la serie «una promessa è una promessa».

«Quando me sono andato dalla Juventus 23 anni fa, giurai a me stesso che sarei tornato: l’ho fatto come allenatore della Primavera e non poteva certo andarmi meglio. Nella mia carriera ho sempre bisogno di vedere sbocchi e prospettive future di crescita: essere a Torino è motivo di grande orgoglio per me e di soddisfazione per chi mi sta attorno. La faccia di mio figlio, quando gli ho detto che sarei venuto alla Juventus, è stata qualcosa di speciale: è passato dalle lacrime per il fatto che andavo via da Roma, dove ha vissuto anche serate speciali all’Olimpico come quella con il Barcellona, alla gioia, per lui tifoso juventino, di vedermi in bianconero».

Un addio alla Roma che non è stato banale.

«Non nego che vedere i filmati delle partite giocate dai miei è ancora fonte di brividi per me perché abbiamo fatto qualcosa di incredibile: ho cominciato l’anno con 24 ragazzi che mi stavano antipatici per la puzza sotto il naso che avevano, ad un certo punto avevo pensato di mollare tutto perché non riuscivo a trasmettere ciò che volevo, ma dopo una sconfitta con la Salernitana è scoccata la scintilla, le cose sono cambiate ed è nata la mia squadra».

Una squadra che ha vinto lo scudetto e subito dopo si sono aperte le porte della Juventus.

«Il fatto che a Trigoria non ci fossero possibilità di crescita, unito alla chiamata della Juventus, che mi ha contattato dopo aver chiesto l’autorizzazione alla Roma, subito dopo la finale Under 17, sono stati due fattori determinanti: non si poteva dire no. Terminato il primo colloquio, mi hanno richiamato dopo 10 giorni per il secondo e a quel punto ho firmato».

Così è cominciata una nuova storia, che prevede il campionato Primavera ma anche la Youth League, la Champions dei giovani, che vedrà i bianconeri e Baldini misurarsi con le migliori realtà continentali. Toccherà imparare l’inglese…

«Eh, già: bisogna che cominci a studiarlo. Avrei messo la firma per fare una competizione come la Youth League e sarà emozionante viverla. Lavorare alla Juventus (la Primavera suderà a Vinovo, vecchia sede della prima squadra che si è trasferita alla Continassa, nda) significa cercare di instillare ai propri giocatori quella mentalità vincente che fa parte del Dna di questa società, con il punto di partenza che deve però essere l’umiltà, per farli diventare dei calciatori veri: voglio vedere lo spirito di una squadra piccola, giocando ed allenandosi ogni volta con lo spirito giusto. Sono sempre quello di Imola: darò tutto per i miei giocatori e pretenderò tutto da loro, come ho sempre detto non sono capace di preparare una squadra per pareggiare e salvarsi, ma solo per cercare di vincere sempre».

Già, Imola e l’Imolese: impossibile non pensare a quel disgraziato finale di campionato di due anni fa. Un trapasso che ha coinvolto probabilmente tanti dei protagonisti di allora, quelli che comunque un «sms» al vecchio mister lo avranno mandato.

«Mi hanno scritto praticamente tutti, escluso uno… La stagione all’Imolese mi ha dato la possibilità di crescere e credo di aver lasciato qualcosa di importante nell’anno al Bacchilega: sono contento che l’Imolese sia arrivata in serie C, visto che, anche se non condivido alcune dinamiche all’interno della società rossoblù, fondamentalmente si meritano questa possibilità».

an.mir.

Nella foto: Baldini in completo Juventus

L'ex allenatore dell'Imolese Francesco Baldini racconta il suo passaggio alla Primavera della Juventus
Sport 4 Settembre 2018

Gran Prix delle Carriole, a Varignana trionfa ancora una volta il team Terantiga

Il team Terantiga si è aggiudicato (ancora una volta) la 27^ edizione del Gran Prix delle Carriole all”interno di Varignana di Notte, la festa che ha caratterizzato il primo weekend del Settembre Castellano.

Dietro ai vincitori, che hanno chiuso la gara con il tempo di 3” 39”” 02,  l”Arc en Ciel 1, seguito da Arc en Ciel 2 , l”esibizione delle Terantiga Girl e Vuerre, mentre i Saraceni si sono ritirati. «Quest”edizione la ricorderemo per il maltempo che ci ha davvero perseguitato e ha influito negativamente sull”afflusso del nostro pubblico – afferma Stefano Trazzi, in qualità di addetto stampa del Comitato Varignana di Notte, nonché storico speaker della Gara delle Carriole -. L’“anticiclone di Varignana” ha impedito che piovesse nel corso della gara e il team del Terantiga ha confermato il proprio valore conquistando la vittoria, ma i team di Arc En Ciel 1 e Arc En Ciel 2 hanno reso la gara combattuta e spettacolare».

r.c.

Nella foto: la premiazione del team vincitore

Gran Prix delle Carriole, a Varignana trionfa ancora una volta il team Terantiga
Sport 3 Settembre 2018

Aperture autodromo, meno giornate e nuovi orari nel mese di settembre

All’autodromo Enzo e Dino Ferrari proseguono le date di apertura al pubblico. Nel periodo che prendiamo in considerazione questa settimana la pista sarà accessibile solo stasera, lunedì 3 settembre, nel nuovo orario dalle 18 alle 19.30. Occhio, perché settembre darà la possibilità di entrare solo tre volte in tutto il mese. E’ ovviamente consentito l’accesso alla pista a piedi e con mezzi meccanici non a motore.

r.s.

Nella foto: appassionati all”autodromo

Aperture autodromo, meno giornate e nuovi orari nel mese di settembre
Sport 2 Settembre 2018

Spettacolo in Coppa, l'Imolese batte 5-3 il Ravenna e passa il turno

Evidentemente la Coppa porta serate umide e spettacolo. Quasi come a Forlì contro il Rimini (0-0), l’Imolese ha affrontato il Ravenna sull’erba bagnata. Davanti a circa 600 spettatori (neanche pochi), la partita è terminata 5-3 per i rossoblù, che così passano il turno al termine di una partita divertentissima.
 
Maglie bianche per i ragazzi di Dionisi, rosse per i romagnoli di Foschi, che colpiscono la traversa al 2’ con un tiro da fuori di Galuppini. Ma è l’Imolese a passare in vantaggio con Lanini, imbeccato perfettamente da Belcastro. Zommers rischia con un alleggerimento, ma nel contropiede è ancora Lanini a mettere in difficoltà il portiere Venturi. Al 32’ Selleri mette il pallone in mezzo su punizione e Gargiulo devia nella propria porta (1-1). Al 39’, ancora su calcio da fermo (angolo) è Ronchi ad infilare di testa la porta imolese dal lato Tamburello. L’Imolese pareggia al 43’ dopo un calcio d’angolo, con Valentini che sbuca da dietro e infila di destro.
 
Nella ripresa entrano Fiore per Zucchetti e Saber per Gargiulo, ma arriva subito 3-2 del Ravenna, ancora su angolo, ancora con Ronchi. E al 7’ lo spettacolo dice 3-3, con una grande azione di Saber sulla destra che mette nel mezzo per la testa di Valentini. Poi tocca a Garattoni provarci da fuori, appena 2 minuti prima dell’ingresso di Giovinco (al 9’).
Al 25’ entra Rossetti per Lanini e al 29’ Giovinco (su angolo, toh) la mette sulla testa di Carini per il 4-3. L’ultimo cambio di Dionisi riguarda Checchi che sostituisce Boccardi (39’). Ma non è finita perché al 49’ Belcastro inventa un gol da favola per il 5-3 definitivo.
 
Dionisi per l’occasione aveva schierato Zommers in porta, quindi difesa con Garattoni, Boccardi, Carini e Zucchetti. Carraro play e centrocampo con Valentini e Gargiulo. Trequartista Mosti. Infine attacco con Belcastro e Lanini.

Spettacolo in Coppa, l'Imolese batte 5-3 il Ravenna e passa il turno

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast