Sport

Sport 9 Ottobre 2018

Aperture autodromo, oggi la prima data di ottobre per entrare in pista

All’autodromo Enzo e Dino Ferrari proseguono le date di apertura al pubblico. Nel periodo che prendiamo in considerazione questa settimana, la pista sarà accessibile in una sola occasione quest”oggi, dalle 17 alle 18.30, e rappresenta la prima delle quattro date previste nel mese (le altre il 19, 22 e 30 ottobre). E’ consentito l’accesso alla pista a piedi e con mezzi meccanici non a motore.

r.s.

Nella foto: appassionati in pista

Aperture autodromo, oggi la prima data di ottobre per entrare in pista
Sport 7 Ottobre 2018

Basket C Gold, la Vsv Imola «stecca» l'esordio a Fiorenzuola

Viaggio amaro per la Virtus Vis Imola nella prima giornata di campionato. A Fiorenzuola, infatti, è arrivata una sconfitta 73-61 per i gialloneri di Tassinari contro comunque una delle formazioni favorite per la vittoria finale del campionato.

La Vsv lotta a viso aperto e rimane a contatto nel primo quarto, salvo poi comandare le operazioni fino all”intervallo lungo grazie ad un Nucci superbo (21 punti alla sirena). Nel secondo tempo, però, la scarsa vena realizzativa di Percan e soci e la maggior precisione dall”arco dei padroni di casa spinge il match verso un”unica direzione. Senza Casadei e Zani e poche rotazioni nel reparto lunghi, si somma anche una delicata situazione falli negli ultimi minuti dove Fiorenzuola con tre triple consecutive chiude di fatto i giochi.

Domenica 14 (ore 18) è già tempo di riscatto per i gialloneri che al Ruggi sfideranno Anzola.

d.b.

Fiorenzuola-Npc 73-61 (18-17, 36-38, 54-46)

Fiorenzuola: Galli 11, Colonnelli 6, Sprude 16, Sabbadini 2, Lottici 13, Sichel 9, Carini, Fellegara,Zucchi, Cunico 10, Dias 6, Yabre. All. Lottici.

Vsv Imola: Dal Fiume, Nucci 21, Percan 13, Aglio 2, Casadei ne, Zhytaryuk 17, Dalpozzo 6, Turrini ne,Murati ne, Magagnoli 2, Giuliani. All. Tassinari.

Nella foto (di proprietà della Vsv Imola): i gialloneri in campo

Basket C Gold, la Vsv Imola «stecca» l'esordio a Fiorenzuola
Sport 7 Ottobre 2018

Basket serie B, quanto è dolce Crema per la Sinermatic Ozzano

Prima partita storica per la Sinermatic Ozzano in serie B e prima vittoria per i ragazzi di coach Grandi che espugnano Crema 70-62, trascinati soprattutto da Agusto e Dordei.

I biancorossi partono subito forte chiudendo il primo quarto avanti e aumentando il vantaggio anche all”intervallo lungo. Nel terzo parziale Crema fa la voce grossa rientrando in partita fino al 47-47 di fine periodo. Nell”ultimo quarto il match si sposta sul punto a punto e la maggior precisione dei Flying ai liberi e dall”arco sposta l”equilibrio dalla parte degli ospiti. Il successo ozzanese è marchiato a fuoco nel finale grazie alle due triple di Corcelli che regalano alla Sinermatic i primi due punti in campionato.

Nel prossimo turno, in programma sabato 13 (ore 20.30), la Sinermatic affronterà al palaReggiani Lugo.

d.b.

Tabellino

Crema-Sinermatic 62-70 (13-19, 25-37, 47-47)

Crema: Sorrentino 5, Norcino 6, Montanari 12, Legnini 11, Toniato 1, Enihe 4, Gianninoni 4, Pedrazzani 16, Benzi ne, Nicoletti ne, Biordi 3, Bissi ne. All. Lepore.

Ozzano: Dordei 14, Agusto 15, Corcelli 9, Morara 1, Masrè 2, Mastrangelo 3, Klyuchnyk 6, Chiusolo 6, Folli 9, Ranocchi 5, Salvardi ne, Giannasi ne. All. Grandi.  

Nella foto: il roster della Sinermatic Ozzano

Basket serie B, quanto è dolce Crema per la Sinermatic Ozzano
Sport 7 Ottobre 2018

Imolese: 1-1 col Pordenone, al Romeo Galli va di moda il pareggio

Terza sfida casalinga e terzo pareggio per l’Imolese, che non riesce a trovare i 3 punti neppure col Pordenone, nonostante abbia sempre fatto la partita e sia riuscita ad andare in vantaggio con De Marchi (terzo gol in 5 partite).

Ma va bene così. Ricordiamoci che, mentre il Pordenone, nel dicembre 2017, giocava la sua Coppa Italia a San Siro contro l’Inter (fra l’altro pareggiando), l’Imolese aveva appena battuto 5-3 il Villabiagio e si apprestava a perdere 3-2 a Forlì. Questo per dire che 10 mesi fa era impensabile una partita di questo tipo, fra i ramarri friulani e i rossoblù del presidente Spagnoli.

La partita è piuttosto bloccata, con qualche occasioncina soprattutto per il Pordenone, finché al 23’ una verticalizzazione raggiunge Giovinco che ribatte a rete, ma il portiere Bindi è pronto a respingere. Angelo Dal Pozzo comunque è soddisfatto, perché secondo lui i friulani rappresentano uno spauracchio. Al 28’ un fallo su Belcastro concede una punizione da circa 25 metri che Giovinco tira e lambisce la traversa. C’è un po’ di sterilità, ci suggeriscono gli esperti compagni di banco, non abbiamo la scaltrezza giusta per tirare in porta. Rischia però di averla la squadra di Tesser, che libera al tiro Magnaghi: sul fendente a botta sicura è però bravissimo Zommers, che si distende in tuffo. Al 40’ Belcastro, fin lì un po’ in ombra, serve un filtrante per De Marchi che di destro infila il suo terzo gol stagionale (un gol alla Negrino negli amatori, alias Mirko Tosi, presente in tribuna). Dalla prodezza di Zommers al gol di De Marchi, per ora la partita è qui.

Lezione di calcio per Tesser da parte di Dionisi? C’è tutta la ripresa per scoprirlo, ma i presupposti sono buoni. Al 17’ c’è una doppia occasione per Carini, giusto alcuni minuti dopo che i ramarri con Candellone avevano messo un pallone pericolosissimo ad attraversare tutta l’area. E alcuni minuti prima che lo stesso Carini deviasse un tiro ad alto rischio di Candellone. Doppio cambio per l’Imolese, ma nello stesso istante una indecisione di Zommers porta al rigore friulano. Burrai spiazza il lettone. E’ l’1-1 che non ci voleva, ampiamente evitabile, anche se non scandaloso. (p.z.)

Imolese – Pordenone 1-1 (1-0)

Imolese: Zommers; Fiore, Carini, Boccardi, Garattoni; Carraro; Valentini (13’ s.t. Saber), Gargiulo (32’ s.t. Bensaja); Belcastro (32’ s.t. Mosti); Giovinco (21’ s.t. Lanini), De Marchi (21’ s.t. Rossetti). All. Dionisi.

Gol: 40’ De Marchi (I), 23’ s.t. Burrai (rig.) (P).

Imolese: 1-1 col Pordenone, al Romeo Galli va di moda il pareggio
Sport 7 Ottobre 2018

Basket A2, Le Naturelle vince la prima contro il passato Cavina

Una vittoria apre la nuova stagione e soprattutto chiude i conti con un recente passato positivo ma che va superato in fretta. Questo è forse il valore aggiunto più grande per l”Andrea Costa che batte Udine 78-71, ma se si legge il risultato come la vittoria del nuovo coach Di Paolantonio il coach della scorsa stagione Cavina. Il calendario ha confezionato questo rompicapo che La Naturelle ha risolto grazie ad un terzo quarto importante dopo aver patito nella prima metà di partita. Le zampate di Simioni e Rossi sono state gli appoggi che hanno dato a Imola la possibilità di rimanere in scia a Udine che giocava più ordinata i primi 20”. Il primo vantaggio di Imola arriva al 23” con Fultz che per due volte consecutive rimette avanti La Naturelle. E” l”inizio di un crescendo che vede nelle bombe di Magrini e Montanari il carburante giusto per far decollare Imola che si ritrova a +10 grazie anche a Bowers. Gli Usa di Imola si ritrovano e anche Bj Raymond ritrova il giusto ritmo per firmare il +12 (76-64) a 2 minuti dalla fine. Udine non demorde ma serve a poco l”ultima fiammata friulana. Il campionato di Di Paolantonio è cominciato scacciando il fantasma del suo predecessore Cavina.

Le Naturelle Imola – Udine 78-71 (16-21, 21-19, 24-13, 17-18)

Imola: Raymond 18 (5/7, 2/6), Rossi 14 (6/8), Simioni 11 (5/7, 0/1), Magrini 10 (2/3 da tre), Bowers 9 (4/9, 0/2), Fultz 8 (1/3, 2/4), Crow 4 (1/4, 0/5), Montanari 4 (0/1, 1/2). N.e. Calabrese, Ndaw, Wiltshire. All. Di Paolantonio.

Tiri liberi: 13 / 20 – Rimbalzi: 32 3 + 29 (B.j. Raymond 8) – Assist: 14 (Robert Fultz 6)

Udine: Mortellaro 17 (7/7), Powell 14 (2/5, 2/3), Simpson 13 (6/11, 0/4), Cortese 9 (3/5, 1/6), Penna 7 (2/6, 1/4), Nikolic 7 (2/2, 1/1), Spanghero 3 (1/4 da tre), Pellegrino 1 (0/3, 0/1), Pinton (0/2 da tre). N.e. Genovese. All. Cavina

Tiri liberi: 9 / 15 – Rimbalzi: 35 7 + 28 (Trevis Simpson 9) – Assist: 15 (Marshawn Powell 4)

Nella foto: Bowers (Isolapress)

Basket A2, Le Naturelle vince la prima contro il passato Cavina
Sport 7 Ottobre 2018

Pallamano A2, il Romagna supera Ferrara e centra la prima vittoria in campionato

Prima vittoria stagionale in campionato per il Romagna che, alla Cavina, ha regolato con un netto 31-23 l”Estense Ferrara, raggiungendo così quota 3 punti in classifica.

I ragazzi di Tassinari hanno offerto una prova concreta sia in attacco che in difesa, concedendo solo 7 reti agli avversari nei primi 25’ di gioco e sfruttando in avanti la vena realizzativa di Fabrizio Tassinari (top scorer con 6 realizzazioni). Ottimo debutto in A2 per Emanuele D’Agostino ed Enrico Luppi e serata ad alti livelli anche per il portiere Lorenzo Martelli, capace di sfoggiare 12 parate importanti.

L”Estense, fuori dai giochi già a fine primo tempo, ha avuto comunque il merito di giocare a testa alta anche quando il punteggio sembrava compromesso. Nel prossimo turno, in programma sabato 13, i bianconeri torneranno al palaSantoru di Sassari per affrontare questa volta la Verdeazzurro, sconfitta nell”ultimo turno dal Rapid Nonantola.

d.b.

Tabellino

Romagna-Estense Ferrara 31-23 (p.t. 16-10)
Romagna: Martelli, Sami, Babini, A. Boukhris, O. Boukhris 3, Andalò, Panetti 2, Chiarini 2, Folli 3, F. Tassinari 6, Bosi 1, La Posta, Gollini 2, Amaroli 2, Luppi 5, Rotaru 5. All. D.Tassinari.
Estense: Pavani, Sgambaro, Stagni, Bilancioni, Saletti 2, Zanghirati 4, Baldo 2, Buzzoni, Turrin 1, Malagola, Di Maggio 2, Ghiglioni 4, Rondinelli 1, Sacco 2, Govoni, Janni 5, Macalli. All. Giacomel.

Nella foto: il Romagna in azione

Pallamano A2, il Romagna supera Ferrara e centra la prima vittoria in campionato
Sport 7 Ottobre 2018

Calcio serie C, i prossimi avversari dell'Imolese: tutto sul Pordenone

Passata la sbornia per gli ottavi di finale di Coppa Italia a San Siro persi ai rigori contro l’Inter nella scorsa stagione, i «ramarri» sono una delle corazzate del girone, con Tesser (in estate, prima che cambiasse il mondo con i guai del Mestre e del Bari, era Zironelli l’allenatore che cercava il patron Lovisa) a guidare una truppa decisamente ambiziosa che nel precampionato però non ha brillato.

Berrettoni è ancora lì in un mix di usato sicuro come Gavazzi (ex Avellino) e il portiere Bindi (che la C l’ha vinta lo scorso anno nel Padova, dove ha avuto Lanini come compagno) ed una scommessa intrigante come quella in avanti di Candellone, classe ’97 in prestito dal Torino che al momento guida la classifica dei marcatori con 4 gol. Se tutto gira per il verso giusto, il Pordenone può puntare al podio ed a riempire nuovamente il «Bottecchia», velodromo (ristrutturato giusto questa estate) all’interno del quale i verdi giocano le proprie gare casalinghe.

In vista del match di oggi pomeriggio al Romeo Galli (fischio d”inizio ore 18.30) sono 20 i convocati dal tecnico Attilio Tesser.

Convocati Pordenone

Portieri: 1 Bindi, 22 Meneghetti. Difensori: 6 Barison, 26 Bassoli, 3 De Agostini, 25 Florio, 2 Nardini, 11 Semenzato, 4 Stefani. Centrocampisti: 5 Bombagi, 8 Burrai, 28 Cotali, 15 Damian, 7 Gavazzi. Attaccanti: 10 Berrettoni, 20 Bertoli, 27 Candellone, 13 Ciurria, 17 Magnaghi, 19 Zamuner.

r.s.

Nella foto (dalla pagina facebook del Pordenone): la gioia dei neroverdi dopo una rete

Calcio serie C, i prossimi avversari dell'Imolese: tutto sul Pordenone
Sport 7 Ottobre 2018

Imolese-Pordenone assomiglia a Juve-Toro

Imolese – Pordenone che si gioca alle ore 18.30 allo stadio Romeo Galli assomiglia ad un derby Juventus – Torino. Da una parte c”è il bomber del campionato Leonardo Candellone, di proprietà dei granata torinesi in prestito al Pordenone, dall”altra ci sono Luca Belcastro, Eric Lanini e Giuseppe Giovinco che sono cresciuti fra i bianconeri juventini. Per l”Imolese una partita complessa contro una delle capolista, allenata da Attilio Tesser (44 panchine in A, più di 300 in B e una carriera da calciatore dove spiccano gli anni dell”Udinese anche a fianco di Zico) che ha lasciato i primi punti solo alla quarta giornata a Rimini. Per il mister rossoblù Alessio Dionisi un test probante che sarà affrontato partendo dalle certezze della difesa dove giocano gli stessi uomini di Fano (il portiere Rossi e Sereni sono sulla via del recupero, come Jukic). A centrocampo prima volta nell”undici di Gargiulo, in attacco si potrebbe ricomporre la coppia De Marchi – Giovinco con Belcastro alle spalle nello schieramento 4-3-1-2 che sarà speculare agli avversari.

Arbitrerà Daniele Rutella della sezione di Enna; assistenti Francesco Santi di Prato e Stefano Lenza di Firenze.

p.b.

La probabile formazione

IMOLESE (4-3-1-2) 1 Zommers; 18 Garattoni, 19 Boccardi, 26 Carini, 25 Fiore; 20 Gargiulo, 21 Carraro, 8 Valentini; 10 Belcastro; 30 De Marchi, 28 Giovinco. (12 De Gori, 2 Sciacca, 5 Checchi, 6 Tissone, 14 Zucchetti, 4 Bensaja, 24 Saber, 7 Tattini, 11 Giannini, 23 Rinaldi, 29 Mosti, 27 Rossetti, 17 Lanini). All. Dionisi.

Imolese-Pordenone assomiglia a Juve-Toro
Sport 7 Ottobre 2018

Basket A2, Le Naturelle-Udine e il ritorno a Imola subito da avversario per Demis Cavina

Il 23 luglio 2018, quando vennero divulgati i calendari di A2, l’occhio (non solo il nostro…) andò subito a cercare il giorno del ritorno a Imola di Demis Cavina con la sua Udine. Non ci volle molto per trovarlo, proprio alla prima giornata, all’esordio in campionato del 7 ottobre. Così, oltre che per l’inizio di un nuovo torneo, la partita di oggi (palla a due alle 18.30) avrà un fascino particolare anche per il ritorno a casa di un tecnico che in tre sole stagioni all’Andrea Costa ha disegnato due tra le annate più significative e appaganti degli ultimi tre lustri.

Demis, dove giochi oggi?

«Mah, mi sembra vicino alla piscina di Imola. A parte gli scherzi, questa partita (per me la più importante a livello affettivo) arriva troppo presto. Iniziare il campionato al Ruggi sarà una emozione particolare».

Come vivrai il ritorno a Imola?

«Sono entusiasta della passata stagione e dell’affetto che la gente mi ha sempre tributato, anche dopo che ho scelto di andare via. Sono certo che questo calore mi porterà a un prepartita denso di emozioni».

Entriamo in campo: ti piace l’Andrea Costa?

«Non è la squadra che più si addice alle mie caratteristiche di allenatore, ma di sicuro soffrirà poco per salvarsi. E’ un gruppo con tanto talento, consapevole di cosa dovrà fare per vincere. Ha giocato partite di qualità, avendo ben chiari i ruoli offensivi, perché è lì che vincerà i match».

Dove stanno i pericoli del match che si giocherà tra qualche ora?

«In attacco Imola ha la capacità di fare break con le triple. Questo, oltre al talento dei giocatori, nelle prime giornate può incidere più degli aspetti tattici. Per cercare di vincere, prima di tutto, dovremo tenere basso il punteggio. Stiamo lavorando intensamente sulla retroguardia, che dobbiamo ancora migliorare, ma anche se abbiamo qualità, solo con la difesa possiamo fare il salto di qualità».

Finalmente si fa sul serio.

«Le amichevoli danno solo sensazioni, i reali valori si vedono in campionato. Queste sono le partite che definiscono qualità e obiettivi di una squadra, specie quelle più esperte. Nel precampionato abbiamo lavorato bene, con grande entusiasmo. C’è il problema fisico di Cortese da valutare (più spavento che danni) ma a Udine c’è grande euforia e la squadra lo ha percepito. Attualmente ho una squadra che può ambire ai primi quattro posti, insieme a Fortitudo, Treviso, Verona e Forlì». 

Imola si salva?

«Sicuramente. Lo penso e mi auguro anche agevolmente, perché la squadra è stata pensata bene, con tanta esperienza nei ruoli chiave».

Fossi il coach di Imola, quanto ti avrebbero infastidito le notizie giudiziarie uscite negli ultimi giorni?

«Non sono una novità: già un anno fa Domenicali ci aveva messo al corrente della vicenda e non ho letto niente di nuovo. Dispiace che tutto questo clamore sia arrivato prima del campionato, ma l’Andrea Costa da anni sta vivendo un lungo periodo di riassetto economico. Vorrei che, come realtà tra le più alte della zona, catalizzasse positivamente energie e risorse, piuttosto che scatenare guerriglie da pollaio che non aiutano».

p.p.

L”articolo completo su «sabato sera» del 4 ottobre.

Nella foto (Isolapress): Demis Cavina

Basket A2, Le Naturelle-Udine e il ritorno a Imola subito da avversario per Demis Cavina

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast