Posts by tag: coronavirus

Cronaca 5 Giugno 2021

Coronavirus, l’ospedale di Imola da oggi è Covid free

Oggi, con le dimissioni dell’ultimo paziente ricoverato nel reparto di Medicina B Covid, guidato dal dottor Stefano Pasquali, l’ospedale di Imola è finalmente Covid free.

Dal 1° giugno i pazienti positivi che necessitano di ricovero vengono centralizzati al Policlinico di S. Orsola dove sono ancora tre i ricoverati in terapia intensiva.

Infine, su 218 tamponi molecolari sono 3 i casi positivi registrati oggi: uno nella fascia 25-44 e due nella fascia 45-64. Due sintomatici e uno sintomatico individuato tramite tracciamento. Nessun guarito, 106 casi attivi. (r.cr.)

Nella foto: l’équipe medico infermieristica del reparto di Medicina B Covid

Coronavirus, l’ospedale di Imola da oggi è Covid free
Cronaca 4 Giugno 2021

Coronavirus, ai 12-15enni «fragili» già inviato un sms per prenotare il vaccino. Oggi tre positivi, morta una donna di 86 anni a Castello

Prosegue spedita la marcia delle vaccinazioni: 1146 quelle eseguite ieri, 3 giugno, per un totale di 74.392 da avvio campagna, di cui 49.766 prime dosi e 24.625 seconde dosi. I cittadini tra i 40 ed i 49 anni che hanno già un appuntamento per la vaccinazione sono 7900. Da oggi, 4 giugno, tutti i cittadini di questa fascia possono prenotare la vaccinazione anche tramite i consueti canali Cup. Circa 250 ragazzi estremamente vulnerabili o disabili gravi tra i 12 ed i 15 anni hanno già ricevuto ieri la chiamata automatica seguita da sms che permette la prenotazione prioritaria presso gli sportelli Cup, il CupTel o le farmacie. Il 7 ed 8 giugno si apriranno le agende per i giovani tra 12-19 anni, il 9-10 giugno potranno prenotarsi anche i 35-39 anni; l”11, 12 e 13 giugno i 30-34 anni; il 14 e 15 giugno i 25 -29 anni e il 16-17-18 giugno i 20-24 anni. Per informazioni sulla prenotazione è possibile scrivere a info.vaccinazionecovid19@ausl.imola.bo.it o trovare informazioni sul sito dell’Ausl di Imola.

Riguardo, invece, la situazione epidemiologica, su 251 test molecolari e 44 antigenici rapidi refertati, sono 3 i nuovi positivi registrati oggi: uno tra i 25 e i 44, uno nella fascia 45-64 anni, uno di età compresa tra i 65 ed i 79 anni. Due sono asintomatici individuati tramite tracciamento, nessun caso è riferibile a focolaio già individuato. Due persone erano già isolate al momento della diagnosi. Purtroppo si registra il decesso di una donna di 86 anni residente a Castel San Pietro. Sono 43 i guariti, 103 i casi attivi e 12.588 i casi totali da inizio pandemia. Solo un ricoverato nel reparto Covid del Santa Maria della Scaletta, tre le persone in terapia intensiva a Bologna. (r.cr.)

Coronavirus, ai 12-15enni «fragili» già inviato un sms per prenotare il vaccino. Oggi tre positivi, morta una donna di 86 anni a Castello
Cronaca 1 Giugno 2021

Covid, la Regione: «Al via prenotazioni dei vaccini per i 12-39enni». A Imola smontata la tenda per i tamponi in via Pirandello

Nel giorno in cui torna ad essere possibile bere un caffè al bar o mangiare al chiuso in un ristorante, questa mattina è stata smontata la tenda che l”Esercito aveva installato in via Pirandello a Imola. La struttura, installata nel novembre del 2020, per diversi mesi è servita per effettuare tamponi in modalita «drive through», in aggiunta alla tenda presso l”ospedale nuovo, garantendo un notevole aumento della disponibilità di effettuazione del test molecolare per la diagnosi dell’infezione da Sars-Cov-2, specie nelle settimane in cui il numero dei contagi era in costante aumento (in molti ricorderanno le lunghe code di auto in attesa di sottoporsi al tampone).  

Una situazione molto diversa dall”attuale, che oggi fa registrare, su 138 test molecolari e  85 antigenici rapidi, tre nuovi positivi: uno tra i 15 ed i 24 anni, uno tra i 25 e i 44 ed uno nella fascia 45-64 anni. Tutti sintomatici. Oggi nessun decesso. Sono 14 i guariti, 157 i casi attivi e 12.581 i casi totali da inizio pandemia. Tre le persone in ricovero internistico e quattro in Terapia Intensiva a Bologna.

Intanto, prosegue spedita la macchina dei vaccini anche in Emilia Romagna. Nel giro delle prossime tre settimane, infatti, tutti i cittadini di qualunque fascia di età, dai 12 anni in su, potranno prenotarsi per la loro vaccinazione contro il Covid-19. Entro venerdì 18 giugno quindi tutti gli emiliano-romagnoli nati dal 2009 al 1982 potranno prenotare la propria vaccinazione con le consuete modalità (dai Cup al Fascicolo sanitario elettronico passando per le farmacie e le linee telefoniche dedicate), ricevendo data, ora e luogo del loro appuntamento per la somministrazione. Si procede per fasce di età, con le prenotazioni che si aprono in maniera scaglionata ogni due giorni: 7 e 8 giugno sarà la volta di chi ha tra i 12 e i 19 anni; 9 e 10 giugno tocca ai 35-39enni; 11, 12 e 13 giugno spazio alla fascia 30-34; 14 e 15 giugno sono i giorni per chi ha tra i 25 e i 29 anni e infine dal 16 al 18 giugno si chiuderà con i 20-24enni. La vaccinazione dei bambini fragili tra i 12 e i 15 anni, che fino a ieri non potevano accedere a nessun vaccino, sarà invece gestita in maniera prioritaria e immediata dalle Asl già a partire da questi giorni, che si faranno carico di chiamare direttamente questo target.

COME PRENOTARE IL VACCINO PER LA FASCIA D’ETA” 12-39 ANNI

Nella foto (Isolapress): le operazioni di smontaggio della tenda Covid in Via Pirandello a Imola 

Covid, la Regione: «Al via prenotazioni dei vaccini per i 12-39enni». A Imola smontata la tenda per i tamponi in via Pirandello
Cronaca 31 Maggio 2021

Coronavirus, tamponi e test sierologici: la Regione rafforza la prevenzione in accordo con le farmacie

In Emilia-Romagna non si ferma l’impegno della Regione per rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto alla diffusione del Coronavirus. Mentre procede a pieno ritmo la campagna vaccinale, viale Aldo Moro fa un ulteriore passo avanti introducendo, con un provvedimento approvato dalla Giunta, nuove misure che hanno l’obiettivo di potenziare l’attività di screening, semplificarne le procedure di accesso per i cittadini e allargare ulteriormente la platea di coloro che possono effettuare, gratuitamente o a prezzo calmierato, i tamponi rapidi in farmacia.  

Si parte con due azioni di semplificazione: non serve più la prescrizione medica per sottoporsi, a proprie spese, al test sierologico, molecolare e antigenico rapido nei laboratori autorizzati; inoltre, le farmacie convenzionate che aderiscono all’accordo regionale per l’effettuazione del test antigenico nasale rapido potranno partecipare al progetto di rilascio del Certificato verde (il cosiddetto Digital Green Certificate) che attesta l’esecuzione del tampone con risultato negativo, le cui modalità operative sono in corso di definizione a livello ministeriale in questi giorni. Dal 10 giugno poi viene estesa ai cittadini che non hanno assistenza sanitaria in Emilia-Romagna, italiani o stranieri, la possibilità di effettuare in farmacia (anche in questo caso, quelle che aderiscono al progetto di screening concordato tra Regione e Associazioni di categoria) il tampone rapido al prezzo calmierato di 15 euro; e gli esiti saranno come sempre tracciati per garantire la visibilità dei dati ai Dipartimenti di sanità pubblica dell’Azienda Usl di riferimento della farmacia. (r.cr.)

Coronavirus, tamponi e test sierologici: la Regione rafforza la prevenzione in accordo con le farmacie
Cronaca 30 Maggio 2021

Troppi assembramenti fuori dai locali, serata di sanzioni a Imola

Trentotto giovani, tutti intorno ai vent’anni, sono stati multati dai carabinieri per assembramenti, soprattutto fuori dai locali. I provvedimenti durante i controlli dei militari sul territorio nella serata di venerdì 28 maggio. 

Alcuni di questi, alla vista dei carabinieri, si sono innervositi, assumendo un atteggiamento arrogante e poco collaborativo. Come il caso della cliente di un bar che, con il suo comportamento, è stata denunciata per oltraggio a pubblico ufficiale. Nel centro cittadino, invece, due persone visibilmente ubriache sono state sanzionate per ubriachezza molesta perché sorpresi ad importunare alcuni passanti. (da.be.)

Foto d’archivio

Troppi assembramenti fuori dai locali, serata di sanzioni a Imola
Cronaca 20 Maggio 2021

Nuovi poveri e solidarietà, le due facce della crisi

Fra le conseguenza della pandemia c’è sicuramente l’aumento dei poveri, una categoria sociale, vero, ma soprattutto persone in carne e ossa che si ritrovano a dover fare i conti con problemi causati dalle difficoltà economiche che ci aspettano. La tenuta sociale del territorio locale e regionale è sempre stata una stella polare dell’azione di istituzioni, forze economiche e sociali.

L’Asp (Azienda servizi alla persona) del circondario imolese è nata nel 2008. Da allora il quadro di riferimento è stato abbastanza stabile, seppure caratterizzato da una crisi economica importante anche in un territorio tutto sommato forte come il nostro.

Diversi, comunque, gli indicatori attraverso cui è possibile leggere e interpretare le ripercussioni economiche e sociali dell’emergenza sanitaria a Imola e nel circondario. Uno fra questi, ad esempio, è sicuramente l’attività dell’associazione No sprechi, l’emporio solidale di via Lambertini che raggruppa nove realtà del territorio (Anteas, Acli, Bof, Caritas, Comunità missionaria di Villaregia, Croce rossa, San Vincenzo de’ Paoli, Fondazione Santa Caterina e Tra- ma di terre) con l’obiettivo di aiutare le persone in difficoltà a far fronte alle necessità primarie. (r.cr.)

Su «sabato sera» del 20 maggio intervista alla presidente dell’Asp Stefania Dazzani ed al presidente dell’associazione No Sprechi, Alfonso Bottiglieri  

Nuovi poveri e solidarietà, le due facce della crisi
Economia 10 Maggio 2021

Ristori, nuovo bando regionale da 13 milioni per ambulanti, discoteche, palestre, cinema e imprese culturali

In arrivo ulteriori ristori regionali per aziende e attività costrette a fermarsi o rallentare a causa delle misure anti-Covid. Le risorse messe a disposizione questa volta superano i 13 milioni di euro, di cui 9 milioni e 350 mila dal decreto Sostegni e 4 milioni dalla Regione. Dal 12 maggio fino al 4 giugno potranno presentare richiesta di contributo le seguenti categorie: discoteche e sale da ballo (3 milioni), ristorazione senza somministrazione, gelaterie e pasticcerie (4 milioni), palestre (2 milioni), cinema (1 milione), imprese culturali (1 milione e 350 mila), spettacolo viaggiante (1 milione), ristorazione e commercio ambulante (1 milione).

Le domande di contributo dovranno essere inoltrate sulla piattaforma https://restart.infocamere.it, in virtù di un accordo tra Regione e Unione regionale delle Camere di commercio, a cui è stata affidata la gestione dei ristori. Non si tratta di un clic day e la piattaforma non rileva l’ordine cronologico di presentazione della domanda ai fini della concessione del contributo. È ammessa una sola domanda per impresa. (lo.mi.)

Ristori, nuovo bando regionale da 13 milioni per ambulanti, discoteche, palestre, cinema e imprese culturali
Cronaca 10 Maggio 2021

Montecatone riapre la piscina di idroterapia agli utenti esterni

Dopo la chiusura per Covid, l’Istituto di Montecatone permetterà di accedere nuovamente alle terapie riabilitative in acqua (idroterapia) agli utenti esterni, con il personale qualificato della struttura.

Una piscina utile per trattare patologie anche non neurologiche, come quelle ortopediche e reumatologiche. Le attività in acqua, a una temperatura di 33°, sono possibili grazie all’utilizzo di attrezzature e di ausili galleggianti con i quali si possono svolgere gli esercizi in piena sicurezza. I tre diversi livelli di profondità della vasca permettono inoltre di diversificare, personalizzare e mirare il trattamento. L‘utente potrà attivare percorsi di singole sedute oppure da 6, 9 o da 12 cicli. Ogni trattamento avrà una durata di 45 minuti e ciascun utente, per tutta la durata della riabilitazione, sarà seguito da un fisioterapista appositamente formato e con elevata esperienza.

Per accedere al servizio, disponibile solo su appuntamento, basta chiamare l’ospedale di Montecatone al numero di telefono 0542 632811. Sarà possibile accedere all’attività dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 20 ed il sabato dalle 08.30 alle 13.30 con prescrizione del medico specialista esterno (ortopedico o fisiatra) e a seguito del consenso del medico di Montecatone per eventuali indicazioni e/o controindicazioni. Sarà possibile accedere anche senza richiesta dello specialista esterno ma previa visita fisiatrica presso l’Istituto di Montecatone o tramite richiesta specialistica dell’anestesista/terapista del dolore della struttura. (r.cr.)

Foto concessa dall’Istituto Montecatone

   

Montecatone riapre la piscina di idroterapia agli utenti esterni
Cronaca 9 Maggio 2021

Il «ritorno» al cinema, la ripartenza è da Oscar

Neanche l’emergenza sanitaria è riuscita a scalfire il desiderio degli imolesi di tornare a vedere film in sala. Venerdì 30 aprile ha riaperto il cinema Don Fiorentini, con «Minari», di Lee Isaac Chung, da venerdì propone «Rifkin’s Festival» di Woody Allen. Domenica 2 maggio è ricominciata la rassegna «Cinema Osservanza» al teatro dell’Osservanza, che al momento propone la versione restaurata di «In the Mood for Love», di Wong Kar-wai. Venerdì 7 maggio è stata la volta del cinema Pedagna, con «Pieces of a woman». Rimane in attesa del possibile allentamento del coprifuoco, invece, il cinema Cristallo.

Giovedì 30 aprile, il cinema Centrale è stato il primo a riaccendere il proiettore sotto l’Orologio. Quarantasette gli spettatori di tutte le età che ne hanno voluto approfittare. E il telefono della biglietteria non ha mai smesso di suonare per le richieste di informazioni e le prenotazioni. Per la prima proiezione dopo più di un anno di chiusura (se si esclude una minuscola parentesi fra la metà di settembre e il 25 ottobre), e a fronte dei posti in sala dimezzati nel rispetto dei protocolli di sicurezza per il contenimento della diffusione del coronavirus, si può definire senza il minimo dubbio un grande successo. «Siamo abbastanza soddisfatti – commenta Alberto Beltrani di Italsar, società che gestisce le sale del circuito Cinemaincentro fra Imola, Faenza e Ravenna -. E prima di tutto perché è una dimostrazione di fiducia e di affetto nei nostri confronti». (lu.ba.)

Approfondimenti su «sabato sera» del 6 maggio.

Nella foto: il pubblico alla riapertura del cinema Centrale

Il «ritorno» al cinema, la ripartenza è da Oscar
Cronaca 8 Maggio 2021

Per un minuto in più nella città che torna bella, il racconto della prima notte «gialla» a Imola

È bella Imola di notte. Fino a poco tempo fa, passeggiando di sera lungo le strade del centro, il silenzio era così intenso da sembrare irreale. La via Emilia si accartocciava su sé stessa sembrando quasi più piccola, flemmatica sotto l’orologio. Ora finalmente i bar e i ristoranti sono aperti e tutta la città si anima fin dal primo pomeriggio e poi prosegue, dritto, fino all’orario aperitivo, quando i parchi cittadini si animano e i bicchieri tintinnano.

I dehor si sono moltiplicati, allargati, sono diventati spazi sicuri nei quali si mangia e si beve in serenità. Una parvenza di normale che manca da molto tempo. Le ore scorrono sotto i timidi raggi di sole di una primavera che non vuole proprio arrivare, ma non è importante, si resta anche sotto la pioggia leggera, fine, che quasi non bagna e se bagna e allunga il vino va bene lo stesso. Si può andare anche al cinema, in sicurezza, con gli occhi ormai ridotti a piccole fessure, non più abituati al grande schermo. Occhi che si sgranano e che temono di non farcela a contenere tutto. Se prima il buio segnava l’inizio della notte ora ne segna quasi la fine. I ristoranti si affrettano quando cala la luce, manca poco al coprifuoco. Anche i bar diventano più frenetici e i giovani, seduti o in piedi, bevono veloci il proprio drink per avere il tempo di ordinarne un altro. È come tutto compresso, una notte che deve essere riassunta in poche ore. (fra.gian.)

Il racconto su «sabato sera» del 6 maggio.

Foto Isolapress

Per un minuto in più nella città che torna bella, il racconto della prima notte «gialla» a Imola

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA