Cronaca

Con la riapertura delle attività commerciali nella Fase 2 sugli scontrini spunta il «contributo Covid»

Con la riapertura delle attività commerciali nella Fase 2 sugli scontrini spunta il «contributo Covid»

Covid tax, contributo Co- vid, kit sicurezza. È stata ribattezzata in tanti modi la voce che è apparsa nelle ultime settimane in alcuni scontrini e che, in sostanza, racchiude i costi (o parte di essi) che gli esercenti devono sostenere in aggiunta per garantire che le procedure siano svolte in sicurezza, tra cui mascherine, guanti e prodotti per igienizzare e sanificare superfici e ambienti. L’importo è variabile, anche se in media oscilla tra i 2 e i 4 euro.

Tra i primi a denunciare questo fenomeno sono stati il Codacons, l’Unione nazionale consumatori e Federconsumatori, che hanno bollato questa pratica come «illegale», «scorretta» e «illegittima», anche se si tratta di una voce perfettamente legale e, come le altre presenti nello scontrino, sottoposta all’Iva. È innegabile che i protocolli varati per consentire a negozi e attività di riaprire in sicurezza hanno comportato un aggravio non indifferente dei costi per i titolari. C’è chi ha deciso di inserire una voce a parte nello scontrino per, in un certo senso, prendere le distanze e rendere l’aumento più trasparente e chi, invece, l’ha spalmato tra le altre voci, magari aumentando il costo della ceretta o della piega. Al contrario, ci sono esercenti che hanno preferito mantenere invariati i prezzi o, addirittura, previsto degli sconti. Il panorama è più che mai variegato. (gi.gi.)

L”articolo completo su «sabato sera» in edicola dall”11 giugno.

Nella foto: uno scontrino emesso a Imola, che contiene il cosiddetto «contributo Covid», segnalato da un nostro lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ABBONATI AL SABATO SERA

nidi
nidi

Seguici su Facebook

Font Resize
Contrast