News

Sport 20 Gennaio 2019

Calcio serie C, il tecnico Alessio Dionisi e Luca Belcastro nel post partita di Imolese-Giana Erminio. IL VIDEO

Nella prima uscita del 2019 al Galli l”Imolese ritrova, dopo la sosta, la vittoria e la ottiene infliggendo una pesante «manita» alla malcapitata Giana Erminio. Mattatore dell”incontro, nel 5-0 finale, il trequartista Luca Belcastro, autore di una tripletta, a cui si è aggiunta la doppietta di Michael De Marchi (la cronaca del match qui).

Ecco le parole a fine gara di mister Alessio Dionisi e dello stesso Belcastro.

Nella foto (dalla pagina facebook dell”Imolese): Luca Belcastro

Cronaca 20 Gennaio 2019

Decreto sicurezza, prima multa per una donna residente in Italia alla guida di un'auto con targa estera

Anche a Imola, dopo l’entrata in vigore del decreto sicurezza, sono iniziati i controlli sulle auto immatricolate all’estero che circolano sul nostro territorio. Ieri pomeriggio una pattuglia della municipale ha fermato per un normale controllo stradale, un’auto con targa rumena alla cui guida si trovava una donna di nazionalità rumena ma che è risultata essere residente in Italia. Quindi è scattata la sanzione pecuniaria di 712 euro mentre l’auto è stata sospesa dalla circolazione e trasportata col carro attrezzi presso un luogo non soggetto a pubblico passaggio. Qualora la conducente non dovesse provvedere entro 180 giorni alla immatricolazione del veicolo in Italia o alla richiesta del foglio di via per condurlo oltre confine, verrà confiscata.

Questo è quanto prevede il decreto sicurezza, per la precisione viene applicato ai veicoli con targa estera dei quali il conducente, straniero, risulti residente in Italia da oltre 60 giorni. Esclusi coloro che si trovano alla guida di un veicolo concesso in leasing o in locazione senza conducente da un”azienda che ha sede in uno Stato europeo o dello Spazio economico europeo, sempre che non abbia stabilito in Italia una sede secondaria o altra sede effettiva. Stessa cosa per i veicoli in comodato a coloro che hanno un rapporto di lavoro o collaborazione con aziende del genere. In questi casi è indispensabile a bordo del veicolo ci sia un documento, sottoscritto dall’intestatario e con una data certa, dal quale risultino il titolo e la durata della disponibilità del veicolo. 

In generale, in questi primi diciassette giorni del nuovo anno, gli agenti della municipale hanno, tra le altre cose, sanzionato quattro automobilisti per aver circolato con un veicolo privo di assicurazione RCAuto (sanzione 868 euro e sequestro amministrativo del veicolo). Inoltre sono stati 28 gli automobilisti sanzionati per non avere sottoposto alla prevista revisione periodica il loro veicolo, con conseguente sospensione dalla circolazione del veicolo, e tre quelli sanzionati perché sorpresi alla guida di un veicolo mentre facevano un uso irregolare del telefono cellulare.

Foto d”archivio

Decreto sicurezza, prima multa per una donna residente in Italia alla guida di un'auto con targa estera
Cronaca 20 Gennaio 2019

Smog, oggi è una domenica ecologica: i divieti per auto e moto a Imola e Ozzano Emilia

Siamo alla quarta domenica ecologica. Oggi 20 gennaio nuovo appuntamento con la giornata off limits per i veicoli più inquinanti che riguardano Bologna e i dieci comuni dell”agglomerato (quindi compreso Ozzano Emilia) e Imola.

Le limitazioni alla circolazione sono quelle ormai note: fermi i veicoli benzina fino all”euro 1, i diesel fino all”euro 3 e i ciclomotori pre euro. Sono previste deroghe a tutela di particolari necessità quotidiane: esentati, fra gli altri, lavoratori turnisti, chi si sposta per cura e assistenza e i meno abbienti con Isee annuo fino a 14mila euro (qui tutte le deroghe previste ai limiti alla circolazione dei veicoli). 

Le prossime domeniche ecologiche, delle otto previste per la stagione 2018/2019, omogenee su tutto il territorio bolognese, saranno il 10 e 17 febbraio, 3 e 24 marzo.

Smog, oggi è una domenica ecologica: i divieti per auto e moto a Imola e Ozzano Emilia
Sport 19 Gennaio 2019

Basket C Gold, passo indietro per la Vsv Imola ad Anzola

Passo indietro per la Vsv Imola che, dopo la bella vittoria contro Fiorenzuola, cade 76-64 un pò sorpresa ad Anzola.

I gialloneri nel primo quarto si affidano soprattutto ad un Magagnoli ispirato per contrastare la grinta e precisione dei padroni di casa. La Vsv gira abbastanza bene e chiude il periodo avanti (15-20). Nel secondo parziale, però, il meccanismo si inceppa: crollano le percentuali dall”arco per un misero 1 su 11 e Anzola approfitta subito della scarsa vena realizzativa imolese, con solo 8 punti a referto, chiudendo il primo tempo in vantaggio (32-28). Nel secondo tempo Casadei e compagni si rimettono in carreggiata sotto il piano offensivo, ma deragliano irrimediabilmente in difesa (58-43). Zhytaryuk e Aglio nell”ultimo quarto non bastano, però, alla squadra di Tassinari per rientrare in partita e così la Vsv è costretta ad arrendersi per la settima volta in stagione.

Nel prossimo turno, in programma sabato 26 (ore 21), la Vsv Imola affronterà al palaRuggi la capolista Rimini. (d.b.)

Tabellino

Anzola-Npc 76-64 (15-20, 32-28, 58-43)

Anzola: S. Parmeggiani 14, Baccilieri 12, De Ruvo 17, Caroldi 2, Bortolani 13, Mandini ne, F. Parmeggiani 6, Cerulli, Venturi 3, Cacciari, Donati 9. All. Spaggiari.

Imola: Dal Fiume 9, Percan, Casadei 6, Magagnoli 17, Zhytaryuk 14, Turrini, Nucci ne, Murati ne, Zani ne, Aglio 11, Giuliani, Dalpozzo 7. All. Tassinari.

Nella foto (dalla pagina facebook della Vsv Imola): Percan e Zhytaryuk 

Basket C Gold, passo indietro per la Vsv Imola ad Anzola
Sport 19 Gennaio 2019

Basket serie B, Corcelli e Agusto non bastano. Sinermatic Ozzano beffata sulla sirena

Beffa per la Sinermatic Ozzano che perde 80-79 sulla sirena contro Lugo, al termine di un match dove i biancorossi sono stati chiamati a recuperare anche uno svantaggio che aveva raggiunto la doppia cifra.

Partenza favorevole ai romagnoli che scavano subito un break importante. Ozzano reagisce ai canestri di Bracci e si rifà sotto con Corcelli, Folli e Klyuchnyk, ma Lugo riprende il largo. La Sinermatic allora produce subito uno sforzo importante, mette il naso avanti per la prima volta sul finire del parziale, anche se il primo quarto si chiude in perfetta parità (20-20). Il copione nel secondi dieci minuti non cambia, ma le triple di Lucarelli fanno male ai biancorossi che provano a riprendersi con i primi due punti (ai liberi) di un Dordei penalizzato dai falli e con le mani «calde» di Corcelli. All”intervallo lungo però Lugo conduce 37-33. Nel secondo tempo i romagnoli provano a scappare con Seravalli e il solito Bracci, Ozzano scivola fino a -12 ma rientra trascinata da un monumentale Corcelli, a cui si aggiungono anche Klyuchnyk e Agusto (58-55). Ultimo quarto: nelle fila di Lugo si scatena Leardini, i biancorossi invece faticano a muovere la retina e, come se non bastasse, Dordei è costretto ad uscire per falli. Agusto però riporta la Sinermatic a -3 e l”opera la completa Corcelli che dall”arco rimette i giochi in parità a poco più di un minuto dalla sirena. Dall”altra parte Seravalli segna dopo un rimbalzo offensivo, ma il solito Corcelli non sbaglia ai liberi. Lugo allora non concretizza l”ultimo tiro, Agusto dall”area mette il +2 ma la beffa porta il cognome di Seravalli che dall”arco regala proprio allo scadere un grosso dispiacere alla squadra di coach Grandi.

Nel prossimo turno, in programma sabato 26 (ore 20.30), la Sinermatic Ozzano affronterà in casa Padova. (d.b.)

Tabellino

Lugo-Sinermatic 80-79 (20-20, 37-33, 58-55)

Lugo: Lucarelli 15, Seravalli 13, Leardini 7, Bracci 14, Brighi 9, Bazzocchi ne, Melandri ne, Bedin 9, Rossi 3, Farabegoli 5, Demarchi 5. All. Galetti.

Sinermatic: Dordei 4, Ranocchi 3, Corcelli 27, Morara 4, Chiusolo, Klyuchnyk 12, Folli 11, Giannasi ne, Mastrangelo 1, Salvardi, Agusto 17. All. Grandi.

Nella foto (dalla pagina facebook dei Flying Balls): Nunzio Corcelli

Basket serie B, Corcelli e Agusto non bastano. Sinermatic Ozzano beffata sulla sirena
Cronaca 19 Gennaio 2019

Tamponamento sull'A14bis alle porte di Ravenna, muore una 21enne di Medicina

Drammatico tamponamento a catena questa mattina sull’A14bis alle porte di Ravenna. Nell’incidente ha perso la vita una ragazza di 21 anni residente a Medicina, Carlotta Monti. Coinvolte e ferite, seppur non gravemente, altre sei persone, tra cui tre bambini. 

Secondo la polizia autostradale, il tutto è avvenuto alle 10.50, all”altezza del chilometro 26, tra lo svincolo di Fornace Zarattini e quello con la statale 16 Adriatica in direzione di Ravenna dove, pare, si era formata una colonna di auto. A quel punto una Toyota, condotta da un uomo, sopraggiungendo sulla prima corsia, ha tamponato la Ford Ka della medicinese che, a sua volta sospinta in avanti, è finita contro un’altra Ford che la precedeva. Purtroppo è stato inutile l’intervento sul posto dei sanitari e dell’elisoccorso, la ragazza è deceduta a seguito delle ferite riportate nello schianto. Lesioni non preoccupanti per gli occupanti delle altre vetture, compresi tre bambini che si trovavano sull’auto che ha causato l’incidente. (l.a.)

Foto d”archivio

Tamponamento sull'A14bis alle porte di Ravenna, muore una 21enne di Medicina
Calcio 19 Gennaio 2019

Belcastro come Maradona, l’Imolese chiude la cinquina con De Marchi

Con un Belcastro così, che sembra Maradona. Ma soprattutto con una squadra che gioca così, l’ottimismo deve regnare sovrano in casa rossoblù, anche se mancano ancora una decina di punti per la certezza di non scivolare in zona play-out, ora lontani 10 lunghezze, dove naviga il Rimini.

Le vacanze sembrano non esserci state. La squadra di Dionisi è sempre quella che avevamo conosciuto nella prima parte di stagione. L’Imolese riparte subito molto bene contro il Giana e la supremazia territoriale è piuttosto marcata. Tra il 9’ e il 10’ si vedono le cose più belle, con Belcastro autore di due passaggi al bacio, prima per Mosti, poi per De Marchi, con azioni che terminano entrambe in calcio d’angolo. Al 13’ c’è l’apoteosi, meritatissima, con Belcastro che apre sulla sinistra e torna a ricevere il pallone dallo stesso Gargiulo e spara un tiro di sinistro imparabile dai 20 metri che supera Leoni. I lombardi soffrono e al 18’ c’è un altro paio di azioni meritevoli di una citazione: nella prima Saber non riesce a chiudere il tiro, nella seconda Mosti sfiora la porta con una bordata ravvicinata. Lo show non si placa. Al 25’ Saber fa un gioco di prestigio sulla linea di fondo, lascia partire un tiro-cross che termina sul palo lontano e poi balla pericolosamente sulla linea di porta. Pochi secondi dopo arriva un lancio per De Marchi che si infila verso la porta e sigla il 2-0. Al 30’ ancora mago Belcastro. Palla strepitosa per Mosti che tira in porta. Sulla miracolosa ribattuta c’è Belcastro che ribadisce in rete il 3-0. Al 41’ c’è il poker: Carraro crossa di sinistro dalla sinistra, la palla supera il portiere, colpisce il secondo palo, ma è pronto De Marchi per la sua doppietta personale.

La ripresa sembra pura accademia, ma al 5’ la difesa del Giana Erminio si impappina, la palla giunge a Saber che non fa l’egoista, anzi la offre a centro area per la tripletta di Belcastro. Ed è proprio il calabrese di scuola Juve a lasciare il campo al 10’ per un applauso sacrosanto e che purtroppo gli hanno dedicato solo i pochi presenti allo stadio (400 circa). Questa era una prestazione che avrebbe meritato almeno mille coppie di mani battenti. Poco altro fino alla fine, tanti cambi anche per Dionisi, soprattutto perché martedì sera si gioca a Teramo, ma al 36’ c’è un contropiede con Giovinco che crossa bene per Rossetti, il quale però non riesce a coordinarsi per il tiro. Al 38’ ancora Giovinco in contropiede da solo sulla destra, lanciato da Gargiulo, ma il suo tiro rasoterra finisce a fil di palo. Peccato, perché sbloccarsi non sarebbe stato male, visto che nel girone di ritorno ci potrebbe essere bisogno anche dei suoi gol. (p.z.)

Imolese – Giana Erminio 5-0 (4-0)

Imolese (4-3-1-2): Rossi; Sciacca, Checchi, Carini (78’ Tissone), Fiore; Saber (78’ Valentini), Carraro, Gargiulo; Mosti (61’ Bensaja); De Marchi (61’ Rossetti), Belcastro (55’ Giovinco). All. Dionisi.

Gol: 13’ Belcastro, 25’ De Marchi, 30’ Belcastro, 41’ De Marchi, 5’ s.t. Belcastro.

Belcastro come Maradona, l’Imolese chiude la cinquina con De Marchi
Sport 19 Gennaio 2019

Futsal serie B, Imolese Kaos a valanga contro il Vicenza

Nel primo match del 2019 alla Cavina l”Imolese Kaos seppellisce sotto una valanga di gol il malcapitato Vicenza. Finisce, infatti, 12-0 per i rossoblù (tripletta di Salas, doppietta di Tiago e reti di Spadoni, Castagna, Micheletto, Vignoli, Liberti, Baroni e Zonta) che mettono così un altro piccolo mattoncino verso la promozione diretta. In classifica dietro tutto inalterato, con Fenice Venezia Mestre e Miti Vicinalis vittoriose e sempre costrette ad inseguire rispettivamente a -7 e -13.

Adesso però il campionato osserverà due weekend di riposo. La squadra di Carobbi, quindi, tornerà in campo sabato 9 febbraio quando, sempre alla Cavina, arriverà il Città di Mestre. (d.b.)

Tabellino

Imolese Kaos-Vicenza 12-0 (3-0)

Imolese: Juninho, Spadoni, Gabriel, Tiago, Zonta, Castagna, Vignoli, Baroni, Salas, Micheletto, Paciaroni, Liberti. All. Carobbi.

Gol: 6’ Tiago (I), 11’ Salas (I), 12’ Spadoni (I); 2’ s.t. Castagna (I), 3’ Vignoli (I), 4’ Salas (I), 6’ Salas (I), 4’ Micheletto (I), 7’ Zonta (I), 9’ Baroni (I), 17’ Tiago (I), 17’ Liberti (I).

Foto tratta dalla pagina facebook dell”Imolese Kaos

Futsal serie B, Imolese Kaos a valanga contro il Vicenza
Cronaca 19 Gennaio 2019

Il suo cane morde una donna, lei è costretta a frequentare un corso di rieducazione insieme all'animale

Nel circondario imolese si contano circa 48 mila cani regolarmente iscritti ai registri dell’anagrafe canina (e quindi dotati di chip). Ma forse non tutti i padroni di amici a quattro zampe sanno che, potenzialmente, ogni cane può diventare un «morsicatore», cioè indipendentemente dalla razza può manifestare aggressività contro un altro cane oppure una persona. Sempre stando alle statistiche del servizio veterinario dell’Ausl di Imola, si contano in media fra le 80 e le 100 morsicature all’anno. Episodi che, il più delle volte, non balzano agli onori della cronaca perché, per fortuna, non causano particolari danni.

«Questi sono i numeri degli episodi che transitano attraverso i canali ufficiali, come il pronto soccorso o gli studi veterinari in caso di morsi fra cani, e che poi giungono a noi per l’iter di prassi – precisa il veterinario Geremia Dosa dell’Ausl -. Quando avvengono in famiglia oppure non provocano particolari conseguenze, non vengono nemmeno segnalati». Altre volte, invece, occorre procedere secondo un iter che prevede differenti passaggi ed è regolato, oltre che dalla legge nazionale, da norme regionali specifiche dell’Emilia Romagna.

Lo scorso 12 novembre, ad esempio, un pitbull femmina di un anno, di proprietà di una donna di Castel San Pietro, ha morsicato una donna imolese. «Si è trattato di un caso grave di aggressività – commenta il veterinario -. Al seguito della valutazione comportamentale da noi effettuata alla padrona del cane è stato disposto l’obbligo di non lasciare l’animale incustodito alla presenza di estranei. Insieme al cane morsicatore, poi, dovrà frequentare un corso di rieducazione prima di poter richiedere una nuova visita di valutazione dell’aggressività dell’animale». E le disposizioni sono state pubblicate anche sull’albo pretorio del Comune di Castello.

In Emilia Romagna, infatti, il servizio veterinario viene coinvolto per ogni segnalazione di morsicatura ed effettua tre verifiche: l’identificazione dell’animale e la verifica della sua regolare iscrizione all’anagrafe canina, il controllo sanitario contro il virus della rabbia (malattia non presente in Italia ma non del tutto sconfitta nell’Europa dell’est) e una valutazione comportamentale dell’aggressività del cane. «Si tratta di una visita utile per determinare se l’episodio di morsicatura rappresenta una risposta motivata e razionale del cane allo stimolo ricevuto, oppure se l’animale ha reagito con eccessiva aggressività – spiega Dosa -. Il cane non è un animale aggressivo di per sé, l’episodio di aggressività, ad esempio, potrebbe essere una conseguenza del fatto che il morsicato non ha rispettato il “galateo comportamentale” nei confronti degli animali (cioè non avvicinarsi ad un cane che non si conosce, chiedere il permesso al padrone – che per il cane è il capobranco -, porgere la mano e farsi annusare prima di accarezzarlo) oppure se si è trattato al contrario di un caso di aggressività eccessiva o fuori controllo. In questa seconda eventualità si procede intimando alcuni obblighi di sicurezza da osservare come indossare la museruola e la pettorina contenitiva al posto del semplice guinzaglio».

Se l’animale tende a scappare i veterinari dell’Ausl possono richiedere la predispo-sizione di un particolare recinto. «Nei casi di aggressività più grave possiamo anche disporre la partecipazione ad un corso di socializzazione con un addestra-tore iscritto all’albo regionale, durante il quale l’animale dovrà imparare ad approcciarsi correttamente con gli altri cani e gli esseri umani, mentre il pa-drone dovrà imparare a gestire l’animale». (mi.mo.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 17 gennaio

Nella foto il veterinario dell”Ausl Geremia Dosa

Il suo cane morde una donna, lei è costretta a frequentare un corso di rieducazione insieme all'animale
Sport 19 Gennaio 2019

Calcio serie C, i prossimi avversari dell'Imolese: tutto sulla Giana Erminio

Finita la sosta l”Imolese è pronta a tornare in campo (ore 16.30) al Galli contro la Giana Erminio, formazione che ha cambiato volto dopo la sessione invernale di mercato per cercare di allontanarsi dall”ultimo posto in classifica condiviso con l”Albinoleffe. Tra loro l’attaccante italo-brasiliano Jefferson e il terzino sinistro Maicol Origlio, entrambi ex Monza. La squadra di mister Bertarelli, però, hanno ceduto i centrocampisti Riccardo Chiarello (Alessandria) e Antonio Palma (Rimini), giocatori non adatti al 4-4-2 scelto dal tecnico lombardo. A fianco del capitano Perna chissà se in attacco ci sarà Jefferson, che potrebbe così esordire dal primo minuto, oppure l”ex rossoblù Rocco.

Dirigerà la sfida il signor Clerico di Torino, coadiuvato dagli assistenti Lenza di Firenze e Valletta di Napoli.

In vista del match sono 20 i convocati dal tecnico Bertarelli.

Convocati Giana Erminio

Portieri: 12 Taliento, 22 Leoni. Difensori: 2 Perico, 3 Origlio, 8 Seck, 13 Rocchi, 15 Lanini, 16 Pirola, 23 Sosio, 25 Bonalumi. Centrocampisti: 5 Iovine, 6 Dalla Bona, 7 Pinto, 19 Mandelli, 20 Capano, 26 Piccoli. Attaccanti: 10 Perna, 11 Rocco, 18 Jefferson, 27 Lunetta. 

Probabile formazione

Giana Erminio (4-4-2): 22 Leoni; 15 Lanini, 3 Origlio, 2 Perico, 25 Bonalumi; 6 Dalla Bona, 7 Pinto, 5 Iovine, 27 Lunetta; 18 Jefferson, 10 Perna. All. Bertarelli. 

Foto del match d”andata tratta dalla pagina facebook della Giana Erminio 

Calcio serie C, i prossimi avversari dell'Imolese: tutto sulla Giana Erminio

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast