Posts by tag: incidenti

Cronaca 28 Ottobre 2019

Incindente sulla via Montanara in località Valsalva, ferito un motociclista

Un motociclista è rimasto ferito in un incidente avvenuto lungo la via Montanara, in località Valsalva. E” successo nel primo pomeriggio di ieri. Stando a quanto ricostruito finora, un 28enne di Solarolo era in sella ad una moto Aprilia e viaggiava in direzione di Castel del Rio, mentre un 76enne di Bologna era alla guida di una Renault Clio che risaliva la vallata del Santerno in direzione di Firenzuola. All”improvviso, per cause ancora al vaglio dei carabinieri, i due veicoli si sono scontrati. Ad avere la peggio è stato il motociclista, trasportato d”urgenza dall”elisoccorso all”ospedale Maggiore di Bologna; non è in pericolo di vita (è stato ricoverato in codice 2, che indica i casi di media gravità). (gi.gi.)

Foto concessa dai carabinieri

Incindente sulla via Montanara in località Valsalva, ferito un motociclista
Cronaca 1 Agosto 2019

Meno incidenti e meno morti sulle strade del circondario

Sono diminuiti gli incidenti stradali, i feriti e le vittime lungo le strade del Circondario nel primo trimestre di quest’anno.
I dati provvisori sull’incidentalità relativa alle strade (comunali, provinciali, statali e autostrade) del territorio dell’intera Città metropolitana di Bologna mostrano, invece, una crescita dei sinistri (834 contro 813) e dei feriti (1.131 contro 1.124), ma una diminuzione dei decessi: quattro in meno di quelli registrati nello stesso periodo del 2018.

Entrando nei particolari, a Imola sono stati registrati -in controtendenza rispetto al Circondario nel suo complesso- 59 incidenti stradali (contro 55), e 81 feriti (contro 77), ma una significativa diminuzione dei morti (da 3 a 1).
Il solo altro sinistro mortale nel corso dei primi tre mesi di quest’anno si è verificato a Castel San Pietro.
26 gli incidenti e 43 i feriti registrati complessivamente nel territorio degli altri nove comuni, senza alcun sinistro e alcun ferito né a Castel del Rio né a Mordano (r. cr).

Nella fotografia di Marco Isola/Isolapress, un incidente a Imola

Meno incidenti e meno morti sulle strade del circondario
Cronaca 9 Febbraio 2019

Meno morti sulle strade del territorio della Città Metropolitana, in calo anche incidenti e feriti

Nei giorni scorsi l’Ufficio di Statistica della Città Metropolitana di Bologna ha pubblicato il report sull’incidentalità relativo alle strade provinciali del territorio (dalla rilevazione sono esclusi gli incidenti senza morti o feriti ed il riferimento temporale dei decessi è entro il trentesimo giorno dall”incidente). A confronto, quindi, sono stati presi i primi nove mesi (gennaio-settembre) del 2017 con quelli del 2018. Il dato che salta subito all’occhio è il numero di incidenti registrati che sono passati da 2.854 a 2.717, con un calo quindi del 4,8%. In diminuzione anche il numero dei morti (da 67 a 50) e quello dei feriti (da 4.022 a 3.707). Tra questi ultimi, quasi tutte le tipologie di utenti interessati hanno registrato il segno meno (ciclisti e motociclisti ad esempio), a parte i pedoni che invece sono aumentati di ben 54 unità (da 300 a 354).

Analizzando ora solo il periodo dell’anno 2018, i mesi di maggior incidentalità sono stati giugno e luglio, con 368 e 355 sinistri, mentre agosto è stato il più «tranquillo» con 220 incidenti e 294 feriti, anche se quelli mortali hanno rappresentato ben il 14% del totale. I mesi invece che hanno avuto picchi di decessi sulle strade sono stati gennaio e luglio, rispettivamente con 9 e 8 morti. Nello specifico, guardando Comune per Comune sempre all’interno dello stesso arco temporale, le variazioni più rilevanti si sono verificate a Imola (diminuzione di 28 incidenti, 42 feriti e 5 morti), Castel San Pietro Terme (diminuzione di 18 sinistri, 1 morto e 31 feriti), Medicina (diminuzione di 6 incidenti, 3 morti e 13 feriti) ed Ozzano Emilia (diminuzione di 8 sinistri e 12 feriti, mentre il numero di morti è rimasto fermo a quota 1).

In controtendenza, anche se per fortuna solo leggermente, Dozza, dove si sono verificati 4 incidenti in più, a fronte di un aumento di 5 feriti a cui ha fatto da contrappeso il calo di una unità nella casella dei decessi. Più o meno stabili, invece, gli altri Comuni del Circondario imolese. Nel capoluogo, infine, dove si sono concentrati circa la metà dei sinistri, sono stati registrati 1.448 incidenti, 44 in più rispetto al 2017; i feriti sono 1.894, 20 in più, ed i morti 21, 7 in più. Nel comune di Bologna, però, i feriti sono diminuiti se a bordo di ciclomotori o motocicli, stabili i ciclisti, mentre sono aumentati i pedoni, passando da 209 a 234 persone. (d.b.)

Foto d”archivio

Meno morti sulle strade del territorio della Città Metropolitana, in calo anche incidenti e feriti
Cronaca 31 Gennaio 2019

Ghiaccio sulle strade, giovedì nero con disagi ed incidenti

Dopo la nevicata che ha interessato il nostro territorio tra la serata di ieri e la notte, i problemi maggiori si sono verificati questa mattina, quando il cielo si è fatto sereno e le temperature sono crollate sotto lo zero. Il ghiaccio, infatti, è stato il pericolo pubblico numero uno per tutti coloro che si sono messi alla guida o, semplicemente, sono usciti di casa a piedi o in bicicletta. Per fortuna, però, non si sono registrati episodi particolarmente gravi a Imola e nel Circondario, anche se ovviamente la polemica dei cittadini è subito montata sui social, con foto di carreggiate «luccicanti» e tanti incidenti in vari punti della città, nelle colline e nelle campagne. Alcuni si sono lamentati per i disagi sulle rampe della bretella, altri per la situazione ingestibile in alcune rotonde, altri ancora hanno puntato il dito contro i marciapiedi, gli accessi alle scuole impraticabili e l”assenza di sale sulle strade. «Qualche caduta c”è stata – fanno sapere dall”Ausl – ma non molte. E le persone coinvolte hanno dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso, ma niente di grave».

In questo giovedì nero sul fronte della viabilità, c”è stato quindi tanto lavoro per i sanitari del 118, i carri attrezzi e gli agenti della polizia municipale. Come ad esempio ad Imola dove, intorno alle 9, un incidente si è verificato in via San Prospero, all”altezza dell”intersezione con via Condotto. Una 84enne, alla guida di una Toyota Aygo, per colpa dell”asfalto ghiacciato, ha perso il controllo della propria vettura, ribaltandosi su un fianco. La donna per fortuna non ha riportato lesioni. L”altro episodio, invece, è avvenuto a Sesto Imolese, tra via Marughetta e via di Dozza, qualche ora prima, verso le 7.30. Una Dacia Duster, con al volante un 45enne imolese, e una Panda guidata da una 46enne di Bagnacavallo, sempre a causa della strada scivolosa, sono finite in rapida successione fuori dalla carreggiata. Anche in questo caso i due automobilisti non hanno subito conseguenze. (d.b.)

Nella foto (dalla pagina facebook «Comitato Strade Future»): l”incidente in via San Prospero 

Ghiaccio sulle strade, giovedì nero con disagi ed incidenti
Cronaca 24 Ottobre 2018

Scontro tra un'auto e due moto sulla Selice, una vittima e due feriti

Tragedia della strada oggi pomeriggio sulla via Selice, all”altezza dell”intersezione con via Nuova. L”incidente ha visto coinvolte una Skoda Octavia bianca e due moto, una Ducati e un Bmw. Secondo la prima ricostruzione fatta dai carabinieri, intorno alle 14 l”auto era diretta da Imola verso Ponte Massa quando ha iniziato la svolta a sinistra per immettersi in via Nuova, a quel punto l”impatto violento con gli altri due mezzi che provenivano dalla direzione opposta sempre sulla Selice.

Nello schianto ad avere la peggio è stato il motociclista in sella alla Ducati, purtroppo i sanitari del 118 intervenuti sul posto non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Anche il motociclista che viaggiava sulla Bmw ha riportato delle lesioni, ma di media gravità ed è stato trasportato all”ospedale di Imola. Per il conducente dell”auto ferite lievi e una forte contusione ad un braccio.

I carabinieri, coadiuvati dalla polizia municipale di Imola, hanno provveduto a deviare il traffico dalla provinciale alle strade secondarie per il tempo necessario per terminare i rilievi di rito. (d.b.)

Nella foto (Isolapress): il luogo dell”incidente

Scontro tra un'auto e due moto sulla Selice, una vittima e due feriti
Cronaca 23 Ottobre 2018

Malore mentre è al volante dell'auto, un 46enne muore sotto gli occhi dei figli

Nel tardo pomeriggio di domenica un uomo di 46 anni, Giuliano Alessandrini, è stato colto da un malore, probabilmente un infarto, mentre era al volante della sua auto e sul sedile posteriore viaggiavano i due figli di 10 e 11 anni. L”incidente è avvenuto in via San Prospero, tra Mordano e Imola. 

Nonostante la gravità della situazione, Alessandrini è riuscito ad alzare il piede dall”acceleratore della sua Toyota Prius, facendo perdere velocità al veicolo, che ha proseguito per pochi metri, invadendo la corsia opposta, sulla quale per fortuna, non stava sopraggiungendo nessuno, prima di concludere la sua corsa urtando lievemente un palo della segnaletica stradale.

A dare l”allarme un automobilista di passaggio che ha notato la vettura in posizione anomala e un uomo accasciato alla guida. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Imola, che stanno ricostruendo l”esatta dinamica, e i sanitari del 118 che non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso, mentre i figli dello sfortunato 46enne sono rimasti illesi. Alessandrini viveva a San Prospero con la famiglia ed è originario di Fontanelice. (d.b.)

Foto d”archivio

Malore mentre è al volante dell'auto, un 46enne muore sotto gli occhi dei figli
Cronaca 16 Ottobre 2018

Due incidenti ieri a Ganzanigo, feriti un anziano a bordo di un apecar e un giovane ciclista

Due incidenti hanno caratterizzato la giornata di ieri lungo le strade di Medicina, per la precisione della frazione di Ganzanigo. Entrambi, fortunatamente, senza feriti gravi. Il primo è avvenuto al mattino, alle 7.30, sulla via San Vitale e ha visto coinvolti un”auto e un apecar. Stando a quanto ricostruito dai militari, i due mezzi viaggiavano entrambi in direzione di Bologna. Alla guida dell”auto c”era una 35enne, mentre sul tre ruote un 81enne, entrambi residenti a Medicina. Ad un certo punto, la 35enne avrebbe iniziato il sorpasso ma, durante la manovra, il tre ruote è finito fuori strada, capovolto nel fosso a lato della carreggiata. Secondo i carabinieri, che stanno cercando di ricostruire l”esatta dinamica, l”auto avrebbe toccato la ruota anteriore dell”apecar (non è chiaro se è stata la donna a “stringere” oppure l”anziano ad “allargarsi”). L”anziano è stato poi trasportato all”ospedale Maggiore di Bologna in osservazione, ma non sarebbe in pericolo di vita.

Poche ore più tardi, verso le 15, il secondo incidente, all”incrocio tra via di Ganzanigo e via Pedretti. Stando a una prima ricostruzione fatta dai carabinieri, un 18enne, originario del Pakistan ma residente a Carpi, si trovava in sella ad una bici e stava distribuendo dei volantini pubblicitari in via Pedretti. Arrivato all”incrocio con via di Ganzanigo, dove provenendo da via Pedretti c”è lo Stop, è finito contro l”auto condotta da una 63enne di Medicina. Il ragazzo è stato trasportato all”ospedale Maggiore, ma anche le sue condizioni, come detto, non sarebbero gravi.

Foto d”archivio

Due incidenti ieri a Ganzanigo, feriti un anziano a bordo di un apecar e un giovane ciclista
Cronaca 6 Ottobre 2018

Incidente in via Selice all'altezza di via Bicocca, coinvolta una Ferrari 458

Incidente tra due auto ieri sera in via Selice all’altezza di via Bicocca e del ristorante Masseria. Alle ore 20.40 la Ferrari 458 condotta da un uomo di 59 anni residente a Lavezzola viaggiava sulla provinciale con direzione Ponte Massa quando è entrata in collisione con il Fiat Doblò di un imolese di 60 anni proveniente dalla direzione opposta. Le due auto sono andate praticamene distrutte; il Doblò si è rovesciato su un fianco in mezzo alla carreggiata. Ad avere la peggio, seppur con lesioni non gravi, è stato il conducente del Doblò, portato in ambulanza al pronto soccorso di Imola.

Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco e gli agenti della polizia municipale che stanno lavorando alla ricostruzione esatta della dinamica.

Incidente in via Selice all'altezza di via Bicocca, coinvolta una Ferrari 458
Cronaca 28 Settembre 2018

Giovedì nero sulle strade, incidente lungo la Montanara e a Castel San Pietro

Ieri mattina sulle strade del nostro territorio si sono verificati, a pochi minuti di distanza l”uno dall”altro, due diversi incidenti che hanno causato alcuni feriti.

Il primo, intorno alle 7.30, a Castel San Pietro lungo la strada provinciale 31 Colunga, all”altezza dell”incrocio con via San Giovanni. Lo scontro ha interessato una Fiat Panda guidata da un 79enne di Ozzano e una Volkswagen Golf con al volante un 32enne faentino. Secondo la ricostruzione effettuata dalla polizia municipale di Castel San Pietro giunta sul luogo dell”incidente, la Fiat Panda proveniente da Osteria Grande stava percorrendo via San Giovanni pronta ad immettersi sulla provinciale Colunga, mentre la Golf viaggiava con diritto di precedenza sulla provinciale stessa in direzione Imola-Bologna. Dopo il violento impatto i due mezzi sono finiti all”interno del fosso adiacente, causando anche la rottura delle tubature presenti in quel punto. Sul posto a prestare soccorso sono giunti i vigili del fuoco di Budrio e di Bologna, che hanno dovuto estrarre dalle lamiere i due conducenti, insieme ai sanitari del 118 e l”elisoccorso. Il ferito più grave è risultato essere il 79enne che è stato trasportato all”ospedale Maggiore di Bologna dove si trova ricoverato in prognosi riservata, mentre il giovane alla guida della Golf è stato trasferito a Imola con ferite di lieve entità. 

Il secondo incidente, invece, è avvenuto attorno alle 8 lungo la Montanara tra Fabbrica e Casalfiumanese. Coinvolto un 89enne alla guida di una Volskwagen e una 57enne al volante di una Ypsilon. A quanto risulta dai rilievi dei carabinieri di Casalfiumanese e di Imola accorsi sul posto pare che l”anziano, per cause ancora da accertare, abbia invaso la corsia opposta prima dello schianto. Entrambi trasportati all”ospedale di Imola, l”uomo risulta essere in prognosi riservata anche se le sue condizioni al momento non sembrano gravi, mentre la donna ha riportato una frattura allo sterno e contusioni guaribili in 20 giorni. 

r.c.

Foto d”archivio

Giovedì nero sulle strade, incidente lungo la Montanara e a Castel San Pietro
Cronaca 21 Luglio 2018

Denunciati due pirati della strada: uno si è costituito, l'altra è stata tradita dalla targa

Due buone notizie sul fronte degli incidenti e della civiltà al volante: hanno un volto e un nome i due automobilisti che recentemente avevano provocato altrettanti incidenti stradali a Imola allontanandosi subito dopo senza prestare soccorso alle malcapitate vittime.

Ieri pomeriggio un ventitreenne si è presentato nella caserma dei carabinieri accompagnato dal suo avvocato dichiarando di essere l’investitore del ventenne che martedì pomeriggio era stato travolto mentre era in sella ad una bicicletta tra via Marconi e via Scarabelli. Il ventenne era stato soccorso e ricoverato al Maggiore di Bologna. Il colore grigio dell’auto notata dal ciclista corrisponde a quello dell’utilitaria utilizzata dal ventitreenne al momento dei fatti e intestata alla madre. 

I carabinieri stessi, invece, hanno individuato l”autrice di un incidente stradale avvenuto giovedì mattina in via Bel Poggio. In quel caso era rimasta ferita una quarantaquattrenne alla guida di una Volkswagen Polo. L”altra auto era una Renault Modus che i militari hanno scoperto essere quella di una sessantasettenne. Una ricerca facilitata dal fatto che la targa della Renault al momento dell’impatto si era staccata ed era caduta per terra.

Entrambi i pirati della strada sono stati sanzionati ai sensi dell’articolo 189 del Codice della Strada perché hanno omesso di fermarsi e di prestare soccorso. La patente è stata ritirata ad entrambi immediatamente come sanzione accessoria per la fuga. Poi sono stati denunciati e ora rischiano una condanna da 1 a 3 anni di carcere, che per i neopatentati è aggravata, ma sarà il giudice a decidere durante il processo, così come sulla durata della sospensione della patente che potrà andare da 1 a 3 anni. (l.a.)

Foto d”archivio

Denunciati due pirati della strada: uno si è costituito, l'altra è stata tradita dalla targa

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast