Posts by tag: Mordano

Sport 21 Aprile 2020

Le 16 «bandiere» scelte da «sabato sera» in 50 anni di pallamano

La storia di quasi 50 anni della nostra pallamano ha imposto scelte e valutazioni che faranno discutere gli appassionati di questo sport. Ci è sembrato giusto, visto che il «gioco» imponeva 16 nomi, privilegiare chi è arrivato in Nazionale partendo da Imola o Mordano e chi, nelle rispettive squadre, ha avuto un ruolo fondamentale nel tempo. Anche perché spesso da queste parti le risorse sono state insufficienti per stare ai vertici e quindi le due cose non sono quasi mai coincise.

Abbiamo cercato anche di dividere equamente le bandiere (capitani, ma non solo) dei periodi storici delle tre squadre di vertice (Hc Imola, Us Mordano e Romagna Handball) privilegiando le due formazioni che sono arrivate a lottare per lo scudetto e a giocare partite europee, cioè la Filomarket di Boris Milevoj e il Romagna di Domenico Tassinari. Senza però tralasciare gli altri due periodi indimenticabili. Vale a dire il Mordano di fine anni ’90 (7 anni nella massima serie) e il Romagna dei primi anni 2000 che è arrivato a metà classifica nel momento in cui la serie A aveva il livello più alto di sempre (4 stranieri). Essendo uno sport «povero», piange ancora di più il cuore a lasciare fuori giocatori che hanno «servito» in maniera egregia per tanti anni le rispettive squadre.

Ecco i 16 nomi scelti dalla nostra redazione in rigoroso ordine alfabetico: Mirco Barberini, Mauro Boschi, Davide Bulzamini, Fabrizio Folli, Matteo Folli, Roberto Fort, Antonino Loreti, Franko Mileta, Simone Ronchi, Daniele Rossi, Maurizio Tabanelli, Alessandro Tarafino, Davide Tassinari, Fabrizio Tassinari, Valter Valenti, Renzo Zardi. (c.a.t.)

Le motivazioni delle scelte giocatore per giocatore su «sabato sera» del 16 aprile.

Nella foto: tutti i 16 giocatori scelti dalla nostra redazione

Le 16 «bandiere» scelte da «sabato sera» in 50 anni di pallamano
Cronaca 20 Aprile 2020

Coronavirus, a Mordano Caffè solidale a distanza per mantenere il contatto

Le persone anziane sono senz’altro la categoria più colpita dall’epidemia da Coronavirus sia dal punto di vista fisico che psicologico. Se i medici e gli infermieri stanno facendo di tutto per vincere la battaglia contro il virus nelle corsie d’ospedale, tanti altri angeli stanno cercando di alleviare le sofferenze dei più deboli attraverso le più svariate forme di aiuto.
Tra questi, vanno annoverati anche gli animatori della cooperativa sociale Ida Poli, che stanno passando ore al telefono a parlare e tenere compagnia agli anziani, che, in tempi normali, frequentano abitualmente i Caffè solidali sparsi per il territorio.

«Non appena l’epidemia ha reso necessaria la sospensione degli incontri, gli animatori hanno proposto di contattare telefonicamente i nostri utenti per capire come stanno, se hanno bisogni particolari, per poi, eventualmente, passare le informazioni ai Comuni perché intervengano» racconta Marco Tullio, responsabile dell’area Animazione della coop. Ida Poli che da anni collabora con gli enti locali del circondario imolese nell’organizzazione degli incontri settimanali dedicati alla socialità della terza età. (Moira Orrù)

Ulteriori particolari nel numero del Sabato sera del 16 aprile

Coronavirus, a Mordano Caffè solidale a distanza per mantenere il contatto
Cronaca 15 Aprile 2020

Coronavirus, i Comuni sui social: dirette, notizie e… arcobaleni per restare in contatto con i cittadini

Comuni differenti, approcci diversi ai social network. È variegato il panorama degli utilizzi che le Amministrazioni del circondario imolese hanno fatto delle pagine Facebook dei propri Comuni in queste settimane di emergenza coronavirus.

Castel del Rio ha deciso di puntare esclusivamente sulle informazioni di pubblica utilità, sfruttando la pagina Facebook per condividere i contenuti già pubblicati sui siti internet del Comune e della Città metropolitana.

A fianco delle informazioni utili, Fontanelice ha lanciato due iniziative per i più piccoli: l’album di disegni «Andrà tutto bene», raccolti attraverso l’indirizzo e-mail tuttobenefontanelice@outlook.it che ha già raccolto una quarantina di disegni,e il progetto «Una rete per restare vicini», che coinvolge il nido d’infanzia La chiocciola, con letture e attività di gioco ed esplorazione proposte dagli educatori (il sabato) e «Pillole educative a distanza » a cura del coordinatore psicologico (il mercoledì).

Borgo Tossignano non ha una sua pagina Facebook e tutto passa attraverso quella del primo cittadino Mauro Ghini, dalle informazioni di pubblica utilità, anche per mezzo di video, alle iniziative messe in campo in paese: il servizio di consegna a domicilio della spesa e dei farmaci, il progetto per bambini «Resta a casa e… libera la fantasia!», con la raccolta di disegni attraverso il numero WhatsApp 371/3844726, e la raccolta di fondi Insieme si può-Borgo Tossignano contro il coronavirus.

Oltre alle informazioni utili, anche Mordano punta a mantenere un contatto privilegiato con i più piccoli, con la raccolta di disegni attraverso l’indirizzo e-mail ibambinidimordano@virgilio.it. E il primo cittadino Nicola Tassinari aggiorna i cittadini sui bollettini resi noti dall’Ausl di Imola e sui dati che interessano più da vicino il suo Comune sul proprio profilo Facebook personale.

Dozza si presenta molto simile a Castel del Rio, rilanciando principalmente i contenuti dei siti internet del Comune, dell’Ausl, della Città metropolitana e della Regione Emilia Romagna. Anche nel Borgo dipinto, però, è partita l’iniziativa Stai in casa, il servizio di consegna a domicilio della spesa e dei farmaci organizzato dall’Associazione anziani per l’impegno sociale Rambaldi e dalla Caritas parrocchiale di Toscanella.

Informazioni utili e aggiornamento sui dati che riguardano il territorio anche a Castel Guelfo, dove la Giunta invita anche ad ascoltare Radioimmaginaria (la radio degli adolescenti che ha la sua sede principale proprio in paese) e i suoi ospiti sia in streaming su internet, sia su LepidaTv, canale 118 del digitale terrestre, su cui lunedì 30 marzo ha debuttato il format IntERvallo 182, in onda dal lunedì al venerdì pomeriggio, dalle 15 alle 16. (lu.ba.)

L’approfondimento dedicato al Comune di Casalfiumanese nel numero del Sabato sera del 9 aprile

Coronavirus, i Comuni sui social: dirette, notizie e… arcobaleni per restare in contatto con i cittadini
Cronaca 7 Aprile 2020

Due scuole imolesi e una di Mordano fra i vincitori del concorso «Digi e lode» di Hera

Sono la primaria Pelloni-Tabanelli di Imola, la primaria di Sesto imolese e la media Pascoli di Mordano le tre scuole del circondario che si sono aggiudicate complessivamente 7.500 euro (2.500 ciascuna) nell’ambito del concorso Digi e Lode del gruppo Hera.

I premi serviranno per finanziare progetti di digitalizzazione scolastica scelti in autonomia dagli istituti con beneficiari gli studenti. Nelle scorse edizioni i premi sono stati utilizzati per l’acquisto, tra gli altri, di monitor touch, lavagne interattive multimediali, videoproiettori, notebook e tablet, microscopi elettronici, percorsi formativi sulla progettazione tridimensionale, pc, webcam, stampanti 3D e laser. (r.cr.)

Una immagine delle premiazioni precedenti

Due scuole imolesi e una di Mordano fra i vincitori del concorso «Digi e lode» di Hera
Cronaca 7 Aprile 2020

357 nuovi residenti nel Circondario nel 2019. Mordano il Comune più gettonato (in proporzione)

Continuano ad aumentare gli abitanti della città metropolitana di Bologna: al 31 dicembre 2019 si contano 1 milione e 018.685 residenti, divisi fra 527.118 femmine e 491.567 maschi.
Un incremento dello 0,4% (corrispondente a 4.066 persone) rispetto all’anno precedente, in controtendenza rispetto al dato nazionale che segna un -0,19%.
In termini assoluti, si tratta della crescita più rilevante dal 2013, quando l’aumento era stato di circa 10.000 unità.

Crescono anche gli abitanti di Imola e del circondario: +0,27%, pari a 357 persone, per un totale di 133.631 residenti, di cui 68.501 femmine e 65.130 maschi.
L’incremento più significativo si registra a Mordano: +1,52%, corrispondente a 71 nuovi abitanti. Il calo maggiore, invece, a Castel del Rio: -1,23%, pari a 15 abitanti in meno.

I cittadini stranieri sono 13.696, in media il 10,2% della popolazione (la percentuale varia dall’8,3% di Medicina al 13,1% di Mordano, Imola è al 10,8), fra cui 7.515 femmine e 6.181 maschi. (r.cr.)

357 nuovi residenti nel Circondario nel 2019. Mordano il Comune più gettonato (in proporzione)
Cronaca 31 Marzo 2020

Coronavirus, posticipata al 2021 la Sagra dell'agricoltura di Mordano

La trentaquattresima edizione della Sagra dell’agricoltura di Mordano prevista a giugno è stata posticipata all’anno prossimo, a causa dell’emergenza coronavirus.
«E’ un evento che necessita di tempi organizzativi abbastanza lunghi – spiega Renato Folli, presidente del Comitato direttivo, che ha già informato della decisione il primo cittadino di Mordano Nicola Tassinari – e pertanto non è possibile attendere per capire come si evolverà la situazione».

Una scelta presa in primo luogo «nell’ottica di preservare la salute pubblica – aggiunge Folli – , nonostante la Sagra da quasi quarant’anni rappresenti un evento identitario importante, una vetrina delle eccellenze commerciali, artigianali, culturali, un momento di socialità in cui tutta la comunità mordanese si riconosce».

Inoltre, «la crisi che colpisce l’economia industriale, l’artigianato, il settore metalmeccanico, manifatturiero e finanziario è pesante per tutte le aziende che hanno sempre sostenuto la Sagra – continua il patron – . Per questo motivo i soci non intendono mettere in difficoltà le numerose aziende, banche, sponsor o amici che hanno sempre creduto nella manifestazione, andando a chiedere contributi in un momento così difficile. I costi da sostenere per una manifestazione di così ampio raggio e partecipazione sono elevati. Il solo lavoro dei volontari, giovani e meno giovani, non è sufficiente e le spese per il compenso della forza lavoro esterna diventa insostenibile per un’associazione che lavora non a scopo di lucro, ma con fine benefico». (r.cr.)

Coronavirus, posticipata al 2021 la Sagra dell'agricoltura di Mordano
Cronaca 18 Febbraio 2020

La legalità secondo Daniele Nicastro. A Mordano incontro con l'autore di libri per ragazzi

Si parlerà di legalità con l”autore di libri per ragazzi Daniele Nicastro alla biblioteca comunale di Mordano, questa sera, alle ore 20.30.
«E” roba per i mafiosi – scrive nel suo libro Grande (edizioni Einaudi Ragazzi) in cui tratta il tema della mafia – e io non sono uno di loro, nemmeno ci assomiglio! Me li immagino con la lupara e lo stuzzicadenti in bocca… Ok, forse sto esagerando, sono così nei film, che ne so io come sono nella vita reale?».
La legalità secondo Daniele Nicastro. A Mordano incontro con l'autore di libri per ragazzi
Cronaca 17 Febbraio 2020

A marzo iniziano i lavori della ciclopedonale del Santerno

Dovremmo davvero esserci stavolta per l’avvio dei lavori per la realizzazione della pista ciclopedonale del Santerno. Dopo vari ritardi, a fine 2019 è avvenuta l’aggiudicazione dei lavori a favore della ditta Tmg Srl di Berbenno di Valtellina (Sondrio), che ha proposto un ribasso d’asta del 13,44% sul previsto importo lavori di 2,5 milioni di euro.

Come si ricorderà l’opera, destinata a collegare Mordano con Castel del Rio passando da Imola, Casalfiumanese, Borgo Tossignano e Fontanelice, ha un costo preventivato di 3,5 milioni di euro, dei quali 2,6 finanziati dal Bando periferie dei Governi Renzi e Gentiloni e 914 mila euro a carico dei Comuni interessati, con la fetta più consistente, 563 mila euro, di competenza del Comune di Imola.

Area Blu per conto dei Comuni ha gestito le fasi di progettazione fino al bando di gara, pubblicato in autunno e concluso a dicembre.
L’inizio dei lavori veri e propri è previsto per la seconda metà di marzo, quando sarà stato sottoscritto il contratto di appalto e saranno completati tutti i rilievi e le verifiche necessari perché si tratta di un’opera lunga e complessa.
Già questa settimana, però,sono state avviate le operazioni di pulizia e tracciamento del tratto nei territori di Imola e Castel del Rio, mentre da domani tali operazioni saranno estese anche a Mordano, Casale e Borgo, infine a Fontana a partire da inizio marzo. (mi.ta.)

Ulteriori particolari nel numero del Sabato sera del 13 febbraio

A marzo iniziano i lavori della ciclopedonale del Santerno
Elezioni 27 Maggio 2019

Speciale Comunali 2019: Albertazzi ancora sindaco a Dozza, a Mordano vince Tassinari, Franceschi conquista Castel Guelfo

Finita l”attesa per i risultati delle elezioni amministrative 2019. Il Ministero dell”Interno, infatti, ha reso noto i dati ufficiali per ogni Comune.

A Dozza si è riconfermato sindaco Luca Albertazzi, con la lista Progetto Dozza, che ha conquistato ben il 70,61% dei voti (2.393). Niente da fare, quindi, per lo sfidante Leonardo Vanni che, con Insieme per Dozza, si è fermato al 29,39% (996 voti).

In un certo senso la continuità è stata premiata anche a Mordano. L”ex assessore della Giunta uscente Nicola Tassinari, infatti, con la lista Un Comune una Comunità, ha ottenuto il 64,34% dei voti (1.604), mentre Fabio Minzoni di Patto civivo gente in Comune ha raggiunto solo il 35,66% (889 voti).

Chiude Castel Guelfo. L”ex vicesindaco Claudio Franceschi (Insieme per Castel Guelfo) ha conquistato la fascia tricolore con il 48,90% dei voti (1.182) davanti a Gianni Tonelli di Lega Salvini Premier – Fratelli d”Italia (32,77%, 792 voti) e Francesco Dalto di La tua Castel Guelfo (18,33%, 443 voti). (d.b.)

Nella foto: da sinistra Albertazzi, Tassinari e Franceschi

Speciale Comunali 2019: Albertazzi ancora sindaco a Dozza, a Mordano vince Tassinari, Franceschi conquista Castel Guelfo
Economia 19 Aprile 2019

Parziale chiusura durante le feste pasquali per la Cooperativa Ceramica e per la Florim di Mordano

Anche il settore ceramico risente del rallentamento che sta riguardando l’economia italiana. Secondo Confindustria Ceramica, «nel 2018 l’industria italiana delle piastrelle, dopo un quinquennio di continua crescita, ha registrato una battuta d’arresto di produzione, vendite ed export». Un trend che a fine anno il presidente di Confindustria ceramica, Giovanni Savorani, motivava in questi termini: «Il commercio internazionale di tutti i settori risente delle crescenti tensioni commerciali a livello mondiale, e in particolare tra Stati Uniti e Cina, che generano incertezza presso consumatori e operatori professionali. Recenti analisi dimostrano che i Paesi che soffrono maggiormente di questa situazione sono i forti esportatori e quelli dall’elevato debito pubblico, condizioni entrambe che riguardano l’Italia».

I dati Istat, riportati da Unioncamere Emilia Romagna, dicono che nel 2018 il settore dell’industria ceramica, alla voce export, è l’unico ad aver chiuso con una dinamica negativa (-3,5%). Questo è il contesto che sul finire del 2018 ha spinto alcune aziende ad allungare la tradizionale fermata natalizia per evitare un accumulo eccessivo di scorte. Le fermate si ripeteranno in via eccezionale anche in occasione delle prossime festività pasquali. E’ anche vero che quest’anno il calendario vede cadere nella stessa settimana il Lunedì di Pasqua e il 25 Aprile, concomitanza che ha fatto optare anche le aziende del nostro territorio per una chiusura straordinaria.

In Cooperativa ceramica d’Imola il «fermo» andrà dal 20 aprile al 5 maggio compresi. Dei circa 1.160 lavoratori all’attivo faranno eccezione gli impiegati e gli addetti del magazzino spedizioni oggi centralizzato in via Correcchio e sempre aperto. Inoltre, nello stabilimento di Faenza i tre reparti di rettifica, lappatura e cernita resteranno chiusi solo a rotazione. Questo per permettere alle maestranze di evadere una grossa commessa, arrivata un paio di settimane fa da un nuovo cliente americano. Anche alla Florim di Mordano, dove lavora una settantina di addetti, il reparto grès andrà in ferie dal 20 aprile al 1° maggio compresi. Forni sempre accesi, invece, nel nuovo reparto 4.0, oggi interconnesso al nuovo polo produttivo che l’azienda ha avviato a inizio anno a Fiorano Modenese, che continuerà a produrre le grandi lastre. Il mercato premia i grandi formati, che nel 2018 in Florim hanno visto aumentare le vendite di circa il 3%. (lo.mi.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 18 aprile

Parziale chiusura durante le feste pasquali per la Cooperativa Ceramica e per la Florim di Mordano

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast