Posts by tag: vaccinazione

Cronaca 18 Giugno 2021

Coronavirus, in calo i casi attivi a Imola. L’Italia sarà bianca da lunedì ma mini quarantena e tampone per chi viene dalla Gb

La situazione epidemiologica del circondario imolese continua ad essere buona con appena 79 casi attivi, sostanzialmente stabili negli ultimi giorni, con i 4 nuovi positivi odierni ampiamente compensati dalle 6 guarigioni. Rimane ancora una persona ricoverata in terapia intensiva a Bologna. I nuovi positivi sono tutti asintomatici e individuati tramite tracciamento; 1 è nella fascia d’età 15-24 anni, 1 nella fascia 25-44 anni, 2 nella fascia 45-64 anni. 

Poi c’è il tema caldo delle vaccinazioni: 88.735 quelle fatte nei centri vaccinali dell’Azienda usl di Imola tra prime e seconde dosi, 3.815 quelle eseguite dai medici di medicina generale e 2.178 all’hub Medical Centre Autodromo Sacmi-Cefla per i dipendenti delle due coop. e un’altra quarantina di aziende. Dopo l’apertura delle agende per la fascia dei 20-24enni due giorni fa (sono 1676 quelli che hanno prenotato tra i residenti del circondario imolese), ora è possibile prenotare la vaccinazione a prescindere dall’età. Per chi ha meno di 60 anni sono previste esclusivamente dosi di vaccino Pfizer o Moderna, come da indicazioni nazionali. Sono state somministrate complessivamente oltre 3 milioni e 370 mila dosi in Emilia Romagna, sul totale, sono circa 1 milione e 200 mila le persone che hanno completato il ciclo vaccinale. 

Anche nella nostra regione continua il calo dei ricoverati e dei casi attivi con appena 71 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 286 ricoverati, di cui 40 in terapia intensiva. Continua però l’onda lunga dei decessi altri 6 oggi tra cui un uomo di 56 anni del Bolognese e non va dimenticato il 15enne modenese deceduto ieri per le conseguenze della Covid-19 dopo tre mesi in terapia intensiva.  

La decrescita dei casi riguarda tutte le regioni italiane, tanto che il ministro della Salute Roberto Speranza ha comunicato oggi in conferenza stampa di aver firmato l’ordinanza che decreta da lunedì il passaggio in zona bianca per tutte le regioni tranne la Valle d”Aosta che rimarrà gialla. L”Rt dell’Italia è passato da 0,68 della scorsa settimana a 0,69, un lievissimo aumento che secondo gli esperti della cabina di regia vede comunque ancora stabile l”indice di trasmissibilità delle infezioni . Continua invece la riduzione dell”incidenza, che scende a 16.7 casi ogni 100 mila abitanti rispetto a 25 di 7 giorni fa. 

Il problema è la variante delta (indiana) che imperversa in Inghilterra e in altri Paesi europei. Per ora si sono registrati pochi casi in Italia (con un piccolo focolaio in Sardegna) ma la sua capacità di diffondersi preoccupa, così oggi il ministro Speranza oggi ha firmato un’altra ordinanza che introduce la quarantena di 5 giorni con obbligo di tampone per chi proviene dalla Gran Bretagna. L”ordinanza entra in vigore da lunedì 21 giugno. Inoltre vengono prolungate le misure di divieto di ingresso da India, Bangladesh e Sri Lanka. (l.a.)

Coronavirus, in calo i casi attivi a Imola. L’Italia sarà bianca da lunedì ma mini quarantena e tampone per chi viene dalla Gb
Cronaca 7 Giugno 2021

Coronavirus, 14 nuovi positivi a Imola. Vaccino per i giovani: in poche ore quasi 3000 prenotazioni per 12-19enni

Anche nel circondario di Imola gli adolescenti si mettono in fila per la vaccinazione: non per un open day bensì per prenotare l’appuntamento. Oggi si sono aperte le prenotazioni per la fascia 12-19 anni e alle ore 13 erano già 2951 i prenotati su un totale di 10176 potenziali interessati.

Nel frattempo sono saliti ad oltre 8.300 i residenti nel circondario imolese tra i 40 ed i 49 anni che hanno l’appuntamento per la vaccinazione (attraverso l’email dell’Ausl o il contatto del medico di famiglia per chi si era candidato oppure tramite i normali canali Cup). Nel circondario sono ora 52.653 le prime dosi somministrate e 25104 coloro che hanno ricevuto anche la seconda, quindi potenzialmente immunizzati su un totale di poco più di 130 mila abitanti (di cui oltre 12 mila haavuto il Covid). 

La scelta di iniziare con i giovanissimi nasce dalla volontà di garantire con ampio margine temporale per l”immunizzazione di chi a settembre dovrà tornare tra i banchi di scuola. Dopo di loro si procederà mercoledì 9 con le prenotazioni per i 35-39enni, venerdì 11 per i 30-34enni e poi via a seguire con finestre distanziate di due o tre giorni per le altre fasce di età dei ventenni. La possibilità di prenotarsi resterà sempre aperta a partire dalla data di sblocco delle finestre per consentire a tutti coloro che lo vorranno di ricevere il vaccino.  

Sempre oggi si sono aperte le registrazioni anche per i lavoratori e gli operatori del comparto turistico regionale attraverso il sito della Regione https://candidaturacovid.lepida.it/. Saranno quindi contattati direttamente dalle Aziende usl per ottenere la somministrazione nei punti vaccinali dei territori. L’obiettivo è raggiungere il più velocemente possibile gli addetti delle strutture ricettive, compreso quello del servizio di pulizia e gli animatori, anche delle strutture all’aria aperta (camping, villaggi turistici, ecc) e degli stabilimenti balneari – operatori del servizio di salvamento inclusi – degli impianti termali e dei parchi tematici in fase di registrazione devono compilare l’autocertificazione relativa alla mansione svolta e portare il documento al momento della vaccinazione. È stata approvata dalla Giunta regionale la convenzione con le associazioni di categoria maggiormente rappresentative del turismo (Confesercenti e Confcommercio, Legacoop, Agci, Confcooperative) per la ripartizione dei costi marginali della campagna.  

“I giovani vogliono vaccinarsi – ha dichiarato l’assessore alle Politiche per la salute Raffaele Donini. Il 41% degli emiliano-romagnoli, più di un milione e 800mila persone, hanno già ricevuto una somministrazione, e circa il 24%, oltre un milione e 60mila, ha già completato il ciclo. “Siamo vicini a una massa critica significativa di persone vaccinate almeno con una dose – ha aggiunto Donini -, se aggiungiamo anche i guariti dal Covid possiamo ben sperare sia per la zona bianca lunedì prossimo, considerando i dati sull’incidenza delle ultime due settimane, sia per l’estate alle porte. Non dobbiamo però dare l’idea che la ‘guerra’ sia finita e che non siano più necessarie tutte le misure di prevenzione e sicurezza per limitare i rischi di contagio- ha concluso”. 

Tra ieri e oggi, ad esempio, sono 14 i nuovi positivi refertati dall’Ausl di Imola (10 ieri e 4 oggi). Dei nuovi casi, 4 sono asintomatici individuati tramite tracciamento; 3 positivi hanno meno di 14 anni, 3 sono nella fascia 15-24 anni, 3 nella fascia 25-44 anni, 8 nella fascia 45-64 anni. Si registrano anche 18 guarigioni, i casi attivi scendono a 102. I ricoverati sono attualmente 3 in terapia intensiva e 2 nel reparto Malattie infettive del Sant’Orsola, tutti sono centralizzati a Bologna dato che da sabato scorso il Santa Maria della Scaletta di Imola è Covid free. Nel corso della seconda e terza ondata pandemica (da novembre 2020 a maggio 2021) il reparto Covid internistico del terzo piano dell’ospedale imolese ha ricoverato ben 709 pazienti. (l.a.)

Nella foto il centro vaccinale della Tozzona a Imola

Coronavirus, 14 nuovi positivi a Imola. Vaccino per i giovani: in poche ore quasi 3000 prenotazioni per 12-19enni
Cronaca 21 Maggio 2021

Coronavirus, 7 nuovi positivi per Imola. Primo caso di variante indiana a Medicina. “Per ora non ci preoccupa. Spingiamo sulle vaccinazioni”

Sono 7 i nuovi positivi oggi, su quasi 700 test tra molecolari e antigenici rapidi refertati dall’Ausl di Imola. I guariti sono 5, i casi attivi 225. I ricoveri internistici rimangono solo 3, scendono a 7 (-1) i ricoveri in terapia intensiva (2 ad Imola). Dei nuovi casi, 2 sono asintomatici individuati tutti tramite tracciamento; 2 sono nella fascia 25-44 anni, 4 nella fascia di età 45-64 anni e uno ha più di 65 anni.  

Nel resto dell’Emilia Romagna sono 412 i nuovi casi di Coronavirus individuati su quasi 21.800 tamponi. Si contano ancora sette morti, tutti nel Bolognese, di età compresa fra i 56 e i 93 anni. Ma scendono sotto quota mille i ricoveri complessivi per Covid-19: in terapia intensiva ci sono ad oggi 127 pazienti (-10) e negli altri reparti sono 851 (-36). Le guarigioni sono 903, i casi attivi scendono ancora a 21.208. Dei nuovi positivi 154 sono asintomatici, 113 individuati attraverso screening e contact tracing, 232 sono stati individuati all’interno di focolai già noti; l”età media dei contagiati è di 36 anni. Le province con il maggior numero dei casi sono Bologna (100 compresi i 7 dell’Imolese) e Parma (79), seguono Modena (66), Reggio Emilia (38) e Ravenna 31; poi Rimini (27 casi) e Cesena (23 casi), quindi Forlì (20), Piacenza e Ferrara (entrambe con 14 casi). 

Un caso di variante indiana è stato identificato ieri in una persona che abita a Medicina e lavora a Budrio. Si tratta del primo caso di Sars CoV-2  variante indiana di tutta l’area bolognese. Il sequenziamento dei materiali biologici fatto dalla Microbiologia del Policlinico di Sant’Orsola ha visto poi l’intervento dell’unità operativa di Microbiologia dell’Ausl della Romagna che ha identificato il ceppo virale come appartenente al lineaggio  B.1.617.1 (uno dei tre che compongono il mosaico genetico della variante indiana). Al momento “non rappresenta una situazione di potenziale peggioramento epidemiologico in quanto il virus non ha, allo stato attuale delle conoscenze, dimostrato caratteristiche di maggiore trasmissibilità rispetto alla variante inglese (B.1.1.7) ora predominante in Italia” precisano dall’Ausl della Romagna. 

Le informazioni ufficiali dei laboratori hanno confermato l’ipotesi avanzata qualche giorno fa dal direttore generale dell’Ausl, Andrea Rossi sul “sabato sera” in edicola questa settimana. “Per ora non ci preoccupiamo. Il numero delle malattie, in particolare gravi, rimane minimo” aveva dichiarato Rossi.

“Ad oggi anche le varianti del Coronavirus rispondono al vaccino – ha ricordato Rossi -. Per questo spingiamo per accelerare le vaccinazioni”. Prosegue a pieno ritmo la campagna vaccinale dell’Ausl di Imola con altre 1241 vaccinazioni eseguite ieri, quasi un record, con un totale di complessive 38952 prime dosi somministrate e 22149 persone che hanno ricevuto anche la seconda dose. (l.a)

Coronavirus, 7 nuovi positivi per Imola. Primo caso di variante indiana a Medicina. “Per ora non ci preoccupa. Spingiamo sulle vaccinazioni”
Cronaca 19 Maggio 2021

Coronavirus, 13 nuovi positivi a Imola. Rossi (Ausl): “La curva scende. Ma vaccino rimane unica soluzione”

Gli indici dell’epidemia continuano a calare nei dieci comuni dell’imolese tanto che il direttore dell’Ausl di Imola, Andrea Rossi, ha confermato oggi che il “circondario ha numeri da zona bianca. La curva scende ancora e non abbiamo rimbalzi, l’incidenza settimanale scende così come le ammissioni CoviD da pronto soccorso”.

In controtendenza solo Medicina e Castel Guelfo, soprattutto per piccoli focolai scolastici e familiari sui quali Rossi ha avviato una “verifica sul genoma del virus alla ricerca di varianti”.

Oggi sono 13 i nuovi positivi refertati dall’Ausl di Imola, su circa 600 tamponi tra molecolari e antigenici rapidi. Ma i guariti sono 21, i casi attivi quindi scendono a 241. I ricoveri sono 5 (-1) nei reparti internistici e 1 (-1) in ECU, 8 (+1) i ricoveri in terapia intensiva (di cui 2, cioè uno in meno, a Imola). Dei nuovi positivi solo 2 sono asintomatici individuati tutti tramite tracciamento; 3 hanno meno di 14 anni, 1 è nella fascia 15-24, 4 sono tra i 25 ed i 44 anni, 2 sono nella fascia di età 45-64 e 2 hanno più di 65 anni.

Situazione analoga nel resto dell’Emilia Romagna dove calano ancora i casi giornalieri di positività: 328, individuati sulla base di 23.121 tamponi, fra molecolari e antigenici. Le persone guarite sono 583, i casi attivi scendono a 22.014. Calano ancora i ricoverati: 145 (-4) i pazienti in terapia intensiva e 937 (-66) quelli negli altri reparti Covid. Ci sono però altri 9 morti, di età compresa fra i 62 e gli 89 anni. Dei nuovi casi, 131 sono asintomatici, 188 sono stati individuati all’interno di focolai già noti, 86 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing. L”età media è di 37,8 anni. 

Prosegue nel frattempo la campagna vaccinale con ben 1114 vaccinazioni eseguite ieri dall’Ausl di Imola, per un totale di complessive 37.426 prime dosi e 21.335 seconde dosi somministrate. “Il vaccino rimane l’unica soluzione” conclude Rossi che aggiunge «nel circondario imolese un terzo della popolazione è stato già immunizzato con almeno una dose». (l.a) 

SUL “SABATO SERA” IN EDICOLA DA DOMANI 20 MAGGIO L’INTERVISTA AL DIRETTORE DELL’AUSL ROSSI CON I DETTAGLI E LE RISPOSTE AI QUESITI SU UN’EPIDEMIA CHE PARE IN RITIRATA

Nella foto l”assesore regionale alla Salnità Raffaele Donini con (a destra) il direttore dell”Ausl di Imola Andrea Rossi. Nella tabella le persone vaccinate comune per comune nel circondario di Imola in base alle fasce di età (fonte Ausl di Imola)

Coronavirus, 13 nuovi positivi a Imola. Rossi (Ausl): “La curva scende. Ma vaccino rimane unica soluzione”
Cronaca 16 Maggio 2021

Coronavirus, solo 6 nuovi casi a Imola. Vaccini: al via le “candidature” dei 40enni. Bonaccini: “Prima completiamo i 60-70enni'

Continuano a scendere i casi attivi (malati positivi) nei dieci comuni del circondario di Imola. Rispetto ad ieri aumentano leggermente i pazienti in terapia intensiva: 7(+1) (di cui sempre 3 a Imola), stabili i ricoveri internistici (7) e quelli in Ecu (2). I guariti sono 7, i casi attivi quindi calano a 259. Oggi sono 6 i nuovi positivi, su oltre 800 tamponi tra molecolari e antigenici rapidi refertati dall’Azienda sanitaria imolese. Dei nuovi casi, 3 sono asintomatici individuati tramite tracciamento, altrettanti sono riferibili ad un focolaio noto; 1 ha meno di 14 anni, 2 tra i 25 ed i 44 anni, 2 tra i 45 e 64 anni, 1 ha più di 65 anni.

In regione sono 452 i nuovi casi di positività al Coronavirus su 14.163 tamponi eseguiti (pochi come di solito avviene nel fine settimana). I guariti sono 1.730, i casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi scendono a 23.429. I pazienti in terapia intensiva sono 157 (-3) e 1.042 (-15) quelli negli altri reparti Covid. Si registrano 7 decessi, tra cui una donna di 51 anni nel Piacentino. Dei nuovi contagi, 214 sono asintomatici, 170 individuati sulla scorta dell”attività di tracciamento e screening, 277 sono stati individuati all’interno di focolai già noti; l’età media è 37,3 anni. Tra le province in testa ancora Bologna con 92 nuovi casi più i 6 dell’Imolese, a seguireta  Modena (88), Parma (69), Reggio Emilia (50), Rimini (46), Ravenna (23), Ferrara (21), Forlì (19), Cesena (19), Piacenza (19). 

Prosegue la campagna vaccinale: 772 le iniezioni eseguite ieri dall’Ausl di Imola, che portano il totale  35.570 prime dosi somministrate e 20.747 seconde dosi. In regione siamo oltre le 2milioni e 100 mila dosi complessive. Tra i vaccinati altri due sindaci del territorio: Claudio Franceschi di Castel Guelfo e Luca Lelli di Ozzano Emilia. “Quando toccherà a voi, non sottraetevi a questo dovere che mette ognuno di noi al sicuro da eventuali sorprese ed è l’unica strada per poter tornare ad una vita normale” ha commentato sulla sua pagina Fb Franceschi.

E da domani sarà possibile anche alle persone tra i 40 ed i 49 anni compresi iscriversi sul form regionale https://candidaturacovid.lepida.it/#/auth per candidarsi alla vaccinazione, che avverrà tramite il proprio medico di famiglia. Sono circa 17.100 i potenziali interessati nel circondario imolese (al netto di circa 2.300 persone che hanno già avviato il ciclo vaccinale per priorità professionale o patologica).

“Prima di fare un quarantenne sano mi preoccupo di chi ha patologie o di chi ha 60-70 anni e ancora non abbiamo fatto”. Così il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, a margine della visita all”hub vaccinale di Rimini un paio di giorni fa. Una precisazione di fronte all’ulteriore rapida accelerata sui 40enni voluta dal commissario Figliuolo, analogamente a quanto fatto da giovedì 13 maggio per i 50-54enni.

Le Aziende sanitarie hanno già detto che per ricevere l’appuntamento, sia i 40enni che i 50-54enni, dovranno attendere l’arrivo della prossima fornitura di vaccini, quindi almeno l’inizio di giugno. “Vogliamo evitare di dare una data che non è possibile garantire”, ha sottolineato Bonaccini.

Ad oggi sono 3000 le persone tra i 50 ed i 54 anni del circondario imolese che si sono già iscritte sul form e che ora attendono, entro la prima settimana di giugno, di essere contattate dal proprio medico di famiglia per l”appuntamento vaccinale. (l.a.)

IL LINK AL FORM PER LA REGISTRAZIONE

Nelle foto vaccinazione per Claudio Franceschi e Luca Lelli

Coronavirus, solo 6 nuovi casi a Imola. Vaccini: al via le “candidature” dei 40enni. Bonaccini: “Prima completiamo i 60-70enni'
Cronaca 15 Maggio 2021

Coronavirus, ancora una vittima a Medicina, ma scendono i casi attivi e solo 6 nuovi positivi nel circondario di Imola

Prosegue il trend positivo dell’epidemia da Coronavirus nel circondario imolese con pochi nuovi contagi e ricoveri. Purtroppo, però, oggi si registra ancora un decesso: un anziano di 94 anni residente Medicina. Nel bollettino dell’Ausl di Imola sono solo 6 i nuovi positivi, su quasi 700 test tra molecolari e antigenici rapidi refertati. I guariti sono 13, quindi i casi attivi scendono a 260 (i contagi si attestano a 12.476 dall’inizio della pandemia un anno fa). Invariata la situazione dei ricoveri: 7 i pazienti Covid nei reparti internistici, 2 in Ecu e 6 in terapia intensiva (3 ad Imola).

Dei nuovi positivi, 5 sono asintomatici, 4 individuati tramite tracciamento; 2 hanno meno di 14 anni, 2 da 15 a 24 anni, uno è nella fascia 25-44 anni e uno in quella 45-64 anni.

La campagna vaccinale dell’Ausl ha segnato ieri ben 1005 “punture” ieri, portando il totale dall’avvio a 34.915 prime dosi somministrate nel circondario imolese e 20.630 persone che hanno ricevuto anche la seconda. 

Situazione analoga nel resto dell’Emilia Romagna con 503 nuovi contagi oggi sulla base di 26.103 tamponi, fra molecolari e antigenici. I guariti sono 2.684, i casi attivi scendono a 24.719, di cui il 95% è in isolamento domiciliare perché non richiede cure particolari. I pazienti in terapia intensiva si confermano 160 come ieri, ma quelli ricoverati negli altri reparti Covid scendono ancora a 1.057 (-79). Si contano altre 14 vittime, la più giovane una 64enne nel Bolognese; dall”inizio della pandemia, il totale delle vittime in Emilia Romagna è di 13.081.

Dei nuovi positivi odierni più della metà, 295, sono asintomatici, 175 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 326 sono stati individuati all’interno di focolai già noti; l’età media è 37,5 anni. La situazione dei contagi nelle province vede ancora una volta Bologna in testa con 117 nuovi casi a cui vanno aggiunti i 6 dell’Imolese, seguita da Parma (100), Modena (85) e Reggio Emilia (81). Poi Rimini (35), Ravenna (31), Cesena (23), Forlì (22), Piacenza (16), Ferrara (14). (r.cr.)

Coronavirus, ancora una vittima a Medicina, ma scendono i casi attivi e solo 6 nuovi positivi nel circondario di Imola
Cronaca 12 Maggio 2021

Coronavirus, giù casi attivi e ricoveri a Imola. Vaccini: come prenotano i 50-54enni. Bologna darà una Medaglia d’oro a Bonazzi

Sono 10 i nuovi positivi oggi, su 700 tamponi tra molecolari e antigenici rapidi refertati. I guariti sono 28, i casi attivi scendono così a 278. In ospedale i ricoveri Covid sono 4 (+1) nei reparti internistici, 2 (+1) in Ecu, scendono a 8 (-1) in terapia intensiva (3 ad Imola) e 2 in Covid Hotel. Dei nuovi casi, 2 sono asintomatici; 4 hanno meno di 14 anni, 3 tra i 25 e i 44 anni, 2 da 45 a 64 anni, 1 ha più di 65 anni.

Situazione epidemiologica è in netto miglioramento nella Giornata internazionale dell”infermiere. Proprio in questa occasione a Bologna il sindaco Virginio Merola ha annunciato l”intenzione di conferire a Sergio Bonazzi, l’infermiere di Casalfiumanese che lavorava al Sant”Orsola morto per Covid, la Medaglia d”oro al valore civico, riconoscimento intitolato all”ex sindaco Giorgio Guazzaloca.

Nel resto della regione la situazione epidemiologica è analoga a quella dell’Imolese, e diminuiscono nettamente anche i decessi. Sono 509 i nuovi casi di Coronavirus individuati su poco più di 22mila tamponi. Scendono ancora i ricoveri: in terapia intensiva ci sono 178 persone (-8) e 1.239 negli altri reparti Covid (-55). Le vittime sono 7, fra cui un bolognese di 52 anni. I guariti sono 2.843, i casi attivi calano a 26.531. Dei nuovi casi 219 sono asintomatici, 175 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing; l’età media è di 36 anni. La situazione dei contagi nelle province vede Parma in testa oggi con 118 nuovi casi, seguita da Reggio Emilia (101), poi Bologna (57 più i 10 dell’Imolese), Rimini (57), Ravenna (44), Forlì (38). Quindi Modena (28), Cesena(25), Ferrara (18), Piacenza (13). 

Nel frattempo prosegue la campagna vaccinale. Sono oltre 1 milioni le dosi somministratte in Emilia Romagna, hanno completato il ciclo vaccinale 677.749 persone. Per quanto riguarda il circondario imolese sono 53.388 le vaccinazioni totali da avvio campagna, di cui 33.785 prime dosi e 19.603 seconde dosi. 

Da domani si aprono le prenotazioni per la vaccinazione per l’ultima fascia dei cinquantenni, ovvero per i nati dal 1967 al 1971 compresi (50 – 54 anni). Le modalità sono diverse da quelle seguite fino ad ora e coinvolgono per la somministrazione delle dosi i medici di famiglia. Nel circondario sono circa 10.800 le persone interessate, di cui oltre 2000 già vaccinate almeno con una prima dose per motivazioni professionali o di rischio (es. insegnati, sanitari, liste per patologia).

Ma attenzione, non si dovrà chiamare il proprio medico per prenotare, bensì compilare il form sul sito della Regione http://salute.regione.emilia-romagna.it/candidature-vaccinazione (con i propri dati anagrafici e recapiti, chi è in possesso delle credenziali Spid, accedendo alla piattaforma attraverso queste troverà i campi già ampiamente pre-compilati velocizzando la propria iscrizione). In seguito ogni medico riceverà i nominativi dei propri assistiti che si sono candidati e potrà programmare gli appuntamenti e contattare in autonomia le persone.

Da ricordare che la vaccinazione di questa fascia d’età non comincerà prima dell’inizio di giugno con i vaccini che verranno consegnati dall’Azienda usl. Per ogni medico di famiglia del circondario si ipotizza da un minimo di 50 ad un massimo di 200 assistiti quindi non sarebbe stato possibile gestire direttamente le telefonate in ambulatorio. 

Allo stesso link sul sito della Regione potranno prenotarsi anche i caregiver e famigliari di soggetti disabili non autosufficienti certificati articolo 3 comma 3  della legge 104 o i pazienti estremamente vulnerabili che per patologia o terapie in corso sono severamente immunodepressi. In questo caso sarà l’Azienda usl di Imola che contatterà direttamente gli iscritti al form on line per l’appuntamento vaccinale, dopo aver verificato la sussistenza dei requisiti delle persone assistite, che dovranno essere segnalate con l’immissione del codice fiscale. (l.a.)

Nella foto Sergio Bonazzi

Coronavirus, giù casi attivi e ricoveri a Imola. Vaccini: come prenotano i 50-54enni. Bologna darà una Medaglia d’oro a Bonazzi
Cronaca 11 Maggio 2021

Coronavirus, due morti a Imola e Medicina, ma pochi casi attivi e ricoveri. Rossi (Ausl): “Incidenza continua a scendere”

Oggi sono appena 7 i nuovi positivi, su meno di 500 tamponi tra molecolari e antigenici rapidi refertati dall’Ausl. I guariti sono 16, quindi i casi attivi scendono a meno di 300 (296). In ospedale i ricoveri Covid sono 3 (-3) nei reparti internistici, 1 (-1) in Ecu, salgono a 9 (+1) in terapia intensiva (4 ad Imola) e 2 in Covid Hotel. Ma ci sono altri due decessi: due donne, una di Imola di 83 anni e una di Medicina di 80 anni; i morti Covid salgono a 334. Dei nuovi positivi 5 sonoi asintomatici individuati tutti tramite tracciamento, 2 riferibili ad un focolaio noto; 3 hanno meno di 14 anni, 1 tra i 15 e i 24 anni, 1 tra i 25 ed i 44 anni, 2 hanno più di 65 anni. Per quanto riguarda le vaccinazioni sono 829 quelle eseguite ieri, per un totale di 33.512 prime dosi e 19.086 seconde dosi. 

“Alcuni segnali di aumentata circolazione del virus, con percentuale contenuta dei positivi e ridotta pressione ospedaliera”. Ma l’incidenza continua a scendere “con circa 70 casi a settimana ci stiamo avvicinando il traguardo dei 50 casi della zona bianca” ha detto oggi il direttore generale dell’Ausl, Andrea Rossi, nell’aggiornamento ai sindaci del circondario imolese. La situazione è incoraggiante ma non è il caso di abbassare troppo la guardia perchè l’indice l’Rt è salito molto, siamo a 0,92 ed eravamo a 0,7, e ci sono zone confinanti del Bolognese che hanno superato l’1.  

Nel resto dell’Emilia Romagna la situazione è analoga ricoveri ancora in calo e positivi a 456 su poco più di 25mila tamponi. I guariti sono 2.945 quindi i casi attivi scendono a 28.876. Nei reparti Covid i pazienti sono 1.294 (-63), nelle terapie intensive sono 186 (-1). E ci sono altre 12 vittime, fra cui due uomini di 40 e 53 nel Ravennate. Dei nuovi positivi 182 sono asintomatici; l’età media è di 38 anni. La situazione dei contagi nelle province vede in testa Bologna con 154 nuovi casi più i 7 di Imola; seguono Modena (69), poi Reggio Emilia (46), Forlì-Cesena (44) Parma (36), Rimini (32), Piacenza (30), Ravenna (26), Ferrara (12).   

Nella tabella i casi attivi comune per comune nel circondario imolese al 10 maggio 2021 (fonte Ausl di Imola)

Coronavirus, due morti a Imola e Medicina, ma pochi casi attivi e ricoveri. Rossi (Ausl): “Incidenza continua a scendere”
Cronaca 10 Maggio 2021

Coronavirus, 18 nuovi casi a Imola, in lieve crescita i ricoveri. Vaccino: oltre 3.600 degli over 55 hanno prenotato oggi

Prosegue il trend positivo sul circondario imolese: pochi contagi, calano ancora i casi attivi, stabili e pochi i ricoveri. Sono 18 i nuovi positivi, su quasi 650 tamponi tra molecolari e antigenici rapidi refertati dall’Ausl di Imola. I guariti sono 26 quindi i casi attivi scendono a 307 (sono 12.434 i casi totali da inizio pandemia). In ospedale i ricoveri Covid sono 6 (+3) nei reparti internistici, 2 (-1) in Ecu, ancora 8 in terapia intensiva (4 ad Imola) e 1 (-1) all”OsCo Covid. Dei nuovi casi, 5 hanno meno di 14 anni, 1 tra i 15 e i 24 anni, 3 tra i 25 ed i 44 anni, 6 tra 45 e 64 anni, 3 hanno più di 65 anni; 3 sono asintomatici.  

Situazione analoga nel resto dell’Emilia Romagna oggi dove i nuovi positivi sono 471 rilevati su un numero basso di tamponi, 11.029, come sempre la domenica. Non cambia il numero di ricoverati in terapia intensiva, 187, mentre sono 1.357 (+22) i pazienti in più negli altri reparti. I guariti sono 2.434, quindi i casi attivi scendono a 31.379. Si registrano altri nove morti, tra cui un 56enne del Bolognese. Dei nuovi casi, 193 sono asintomatici, 140 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing; l’età media è di 37 anni. Tra le province al primo posto c”è c’è Bologna (78+18 dell”Imolese), segue Modena (94), poi Ravenna (50), Rimini (49), Reggio Emilia (45), Parma (43), Forlì (38) e Cesena (37); Ferrara (11) e Piacenza (8). 

Oggi si sono aperte le agende per le prenotazioni della prima fascia di cinquantenni, ovvero i 55-59 anni. Per quanto riguarda Imola sono 3.637 le prenotazioni registrate nella prima giornata su un target potenzialmente interessato di circa 10.250 persone. Di queste, però il 21% (2200) rientra in una delle categorie che ha già ricevuto almeno una dose di vaccino per priorità professionale (come insegnanti o sanitari) o per patologia.  

Inoltre da sabato sono cominciate anche le chiamate dirette dell’Ausl per la prenotazione per le persone di età compresa tra i 51 ed i 59 anni che rientrano nell’elenco regionale dei “fragili”.  

Le vaccinazioni eseguite ieri sono state 508, facendo salire il totale per un totale di 33.184 prime dosi e 18.555 seconde dosi. (r.cr.)  

Coronavirus, 18 nuovi casi a Imola, in lieve crescita i ricoveri. Vaccino: oltre 3.600 degli over 55 hanno prenotato oggi
Cronaca 8 Maggio 2021

Coronavirus, 15 positivi, pochi ricoveri ma un morto per Imola. A Ozzano l’incidenza scende, Lelli: “Territorio ancora in osservazione per qualche giorno”

Sono 15 i nuovi positivi, su oltre 700 tampini tra molecolari e antigenici rapidi refertati dall’Ausl di Imola. I guariti sono 28, i casi attivi scendono a 322 (12.405 i casi totali da inizio pandemia). Stabili ma decisamente pochi i ricoveri: 6 (-1) in tutto le persone in area Covid, 3 nei reparti internistici e 3 (-1) in sub-intensiva Ecu, 9 (+1) le persone in terapia intensiva, 5(+1) a Imola e solo 2(-1) i post acuti all’OsCo di Castel San Pietro.

Dei nuovi casi 3 hanno meno di 14 anni, 1 è tra i 15 e i 24 anni, 4 tra i 25 e i 44 anni, 2 tra i 45 e 64 anni, 5 hanno più di 65 anni; 8 sono asintomatici individuati tutti tramite tracciamento. Ma si allunga ancora l’elenco delle vittime: un uomo di 62 anni residente a Imola, la comunicazione è arrivata dall’Ausl di Bologna. Con altre 1096 vaccinazioni l”Ausl di Imola ha superato il traguardo delle 50mila dosi totali (32375 prime dosi e 17855 seconde dosi).  

Situazione analoga nel resto dell’Emilia Romagna con 875 nuovi casi di positività al Coronavirus sulla base di 30.214 tamponi (fra molecolari e antigenici). Calano ancora i ricoveri: sono 189 (-6) in terapia intensiva e 1.365 (-51) negli altri reparti Covid. E si contano altri 15 morti, oltre all’imolese ci sono un 60enne a Ferarra e un 61enne a Modena. Dei nuovi positivi 342 sono asintomatici, 263 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing; l”età media è di 36,7 anni. I guariti sono 2.809, quindi i casi attivi scendono a 37.685.

La provincia dove si registra il numero maggiore dei contagi continua ad essere quella di Bologna (198 più i 15 dell’Imolese), seguita da Reggio Emilia (150) e Parma (134), Modena (113), quindi Ravenna (60)e Cesena (60), Forlì (58), Rimini (53) e Ferrara (25), Piacenza (24). 

Tra i comuni osservati speciali dell’area metropolitana bolognese dove i casi sono ancora molti, c’è la vicina Ozzano Emilia, che nelle scorse settimane ha visto un focolaio partito dalle scuole e uno screening volontario sulla popolazione. Oggi pomeriggio il sindaco Luca Lelli ha aggiornato sulla situazione. “Nella serata di ieri abbiamo ricevuto il report relativo ai tamponi eseguiti dal laboratorio mobile dell’Azienda sanitaria di Bologna nelle giornate di martedì 27/4 (riservato ad alcune classi di scuola individuate dal dipartimento di sanità pubblica) e lunedì 3/5 (aperto alla popolazione) – ha scritto sulla sua pagina Facebook -. Nelle due giornate sono stati eseguiti 367 tamponi che hanno rilevato 21 positività con un tasso di incidenza del 5,7%”.

Secondo Lelli arrivano segnali incoraggianti dal tasso di incidenza settimanale: “Dopo aver toccato il massimo nella settimana 24-30/4 il dato sta scendendo e fortunatamente anche molti tamponi di controllo sulle classi in isolamento o quarantena stanno dando esito negativo”.  Da 530 casi per 100 mila abitanti si è scesi a 193 (un tasso oltre 250 è uno degli indici per passare in zona rossa). “Ciò non vuole assolutamente dire che tutto è passato, il nostro territorio resterà in ‘osservazione’ ancora per alcuni giorni ma la situazione sembra ‘volgere al bello’”.

Il sindaco non ha mancato di lanciare una frecciatina alla struttura sanitaria, già in passato sollecitata per la lentezza con la quale ha aggiornato il territorio: “Ringrazio tutte le persone coinvolte per la competenza e per la pazienza con cui è stato gestito tutto, seppure diciamo pure non privo di errori e sbavature”. (l.a)

Coronavirus, 15 positivi, pochi ricoveri ma un morto per Imola. A Ozzano l’incidenza scende, Lelli: “Territorio ancora in osservazione per qualche giorno”

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast