Cronaca

«Rubrica salute»: pesce crudo, marinatura e affumicatura non uccidono i parassiti

«Rubrica salute»: pesce crudo, marinatura e affumicatura non uccidono i parassiti

Il pesce è un alimento fondamentale per la nostra corretta alimentazione. E’ ricco di proteine, di grassi buoni, tra i quali gli omega-3, importanti perché diminuiscono il rischio cardiovascolare, contribuiscono allo sviluppo del sistema nervoso, a funzioni come la memoria e proteggono le cellule di tutti gli organi compresa la pelle. Il pesce, dunque, non dovrebbe mai mancare sulla nostra tavola e dovremmo consumarlo almeno tre volte a settimana. In questi ultimi anni, in particolare, sempre più spesso i ristoranti propongono piatti a base di pesce crudo. Non solo sushi e sashimi, che possiamo consumare nei locali giapponesi ma anche carpacci e pesce azzurro marinato che fanno parte della nostra tradizione culinaria. In diversi casi, poi, noi stessi amiamo preparare piatti come la tartare, il baccalà crudo o il pesce in tranci appena scottato. Ma dobbiamo fare molta attenzione perché questi alimenti potrebbero essere pericolosi. «Il consumo di carne e pesce crudi o poco cotti – spiega Gabriella Martini, direttore del servizio di Igiene veterinaria dell’Ausl di Imola – potrebbe portare il rischio di contrarre malattie alimentari, una delle quali è l’anisakidosi, provocata da parassiti tra cui il noto anisakis, che può provocare disturbi gastrointestinali di diversa gravità e reazioni allergiche». (Alessandra Giovannini)

L”articolo completo su «sabato sera» del 12 settembre.

Nella foto: Gabriella Martini, direttore del servizio di igiene veterinaria dell”Azienda sanitaria di Imola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast