Posts by tag: lavori pubblici

Cronaca 14 Gennaio 2020

Aperto il cantiere del ponte Mingardona a Castel San Pietro

Hanno preso il via i lavori di ripristino del ponte di via Mingardona in località San Clemente, punto di collegamento importante fra i comuni di Castel San Pietro, Casalfiumanese e Monterenzio, chiuso al transito da marzo 2019 a causa dei danni provocati dalle piene del torrente Sillaro.
«Per la realizzazione dell’opera saranno necessari una novantina di giorni di lavoro, salvo eventuali sospensioni per maltempo o imprevisti – fa sapere il Comune di Castel San Pietro, attraverso una nota –. Si prevede quindi che entro la prossima primavera sarà possibile riaprire l’accesso al ponte».

L’intervento è stato finanziato dalla Regione Emilia-Romagna con un importo di 240.000 euro, nell’ambito di un programma complessivo per mettere in sicurezza il territorio emiliano-romagnolo dal rischio idrogeologico (per il quale ha stanziato in tutto 9 milioni e mezzo di euro).
I lavori comprendono la ricostruzione del muro d’ala di valle della spalla lato San Clemente, con fondazione profonda su pali trivellati ed elevazione in cemento armato, la realizzazione di un muro in gabbioni a protezione del piede del rilevato stradale allo sbocco del rio San Clemente nel torrente Sillaro, costituito da elementi in rete metallica riempiti con pietrame di cava, la realizzazione di un’opera di protezione del piede della spalla lato San Clemente e del muro d’ala ricostruito nel 1994 a seguito del crollo per erosione, consistente in una platea di cemento armato completamente interrata dotata di taglione anteriore ed ancorata a micropali, la risagomatura dell’alveo per indurre il passaggio della corrente sotto le campate centrali, e il ripristino della viabilità d’accesso al ponte, mediante rifacimento della porzione di rilevato franata (lato San Clemente) e della relativa pavimentazione stradale, e installazione di un breve tratto di guard-rail metallico per ripristinare le preesistenti condizioni di sicurezza. (r.cr.)

Aperto il cantiere del ponte Mingardona a Castel San Pietro
Cronaca 21 Dicembre 2019

ConAmi, commissario di imola e sindaci trovano l'accordo, per il Cda si prospetta un passo indietro

Cambio di passo nel ConAmi. L”Assemblea dei sindaci-soci si è svolta e chiusa ieri senza strappi e con la piena condivisione di un percorso per uscire dalle secche in cui è bloccato da un anno e mezzo. A presiedere l”assemblea il commissario del Comune di Imola, Nicola Izzo. Presenti 19 sindaci su 23.

“C”è la disponibilità da parte del commissario ad avviare un percorso che preveda le dimissioni dell”attuale Cda e l”individuazione di una nuova cinquina che rispetti anche i territori” spiega Matteo Montanari, sindaco di Medicina. Per cercare candidature per i nuovi consiglieri e presidente della governance Imola farà un bando pubblico seguendo regolamento e linee guida approvate mercoledì scorso dallo stesso commissario Izzo (e che prevedono sia titoli che esperienza come punteggio “per rendere più oggettiva e meno discrezionale possibile le scelte”). “L”idea è che Imola tramite bando indichi tre persone per il Cda, compreso il presidente ma con il gradimento degli altri Comuni – precisa sempre Montanari -, mentre altre due saranno scelte dagli altri Comuni, indicativamente una dal circondario imolese e l”altra dal faentino-ravennate, con modalità che rispettano i loro regolamenti di nomina” precisa Montanari.

Così si salva la forma, la presentazione di candidature tramite bando pubblico, cara al Movimento 5 stelle, ma anche la sostanza, la condivisione e la rappresentanza, chiesta dai Comuni e, si spera, si riuscirà a sbloccare finalmente l”operatività del Consorzio Ami, “cassaforte” delle azioni Hera e relativi utili, ma soprattutto delle reti (acqua, luce e gas) dei Comuni e soggetto fondamentale per fare investimenti sui territori. “C”è la comune volontà di arrivare a portare a regime la governance dell’ente, al fine di raggiungere la completa funzionalità dei vari organismi, per garantire l’ordinaria gestione nel più breve tempo possibile” conclude una nota del Comune di Imola. “L”intenzione è arrivare al bando entro gennaio e speriamo all”inizio di febbraio di avere la governance e ripartire” aggiunge Montanari.

A quel punto non avranno più ragion d”essere i contenziosi pendenti, come il ricorso al Tar presentato da 19 sindaci (per le modalità di nomina messe in atto dalla sindaca Sangiorgi), la diffida contro il Cda attuale e la denuncia con l”ipotesi di danni.

L’Assemblea dei sindaci del ConAmi ha approvato all’unanimità anche il Piano di razionalizzazione periodica partecipazioni ConAmi. Nulla di nuovo rispetto al passato. “Tutte le società sono in positivo l”unica in liquidazione è Comunica, ma era già stato deciso un paio d”anni fa, deve solo chiudersi il percorso”. (l.a.)

Nella foto l”Assemblea dei sindaci-soci del ConAmi

ConAmi, commissario di imola e sindaci trovano l'accordo, per il Cda si prospetta un passo indietro
Cronaca 21 Dicembre 2019

Asfaltature stradali, nel 2019 a Castel San Pietro sono stati spesi oltre 700 mila euro

Per Castel San Pietro il 2019 è stato un anno caratterizzato da un corposo elenco di asfaltature, più del doppio degli ultimi anni. Complessivamente, sono stati spesi oltre 700 mila euro, dei quali 230 mila derivati dalla convenzione con l’azienda Bio-on che con propri fornitori ha asfaltato a Poggio e a Gaiana. Per il resto, sul Sillaro e frazioni nuovo asfalto (per lo più pezzi di strada) è stato posato nelle vie Gramsci, dei Mille, Decumano, Remo Tosi, Di Vittorio e Machiavelli, della Repubblica (ossia la via Emilia), Meucci, Alberto Bassi, Grassi, Molise, San Giovanni, Mori, Villalunga (nel tratto fra la via Emilia e via Magnani), tratti della lottizzazione Picchio e delle vie Liano, Trucca, Riniera (parte iniziale), Cappellazzo, Legnana, Bastiana, San Biagio, il tratto di via Cartara e degli Stradelli Guelfi nel centro urbano di Poggio Grande, il tratto iniziale della via San Carlo, via Madonnina e un tratto di un paio di chilometri di via San Giorgio in località Palesio.

«Era in previsione anche un terzo lotto da 238 mila euro che interesserà, tra le altre, le vie Albertazzi, Pilastrino e Tanari – aggiorna l’assessore ai Lavori pubblici, Giuliano Giordani -. Non siamo riusciti a farli prima della stagione fredda e sono rinviati a primavera». A realizzare gli interventi è stata la ditta imolese Cti la quale, assieme a Cims e Zini Elio, si è aggiudicata l’accordo quadro siglato con Area Blu, una procedura che consente di effettuare gli interventi senza ulteriori gare pubbliche. «Siamo molto soddisfatti perché è un accordo che snellisce le procedure e vogliamo rinnovarlo anche nel 2020, anzi, ci piacerebbe diventasse pluriennale» afferma il sindaco, Fausto Tinti.

Nonostante i tanti interventi effettuati, ancora molte strade presentano vistose crepe e dissesti vari, vedi la parte finale di via Oriani verso la via Emilia, via Marconi e l’inizio di via Scania, tanto per citarne alcuni. (gi.gi.)

L”articolo completo è su «sabato sera» del 19 dicembre

Nella foto la via Marconi, tuttora piena di crepe e buche

Asfaltature stradali, nel 2019 a Castel San Pietro sono stati spesi oltre 700 mila euro
Cronaca 27 Novembre 2019

Oggi pomeriggio l'orologio del comune di Imola ha ricominciato a funzionare

Il tempo a Imola ha ricominciato a scorrere. Una battuta per dire che alle ore 14.52 l’orologio da torre del palazzo comunale ha ripreso a funzionare. L’intervento di ripristino e riattivazione è cominciato ieri mattina. Per completarlo è occorsa una mezza giornata in più rispetto al previsto (il completamento era stato annunciato per ieri sera).

Un evento molto atteso dai cittadini, dato che l’orologio è uno dei simboli del centro storico imolese e vederlo immobile non sembrava di buon auspicio. Meccanismi e lancette erano bloccati dalla primavera del 2017, quando vennero fermati per proteggerli ed evitare danneggiamenti in occasione dei lavori di consolidamento dei voltoni che sorreggono la torre comunale.

Un anno fa, concluso il cantiere, le verifiche eseguite dalla società incaricata dal Comune, la Roberto Trebino Snc, una delle pochissime esperte del settore a livello internazionale, erano emerse delle problematiche tecniche relative ai meccanismi, datati 1838, che muovono gli ingranaggi dei quadranti. La Giunta Sangiorgi stanzò 11.475 euro per ripararli. I tempi, però, si sono allungati e solo il 28 ottobre di quest”anno la società genovese è potuta intervenire per smontare le lancette e misurati i meccanismi ricevitori interni di ogni quadrante, che sono stati sostituiti e tra ieri e oggi rimessi in funzione.

Foto Isolapress

Oggi pomeriggio l'orologio del comune di Imola ha ricominciato a funzionare
Cronaca 25 Novembre 2019

Domani l'orologio del comune tornerà a scandire il tempo (salvo imprevisti). Modifiche alla viabilità per i lavori

Domani sera dovrebbe ricominciare a funzionare l’orologio del palazzo comunale. Lo rende noto il Comune che precisa che l’intervento di ripristino si prevede “che possa durare per l’intera giornata. Poi, salvo imprevisti sempre ipotizzabili, vista la complessità ed articolazione dell’intervento, l’orologio del municipio tornerà a scandire il tempo”.

La ditta Roberto Trebino snc di Uscio (Genova) in mattinata comincerà a riassemblare l’orologio poi riattiverà il meccanismo dopo lo smontaggio delle lancette esterne e la verifica dei ricevitori interni di ogni quadrante, effettuati il 28 ottobre scorso. Per il tempo strettamente necessario all’esecuzione dei lavori, tra le ore 8.30 e le 17, è prevista la chiusura al traffico veicolare dell’aera sottostante la torre dell’orologio (nel dettaglio, la via Appia da via San Pier Grisologo alla via Emilia, e quest’ultima fino a piazza Matteotti e tra via XX Settembre e via Mazzini e fino a piazza Gramsci, in quest’ultima zona sarà vietato anche il transito pedonale). 

L’orologio è fermo dalla primavera del 2017 , quando il meccanismo venne scollegato e messo in sicurezza in concomitanza dei lavori di consolidamento dei voltoni del palazzo municipale, sovrastanti via Emilia e via Mazzini. A fine novembre dello scorso anno, a cantiere concluso, dalle verifiche eseguite dalla società incaricata dal Comune, la Trebino emersero delle problematiche tecniche relative ai meccanismi, datati 1838, che muovono gli ingranaggi dei quadranti.

L’azienda aveva proposto di inserire un nuovo sistema di movimentazione elettrica, perché gli ingranaggi non erano più idonei. La Trebino, una delle pochissime, se non l’unica, società italiana specializzata nella fabbricazione e manutenzione di orologi da torre, presentò un preventivo e la Giunta Sangiorgi stanzò 11.475 euro per riparare l’orologio (nel 2002 sempre la Trebino era intervenuta sostituendo il motore elettromeccanico con un motore elettronico automatico).

Poi i tempi si sono allungati e l’orologio, simbolo del centro cittadino, è rimasto fermo per mesi. (r.cr.)

Nella foto l”orologio oggi in attesa del ritorno delle lancette (Isolapress)

Domani l'orologio del comune tornerà a scandire il tempo (salvo imprevisti). Modifiche alla viabilità per i lavori
Cronaca 3 Settembre 2019

Nuovo arrivo nella Giunta Sangiorgi, la geometra Paola Freddi è l’assessora all’urbanistica

La geometra imolese Paola Freddi, 46 anni, è la nuova assessora allo Sviluppo sostenibile del territorio del Comune di Imola. La notizia è arrivata con una nota dalla sindaca Manuela Sangiorgi un”ora fa. Freddi sostituisce in Giunta Massimiliano Minorchio, che aveva rassegnato le dimissioni dall’incarico lo scorso 26 agosto rimettendo nella mani di Sangiorgi un corposo pacchetto di deleghe (pianificazione territoriale, urbanistica, edilizia, toponomastica, lavori pubblici, smart city, Osservanza, mobilità sostenibile, innovazione tecnologica, patrimonio) che si sommano alle altre attualmente in capo alla sindaca e che variano dai lavori pubblici agli impianti sportivi passando per autodromo, turismo e innovazione. Sangiorgi dovrà quindi cercare di rimpolpare ulteriormente la sua Giunta che ha mostrato fino ad ora notevoli problemi di tenuta: da luglio 2018 ben cinque assessori hanno già lasciato, prima Ezio Roi, poi Ina Dhimgjini, Maurizio Lelli, Rosa Lucente e infine Minorchio.

Nel frattempo c’è anche la grana dei dirigenti da risolvere. Notizia dei giorni scorsi, le dimissioni proprio del dirigente dell’area gestione e sviluppo del territorio Bruno Marino. (l.a.)

Nella foto la neo assessora Paola Freddi

Nuovo arrivo nella Giunta Sangiorgi, la geometra Paola Freddi è l’assessora all’urbanistica
Cronaca 2 Settembre 2019

Un nuovo parco sta sorgendo a Ozzano tra via Impastato, via Galvani e il rio Marzano

Un nuovo parco tra via Impastato, via Galvani e il rio Marzano, una palestra all”aperto nel verde, ciclabili di collegamento e degli orti pubblici. Sono le novità in corso di realizzazione da parte del Comune. La zona si presta per la panoramicità della sua dislocazione in quota, aperta verso tutto il vallone del Rio Marzano.

Gli interventi, che sono già iniziati, prevedono percorsi in calcestre, materiale naturale e drenante, autocompattante, e piazzole con pedane di legno rivolte al panorama. Nella zona più prossima alle case di via Galvani, inoltre, in cui sono presenti diversi esemplari di alberi dei “nuovi nati” in filari doppi e paralleli alla fascia residenziale verranno collocate piazzole di sosta e un pergolato, con panchine e muri-panca. Questo settore è collegato alla via Galvani, ai parcheggi e ai percorsi ciclopedonali fino al prospiciente parco Cevenini che verrà arricchito con una postazione di attrezzi da palestra all”aperto. Dall”accesso del parco di via Impastato verso il Rio Marzano si estendono i percorsi in calcestre; quello principale, che discende diretto al rio riprende un tracciato rurale affiancato da alberi e arbusti, e da questo si staccano rami secondari trasversali che portano ad alcune pedane panoramiche in legno. A valle, seguendo il corso dell’alveo, sarà realizzato un percorso di maggiore ampiezza che andrà a collegarsi con il vicino Parco della Vita.

“Con questo progetto – interviene la vice sindaco e assessore ai Lavori pubblici Mariangela Corrado – intendiamo realizzare un sistema di verde pubblico che si configura come parco-campagna per una fruizione che si caratterizza grazie alla qualità paesaggistica e naturalistica del contesto che attraversa”. Nell”intenzione dell”Amministrazione “questo intervento pone a sistema alcune aree pubbliche a partire dal Parco della vita di via don Minzoni fino alla nuova area in corso di realizzazione, consentendo di effettuare passeggiate che dall”ambito urbano giungono e permettono di godere del contesto pedecollinare, in buona parte ancora agricolo e incontaminato”. Il nuovo parco si propone come collegamento tra il vicino parco Cevenini e il parco della Vita, componendo un sistema di aree verdi di circa 50.000 metri quadrati che unisce tutta la parte ovest della cittadina di Ozzano.

Il progetto prevede anche la possibilità di realizzare delle aree ortive la cui collocazione verrà condivisa con i cittadini residenti delle aree limitrofe. “Necessaria anche per rispondere alla forte richiesta di tale dotazione da parte degli ozzanesi – precisa l”assessore Corrado – la cui gestione sarà regolamentata e dovrà prevedere la lotta biologica”. (r.cr.)

Nella foto lavori della ciclabile nel nuovo parco di via Impastato

Un nuovo parco sta sorgendo a Ozzano tra via Impastato, via Galvani e il rio Marzano
Cronaca 2 Settembre 2019

Novità nel trasporto urbano e modifiche della viabilità in centro, la parola ai cittadini sui lavori in corso

I lavori per la modifica della viabilità in centro storico sono iniziati questa mattina. In particolare l’inversione di senso di marcia del tratto di via Cavour compreso tra via Nardozzi e via Orsini, e di via Cairoli tra via Cavour e viale Carducci e di via Orsini tra le vie Cavour e Valeriani. Modifiche contestuali alla riorganizzazione del trasporto pubblico urbano e motivate dall’Amministrazione Sangiorgi con la necessità di consentire nuovamente l’ingresso degli autobus in centro storico, uno dei tasselli della «rivoluzione» che prevede il ritorno della “circolare”, cioè i percorsi ad anello, e i bus che arriveranno anche in zone prima sguarnite della Pedagna Est e della zona industriale.

Per spiegare le novità ai cittadini sono stati previsti dal Comune una serie di incontri pubblici. Dopo quello di giovedì scorso, gli altri appuntamenti sono fissati per questa sera lunedì 2 settembre (ore 20.30), nella sala del Consiglio comunale, poi si passa ai centri sociali: martedì 3 settembre (ore 21) al Campanella (via Curiel 16), mercoledì 4 settembre (ore 21) alla Tozzona (via Punta 24), giovedì 5 settembre (ore 21) alla Stalla (via Serraglio 24/b), lunedì 9 settembre (ore 21) al centro sociale di Zolino (via Tinti 1), infine martedì 10 settembre (ore 21) al Giovannini (via Scarabelli 4).

Come si nota gli incontri avverranno in gran parte con le modifiche alla viabilità già in atto (nella tabella di marcia presentata dovranno essere completate entro mercoledì 4 settembre mentre la riorganizzazione del trasporto pubblico si annuncia effettiva dal 16) quindi saranno una ghiotta opportunità per i cittadini per far segnalare di persona direttamente eventuali dubbi e problematiche. (r.cr.)

I lavori in corso da questa mattina per modificare la viabilità tra via Cavour, via Cairoli e via Orsini e un bus in centro storico (Isolapress)

Novità nel trasporto urbano e modifiche della viabilità in centro, la parola ai cittadini sui lavori in corso
Cronaca 23 Giugno 2019

Terminati i lavori di messa in sicurezza, è stata riaperta la passerella sul Sillaro a Castello

E’ stata riaperta nei giorni scorsi la passerella pedonale che unisce le sponde del torrente Sillaro, all’altezza della Fonte Fegatella.  Chiusa dallo scorso ottobre, è occorso un intervento di sistemazione e messa in sicurezza per permetterne il riutilizzo, in particolare sono state sostituite cinque travi di sostegno che attraversano il ponte e molte delle assi di legno che ne costituiscono la pavimentazione, che si erano usurati nel tempo per l’azione degli agenti atmosferici.

Il ponte pedonale si trova nell’area del parco lungosillaro, una zona molta frequentata e amata dai castellani soprattutto l”estate. Per i lavori di ripristino sono occorsi oltre 31 mila euro che sono stati stanziati a febbraio. (r.cr.)

Terminati i lavori di messa in sicurezza, è stata riaperta la passerella sul Sillaro a Castello
Cronaca 21 Maggio 2019

A Castel San Pietro conclusi i lavori per la risistemazione dei parcheggi di via della Repubblica e via Gramsci

Lavori conclusi in due parcheggi a Castel San Pietro Terme. Si tratta delle aree di sosta che si trovano tra via Gramsci e via della Repubblica (via Emilia), una accanto all”altra, sulle quali Area Blu ha portato a termine un intervento di risistemazione e riqualificazione.

Per quanto riguarda il parcheggio al quale si accede dal cancello sulla via Emilia (blocco ovest), in origine riservato al centro diurno comunale, ora grazie ai lavori dispone di 22 piazzole per la sosta gratuita, di cui tre per disabili. Nell”altro parcheggio, quello con accesso da via Gramsci (blocco est), gli stalli sono 18 a pagamento e 15 con disco orario da un”ora. Per ora tuttavia il cancello di via Emilia è ancora chiuso, ma dopo il rifacimento della segnaletica sarà riaperto con la sola possibilità di entrare nei due parcheggi, mentre è già possibile sia entrare che uscire usando il varco di via Gramsci.

Scendendo maggiormente nei dettagli, nell”area sosta con accesso dalla via Emilia è stato riorganizzato tutto lo spazio sosta, ampliando l’area pavimentata con nuovo asfalto e apposite cordonate per delimitare la zona transitabile e creando un collegamento con il parcheggio adiacente con accesso su via Gramsci.  Inoltre, è stato potenziato il sistema fognario realizzando nuove caditoie con relativi pozzetti per adeguare lo smaltimento dell”acqua piovana. Al fine poi di migliorare l’illuminazione notturna, sono stati sostituiti i tre vecchi lampioni con luci più alte (tra i 2,5 e i 3 metri da terra) e più moderne. Il parcheggio al quale si accede da via Gramsci è stato semplicemente collegato con quello di viale della Repubblica, conservando la pavimentazione e l’illuminazione esistente.

La segnaletica orizzontale per le piazzole è stata rinnovata in entrambe le aree, così come è stata installata una nuova cartellonistica verticale. A completamento dell”intervento, in viale della Repubblica sono partiti i lavori di montaggio di una nuova pensilina a servizio della fermata Tper del 101. (r.cr.)

Nella foto i due parcheggi risistemati: a sinistra via della Repubblica, a destra via Gramsci

A Castel San Pietro conclusi i lavori per la risistemazione dei parcheggi di via della Repubblica e via Gramsci

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast