Posts by tag: serie c

Sport 21 Ottobre 2020

Calcio serie C, l’Imolese sfida la Sambenedettese di Maxi Lopez e Montero

El futbol es del pueblo. Non si può che pensare a quanto dicono del calcio in Argentina, in questo momento in cui si gioca a porte chiuse e con l’Imolese in trasferta per tutte le partite, compresa quella di questa sera (ore 20.45), quando al «Gavagnin Nocini» nel turno infrasettimanale arriverà la Sambenedettese, ovvero la squadra più sudamericana del campionato.

La rivoluzione estiva della «Samba» è cominciata quando al posto del calcio «pane e salame» di Franco Fedeli è arrivato Domenico Serafino, un nome che in Italia pochi conoscevano, ma che non si può non definire un personaggio, visto che la sua prima occupazione, al momento di emigrare dalla Calabria in Argentina, fu quella di musicista professionista. La ruota ha poi girato ed allora, dopo aver vissuto anni a cavallo del Rio della Plata, fra Argentina ed Uruguay, è tornato in Europa, fondando la società Sudaires, che ha inizialmente acquistato una storica squadra gallese, il Bangor City (serie B), prima di mettere gli occhi sulla Sambenedettese, acquistandola per 1 milione e 300 mila euro e mettendo subito le cose in chiaro quanto ad ambizioni, con l’acquisto di un certo Maxi Lopez. Sì, proprio quello che venne «sequestrato» in hotel da Galliani per portarlo al Milan in una sessione di mercato del gennaio 2012, un anno infelice per il centravanti ex di River Plate e Barcellona, visto che andando alla Sampdoria in quell’estate conobbe Maurito Icardi, pronto a «scippargli» la moglie Wanda Nara. L’operazione Maxi Lopez ha dato grande visibilità mediatica ad una Sambenedettese che già ne aveva se non altro per mister Paolo Montero a dirigere le operazioni e per l’arrivo del sudamericano Ruben Botta con trascorsi in serie A tra Inter e Chievo. (an.mir.)

L‘articolo completo su «sabato sera» del 15 ottobre.

Nella foto (della Sambenedettese): Maxi Lopez

I convocati dell’Imolese

Portieri. Rossi, Siano. Difensori. Angeli, Boccardi, Carini, Cerretti, Della Giovanna, Ingrosso, Mele, Pilati, Rinaldi, Rondanini, Tonetto. Centrocampisti. Alboni, D’Alena, Masala, Torrasi, Sabattini. Attaccanti. Morachioli, Polidori, Sall, Stanco, Ventola.

Calcio serie C, l’Imolese sfida la Sambenedettese di Maxi Lopez e Montero
Sport 18 Ottobre 2020

Calcio serie C, mister Cevoli prima di Fano-Imolese: «Impegno, pazienza e nervi saldi»

L’Imolese ha battuto il Carpi per la seconda volta consecutiva. C’era riuscita anche nella passata stagione e col medesimo punteggio di 2-1. Ma se quella vittoria illuse di poter uscire da una crisi che invece continuò a persistere, questa, arrivata grazie ai gol di Rondanini e Pilati, proietta la compagine rossoblù a 7 punti in classifica dopo 4 partite. L’anno scorso alla medesima giornata ne contava appena 2. Insomma, ora è tutta un’altra storia. Ce lo dicono i fatti, oltre ai numeri. E anche il bilancio delle tre partite disputate in una settimana, contrassegnata pure dalla sconfitta (2-1) con la Feralpisalò nel turno infrasettimanale di mercoledì 7 ottobre, è da considerarsi positivo.

Oggi trasferta a Fano (inizio ore 17.30, arbitrerà il neo promosso in C Mario Perri di Roma). Che avversario ci aspetta?

«Costruito come noi sui giovani e con lo stesso obiettivo – ha commentato il tecnico rossoblù Cevoli -. È allenato molto bene da Alessandrini, un tecnico che stimo e che ha grande esperienza in C. Bisognerà metterci tanto impegno, avere pazienza e nervi saldi. Domenica il Fano è stato sconfitto dalla Sambenedettese e avrà il dente avvelenato perché, quando perdi in casa, la settimana dopo vuoi subito riscattarti. Sarà una partita molto delicata. Non dovremo sottovalutare l’avversario pensando che si chiama Fano e non Padova, Carpi o Feralpi». (a.d.p.)

L’intervista completa su «sabato sera» del 15 ottobre.

I convocati dell’Imolese 

Portieri. Rossi, Nannetti, Siano. Difensori. Angeli, Boccardi, Carini, Cerretti, Della Giovanna, Ingrosso, Mele, Pilati, Rinaldi, Rondanini, Tonetto. Centrocampisti. Alboni, D’Alena, Masala, Provenzano, Torrasi. Attaccanti. Morachioli, Polidori, Sall, Stanco, Ventola.

Nella foto (Isolapress): Alessandro Polidori in una fase di Imolese-Carpi

Calcio serie C, mister Cevoli prima di Fano-Imolese: «Impegno, pazienza e nervi saldi»
Sport 11 Ottobre 2020

Calcio serie C, l’attaccante dell’Imolese è Stanco… ma solo di cognome: «Ho ancora tanto da dare»

È nato a Pavullo nel Frignano 10 anni dopo Luca Toni. Lo stesso giorno, il 26, ma di un mese diverso. Oltre ad essere entrambi centravanti, in co- mune hanno anche l’altezza, superiore al metro e 90. Si somigliano insomma, ed è immaginabile che Francesco Stanco, nuovo acquisto dell’Imolese, abbia sognato almeno una volta di diventare il nuovo Toni quando iniziò nelle giovanili del Modena. «Un po’ come per tutti i ra- gazzini di Pavullo e dintorni che giocavano a pallone – ha confermato Stanco -. Luca ha rappresentato il grande sogno che si realizza nella conquista di una Coppa del mondo con la Nazionale. È stato un esempio dentro e fuori dal campo, dove ho avuto il pia- cere di conoscerlo, scoprendo che, oltre ad essere stato un grande calciatore, è anche una bravissima persona».

Come è stato l’approccio con l’ambiente rossoblù?

«Buono. Alcuni calciatori li conoscevo già, come Rinaldi e Carini, coi quali ho giocato rispettivamente nella Feralpisalò e nel Modena. Gli altri ho avuto il piacere di conoscerli qui. Ho trovato un gruppo molto unito e affiatato. Avevo, comunque, richieste di squadre del nostro girone che probabilmente si giocheranno il primo posto. Ma ho deciso di venire lo stesso all’Imolese, perché sono convinto di poter dare ancora molto in un ambiente così. Non dico che sono venuto per rimettermi in gioco, perché alla mia età non ne ho più bisogno. Però ho voglia di fare una grande annata, assumendomi le responsabilità che spettano a un giocatore della mia età». (a.d.p.)

L’intervista completa su «sabato sera» dell’8 ottobre.

Nella foto (Isolapress): Francesco Stanco durante Imolese-Virtus Verona 

Calcio serie C, l’attaccante dell’Imolese è Stanco… ma solo di cognome: «Ho ancora tanto da dare»
Sport 7 Ottobre 2020

Calcio serie C, turno infrasettimanale per l’Imolese nella tana della Feralpisalò

Impegno infrasettimanale oggi per l’Imolese che, alle 18.30, affronterà in trasferta la Feralpisalò. La squadra di mister Pavanel arriva all’appuntamento dopo la sconfitta 3-1 contro Matelica. I recenti confronti diretti tra rossoblù e lombardi registrano l’affermazione l’anno scorso dei verdeblù, grazie ad un rigore trasformato da Ceccarelli nei minuti conclusivi della sfida. Discorso completamente diverso nella stagione ancora precedente con l’affermazione di misura dei romagnoli in trasferta (0-1) ed il tris sfoderato al Galli (3-1). Carraro da una parte e Rinaldi dall’altra, con il difensore di Manerbio impegnato nel recupero lampo dopo il problema muscolare rimediato nella seconda parte dell’incontro con la Virtusvecomp, gli ex della sfida. A disposizione del tecnico Cevoli anche il rientrante Polidori dopo un turno ai box per squalifica. »E’ una trasferta molto difficile perché il Feralpisalò è una squadra forte costruita per il salto di categoria e, dopo l’inaspettata sconfitta contro il Matelica, avrà un certo desiderio di riscatto – ha commentato il tecnico Cevoli -. Noi, però, dobbiamo conservare quella giusta mentalità di chi vuole fare risultato su ogni campo. Siamo una squadra giovane forgiata per centrare l’obiettivo della permanenza in categoria con la convinzione che, attraverso la necessaria dose di serenità, possiamo giocarci sempre le nostre chances. Turn over? Eventualmente è la terza partita del trittico settimanale quella che può portare a qualche valutazione di questa natura. Faremo comunque i nostri ragionamenti considerando che, per esempio, nel reparto offensivo rientrerà Polidori con un Francesco Stanco sempre più inserito nelle sincronie della squadra». (da.be.)

I convocati dell’Imolese

Portieri: Rossi, Siano. Difensori: Angeli, Boccardi, Carini, Cerretti, Della Giovanna, Ingrosso, Mele, Pilati, Rinaldi, Rondanini, Tonetto. Centrocampisti: Alboni, D’Alena, Lombardi, Masala, Provenzano, Torrasi. Attaccanti: Morachioli, Polidori, Sall, Stanco, Ventola.

Nella foto (Isolapress): Imolese-Virtus Verona

Calcio serie C, turno infrasettimanale per l’Imolese nella tana della Feralpisalò
Calcio 4 Ottobre 2020

L’Imolese evita la beffa, Masala trova l’1-1 nel finale

Per fortuna che all’88’ è sbucata la testa di Masala, perché sarebbe stata una beffa atroce perdere in casa (o fuori?) contro la Virtus Verona con un gol di Pittarello (minuto 83), proprio quello che qualche anno fa non sembrava neppure un giocatore adatto alla serie D. Oggi invece si è mosso bene ed è stato uno dei più pericolosi per la squadra ospite (o ospitante?). L’Imolese si è mossa meglio dei veneti, soprattutto nel primo tempo, quando avrebbe meritato il vantaggio con Morachioli, Lombardi, Rondanini, ma soprattutto con Ingrosso. Nella ripresa i rossoblù di Cevoli sono calati vistosamente, soprattutto dopo le uscite di pilastri come Lombardi, Morachioli e Rinaldi. Ma vediamo cos’è successo.

La cronaca. Al 3’ c’è subito Morachioli che ci prova, ma il portiere Sibi è pronto. Come è pronto al 7’ su conclusione di Lombardi. Al 15’ c’è un contatto in area: niente rigore, ma la sfera arriva a Rondanini che sfiora la porta. Al 25’ ci prova la squadra di Gigi Fresco, ma Siano non si fa sorprendere, fra i pali sembra davvero bravo, come conferma al 37’ su un colpo di testa di Arma, sia pure in fuorigioco. Al 40’ c’è l’occasione più ghiotta: bel giro palla fino a liberare Ingrosso, che però spara fortissimo e centrale, proprio in bocca al portiere africano.

La ripresa. Dentro Stanco per Ventola, poi a seguire entreranno pure Sall, Masala e Cerretti (per l’infortunio al centralone Rinaldi). Purtroppo non si vedono più le belle azioni dell’Imolese, mentre la Virtus Verona ci prova ripetutamente. Sono almeno 3 le azioni pericolose, considerando anche un rigore (non c’era) chiesto da Danti. Il match sembra scivolare verso lo 0-0, ma all’83’ Pittarello si fa trovare di testa, giusto pochi minuti dopo l’uscita dal campo di Rinaldi. Non sembra esserci lo spazio per una replica, invece la squadra di Cevoli non ci sta e un lancio di Carini imbecca la testa di Masala, per il più giusto pareggio finale. Sono 4 punti in 2 partite. Un bell’inizio, non c’è che dire. (p.z.)

Imolese – Virtus Verona 1-1 (0-0)

Imolese (3-5-2): Siano; Pilati, Rinaldi (76’ Cerretti), Carini; Rondanini, Lombardi (69’ Sall), Torrasi, Provenzano, Ingrosso; Morachioli (73’ Masala), Ventola (46’ Stanco). All. Cevoli.

Gol: 83’ Pittarello (V)m 88’ Masala (I).

L’Imolese evita la beffa, Masala trova l’1-1 nel finale
Sport 4 Ottobre 2020

Calcio serie C, dopo i tre punti con il Padova l’Imolese attende «in casa» la Virtus Verona

«Meglio di così era impossibile iniziare». Con questa frase Roberto Cevoli ha sintetizzato l’impresa compiuta dall’Imolese allo stadio Euganeo di Padova, dove vincendo 1-0 ha aggiunto un’altra perla all’elenco dei successi storicamente più prestigiosi. Un colpo in trasferta inatteso e per questo ancor più esaltante, ottenuto contro una compagine molto ambiziosa. «A detta di tutti il Padova è la prima candidata alla promozione in serie B – ha detto l’allenatore rossoblù -. Quindi, al di là dei 3 punti che saranno preziosi per raggiungere l’obiettivo salvezza, abbiamo vinto contro una squadra forte. Questo ci deve infondere autostima e consapevolezza delle nostre potenzialità».

Ora l’attesa è per la sfida di oggi con la Virtus Vecomp Verona (inizio ore 17.30), in casa stando al calendario, ma in realtà ancora fuori, considerando che il «Gavagnin Nocini» è lo stadio dove gioca abitualmente proprio la vostra prossima avversaria.

«Il caso ha voluto che fosse proprio quella la squadra da affrontare per prima. Ma io resto convinto che senza pubblico giocare in casa o fuori cambi poco, a parte la necessi- tà di dover fare un altro viaggio in pullman. Questo dal punto di vista del dispendio fisico ci penalizzerà». (a.d.p.)

L’intervista completa su «sabato sera» dell’1 ottobre.

Nella foto (Isolapress): mister Cevoli

Calcio serie C, dopo i tre punti con il Padova l’Imolese attende «in casa» la Virtus Verona
Sport 1 Ottobre 2020

Calcio serie C, l’Imolese ha il suo «bomber»: piazzato il colpo Francesco Stanco

Habemus «bomber». Gran colpo di mercato dell’Imolese che ha concluso il trasferimento dell’attaccante Francesco Stanco. L’attaccante classe ’87 arriva dal Cittadella e ha firmato un contratto biennale. «Sono molto contento di questa opportunità offertami dalla società, ci tengo particolarmente a ringraziare il presidente Spagnoli, il direttore sportivo Zocchi e mister Cevoli che mi hanno voluto fortemente in rossoblù – ha commentato Stanco -. Arrivo in una squadra giovane ma che ha già dimostrato di avere le idee chiare sulle modalità di approccio ad una categoria nella quale contano i progressivi miglioramenti e la capacità di affrontare con serenità ogni singola giornata del torneo. Un campionato difficile con tante formazioni ben attrezzate, l’obiettivo è quello di salvaguardare la permanenza nella classe poi daremo un’occhiata più avanti alla classifica. Avevo sentito parlare del centro tecnico Bacchilega ma vederlo dal vivo è impressionante, un assoluto valore aggiunto per noi calciatori».

Un colpo sensazione per la categoria quello realizzato dalla coppia Spagnoli-Zocchi che assicurano a mister Cevoli le prestazioni di un centravanti da categoria superiore come confermano le tante tappe della sua brillante carriera tra i professionisti. Cresciuto nel settore giovanile del Modena, Stanco esordisce in serie B nella stagione 2005/2006. I passaggi tra le fila del Grosseto (dove vince il campionato di serie C1) e del San Lazzaro (serie C2) anticipano la temporanea alternanza tra Modena (serie B) e Valenzana (serie C2) prima della definitiva consacrazione con la maglia della formazione canarina. Quattro stagioni in cadetteria da protagonista, condite da presenze e reti, in terra emiliana poi nell’annata 2014/2015 la duplice esperienza a Pisa (serie C) e Cittadella (serie B). Ancora Modena (36 presenze e 5 goal in B), la vittoria del torneo di C con la Cremonese (2016/2017, 35 presenze e 7 reti) prima della recente esperienza, lunga una stagione e mezza (gennaio 2018 – 2018/2019), con la maglia della Sambenedettese (serie C, 44 presenze e 15 goal). Lo scorso campionato inizia nella rosa dell’ambiziosa Feralpi Salò (15 presenze) per poi trasferirsi al Cittadella di serie B (15 presenze e 2 marcature) contribuendo alla conquista stabile delle zone altissime della classifica di categoria. Complessivamente i numeri di Stanco parlano di: 195 presenze, 29 reti e 14 assist in serie B (più 3 presenze nei play off); 116 gettoni, 22 goal e 8 assist in serie C (più 4 presenze nei play off). Undici sigilli in Coppa Italia, conditi da 2 reti, e 9 nella Coppa di serie C con una marcatura. (da.be.)

Nella foto: il presidente Spagnoli e Stanco

Calcio serie C, l’Imolese ha il suo «bomber»: piazzato il colpo Francesco Stanco
Sport 27 Settembre 2020

Calcio serie C, nel giorno dell’esordio parla il dg dell’Imolese Montanari: «Noi officina di giovani, provo sensazioni positive»

Il più strano e anomalo dei precampionati, per la prima volta orfano della Coppa Italia e con poche amichevoli, per altro giocate sempre in trasferta dall’Imolese, è praticamente terminato. Oggi, infatti, alle 15 inizierà da Padova il campionato dei rossoblù che all’Euganeo sfideranno la formazione del tecnico Mandorlini e dell’ex Saber. A farsi portavoce del club è il direttore generale Marco Montanari, che per primo ha commentato il girone B nel quale l’Imolese è inserita. «È ritenuto il più difficile dei tre. Sembrava che tutti avessero pagato lo scotto del Covid, e invece anche le squadre che l’anno scorso avevano il nostro budget si sono rinforzate. Non sarà una stagione al risparmio come si prevedeva. Comunque le ultime due stagioni ci hanno insegnato cose importanti per poter affrontare questa coi giusti concetti».

La tua fiducia su cosa si fonda?

«Dall’aver visto lavorare la squadra e il direttore sportivo Moreno Zocchi. E anche dall’ottimo mercato svolto finora. Ho sensazioni positive derivanti dalla giusta attenzione da parte di tutti i giocatori, consci delle difficoltà che li aspetta. L’anno passato, forse perché inebriati dal risultato del precedente, non c’era quella paura positiva che ti fa stare costantemente concentrato. Vedo nei nostri ragazzi quella voglia di confrontarsi e di misurarsi senza presunzione. Quando abbiamo ingaggiato Zocchi, la prima cosa che gli abbiamo chiesto è stata quella di far diventare l’Imolese un’officina del calcio, come ama definirla il presidente Spagnoli». (a.d.p.)

L’intervista completa su «sabato sera» del 24 settembre.

Nella foto: il dg Marco Montanari

La probabile formazione dell’Imolese  

Imolese (3-5-2): Siano; Boccardi, Rinaldi, Carini; Rondanini, Masala, Torrasi, Provenzano, Ingrosso; Sall, Ventola. A disposizione. Rossi, Angeli, Cerretti, Mele, Pilati, Tonetto, Alboni, D’Alena, Lombardi, Mattiolo, Morachioli, Polidori. All. Cevoli

Calcio serie C, nel giorno dell’esordio parla il dg dell’Imolese Montanari: «Noi officina di giovani, provo sensazioni positive»
Sport 25 Settembre 2020

Calcio serie C, sciopero revocato: domenica si gioca Padova-Imolese

Tutto rientrato. E’ stato infatti raggiunto l’accordo per revocare lo sciopero dei calciatori di serie C originariamente previsto per la prima giornata di campionato in programma nel fine settimana. Domenica, quindi, l’Imolese scenderà regolarmente in campo all’Euganeo (ore 15) contro il Padova. Arbitro il signor Rutella di Enna, assistenti Licari di Marsala e Micalizzi di Palermo.

Lega Pro e Aic (sindacato dei giocatori), con l’ausilio della Figc, si sono così accordate per un allargamento delle liste per il campionato da 22 a 24 nomi. Martedì 29, inoltre, è in programma un’assemblea straordinaria delle società per approvare il nuovo regolamento e allungare i tempi di chiusura del mercato. (da.be.)

Foto tratta dalla pagina Facebook dell’Imolese 

Calcio serie C, sciopero revocato: domenica si gioca Padova-Imolese

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast