Posts by tag: serie c

Sport 17 Gennaio 2020

Calcio serie C, l'Imolese affronta la Reggiana con un Ferretti ed un Chinellato in più nel motore

Domenica scorsa Luca Belcastro ha deviato in rete la palla della vittoria. Così l‘Imolese ha espugnato il Romeo Menti, anche se di fronte non aveva il Vicenza, ma l‘Arzignano. Ed è stato molto meglio, visto che la compagine della provincia vicentina è una di quelle che bisogna lasciarsi alle spalle per conquistare la salvezza. Ora, oltre ad averla scavalcata in classifica, i rossoblù possono anche contare sugli scontri diretti favorevoli, visto che all’andata al Romeo Galli l’incontro era finito 0-0. «Era proprio quello che ci serviva – ha commentato l’allenatore Gianluca Atzori -. E pazienza se è stata una partita dai contenuti tecnici poveri, una delle nostre peggiori, molto vicina a quella di Fermo per intenderci. Ma guarda caso dalle due più brutte abbiamo raccolto 6 punti. Ed è un bel segnale se le cose girano a nostro favore quando giochiamo male».

Adesso però è necessario ritrovare quella continuità di risultati interrotta con le sconfitte con Padova e Vicenza. A cominciare dalla pimpante Reggiana, reduce da un netto 3-1 sul Ravenna, che domani, sabato 18 gennaio alle 15, scenderà in campo al Galli. «Abbiamo chiesto di anticipare a sabato proprio per avere un giorno in più per preparare quella successiva col Rimini (mercoledì” 22, ore 18.30). Ma ora la nostra concentrazione deve essere unicamente protesa alla sfida con la Reggiana. Sappiamo che è un avversario fortissimo, che gioca un buon calcio e che sta facendo un campionato migliore di quello che ci si attendeva».

La Reggiana è terza in classifica e pienamente in corsa per il primato. Arriva da due vittorie consecutive e non perde dal 20 ottobre, quando fu sconfitta a Vicenza. Non farà certo sconti.

«Ci stiamo preparando come abbiamo sempre fatto fin qui, consapevoli che abbiamo bisogno di punti e quindi predisposti a cercare la vittoria. Poi, come è successo contro la Sambenedettese, tanto per stare sul recente, è stata la partita a farci capire che il pareggio era un buon risultato».

Mister Atzori, oltre che sull‘attaccante Chinellato potrà contare anche sul centravanti Andrea Ferretti, arrivato oggi in prestito dalla Triestina. Il classe ‘86 di Montecchio Emilia è cresciuto a livello calcistico nelle giovanili del Parma prima di trasferirsi al Cardiff City. Dopo due stagioni rientra in Italia, in Serie B, al Cesena dove colleziona 20 presenze e 3 goal. La retrocessione con il Cesena porta Ferretti ad affacciarsi per la prima volta in Lega Pro e ad iniziare un nuovo capitolo della sua carriera. In 256 presenze tra girone A e girone B, vestendo le maglie di Pavia, Spezia, Carpi, Grosseto, Feralpisalò e Triestina, ha realizzato 76 goal e 18 assist. Soprannominato lo «squalo», indosserà la maglio numero 32. (da.be.)

Nella foto: Andrea Ferretti

Calcio serie C, l'Imolese affronta la Reggiana con un Ferretti ed un Chinellato in più nel motore
Sport 15 Gennaio 2020

Calcio serie C, Matteo Chinellato è un nuovo giocatore dell'Imolese

E’ Matteo Chinellato il primo colpo dell’Imolese in questa sessione di mercato invernale. L’attaccante classe 1991 proviene dal Lecco (il centrocampistaFrancesco Bolzoni ha fatto il percorso inverso) è cresciuto tra i settori giovanili di Venezia, Fiorentina e Genoa.

Ha esordito con la maglia azzurra dell’U20 nel febbraio 2011, prima di essere acquistato dall’AC Milan nel luglio seguente. Da quel momento Chinellato ha iniziato una serie di prestiti che lo hanno portato a vantare 189 presenze in Lega Pro. (da.be.)

Su «sabato sera» del 16 gennaio i dettagli sull’ultimo arrivo in casa rossoblù.

Nella foto: Matteo Chinellato

Calcio serie C, Matteo Chinellato è un nuovo giocatore dell'Imolese
Sport 12 Gennaio 2020

Calcio serie C, il 2020 dell'Imolese si apre con lo scontro diretto in casa dell'Arzignano

Oggi, alle 17.30, si apre il 2020 dell”Imolese che sfida, al Romeo Menti di Vicenza, l’Arzignano, in un vero e proprio scontro diretto per la salvezza. Entrambe sono infatti le squadre meno prolifiche (13 goal segnati) del girone B, seconde solamente al Rende (girone C con 12) nell’intera Lega Pro. «Abbiamo ricaricato le energie mentali e fisiche e ci avviciniamo a questa partita con tante speranze perché l’obiettivo che ci siamo prefissati è quello di mantenere la categoria – ha commentato il tecnico Atzori -, perciò dobbiamo fare punti».

L’Arzignano, dopo un inizio di stagione complicato, con 4 punti nelle prime otto giornate, è riuscito ad invertire il trend negativo conquistando 12 punti, con 3 vittorie, nelle successive giornate. Ora, i veneti si trovano ad appena due lunghezze dal Ravenna, ovvero dall’ultimo posto per non disputare i playout, ma con soli 4 punti dall’ultimo posto occupato dal Rimini. Il modulo adottato da mister Colombo sarà il 4-3-1-2. Davanti al portiere Tosi, la difesa, con ogni probabilità, sarà guidata da capitan Bigolin con accanto Bonalumi mentre sulle fasce agiranno a sinistra Barzaghi e, a destra, Pasqualoni. A centrocampo il titolare sarà Luis Maldonado, con Perretta e Balestrero come mezzale. Il reparto offensivo sarà, invece, sorretto da Pattarello con Rocco, capocannoniere della squadra con 4 reti, e Piccioni nel ruolo di attaccanti. (da.be.)

I convocati

Portieri. 1 Libertazzi, 12 Seri, 22 Rossi. Difensori. 5 Checchi, 19 Boccardi, 23 Garattoni, 26 Carini, 27 Valeau, 28 Della Giovanna, 29 Ingrosso, 30 Schiavi. Centrocampisti. 4 Marcucci, 6 Alimi, 8 Tentoni, 10 Belcastro, 11 Provenzano, 17 Maniero, 25 Artioli. Attaccanti. 7 Latte Lath, 9 Vuthaj, 14 Ngissah, 18 Padovan, 20 Sall.

Probabile formazione

Imolese (3-4-1-2): Rossi; Boccardi, Carini, Della Giovanna; Tentoni, Marcucci, Schiavi, Valeau; Belcastro; Vuthaj, Bismark. All. Atzori.

Calcio serie C, il 2020 dell'Imolese si apre con lo scontro diretto in casa dell'Arzignano
Sport 11 Gennaio 2020

Calcio serie C, mister Atzori tra campionato e mercato: «Aspetto una punta efficace»

Dopo la lunghissima sosta, l’Imolese riparte da Arzignano. Dunque dalla seconda giornata del girone di andata. E quello di domani, domenica 12 gennaio (inizio ore 17.30), è già uno scontro diretto, il primo di una serie che l’attende nelle prossime settimane. Quello col Rimini, che secondo il calendario doveva essere il primo incontro del ritorno, saltato il 22 dicembre scorso per lo sciopero della serie C, verrà recuperato mercoledì 22 gennaio.

Mister Astori, il tuo auspicio era di avere a disposizione una nuova punta subito dopo la sosta.

«Ad Arzignano giocheremo come siamo ora. Io comunque dal mercato in corso mi aspetto qualcuno che possa finalizzare ciò che produciamo. Abbiamo individuato il profilo dell’attaccante che serve. Speriamo arrivi al più presto, perché prima arriva e prima è possibile che ci tiriamo fuori da questa situazione. Ma voglio qualcuno che migliori veramente la squadra, altrimenti mi tengo volentieri i giocatori che ho. Abbiamo bisogno di uno pronto fisicamente e libero mentalmente, che porti freschezza, qualità e gol».

Uno solo o due? E ritieni che serva qualcuno anche in altri reparti?

«Il 70% del nostro mercato è riferito ad una punta efficace. Poi ci possono essere anche altri piccoli tasselli, come un secondo attaccante ed un difensore centrale destro». (a.d.p.)

L’articolo completo su «sabato sera» del 9 gennaio.

Nella foto (Isolapress): Belcastro contro il Vicenza

Calcio serie C, mister Atzori tra campionato e mercato: «Aspetto una punta efficace»
Sport 28 Dicembre 2019

Calcio serie C, chiacchierata di fine anno con la dirigente dell'Imolese Fiorella Poggi

La partita con il Vicenza ha chiuso un 2019 iniziato in modo ben diverso dall’Imolese, con il rotondo 5-0 del 19 gennaio alla Giana Erminio: oggi come allora, però, lo stadio Romeo Galli è purtroppo rimasto sempre uguale a sé stesso. E’ dal «solito» argomento stadio che parte la chiacchierata di fine anno con Fiorella Poggi, proprietaria di un’Imolese che rischia di restare senza casa. «Siamo molto preoccupati e, sinceramente, non siamo ottimisti sul fatto che l’adeguamento del Galli possa andare a buon fine entro i tempi previsti (24 giugno 2020, ndr)».

Il terzo posto dello scorso anno ha messo l’Imolese in vetrina: si è avvicinato qualche eventuale acquirente?

«Qualcuno c’è stato, ma non abbiamo nemmeno risposto: non è mai stata nostra intenzione vendere la società e non lo è tuttora. Ci sta che esista qualcuno interessato all’Imolese: non è detto che siano pirati, ci sono anche persone serie in giro».

Il tema caldo è quello della «defiscalizzazione», parola che è entrata prepotentemente nel vocabolario di fine 2019 con lo sciopero proclamato dalla C.

«I segnali che c’erano stati in estate erano positivi: pensavo che questo potesse essere l’anno buono, così da poter trattare le società di calcio come se fossero delle aziende. Non c’è una società che faccia utile in serie C: noi per esempio chiudiamo con 1 milione di euro di perdita, considerando le spese per il ripescaggio e l’affitto delle torri faro, e siamo anche fra quelli bravi. L’Imolese ha un giro di affari, fra costi e ricavi, attorno ai 5 milioni di euro, perché va considerata anche tutta la parte del settore giovanile. Nel caso in cui la defiscalizzazione non venga concessa anche alla serie C, bisognerà considerare il taglio di tutte quelle attività che non siano strettamente necessarie che non producono reddito, come gli investimenti (dai pulmini gratuiti per gli allenamenti, al servizio pasti al Bacchilega) in favore delle famiglie del settore giovanile, i progetti quarta categoria relativi ai ragazzi diversamente abili, le iniziative di beneficenza e le attività gratuite nelle scuole». (an.mir.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 19 dicembre.

Nella foto (Isolapress): Fiorella Poggi

Calcio serie C, chiacchierata di fine anno con la dirigente dell'Imolese Fiorella Poggi
Sport 22 Dicembre 2019

Calcio serie C, il campionato sciopera e il direttore sportivo dell'Imolese Ghinassi è pronto per il mercato

Oggi la serie C sciopera e non scende in campo. Saltata così la delicatissima sfida salvezza col Rimini, originariamente in programma al Romeo Galli e che sarà recuperata mercoledì 22 gennaio 2020 (ore 18.30). Lo stop forzato, in fondo, per la formazione rossoblù non è una buona notizia, considerando la crisi in cui versa la compagine adriatica, ultima in classifica. «Io non mi pongo il problema se è un vantaggio o uno svantaggio non giocare – ha commentato il direttore sportivo Filippo Ghinassi -. Certo a me piacerebbe sempre scendere in campo, per provare a prenderci quel che meritiamo per il gioco espresso. Adesso lavoreremo per preparare al meglio il girone di ritorno, dove cercheremo di conquistare i punti necessari a metterne dietro almeno cinque. Il nostro è un girone pazzesco, tanto è grande il dislivello fra le squadre della parte alta della classifica e quelle dalla metà in giù. Questo però dovrebbe abbassare di qualche punto la quota salvezza».

Che l’Imolese vuole raggiungere a tutti i costi. E con questo obiettivo in testa ricorrerà al mercato di gennaio, che aprirà giovedì 2 e si chiuderà venerdì 31 alle ore 20. La priorità è la punta (almeno una) e Ghinassi in questi giorni è al lavoro per individuare gli elementi giusti per rimediare alla sterilità che affligge il reparto offensivo rossoblù fin dall’inizio della stagione. Circolano alcuni nomi di attaccanti che Atzori ha già allenato in passato, come il 27enne Alessandro Polidori in forza al Siena, ed Ettore Mendicino, 29 anni, attualmente al Monopoli. Ma ci sono anche il 33enne francese Allan Baclet della Virtus Francavilla, il monumentale (2 metri) Niccolò Romero, 27 anni, in uscita dal Sudtirol e il 28enne figlio d’arte Gianmarco Zigoni ora alla corte di Alessio Dionisi al Venezia, dove però non trova spazio. Non si esclude neppure il ritorno di Michael De Marchi, ceduto questa estate al Cittadella (nomi caldi sono anche quelli di Bunino e Soleri via Padova). «Sono tutti ottimi giocatori, alcuni però al di sopra delle nostre attuali possibilità, come Polidori, Zigoni e Romero. Volenti o nolenti, dobbiamo ragionare sulla base delle risorse economiche disponibili e operare la scelta migliore. E in questo senso Mendicino potrebbe essere un centravanti interessante. Anche Baclet, per caratteristiche, è molto adatto alle nostre esigenze. De Marchi rappresenterebbe il top, visto che ne abbiamo già apprezzato le qualità. Ma sul mercato ci sono tanti altri profili interessanti. Il problema è capire chi è veramente interessato a venire nell’Imolese e possibilmente senza farsi attendere troppo». Probabile anche l’arrivo di un altro centrale difensivo e la cessione (sempre che esistano acquirenti) di un paio di centrocampisti in esubero. (a.d.p.)

L”articolo completo su «sabato sera» del 19 dicembre.

Nella foto: il direttore sportivo Ghinassi

Calcio serie C, il campionato sciopera e il direttore sportivo dell'Imolese Ghinassi è pronto per il mercato
Sport 18 Dicembre 2019

Calcio serie C, ufficiale lo sciopero nel weekend. Rinviate a data da destinarsi tutte le gare

«La Lega dispone che le gare della 1a giornata di ritorno del campionato di Serie C in programma nei giorni 21 e 22 dicembre 2019 vengano rinviate a data da destinarsi». E” questo il comunicato stampa emesso oggi dalla Lega Pro e che di fatto conferma ufficialmente quanto disposto dal presidente Francesco Ghirelli nella giornata di ieri (per saperne di più). Niente Imolese-Rimini, quindi, con i rossoblù che torneranno in campo il 12 gennaio 2020 sul campo dell”Arzignano.

Lo stesso presidente Francesco Ghirelli ha poi dichiarato che «l’incontro tra il ministro Gualtieri e il presidente Gravina è stato istituzionalmente corretto. Ringrazio sentitamente il Ministro per l’attenzione riservata alla Lega Pro e la disponibilità al dialogo dimostrata. Così come ringrazio il presidente Gravina. L’incontro è stato positivo perché ha consentito di delineare cosa serva ai nostri club e sono emersi interessanti spunti di riflessione. Quello che ci interessa è che i club di Lega Pro arrivino alla sostenibilità economica-finanziaria. Abbiamo però la necessità di atti tangibili e concreti, di passare dalle analisi ai provvedimenti. Noi sappiamo di compiere un atto importante, domenica non si gioca. Di ciò ho informato il consiglio direttivo». (r.s.)

Nella foto: il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli

Calcio serie C, ufficiale lo sciopero nel weekend. Rinviate a data da destinarsi tutte le gare
Sport 16 Dicembre 2019

Calcio serie C, il presidente Ghirelli annuncia lo sciopero del campionato: nel weekend non si gioca Imolese-Rimini

Il prossimo weekend, salvo sorprese, Imolese-Rimini non si giocherà. La notizia non riguarda solo la partita del Romeo Galli, ma tutto il campionato di serie C, come spiegato dal presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli in un comunicato stampa emesso in data odierna (qui la versione completa): «Abbiamo deciso che il primo turno del girone di ritorno del campionato serie C, in programma il 21 e 22 dicembre, non verrà disputato – si legge -.Per rispetto alla disponibilità del Ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, che ha convocato la Figc mercoledì 18 dicembre, per discutere la tematica della defiscalizzazione per i club di Lega Pro, sarà doveroso, all’esito dell’incontro, valutare con i club quanto concretamente emerso. Decidere di fermarci non è stato semplice ed è stata una decisione a lungo meditata e travagliata. Abbiamo deciso di andare avanti perché devono dirci se serviamo per le funzioni che svolgiamo. Abbiamo chiesto la defiscalizzazione/credito di imposta. Per fare cosa? Per darci una mano ad abbassare i costi ed avere risorse da reinvestire in infrastrutture materiali (centri sportivi per i giovani) e in infrastrutture immateriali (formazione dei giovani). Questo comporterà cofinanziamento negli investimenti dei proprietari dei club, in un momento in cui è scarsa la fiducia nell’investimento in Italia. Le risposte non ci sono, si continua con i rinvii. Ci fermiamo, il campionato serie C riprenderà il 12 gennaio 2020. C’è il tempo necessario perché il Governo ed il Parlamento ci diano le risposte concrete di cui abbiamo necessità. Quello che può succedere alla ripresa del campionato è facile da intuire, la nostra pazienza non c’è più e quindi continueremo la nostra battaglia».

A tal proposito, dopo lo sfogo di ieri sera del presidente dell”Imolese Spagnoli (guarda qui) al termine del match contro il Vicenza, la società rossoblù in giornata aveva emesso un comunicato, ben prima però della decisione presa dalla Lega Pro: «La nostra società intende manifestare il pieno appoggio al presidente Ghirelli in ogni azione che deciderà di intraprendere affinché il governo prenda atto dell’importanza che i Club di Lega Pro rivestono su tutto il territorio italiano – fanno sapere -. Aiutare i nostri Club con sgravi fiscali e crediti di imposta adeguati non significa “aiutare il calcio” ma nel caso della Lega Pro significa aiutare delle vere e proprie aziende che hanno un ruolo sociale molto importante e che costantemente investono sulla formazione dei giovani e sulle infrastrutture. Faremo nei prossimi giorni una dettagliata relazione dell’impatto sociale che il nostro lavoro ha sul territorio per far capire che, in mancanza di aiuti da parte del governo le prime attività che saremo costretti a  tagliare saranno proprio quelle che non producono reddito, come gli investimenti sociali in favore delle famiglie del settore giovanile, i progetti quarta categoria relativi ai ragazzi diversamente abili, le iniziative di beneficenza e tutte le attività svolte gratuitamente nelle scuole. Siamo pronti a scioperare e siamo altresì pronti, in mancanza di tali aiuti da parte del Governo, a non iscrivere la squadra al prossimo campionato». (r.s.)

Calcio serie C, il presidente Ghirelli annuncia lo sciopero del campionato: nel weekend non si gioca Imolese-Rimini
Sport 15 Dicembre 2019

Calcio serie C, al Galli l'Imolese incrocia la capolista Vicenza. Mister Atzori: «Cercheremo di rendergli la vita difficile»

Ad una settimana dall’amara sconfitta di Padova, l’Imolese torna al Romeo Galli dove oggi (ore 17.30), per l”ultima giornata del girone d”andata, attende la capolista, e campione d’inverno, Vicenza. La partita, però, come tutte le altre di serie C inizierà con 15 minuti di ritardo rispetto all’inizio regolare delle partite, al fine di sensibilizzare il Governo sulla defiscalizzazione per le società. L’unico precedente a Imola tra le due squadre risale alla passata stagione, quando i rossoblù si imposero per 2-1 grazie alle reti di Lanini e De Marchi «Partiamo dal presupposto che affrontiamo una squadra ancora più forte del Padova, una corazzata – ha ammesso il tecnico rossoblù Atzori-. Dovremo ripetere la stessa partita non commettendo gli errori dell”ultimo turno. Checchi si è allenato con noi da mercoledì perché aveva ancora dei postumi di una piccola elongazione, ma spero di recuperarlo per sostituire lo squalificato Boccardi. Confido nella sua esperienza e volontà di voler dimostrare che anche in quel ruolo può essere utile. Il Vicenza è una squadra costruita per vincere con una proprietà fortissima, un direttore sportivo che ha fatto ottimi investimenti a partire dall’allenatore. Sappiamo benissimo che affrontiamo la squadra più forte del campionato e noi cercheremo di rendergli la vita difficile». 

Il Vicenza arriva all”appuntamento con una media punti di 2.33 a partita, ovvero 42 in 18 partite con ben 13 vittorie, 3 pareggi e sole due sconfitte. Sulla panchina siede mister Domenico «Mimmo» Di Carlo, rientrato nella provincia veneta dopo aver vinto la Coppa Italia, da giocatore, nel 1997 e intrapreso, qualche anno più tardi (2001), la carriera da allenatore con l’U19 biancorossa. Il modulo adottato dal tecnico dei vicentini è il 4-3-1-2: davanti all’estremo difensore Grandi, Cappelletti e Padella occuperanno la zona centrale mentre Bruscaglin e Barlocca agiranno rispettivamente come terzino destro e terzino sinistro. A centrocampo, senza l’infortunato Rigoni, la linea dei tre sarà composta da Pontisso, in cabina di regia, e ai fianchi Cinelli e Vandeputte. In attacco, invece, Marotta e Guerra dovrebbero essere sorretti dal trequartista numero 10 Giacomelli.

Convocati Imolese.

Portieri. 1 Libertazzi, 12 Seri, 22 Rossi. Difensori. 2 Alboni, 5 Checchi, 26 Carini, 27 Valeau, 28 Della Giovanna, 29 Ingrosso, 30 Schiavi. Centrocampisti. 3 Suliani, 4 Marcucci, 6 Alimi, 10 Belcastro, 11 Provenzano, 17 Maniero, 25 Artioli. Attaccanti. 9 Vuthaj, 14 Ngissah, 18 Padovan, 20 Sall.

Probabile formazione.

Imolese

Calcio serie C, al Galli l'Imolese incrocia la capolista Vicenza. Mister Atzori: «Cercheremo di rendergli la vita difficile»

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast