Cronaca

Cronaca 24 Maggio 2018

Un giardino per la legalità. “I mafiosi non riconoscono lo Stato e non pagano le tasse..' – VIDEO

Ieri una mattinata per parlare di legalità e mafia con studenti e autorità si è conclusa nel giardino antistante il Teatro Osservanza dove è stata scoperta una targa a ricordo dei gemellini Giuseppe e Salvatore Asta e della loro mamma Barbara Rizzo, vittime innocenti di mafia. Un”iniziativa organizzata dalla commissaria straordinaria di Imola, Adriana Cogode.

All’iniziativa erano presenti due seconde dell’Itis Alberghetti, due quarte dell’istituto Luca Ghini, una quinta ed una terza del Paolini, una quarta del Cassiano, due quinte del ginnasio Rambaldi e una seconda del liceo scienze umane Alessandro da Imola

Margherita Asta, oggi impegnata con l”associazione Libera, ha partecipato alla cerimonia di intitolazione del giardino ai suoi famigliari. Con lei anche Lucio Guarino, direttore del consorzio “Sviluppo e Legalità” di San Giuseppe Jato, che raccoglie diverse cooperative nate sui terreni confiscati alla mafia soprattutto nella zona di Palermo. Ai ragazzi Guarino ha raccontato come ancora oggi il territorio sia “fortemente condizionato dai corleonesi che, ad esempio, non chiedono il pizzo alle imprese locali ma a quelle che non lo sono sì”, perché “il fine ultimo delle organizzazioni criminali mafiose siciliane non è l”arricchimento, che è un effetto intermedio, bensì il governo dei territori, dato che loro non riconoscono lo Stato, non a caso Ninetta Bagarella, moglie di Totò Riina, fino ad un mese fa si è sempre rifiutata di pagare i tributi al Comune anche se cifre di poco conto…”. 

“Dietro la battaglia contro la mafia c’è la battaglia per la libertà e la democrazia” perché “la criminalità organizzata: uccide l”economia onesta, come afferma don Ciotti, e uccide la speranza nel futuro” ha detto la commissaria Cogode. 

Presenti anche Giovanni Schiavone, dirigente dell”Ufficio scolastico provinciale di Bologna e don Giuseppe Giacomelli, figlio del giudice Alberto Giacomelli, ucciso dalla mafia.

Giuseppe e Salvatore Asta (sei anni) e la loro mamma Barbara Rizzo (trent’anni), furono uccisi a Pizzolungo (Trapani) il 2 aprile 1985, dall”esplosione di un”auto-bomba posizionata dalla criminalità organizzata per uccidere il magistrato Carlo Palermo. (l.a)

Un giardino per la legalità. “I mafiosi non riconoscono lo Stato e non pagano le tasse..' – VIDEO
Cronaca 24 Maggio 2018

Turismo, presenze di visitatori in aumento per Imola e tutto il territorio di If

Da quali paesi arrivano gli stranieri in visita nel 2017 nei territori di If Imola Faenza? Chi sa che la Lombardia, dopo l’Emilia Romagna, è la regione più rappresentata? Questi sono solo alcuni dei temi contenuti nell’analisi condotta dall’agenzia di consulenza turistica Jfc per If Imola Faenza tourism company. Lo studio in questione è stato realizzato e cofinanziato insieme alla Città metropolitana di Bologna. Il 2017 è stato un anno molto positivo per gli arrivi e le presenze turistiche sia nel circondario imolese che nella Romagna faentina. Gli arrivi sono stati quasi 254 mila nell’intero territorio, con oltre 605 mila pernottamenti. Nell’area di Imola le presenze (vale a dire i pernottamenti) sono aumentate di oltre 130 mila unità rispetto al 2006, anno in cui si svolse l’ultimo Gran premio di Formula 1.

Oltre i dati, tuttavia, sarà interessante scoprire chi sono i visitatori del territorio, da dove vengono, se viaggiano per lavoro o per piacere, da cosa sono attratti. Inoltre, la ricerca fornirà spunti per calcolare, ad esempio, il valore delle presenze legate alla presenza dell’autodromo e alle sue attività, in pista e fuori. Oppure per valutare l’importanza, ai fini dello sviluppo turistico, di un progetto come CeramicLand, che tra Sassuolo, Faenza e Imola conta 93 aziende, occupa 17.700 dipendenti e registra un fatturato annuo di 4,6 miliardi di euro.

Per saperne di più, l’appuntamento è lunedì 28 maggio 2018, alle 16.30, per assistere alla presentazione dei dati turistici 2017 elaborati dallo studio Jfc e dei progetti del piano triennale If Imola Faenza tourism company. Nella sala Senna, all’interno dell’hub turistico (piazza Ayrton Senna da Silva 2), interverranno il presidente di If Imola Faenza, Gianfranco Montanari, l’amministratore unico di Jfc, Massimo Feruzzi, il direttore di If, Erik Lanzoni, e la dirigente delle Attività produttive e turismo della Città metropolitana di Bologna, Giovanna Trombetti.

r.c.

Nella foto: l”hub turistico all”interno della sala Senna all”autodromo

Turismo, presenze di visitatori in aumento per Imola e tutto il territorio di If
Cronaca 24 Maggio 2018

Treni in tilt sulla linea Adriatica, trovato un corpo sui binari tra Imola e Castel San Pietro

Treni in tilt a causa del rinvenimento di un corpo sulla massicciata della linea Adriatica verso nord tra Imola e Castel San Pietro.

La circolazione è stata sospesa in entrambi i sensi di marcia dalle ore 17.40 alle 18.10, poi è stato dato il nulla osta per la riattivazione del transito dei convogli verso sud. Quindi i treni stanno procedendo a senso unico alternato e ovviamente hanno accumulato notevoli ritardi fino a 80 minuti, anche perché si tratta di una delle ore di punta per il traffico pendolare.

Secondo le prime informazioni di Rfi (Rete ferroviaria italiana) si tratterebbe del cadavere di una persona. Il macabro rinvenimento è stato segnalato da un treno in transito. Sul posto sono al lavoro gli agenti della Polfer e l”autorità giudiziaria. Al momento non si sa se si è trattato di un investimento. Il corpo si trovava sulla massicciata sul lato all”esterno dei binari. (l.a.)

Foto d”archivio

Treni in tilt sulla linea Adriatica, trovato un corpo sui binari tra Imola e Castel San Pietro
Cronaca 24 Maggio 2018

Il sindaco Ponti ottimista sulla Conca Verde: «L’obiettivo è aprire il 10 giugno»

«Entro la fine di questa settimana vogliamo scegliere e affidare per la stagione estiva 2018 – dice il sindaco di Fontanelice, Athos Ponti -. Questa apertura costituisce il presupposto per rilanciare la Conca Verde e già da settembre vorremmo lavorare alla costruzione di un bando pluriennale per fare un affidamento più lungo. «Ci sono pervenute tre proposte da parte di potenziali gestori e l’obiettivo è riuscire ad aprire la piscina verso il 10 di giugno, al termine dell’anno scolastico». Traspare ottimismo nelle parole del sindaco Ponti quando parla della riapertura della Conca Verde. Sul tavolo dell’ente locale ci sono le proposte di Deai Srl, che gestisce già la piscina Gualandi di via Ortignola di Imola, quella di un privato (Virginia Fratti di Imola) e quella della Z Fitness Imola Asd di Casalfiumanese. 

Come è noto, l’estate 2017 è trascorsa senza che l’impianto entrasse in funzione e, come dimostrano le oltre 300 firme raccolte per chiederne la riapertura, il timore era che anche quest’anno si ripetesse la stessa storia. Tuttavia, nelle ultime settimane qualcosa si è mosso su più fronti, a partire dal contenzioso con l’ex gestore Geims. Fontanelice deve ancora riscuotere il canone relativo agli anni dal 2012 al 2015, una cifra che, tra Iva e imposte, arriva circa a 70 mila euro. Nel 2016, per salvare la stagione estiva, l’ente locale chiese in via eccezionale a Geims di aprire regolarmente l’impianto a giugno, nella speranza di poter trovare un punto di incontro a livello economico e poi pubblicare un nuovo bando. Geims, però, aveva messo sul piatto anche altri interventi di manutenzione effettuati e gli arredi, tra cui lettini e ombrelloni, ma anche sedie e tavoli del ristorante. «Grazie al lavoro dei rispettivi avvocati (Benedetto Graziosi per il Comune e Giuseppe Girani per Geims) stiamo per portare a termine una transazione che credo sia la soluzione migliore – aggiorna Ponti -. In pratica, ai 70 mila euro che dovremmo avere da Geims abbiamo “scaleggiato” gli arredi di proprietà della società, che quindi diventeranno del Comune, per un valore pari a circa 30 mila euro. In questo modo, Geims dovrà riconoscerci solo 40 mila euro. Sono soddisfatto perché ci permette di protare avanti l’affidamento della piscina e del ristorante senza vincoli giudiziari».  

In tutto questo si inserisce la vicenda del locale della pizzeria, chiusa dal gennaio del 2015, quando è scaduto l’ultimo contratto di subappalto. «Difficilmente questa estate aprirà, ma vogliamo pubblicare quanto prima un bando in modo da scorporare la gestione della piscina da quella del ristorante» conclude Ponti. (gi.gi. re.co.)  

Altri particolari nell’articolo sul “sabato sera” in edicola dal 31 maggio. 

Nella foto la Conca Verde come si presenta oggi

Il sindaco Ponti ottimista sulla Conca Verde: «L’obiettivo è aprire il 10 giugno»
Cronaca 24 Maggio 2018

Concorso «Ezio Pirazzini», la classe «quinta G» del Paolini ha sbaragliato la concorrenza

Lunedì 21 maggio c’è stato l’appuntamento finale per la 6ª edizione del concorso «Ezio Pirazzini, protagonista di una passione», riservato agli studenti delle scuole superiori del Circondario imolese. Gli organizzatori sono sempre loro da sempre: la sezione locale degli Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia, la figlia Gabriella Pirazzini, Marco Isola e Vinicio Dall’Ara, insieme ad altri amici e colleghi del giornalista. Il sottotitolo di questa edizione era «Highlanders o meteore? Stili di vita, stili di sport». E gli studenti dovevano formulare tali concetti attraverso articoli o filmati. Novità di quest’anno la partecipazione dell’istituto alberghiero Bartolomeo Scappi di Castel San Pietro. Notevole anche la giuria tecnica, composta da Giuseppe Tassi (editorialista Qn), Pino Allievi (inviato Gazzetta dello Sport), Raffaele Dalla Vite (giornalista ex Gazzetta dello Sport), Renato D’Ulisse (ex Gazzetta dello Sport e Stadio), Stefano Mei ( presidente nazionale Azzurri d’Italia) e Gianfranco Bernardi (presidente del comitato organizzatore).

La sezione articolo è stata vinta da Lorenzo Di Palma (5ªG del Paolini) con «No; provare no! Fare o non fare: non c’è provare! Quando l’allenatore fa la differenza». Ha partecipato anche nel multimediale con il video «Dietro a grandi atleti… grandi allenatori». Per lui 300 euro, un ingresso per il Crame e un «pass» valido per 2 persone per il fine settimana del Mondiale di Motocross. Secondo premio per Lorenzo Franzoni (5ªG Paolini) con «E’ tutta colpa delle stelle?», dedicato alla figura di Giancarlo Falappa, pilota di Superbike. Salgono sul podio (a pari merito) anche Martina Panieri (5ªG Paolini) con «Lo star system dello sport. Gossip e pubblicità creano i veri campioni di oggi» e Riccardo Barone (3ªC Scappi) che ha prodotto un articolo su Giacomo Perini, atleta paralimpico di canottaggio. Le menzioni sono state per Alessandro Negroni (5ªD Scarabelli), Marco Gerardi (4ªG Sia Paolini), per il gruppo «Sick for Sport» (3ªBS Luca Ghini) composto da Omorinsola Doyinsola Oladejo, Giovanni Merli, Lucio Oriani, Giorgia Paruolo, infine per Gaia Russo (5ªG Paolini), quarta per un soffio, con il tema: «Se non hai paura di perdere, non meriti di vincere».

La sezione multimediale ha visto come vincitore Alessandro Cappello (5ªG Paolini) con il video «L’arte nello sport», un suggestivo parallelismo tra arte, musica e sport. Secondo premio pari merito per Giulia De Martinis (4ªG Paolini) con il video «Tanto tempo fa» e per Sara Cristallo (3ªC Scappi) con il sito web «Our healthy life». Chiude il podio il gruppo composto da Andrea Fabiloni (capofila), Martino Filippone, Amanda Costa e Susanna Amadei (3ªBS Ghini), che si sono messi in gioco con un video del quale sono stati registi e attori riflettendo sull’importanza dell’allenamento costante nel determinare i risultati. Menzioni per il gruppo composto da Giulia Tedesco, Alesia Dragoti e Elisa Draghetti (1ªBC Ghini), per il gruppo composto da Giorgia Titone, Claudia Scavella, Miriam Pinto e Aicha Bouhamadi (1ªBC Ghini), infine per Mara Leonardi, Pamela Rossetti e Dana Toma (5ªH Scappi).

r.c.

Nella foto: il gruppo dei premiati del concorso

Concorso «Ezio Pirazzini», la classe «quinta G» del Paolini ha sbaragliato la concorrenza
Cronaca 24 Maggio 2018

Piccoli chef a scuola per preparare la merenda, laboratori per 300 bambini

Preparare la merenda pasticciando, letteralmente, con uova, zucchero, latte o farina. Cappello da chef in testa e un bel grembiulino blu addosso. E se alla fine un po’ di farina finisce anche sulle guance poco importa. I laboratori intitolati «Oggi la merenda la preparo io!» sono piaciuti tanto, sia ai piccoli alunni delle scuole dell’infanzia e primarie imolesi che hanno partecipato al progetto sia ai genitori coinvolti. Obiettivo dei laboratori, appena conclusi, era avvicinare i piccoli (e non solo) al tema del mangiar sano: un positivo e consapevole approccio con il cibo sin dalla prima infanzia getta la basi per un futuro stile di vita sano ed armonioso.

Dopo alcune indicazioni e consigli pratici della nurizionista dell’Azienda usl di Imola toccava ai piccoli chef mettere «le mani in pasta» per replicare le ricette di volta in volta proposte dai vari chef. I bambini si sono dedicati con passione ed entusiasmo a preparare una gustosissima focaccia alle amarene oppure delle meringhe con le fragole o un tortino di mele.

Le scuole e le classi che hanno partecipato ai laboratori sono le primarie Rubri (2ªA, 2ªB e 2ªC) e Cappuccini (2ªA e 2ªB), le scuole dell”infanzia Pambera (sezione 5 anni), Pulicari (sezioni A e B) e Vespignani (sezione B).

Complessivamente coinvolti oltre 300 alunni (alle famiglie è stata fornita anche una pubblicazione realizzata per l’occasione «Cultura del Cibo – Guida pratica per i genitori» con ricette e indicazioni per la corretta alimentazione dei bambini).Obiettivo dei laboratori era anche valorizzare la qualità e genuinità dei prodotti del nostro territorio e la professionalità degli operatori del settore.

Tra i ristoranti che hanno preso parte ai laboratori con i loro chef ci sono il San Domenico, il Molino Rosso, il Valsellustra, il nuovo AltroCafè (nuova apertura in giugno) e Marsala 18.

I laboratori rientrano nell’ambito del più vasto progetto «Cultura del Cibo»,  ideato e realizzato da Confcommercio Ascom Imola e patrocinato dal Comune,  sostenuto da partner quali l’Azienda usl di Imola, il Dipartimento di Scienze e tecnologie agro-alimentari dell’Università di Bologna (sede di Cesena), la Camera di Commercio di Bologna e la Fondazione Cassa di Risparmio di Imola.

Per maggiori informazioni e tutte le foto delle classi che hanno partecipato ai lavoratori: www.culturacibo.it oppure tel. 0542 619618 (Ascom Imola).  

Piccoli chef a scuola per preparare la merenda, laboratori per 300 bambini
Cronaca 24 Maggio 2018

Sabato Sera, questa settimana in Prima Pagina

Oggi esce in edicola il nuovo numero di “sabato sera”: ecco un breve riassunto di ciò che troverete in prima pagina.

A Imola si celebra la grande riuscita dello Street Food che per tre giorni ha riempito il parco dell”Osservanza, così come testimonia il presidente di Conami Stefano Manara. Sempre rimanendo in tema di cucina ormai sono al termine i lavori all”Altro Caffè, con l”apertura in programma a fine giugno.

Scuola: a Castel Guelfo la scuola di via Basoli avrà una pista per l”atletica, mentre a Osteria Grande entra nel vivo la realizzazione del polo scolastico per nido e materna.

Il Comune di Medicina ha installato cancelli e recinzioni negli orti comunali, Mordano è pronta per l”inizio della Sagra dell”Agricoltura e a Osteria Grande l”azienda Trem festeggia 50 anni d”attività.

Sport: a Castello la Carrera dei piccoli ha visto trionfare i Lupi e i Dowlphin. Nel weekend, invece, al Ruggi nuoto protagonista con tanti campioni per ricordare Mattia Dall”Aglio. Domenica è anche il giorno della finale play-off tra Imolese e Forlì: intervista esclusiva al direttore generale dell”Imolese Fiorella Poggi e i ricordi delll”allenatore forlivese Bettini e dell”attaccante rossoblù Franchini, compagni di squadra anni fa a Castel San Pietro. Stasera, infine, gara-2 play-off di C Gold con i Flying Ozzano che potrebbero già staccare il «pass» per la serie B.

Su «sabato sera due» tutto sui concorrenti in gara nell”ultima semifinale del contest musicale «Gocce di Musica». In programma anche la presentazione dell”ultimo romanzo di Corrado Peli, un noir con al centro i bambini. Weekend di rievocazioni medievali, infine, a Ozzano tra musiche, mercati e Palio dell”Oca.

r.c.

Sabato Sera, questa settimana in Prima Pagina
Cronaca 23 Maggio 2018

Macfrut, l’innovazione targata Cefla premiata con la medaglia d’oro

La grow unit di Cefla Shopfitting, la divisione del gruppo cooperativo imolese che si occupa di arredi per spazi commerciali, si è aggiudicata la medaglia d’oro del Macfrut innovation awards, il premio organizzato da Cesena Fiera e da L’Informatore Agrario per mettere in evidenza le soluzioni del comparto a più alto contenuto di ricerca e sviluppo. Premio consegnato durante l’importante fiera dedicata all’ortofrutta svoltasi recentemente a Rimini. «Questo premio – ha commentato Andrea Ventura, amministratore delegato di Cefla Shopfitting – conferma il valore dell’innovazione che, da sempre, è uno dei nostri punti di forza»

.La grow unit, che già all’ultima edizione di Cosmofarma aveva riscosso grande interesse da parte di operatori europei della grande distribuzione, non è altri che un modulo espositivo di piantine al loro stadio iniziale di crescita (e perciò ricche di nutrienti, fino a 40 volte in più rispetto gli ortaggi cresciuti), coltivate in un ambiente chiuso tramite un sistema di irrigazione e di illuminazione dei vegetali frutto della collaborazione tra C-Led, società del gruppo Cefla, e università. In altre parole, la grow unit è un vero e proprio orto da cui cogliere verdure fresche. 

r.e.

Nelle foto: la premiazione di «Cefla Shopfitting» al «Macfrut», la fiera dedicata all’ortofrutta svoltasi recentemente a Rimini

Macfrut, l’innovazione targata Cefla premiata con la medaglia d’oro
Cronaca 23 Maggio 2018

Il Comune di Ozzano dedica un laboratorio di robotica all’ex sindaco Valter Conti

Un laboratorio di robotica dedicato a Valter Conti, sindaco di Ozzano dal 1995 al 2004, scomparso poco più di un anno fa. La cerimonia durante la quale è stata scoperta la targa con l’intitolazione si è svolta nella mattinata di sabato 19 maggio alla scuola elementare Ciari alla presenza della moglie Laura, del sindaco Luca Lelli, del dirigente scolastico Luca Prono e di una nutrita rappresentanza di Ima e aziende collegate. A Conti è stato intitolato un laboratorio creativo dedicato alla robotica che l’istituto comprensivo ozzanese è riuscito ad avviare grazie ai contributi derivanti da un bando del Miur (ministero dell’Istruzione, università e ricerca) e di alcune realtà economiche locali, fra le quali Ima e consociate.

Si tratta di un laboratorio interattivo dove i bambini, a partire dalla scuola materna per arrivare fino alle medie, possono imparare i primi rudimenti della robotica, ad esempio come codificare e far funzionare un piccolo ed elementare robot grazie all’aiuto degli insegnanti appositamente formati e a genitori volontari che hanno messo la loro professionalità e le loro conoscenze informatiche a disposizione della scuola . «Si tratta di un primo passo fatto nella direzione di dare un riconoscimento e nello stesso tempo ricordare la figura di Valter Conti, un sindaco molto amato dalla comunità e che tanto ha fatto per il Ozzano – motiva il sindaco Lelli -. In futuro non mancheranno altre occasioni per ricordarlo, ma è bello e significativo che abbiamo iniziato da questo laboratorio creativo nato da un perfetto connubio fra la scuola e le attività imprenditoriali del nostro territorio fra le quali la Ima, azienda nella quale Valter ha iniziato la sua carriera lavorativa e verso la quale ha sempre avuto un rapporto affettivo particolare». 

r.c.

Nella foto: un momento della Cerimonia con, da sinistra, il Dirigente scolastico Luca Prono, la moglie di Valter Conti, Laura, il Sindaco Luca Lelli e il Dirigente Ima Massimo Marchesini

Il Comune di Ozzano dedica un laboratorio di robotica all’ex sindaco Valter Conti
Imola 23 Maggio 2018

#ElezioniImola2018, indicazioni per gli elettori con gravi infermità o non deambulanti

Per i cittadini che si trovano impossibilitati per grave infermità fisica (cecità, amputazione delle mani, paralisi o altro impedimento di analoga gravità) ad esprimere personalmente il voto, c’è la possibilità di farsi accompagnare alla cabina elettorale da persone di fiducia. Per poterlo fare, però, occorre presentare al presidente del seggio elettorale l’attestato sanitario rilasciato da un medico dell’Igiene e Sanità pubblica dell’Ausl territoriale competente. Nel caso delle ormai prossime elezioni amministrative imolesi del 10 giugno, l’Ausl è ovviamente quella di Imola.

Per ottenere la certificazione, dall”Asul stessa precisano, che gli elettori devono rivolgersi a partire da lunedì 28 maggio agli ambulatori dell’Igiene e Sanità pubblica presso l’ospedale vecchio in viale Amendola 8, dal lunedì al sabato dalle ore 8.30 alle 9 (questo non vale per le persone ricoverate che devono invece rivolgersi alla Direzione sanitaria al piano intermedio dell’ospedale nuovo).

Da notare che la stessa Ausl precisa come “le patologie che interessano la sfera cognitiva (ad esempio demenza senile o disorientamento temporo-spaziale) non costituiscono presupposto valido per il rilascio del certificato”.

L’attestazione medica rilasciata dagli ambulatori della Sanità pubblica occorre anche per gli elettori non deambulanti che chiedono di votare in un’altra sezione dato che quella alla quale sono iscritti non è accessibile con la sedia a rotelle.

Infine per gli elettori fisicamente impediti o non deambulanti che necessitano di essere trasportati a mezzo ambulanza al seggio occorre che si rivolgano nella giornata stessa di domenica 10 giugno all’ambulatorio di Igiene e Sanità pubblica dalle 9 alle 12.30.

#ElezioniImola2018, indicazioni per gli elettori con gravi infermità o non deambulanti

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast