Cronaca

Cronaca 4 Aprile 2018

Sbanda e urta contro un palo sull'asse attrezzato, grave un trentenne

Grave incidente ieri nel tardo pomeriggio sull”asse attrezzato nel tratto finale con direzione il quartiere Pedagna (via della Costituzione). Lo schianto si è verificato alle 18.40 dove la carreggiata si restringe verso la rotonda ovale all”incrocio con via Salvo D”Acquisto.

Stando a quanto ricostruito dalla polizia municipale, un imolese di 30 anni era alla guida di una Fiat 600 quando, per cause ancora da chiarire, avrebbe perso il controllo dell”auto. Sbandando è finito contro un palo dell”illuminazione e un cartello stradale, accartocciando le lamiere dal lato del conducente.

Nessun altro veicolo è rimasto coinvolto. Viste le gravi ferite riportate, il 118 ha trasportato il 30enne all”ospedale Maggiore di Bologna, dove è ricoverato in gravi condizioni in prognosi riservata.

gi.gi.

Sbanda e urta contro un palo sull'asse attrezzato, grave un trentenne
Cronaca 4 Aprile 2018

Piantati quattro nuovi aceri nella rotonda di via Viara a Castello

A Castel San Pietro hanno molto a cuore il verde pubblico e, per questo motivo, nei giorni scorsi quattro nuovi alberi sono stati piantati nella rotonda di via Viara, in sostituzione della quercia colpita tempo fa da un fulmine e poi abbattuta.

Nello specifico si tratta di due aceri campestri e due aceri «Autumn blaze» che in autunno si colorano rispettivamente di giallo e di rosso. «Non sono state piantate querce per una questione di distanze dalla strada e di rispetto del Codice della strada – precisa il responsabile del Servizio del Verde Pubblico del Comune -. Quella abbattuta era già presente prima della costruzione della rotonda». 

Nei prossimi giorni, infine, saranno sistemati anche gli ultimi alberi per l”annata 2017-18, ovvero un frassino e un bagolare al boschetto DinAmico e quattro bagolari al parco Bertella. Proprio i bagolari sono tra quelli salvati in occasione dell”intervento in via Scania perché considerati a rischio caduta.

r.c.

Nella foto: i lavori di piantumazione degli alberi nella rotonda di via Viara

Piantati quattro nuovi aceri nella rotonda di via Viara a Castello
Cronaca 3 Aprile 2018

Aria di primavera e tanta gente a Imola per festeggiare la Pasquetta. IL VIDEO

Autodromo, parco Tozzoni, Acque Minerali e lungofiume. Sono questi i luoghi dove molti imolesi e non solo hanno deciso di trascorrere qualche ora nel giorno di Pasquetta.

C”è, infatti, chi ha approfittato della prima apertura del circuito per una semplice passeggiata o una corsetta post pranzo o semplicemente ha fatto un giro all”interno del Parco delle Acque Minerali. Altri invece hanno preferito rilassarsi al sole vicino al Chiosco Dolce Vita, magari leggendo un buon libro o chiacchierando in compagnia. E non potevano certo mancare i classici pic-nic e le grigliate nei prati in riva al Santerno, complice il bel tempo in questo giorno di festa finalmente dal tipico sapore primaverile.

r.c.

Nella foto: picnic sul lungofiume

Aria di primavera e tanta gente a Imola per festeggiare la Pasquetta. IL VIDEO
Cronaca 3 Aprile 2018

Borse di studio per i giovani in aumento grazie a Bcc e Fondazione Dalle Fabbriche

Cresce di anno in anno il numero delle borse di studio e ricerca che la Banca di credito cooperativo ravennate, forlivese e imolese e la Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche mettono a disposizione per i giovani del territorio in cui operano.

Oltre al numero (36 contro le 24 dello scorso anno) cresce poi anche l’importo complessivo erogato (38.500 euro contro i 28.000 del 2017). «Investire nella formazione e nella conoscenza delle nuove generazioni vuol dire investire sul futuro di questo territorio, una missione dalla quale non si può prescindere», motivano Secondo Ricci e Edo Miserocchi, rispettivamente presidenti della Bcc ravennate, forlivese e imolese e della Fondazione. Alcuni bandi sono destinati esclusivamente ai figli dei soci della Bcc, mentre altri sono rivolti a tutti i giovani residenti nei comuni di insediamento della banca e territori limitrofi.

La data ultima per presentare la propria candidatura è fissata per il prossimo 20 aprile. Le borse di studio e ricerca per i figli dei soci della Bcc sono 33, così suddivise: 2 borse di ricerca da 1.500 euro ciascuna per progetti in ambito agroalimentare, sociale o innovazione; una borsa di studio da 1.500 euro per dottorati in discipline economiche; 20 borse di studio da mille euro ciascuna per tesi di laurea magistrale in qualsiasi indirizzo di studio con votazione 110 e lode; 10 borse di studio da 500 euro cadauna per tesi di laurea triennale in qualsiasi indirizzo di studio con votazione 110 e lode.

La Bcc ha poi bandito 3 borse di ricerca a cui possono concorrere giovani residenti nei territori serviti dalla banca. Le tre borse di ricerca, del valore di 3.000 euro ciascuna, sono finalizzate a tre tematiche specifiche: «Responsabilità sociale di impresa e dichiarazione di informazioni di carattere non finanziario»; «Alternanza scuola-lavoro: esperienze di attuazione e proposte per il miglioramento nel rapporto fra imprese del territorio e studenti»; «Fuga dei cervelli all’estero? No, grazie! Europa (andata e ritorno) e prospettive di nuove relazioni fra giovani e imprese locali, per accrescere le competenze internazionali nell’economia romagnola». Infine il premio intitolato a Luigi e Giuseppe Piazza, del valore di 1.000 euro, destinato a laureati in Scienze dell’economia e della gestione aziendale o Scienze economiche o Finanza o diplomati di istituti tecnici del settore economico negli anni 2016 e 2017.

Ulteriori informazioni e bandi completi sui siti internet www. labcc.it e www.fondazionedallefabbriche.it

r.c.

Nella foto: Secondo Ricci (a sinistra) e Edo Miserocchi, rispettivamente presidenti della Bcc ravennate, forlivese e imolese e della Fondazione

Borse di studio per i giovani in aumento grazie a Bcc e Fondazione Dalle Fabbriche
Elezioni 3 Aprile 2018

Giambattista Boninsegna candidato sindaco del Popolo della Famiglia

E siamo a tre candidati sindaci per le prossime elezioni amministrative del 10 giugno a Imola. Niente accordo con Palazzolo e le liste del centrodestra per il Popolo della Famiglia. “Abbiamo avuto dei contatti e abbiamo dei punti in comune ma abbiamo deciso di presentarci da soli perché nessuna delle proposte in campo risponde alle nostre preoccupazioni”. Perché anche il “centrodestra ha detto che non c”è spazio per i valori non negoziabili”. Insomma “è saltato il patto del Nazareno”. E i guai nazionali paiono rimbalzare sul locale. Comunque sia, i sostenitori del partito di Adinolfi, che tra Imola e Medicina si raccolgono nel circolo Valori&Vita, hanno deciso di correre da soli e candidare Giambattista Boninsegna, un dozzese di matrice cattolica di 61 anni.

Interessante scoprire che Boninsegna, pensionato, dal ”95 al 2002 fu vicesindaco della Giunta guidata allora da Daniele Manca, poi tra i promotori di una lista civica trasversale, fino al 2006 quindi è stato consigliere comunale di opposizione. Boninsegna oggi di Manca dice: “A Dozza fu uno splendido sindaco ma Imola oggi sta morendo e Manca ha fatto la stessa fine di Renzi, è stato troppo fagocitatore, non è stato capace di trovare qualcuno per prendere il suo posto dopo di lui”.

“Il nostro pobiettivo è arrivare al 3%, entrare in Consiglio comunale e far vedere che i voti del Popolo della famiglia sono decisivi”. Quindi mani libere al primo turno per “raccogliere i voti dei cattolici che finora si sono dispersi in vari orientamenti politici”. Poi quando si arriverà al probabile ballottaggio disponibili a valutare l”appoggio “con chiunque prenderà degli impegni seri”. Chiunque ma partendo dal fatto che i “punti fermi sono gli stessi di tutte le altre forze di opposizione, l”ospedale non deve diventare una succursale di Bologna, la sicurezza, la discarica”. Poi c”è l”attenzione alla famiglia a partire “dall”assessorato alla famiglia e il reddito di maternità di almeno 300 euro al mese per le madri che rimangono a casa fino ad un anno di età del bambino”.

l.a.

Nella foto Matteo Venturi presidente del circolo Valori&Vita, Giambattista Boninsegna, Filippo Martini, Mirko De Carli coordinatore nazionale nord Italia del partito di Adinolfi, Mauro Turrini,  

Giambattista Boninsegna candidato sindaco del Popolo della Famiglia
Cronaca 3 Aprile 2018

Fugge dopo l'incidente, individuato dalla municipale grazie alle telecamere

La polizia municipale castellana è riuscita a rintracciare e denunciare dopo poche ore un automobilista che era fuggito dopo un incidente. Il tutto grazie alle telecamere dell”impianto di videosorveglianza installato negli ultimi anni sul territorio comunale castellano.

L’incidente è avvenuto ieri mattina, venerdì 30, verso le ore 9 in piazza Martiri Partigiani nel centro di Castello. Due auto si sono scontrate in prossimità dell’attraversamento pedonale alle porte del Cassero. “La dinamica è ancora oggetto di accertamento ma, dopo la collisione, uno dei due conducenti ha ripreso la marcia, dandosi alla fuga, senza provvedere alle formalità di rito” spiegano dal Comune. L”altra auto coinvolta ha chiamato la municipale e denunciato l’accaduto.

La pattuglia già dalla descrizione del veicolo fuggitivo ha riconosciuto il presunto proprietario del mezzo rintracciato presso la propria abitazione ma la conferma è arrivata poi dalle telecamere per la videosorveglianza presenti in tutto il centro storico che hanno immortalato anche l”incidente.

Fugge dopo l'incidente, individuato dalla municipale grazie alle telecamere
Cronaca 2 Aprile 2018

Giornata mondiale autismo, Imola e Castello si colorano di blu

Oggi, lunedì 2 aprile, è la Giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo, ricorrenza istituita dall”Onu nel 2017 e nella quale, per l”occasione, ogni città del mondo provvede a illuminare piazze, edifici pubblici e monumenti di blu, il colore simbolo dell’autismo.

A Imola, in serata, toccherà come da tradizione a piazza Matteotti illuminarsi di questo colore grazie alla collaborazione con l’Associazione onlus Imola Autismo – Anche noi ci siamo, mentre a Castel San Pietro la stessa sorte spetterà alle 19 alla torretta del Cassero. «L’autismo è un disturbo generalizzato dello sviluppo al quale la scienza e la ricerca non hanno, ad oggi, attribuito cause certe – dichiara Elvira Noferini, referente dell”Associazione onlus Imola Autismo-Anche noi ci siamo- e coinvolge quotidianamente l’intero nucleo familiare sui versanti dell’accudimento, dell’educazione, della conquista e del mantenimento delle autonomie di base che conferiscono dignità e qualità al tempo di vita della persona autistica. Ma con grande forza il 2 aprile, vogliamo cantare a voce alta che il cielo è sempre più blu».

r.c.

Nella foto (dalla pagina facebook del Comune di Castel San Pietro): la torretta del Cassero illuminata di blu in una precedente edizione

Giornata mondiale autismo, Imola e Castello si colorano di blu
Cronaca 31 Marzo 2018

Spazio, ultimi aggiornamenti sulla Tiangong-1. Esclusa dai detriti l'Emilia-Romagna

Ormai ci siamo. Nelle prossime ore la ormai famosa stazione spaziale cinese Tiangong-1, come si legge sul sito della Protezione civile (ultimo aggiornamento alle 18.15 di oggi) farà il suo rientro in atmosfera domani, giorno di Pasqua, alle 22.34 (00:34 ora italiana del 2 aprile), con un intervallo tra le 5 e le 10 ore di variazione. Lo slittamento della stima rispetto ai precedenti aggiornamenti è dovuto al rallentamento della stazione cinese a causa delle condizioni atmosferiche.

Per capire dove potrebbero cadere i detriti nel nostro Paese basta osservare la mappa emessa dall”Asi (Azienda Spaziale Italiana) nel comunicato n° 15 dove vengono evidenziate, con colori differenti, le fasce orarie e le varie zone potenzialmente interessate. Nello specifico risultano quattro: la prima dalle 04:25 alle 04:55, la seconda dalle 05:58 alle 06:28, la terza dalle 07:30 alle 08:00 e l’ultima dalle 09:02 alle 09:32.

In base a questa previsione e all”interno di questo arco temporale, come riferisce la nota della Protezione civile, saranno escluse la Liguria e l”Emilia-Romagna, diversamente da quanto era stato ipotizzato in un precedente aggiornamento. Potrebbero essere, invece, interessate tutte le regioni a sud dell”Emilia-Romagna, anche se le probabilità che i detriti possano cadere sul territorio italiano, mari esclusi, è pari allo 0.2%.

Ulteriori aggiornamenti comunque saranno disponibili nelle prossime ore sul sito della Protezione civile.

Aggiornamento dell”1 aprile (ore 20.00). Il rientro della Tiangong-1 è previsto per domani, 2 aprile, alle 00.39 (02:39 ora italiana), con un intervallo tra le 2 e le 4 ore di variazione. Secondo la Protezione civile, come si legge sul loro sito, le fasce che interesserebbero l”Italia si ridotte da quattro a due e riguardano il Lazio, l”Abruzzo, il Molise, la Campania, la Puglia, la Basilicata, la Sardegna e l”isola di Lampedusa (guarda mappa). Inoltre la possibilità che i frammenti cadano sul territorio italiano si è ridotta allo 0.1%.

d.b.

Nella foto: la mappa sulle opportunità di rientro della Tiangong-1 

Spazio, ultimi aggiornamenti sulla Tiangong-1. Esclusa dai detriti l'Emilia-Romagna
Cronaca 31 Marzo 2018

Partiti i lavori agli spogliatoi dei campi da calcio di Ozzano

Sono partiti la scorsa settimana i lavori di consolidamento degli spogliatoi realizzati negli anni Sessanta, che sono a servizio dei campi da calcio di via dello Sport, in gestione alla Polisportiva Ozzanese. Un’opera attesa da tempo, da quando, nell’ottobre del 2016, una parte era stata dichiarata inagibile per la presenza di crepe ben visibili. «Il sottosuolo è argilloso e mancava un’adeguata fondazione» spiega l’assessore ai Lavori pubblici, Mariangela Corrado.

Da quel momento, i calciatori si sono «adattati» utilizzando anche gli spogliatoi a servizio del vicino campo da baseball, che sospende l’attività nei mesi più freddi, da ottobre a marzo. «Si tratterà sostanzialmente di consolidare le fondazioni, realizzare micropali e rinforzare le pareti verticali con fibre di vetro – dettaglia l’assessore Corrado -. Contestualmente, sostituiremo le piastrelle e le docce».

Complessivamente, si tratta di un’opera da 190 mila euro, interamente finanziata dal Comune di Ozzano. Ad aggiudicarsi i lavori, con un ribasso del 23%, è stata la ditta Tekna Immobiliare Srl di Portici, in provincia di Napoli, che avrà tre mesi di tempo per completare l’intervento. Durante i lavori, e ricominciata la stagione del baseball, «verranno posizionati tre container provvisori per consentire ai calciatori di cambiarsi mentre la ditta lavorerà sui vecchi spogliatoi».

gi.gi.

Nella foto: l”esterno degli spogliatoi di via dello Sport a Ozzano

Partiti i lavori agli spogliatoi dei campi da calcio di Ozzano
Cronaca 31 Marzo 2018

A Casalfiumanese l'idea è un campo polivalente per calcio e pallavolo

Potrebbero esserci miglioramenti in vista per gli impianti sportivi di Casalfiumanese. In febbraio, infatti, la Giunta ha deliberato di partecipare a un bando regionale per la riqualificazione degli impianti sportivi.

L’idea sarebbe quella di realizzare, accanto al campo da calcio a undici di viale XXV Aprile, un campetto in erba sintetica in cui si potrebbe giocare sia calcio a cinque che pallavolo. Questo nuovo impianto sarebbe a disposizione per far allenare i ragazzi del settore giovanile della scuola calcio. «Si trattava di un progetto a cui avevamo già pensato, quando è uscito il bando regionale noi eravamo pronti a cogliere l’occasione» motiva il sindaco Gisella Rivola.

La Regione, infatti, ha destinato 20 milioni di euro a progetti di qualificazione o miglioramento degli impianti sportivi. A Casale l’intervento ha un costo di 155 mila euro, una bella sommetta. Se arrivasse il finanziamento, il 70% della cifra sarebbe coperto dalla Regione, mentre all’ente locale resterebbe in carico il restante 30%. In maggio si dovrebbe sapere qualcosa sulla graduatoria e «quando sapremo se avremo accesso ai finanziamenti decideremo cosa fare» conclude la Rivola.

re.co.

Nella foto (dalla pagina facebook del Comune): una veduta aerea del centro di Casalfiumanese

A Casalfiumanese l'idea è un campo polivalente per calcio e pallavolo

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast