Posts by tag: circondario

Cronaca 15 Maggio 2020

Novità dall'Accordo territoriale per gli ambiti produttivi del circondario anche per il comparto Fossatone

La modifica dell’Accordo territoriale per gli ambiti produttivi del circondario imolese riguarda anche il comparto medicinese di Fossatone, un’area di circa 39 ettari tagliata in due dalla San Vitale: la parte con più aziende è a nord della provinciale ed è compresa tra lo scolo Fossatone e il torrente Quaderna, mentre a sud comprende l’area «ex Agip». Nel comparto ora potranno insediarsi anche attività di logistica di dimensioni inferiori o uguali a 10 mila metri quadri. L’accordo specifica che i nuovi insediamenti dovranno avvenire all’interno di strutture esistenti, dovranno avere i requisiti di Aree produttive ecologicamente attrezzate (Apea), per ridurre al minimo gli impatti sull’ambiente, e saranno condizionati alla «necessità imprescindibile di realizzare le dotazioni territoriali mancanti».

«Era importante che Fossatone fosse all’interno di questo accordo – commenta il sindaco, Matteo Montanari -. Sappiamo che ci sono alcune aziende interessate a questa area, anche se al momento siamo ancora alle fasi preliminari. La novità riguarda superfici limitate rispetto a quelle di zone industriali di altri comuni del circondario e soprattutto riguarda capannoni già esistenti. È quindi un tentativo di riconversione di immobili artigianali in questo momento sottoutilizzati. Sicuramente il comparto Fossatone ha bisogno di alcuni interventi. In questa fase non stiamo parlando di interventi importanti, come può essere la rotonda fuori dal casello dell’autostrada nel caso di Castel San Pietro. Per quanto riguarda Medicina si tratta di analisi che dovremo fare nel momento in cui si vedrà chi vuole insediarsi, quanti metri quadri di logistica vorrà fare. Dovremo capire assieme quali opere realizzare. In ogni caso, si tratta di interventi minimali». (lo.mi.)

L”intervista completa è su «sabato sera» del 14 maggio

Nella foto una veduta aerea del comparto Fossatone a Medicina

Novità dall'Accordo territoriale per gli ambiti produttivi del circondario anche per il comparto Fossatone
Cronaca 15 Maggio 2020

Con le modifiche all'Accordo territoriale per gli ambiti produttivi grandi aziende di logistica anche a Imola e Castel San Pietro

Le grandi aziende di logistica, con superfici superiori a 10 mila metri quadri, potranno insediarsi anche a Imola e nel comparto San Carlo (tra Castel San Pietro e Castel Guelfo), non più soltanto all’Interporto di Bologna come finora. La novità fa seguito all’approvazione, avvenuta a fine aprile da parte della Città metropolitana e, a seguire, dal Circondario imolese, delle modifiche all’Accordo territoriale per gli ambiti produttivi del Circondario, in linea con il Piano urbano per la mobilità sostenibile (Pums). In particolare, il Pums identifica sull’intero territorio della città metropolitana, oltre all’Interporto, quattro ambiti produttivi sovracomunali (Martignone, Altedo, San Carlo e Imola) ritenuti adatti a ospitare grandi aziende di movimentazione merci, poiché situati in prossimità di un casello autostradale e di una stazione del servizio ferroviario metropolitano.

Questi insediamenti consentiranno ai Comuni di attuare una serie di opere di mitigazione, come, nel caso di Castel San Pietro, la tanto attesa rotonda all’uscita del casello autostradale. Abbiamo chiesto a Fausto Tinti, vicesindaco della Città metropolitana e sindaco di Castel San Pietro, di spiegarci meglio le opportunità introdotte dalle modifiche all’accordo territoriale. «L’accordo – premette – ha innanzitutto una portata di carattere metropolitano, con una visione politica di fondo. Finalmente la città di Bologna e l’area metropolitana lavorano insieme, adattandosi l’una all’altra. La logistica pesante si fermerà alle porte del capoluogo, mentre dai quattro nuovi poli una logistica leggera porterà il materiale alle varie destinazioni finali. Là dove c’è una facilitazione nel trasporto merci, c’è la possibilità che le aziende produttive si insedino più volentieri. Inoltre, è evidente che si potranno sviluppare nuove sinergie con le imprese già sul territorio. L’accordo dà quindi una energia ulteriore al settore produttivo e può tramutarsi anche in un importante volano di sviluppo economico, occupazionale e anche demografico per questo territorio, messo a dura prova da una crisi economico-sanitaria inedita quanto inaspettata». (lo.mi.)

L”intervista completa è su «sabato sera» del 14 maggio

Nella foto l’area Ca’ Bianca 5 a Castel San Pietro, su cui si insedierà una azienda di logistica di circa 60 mila metri quadri

Con le modifiche all'Accordo territoriale per gli ambiti produttivi grandi aziende di logistica anche a Imola e Castel San Pietro
Cronaca 11 Maggio 2020

Pubblicato il bando dell'Asp per il Contributo affitto. Domande fino al 12 giugno

Saranno raccolte fino al 12 giugno le domande per il contributo integrativo per sostenere il pagamento dei canoni di locazione (Contributo affitto) relativi all’anno 2019.

Potranno presentare domanda i nuclei familiari residenti in uno dei comuni del circondario imolese titolari di un contratto di locazione per l’abitazione principale nel 2019 e ancora in corso di validità, un indicatore della situazione economica equivalente (Isee) valido compreso tra 3.000 euro e 17.154 euro, e che non siano già beneficiari del reddito di cittadinanza.
Per i residenti nei Comuni di Casalfiumanese, Castel Guelfo di Bologna, Castel San Pietro Terme, Dozza e Medicina sarà possibile presentare le domande anche se in possesso di un Isee inferiore a 3.000 euro, in quanto queste amministrazioni hanno istituito un Fondo per l’affitto comunale teso a dare risposte ai nuclei esclusi dal Fondo regionale.
L’entità del contributo sarà pari a due mensilità del canone effettivamente corrisposto nell’anno 2019, al netto delle spese condominiali ed accessorie, per un massimo di 1.400 euro a domanda.

«Stante la situazione di emergenza sanitaria in atto, è privilegiata la modalità di invio della domanda tramite posta elettronica – spiega l’Asp del circondario imolese -, e solo in via residuale la presentazione diretta agli uffici preposti previo appuntamento». (r.cr.)

Pubblicato il bando dell'Asp per il Contributo affitto. Domande fino al 12 giugno
Cronaca 6 Maggio 2020

Il Consiglio metropolitano approva le localizzazioni per nuovi ambiti produttivi nel circondario

Via libera da parte del Consiglio metropolitano alle modifiche all”accordo territoriale per gli ambiti produttivi del circondario imolese, conseguenti al recepimento delle politiche per la grande logistica del Pums-Piano urbano per la mobilità sostenibile e delle nuove politiche territoriali per l’ambito di Fossatone (Medicina).

Per quello che riguarda Imola e il circondario, le strutture per la logistica –a cui sono assimilate le attività di e-commerce– di grandi dimensioni, ovvero superiori a 10.000 mq di superficie fondiaria, potranno essere localizzate all’interno degli ambiti produttivi sovracomunali di Imola e San Carlo.
Le attività di logistica di dimensioni inferiori o uguali a 5.000 mq, invece, potranno insediarsi negli ambiti produttivi sovracomunali di Osteria Grande (Comune di Castel San Pietro) e Valle del Santerno (Comuni di Borgo Tossignano e di Casalfiumanese).

Nell’ambito di Fossatone si potrà insediare un’attività di logistica di dimensioni inferiori o uguali a 10.000 mq di superficie utile in strutture già edificate all’interno dei volumi produttivi esistenti. (r.cr.)

Il Consiglio metropolitano approva le localizzazioni per nuovi ambiti produttivi nel circondario
Cronaca 5 Maggio 2020

Tavolo circondariale del turismo a metà maggio. Priorità: bando per attività di promocommercializzazione

Sarà convocato per metà maggio il prossimo Tavolo del turismo area imolese, con il compito di ridefinire le strategie e le azioni da porre in essere per il 2020 alla luce dei nuovi scenari che si delineano dopo l”emergenza sanitaria e occasione per fare il punto sulle novità a livello nazionale e regionale in materia di turismo.

«La convocazione del Tavolo circondariale ha innanzitutto l’obiettivo di dare un segnale di vicinanza delle istituzioni alle attività del settore, tra le più pesantemente coinvolte dalla crisi – commenta Luca Albertazzi, primo cittadino di Dozza con delega al Turismo all”interno del Circondario -. L’idea e la speranza è che, a partire da quella data, si possa sapere di più delle limitazioni che ci saranno e le nuove opportunità che si presentano per le varie aziende e per la gestione del turismo che sarà. Il tema va infatti affrontato secondo una visione quanto meno circondariale. Stiamo per chiudere definitivamente l’approvazione delle convenzioni per la gestione associata del turismo in tutti i comuni del circondario, un passo decisivo sul quale si lavora da tempo, proprio perché si tratta di un settore, così come quelli del lavoro e della sanità, da trattare a livello più ampio».
Inoltre, «questa crisi non può essere affrontata con la volontà soltanto di ripartire – aggiunge Albertazzi -, bensì va sfruttata come un’occasione per ripensare e riorganizzare le attività di promozione e di attrattività del nostro territorio, superando elementi disfunzionali già noti, ma sui quali non avevamo ancora lavorato in maniera organica».
Fra le priorità, «un bando per le attività di promocommercializzazione – anticipa il sndaco -, in linea con le esigenze e la programmazione pluriennale del territorio. Sarebbe un’altra bella notizia per affrontare il momento complesso nel miglior modo possibile». (r.cr.)

Tavolo circondariale del turismo a metà maggio. Priorità: bando per attività di promocommercializzazione
Cronaca 21 Aprile 2020

Ascom Imola chiede ai sindaci misure concrete di aiuto per rilanciare il commercio

Niente Tari, occupazione del suolo pubblico e imposta sulla pubblicità dalla data di chiusura delle attività alla fine dell’anno. Accordi con i fornitori di utenze per posticipare il pagamento delle bollette e prevedere agevolazioni/sconti. Possibilità per i ristoranti di effettuare la vendita d’asporto. Misure meno restrittive per i dehor. Nuovi orari e tariffe per la sosta a pagamento nel centro storico.
Sono le richieste che Confcommercio Ascom Imola rivolge al commissario straordinario Nicola Izzo e ai primi cittadini di tutti i comuni del circondario per favorire la ripresa delle attività commerciali cittadine dopo la chiusura forzata dovuta all’emergenza coronavirus.

«Nel pensare alle modalità di riapertura occorrerà prevedere forte sburocratizzazione di alcune procedure – è convinto Gianluca Alpi, presidente dell’associazione di categoria –, come ad esempio per l’occupazione di suolo pubblico per ampliare la propria proposta di vendita o di somministrazione, al fine di agevolare una ripartenza che in ogni caso sarà graduale».
Inoltre, «alle attività che sono state obbligate alla chiusura serve congruo indennizzo per i danni subiti – aggiunge Alpi – ed un percorso di agevolazioni fiscali e tributarie, oltre ad una semplificazione negli adempimenti, che le accompagni e sostenga nei primi mesi di ritorno all’attività». (r.cr.)

Ascom Imola chiede ai sindaci misure concrete di aiuto per rilanciare il commercio
Cronaca 15 Aprile 2020

Coronavirus, i Comuni sui social: dirette, notizie e… arcobaleni per restare in contatto con i cittadini

Comuni differenti, approcci diversi ai social network. È variegato il panorama degli utilizzi che le Amministrazioni del circondario imolese hanno fatto delle pagine Facebook dei propri Comuni in queste settimane di emergenza coronavirus.

Castel del Rio ha deciso di puntare esclusivamente sulle informazioni di pubblica utilità, sfruttando la pagina Facebook per condividere i contenuti già pubblicati sui siti internet del Comune e della Città metropolitana.

A fianco delle informazioni utili, Fontanelice ha lanciato due iniziative per i più piccoli: l’album di disegni «Andrà tutto bene», raccolti attraverso l’indirizzo e-mail tuttobenefontanelice@outlook.it che ha già raccolto una quarantina di disegni,e il progetto «Una rete per restare vicini», che coinvolge il nido d’infanzia La chiocciola, con letture e attività di gioco ed esplorazione proposte dagli educatori (il sabato) e «Pillole educative a distanza » a cura del coordinatore psicologico (il mercoledì).

Borgo Tossignano non ha una sua pagina Facebook e tutto passa attraverso quella del primo cittadino Mauro Ghini, dalle informazioni di pubblica utilità, anche per mezzo di video, alle iniziative messe in campo in paese: il servizio di consegna a domicilio della spesa e dei farmaci, il progetto per bambini «Resta a casa e… libera la fantasia!», con la raccolta di disegni attraverso il numero WhatsApp 371/3844726, e la raccolta di fondi Insieme si può-Borgo Tossignano contro il coronavirus.

Oltre alle informazioni utili, anche Mordano punta a mantenere un contatto privilegiato con i più piccoli, con la raccolta di disegni attraverso l’indirizzo e-mail ibambinidimordano@virgilio.it. E il primo cittadino Nicola Tassinari aggiorna i cittadini sui bollettini resi noti dall’Ausl di Imola e sui dati che interessano più da vicino il suo Comune sul proprio profilo Facebook personale.

Dozza si presenta molto simile a Castel del Rio, rilanciando principalmente i contenuti dei siti internet del Comune, dell’Ausl, della Città metropolitana e della Regione Emilia Romagna. Anche nel Borgo dipinto, però, è partita l’iniziativa Stai in casa, il servizio di consegna a domicilio della spesa e dei farmaci organizzato dall’Associazione anziani per l’impegno sociale Rambaldi e dalla Caritas parrocchiale di Toscanella.

Informazioni utili e aggiornamento sui dati che riguardano il territorio anche a Castel Guelfo, dove la Giunta invita anche ad ascoltare Radioimmaginaria (la radio degli adolescenti che ha la sua sede principale proprio in paese) e i suoi ospiti sia in streaming su internet, sia su LepidaTv, canale 118 del digitale terrestre, su cui lunedì 30 marzo ha debuttato il format IntERvallo 182, in onda dal lunedì al venerdì pomeriggio, dalle 15 alle 16. (lu.ba.)

L’approfondimento dedicato al Comune di Casalfiumanese nel numero del Sabato sera del 9 aprile

Coronavirus, i Comuni sui social: dirette, notizie e… arcobaleni per restare in contatto con i cittadini
Cronaca 7 Aprile 2020

357 nuovi residenti nel Circondario nel 2019. Mordano il Comune più gettonato (in proporzione)

Continuano ad aumentare gli abitanti della città metropolitana di Bologna: al 31 dicembre 2019 si contano 1 milione e 018.685 residenti, divisi fra 527.118 femmine e 491.567 maschi.
Un incremento dello 0,4% (corrispondente a 4.066 persone) rispetto all’anno precedente, in controtendenza rispetto al dato nazionale che segna un -0,19%.
In termini assoluti, si tratta della crescita più rilevante dal 2013, quando l’aumento era stato di circa 10.000 unità.

Crescono anche gli abitanti di Imola e del circondario: +0,27%, pari a 357 persone, per un totale di 133.631 residenti, di cui 68.501 femmine e 65.130 maschi.
L’incremento più significativo si registra a Mordano: +1,52%, corrispondente a 71 nuovi abitanti. Il calo maggiore, invece, a Castel del Rio: -1,23%, pari a 15 abitanti in meno.

I cittadini stranieri sono 13.696, in media il 10,2% della popolazione (la percentuale varia dall’8,3% di Medicina al 13,1% di Mordano, Imola è al 10,8), fra cui 7.515 femmine e 6.181 maschi. (r.cr.)

357 nuovi residenti nel Circondario nel 2019. Mordano il Comune più gettonato (in proporzione)
Cultura e Spettacoli 31 Dicembre 2019

Gli appuntamenti di San Silvestro

Appuntamenti per tutti i gusti per gli imolesi e i residenti del Circondario che festeggeranno il Capodanno a casa.

Imola
Natale zero pare al Mercato ortofrutticolo, con cenone street food (ore 19.30), concerto della Shotgun Blues Band (ore 21), concerto de Gli Italiani (ore 00.45) e dj set fino alel 4 del mattino.
Notte di San Silv-Estro a Estro-Lo spazio delle idee, con cena e musica, dalle 20. Prezzo: 22 euro adulti, 17 euro bambini.
Cena di beneficenza, balli, canti, giochi e tombola al centro culturale Primola, dalle 20.30. Prezzo: 25 euro, con ricavato devoluto all’associazione “Cospe” per progetti in Senegal. Prenotazioni al numero 0542/27130 o all’indirizzo e-mail info@primola.it.
Cena e musica/ballo con l’orchestra di Widmer Garavini al centro sociale “La stalla”, dalle 21. Prezzo: 30 euro. Prenotazioni ai numeri 0542/640670, 338/3616965 e 349/6404151.
Spettacolo di fuochi artificiali Selena, incanti di Luna alla Rocca sforzesca, a mezzanotte.
Concerto L’urlo dell’africanità di Lisa Manara al Mojito Caffè di Linaro, alle 20. Dopo il brindisi, dj set di Dj Paso.
Cena, balli, karaoke e musica al circolo di Sasso Morelli. Prezzo: 20 euro adulti, 10 euro bambini fino a nove anni. Prenotazione ai numeri 334/2729588 e 347/3170252.

Castel San Pietro
La festa per tutti comincia con lo spettacolo Classica for Dummies della Microband al teatro “Cassero” (ore 21.30. Prezzo: 20 euro intero, 18 euro ridotto. Informazioni e prenotazioni ai numeri 0542/43273 e 335/5610895), per continuare nella piazzetta del Cassero con panettone, spumante e spettacolo di fuochi artificiali.
Cena al centro sociale “Scardovi”. Informazioni al numero 051/941126.
Cena e musica/ballo con dj Albertass al centro sociale “Val Quaderna” di Palesio, dalle 19.45. Informazioni al numero 335/8151563.

Castel Guelfo
Capodanno in corte a Castel Guelfo, con cena in piazza XX settembre (ore 20.30), concerto dei Colpo sicuro (ore 22.30), brindisi offerto dalla Pro loco, e dj set (ore 01).

Medicina
La festa per tutti comincia con lo spettacolo Mi non l’ha sanper dett…, della compagnia “Al Nostar Dialatt”, alla Sala del Suffragio (ore 21.30, informazioni e prenotazioni al numero 333/9434148 o all’indirizzo e-mail info@eclissidilana.it), per continuare in piazza Garibaldi con panettone, cioccolata calda e spumante, rogo del vecchione, e spettacolo pirotecnico (dalle 23).
Festa anche al centro sociale “Ca’ Nova”, con cena e musica/ballo con l’orchestra di Maria Grazia Pasi e Gigi Bondioli, dalle 19. Informazioni e prenotazioni ai numeri 320/6015411 e 366/9586830.

Gli appuntamenti di San Silvestro

Cerca

Seguici su Facebook

ABBONATI AL SABATO SERA

Font Resize
Contrast